Categorie
news-fr-import

Monte Sant’Angelo, un objectif indiscutable de la Via Francigena du Sud

Monte Sant’Angelo relance son importance comme objectif indiscutable de la Via Francigena du Sud. La ville des Pouilles, liée au culte de l’Archange Michele, est en train de poser les bases pour la valorisation du patrimoine historique et culturel des chemins.

Une volonté confirmée par son nouveau Maire Pierpaolo D’Arienzo et par son administration qui, le 25 juillet lors du Conseil Communal, ont voté à l’unanimité l’adhésion à l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena.

« Il s’agit d’un signal très fort – confirme le premier citoyen – nous avons voulu donner une continuité au travail commencé par l’Assemblée locale Monte Sant’Angelo Francigena. Nous, nous croyons en ce nouveau type de valorisation du tourisme spirituel et nous nous engagerons aussi à travers les ressources de bilan à valoriser les parcours et les chemins, avec une action de concertation des Communes qui se trouvent le long de la Via ».

Un pas concret, rappelé vendredi 28 juillet durant la première rencontre entre le Maire et la vice-présidente d’AEVF, Martine Gautheron, en visite au Sanctuaire de Monte Sant’Angelo, à l’occasion du congrès international sur les chemins, organisé à San Giovanni Rotondo.

« Aujourd’hui, nous pouvons dire qu’avec cette administration, nous avons rejoint le premier niveau fondamental pour se rapprocher des chemins – a souligné Biagio De Nittis, représentant de l’association locale – Monte Sant’Angelo est capitale pour la Via Francigena et devra être une commune chef de file. Dans le futur, nous souhaitons qu’avec la collaboration de San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis et Manfredonia, Monte Sant’Angelo puisse être l’étape principale de la Via Francigena du Sud ».

Capitale historique des chemins, la ville du culte de l’Archange Michele regarde les pèlerins modernes comme un nouveau produit touristique pour la communauté, en suivant les traces d’une tradition millénaire. La route est encore longue, avec la Via Francigena en phase de construction, mais la volonté et l’enthousiasme ne manquent pas.

Silvia Iuliano

 

Categorie
news-import

Monte Sant’Angelo, meta indiscussa della Via Francigena nel Sud

Monte Sant’Angelo rilancia la sua importanza come meta indiscussa della Via Francigena nel Sud. La città pugliese legata al culto dell’Arcangelo Michele, sta infatti ponendo le basi per la valorizzazione del patrimonio storico e culturale dei cammini.

Una volontà confermata dal neo sindaco Pierpaolo D’Arienzo e dalla sua amministrazione che, il 25 luglio, in sede di consiglio comunale, ha votato all’unanimità l’adesione all’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Si tratta di un segnale molto forte – conferma il primo cittadino – abbiamo voluto dare continuità al lavoro iniziato dall’Associazione locale Monte Sant’Angelo Francigena. Noi crediamo molto in questo nuovo tipo di valorizzazione del turismo spirituale e ci impegneremo anche attraverso le risorse di bilancio, a valorizzare i percorsi e i camini con un’azione di concertazione di Comuni che si trovano lungo la via”.

Un passo concreto, ricordato venerdì 28 luglio nel primo incontro tra il Sindaco e la vice presidente di AEVF, Martine Gautheron in visita al Santuario di Monte Sant’Angelo in occasione del congresso internazionale sui cammini organizzato a San Giovanni Rotondo.

Oggi possiamo dire che con questa amministrazione abbiamo raggiunto il primo step fondamentale per avvicinarci ai cammini –  ha sottolineato Biagio De Nittis rappresentante dell’associazione locale–  Monte Sant’Angelo rappresenta un punto cardine delle Vie Francigene e dovrà essere un comune capofila. Ci auguriamo che in collaborazione con San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis e Manfredonia, in futuro Monte San’Angelo possa essere la tappa principale della via Francigena del Sud”.

Capitale storica dei cammini, la città del culto micaelico guarda ai pellegrini moderni come un nuovo prodotto turistico per la comunità, seguendo le tracce di una tradizione millenaria. La strada è in salita, con una Via Francigena in fase di costruzione, ma volontà ed entusiasmo non mancano. 

Silvia Iuliano

Categorie
news-fr-import

San Giovanni Rotondo, la capitale des chemins

San Giovanni Rotondo a été pour une journée la capitale des nouvelles frontières du tourisme lent. Dans la ville des Pouilles, sanctuaire de Padre Pio, s’est déroulée la première convention consacrée aux itinéraires et aux chemins religieux, culturels et du temps libre.

Un rendez-vous où se sont rencontrés des experts internationaux et des administrateurs locaux, réunis à l’Auditorium Maria Pyla, avec l’intention de promouvoir et de réorganiser le tourisme en Capitanata.

Durant les travaux, menés par le journaliste de la Rai, Franco Di Mare, le quotidien des italiens et les témoignages des principales villes sanctuaires se sont alternés : Loreto, Lourdes, Fatima, Czestochowa et Wadoewice. Une rencontre intense et riche d’idées qui s’est conclue dans la soirée avec l’intervention de l’assesseur régional, déléguée par l’industrie touristique et culturelle, Loredana Capone.

« Nous avons besoin de miser sur le tourisme qui allonge la saison pour beaucoup de raisons – a dit l’assesseur – Cela comporte une interrogation sur le type de tourisme que nous voulons, pas seulement celui balnéaire. Il faut construire des produits touristiques qui tendent à améliorer l’attraction du territoire. Mais cela, personne ne nous en fera cadeau. Nous devons le construire ensemble, en demandant aux entrepreneurs de travailler et de créer un réseau ».

« Si nous voulons créer du tourisme, nous devons nous comporter comme une communauté. La coopération et le networking sont stratégiquement importants – a expliqué le maire de San Giovanni Rotondo, Costanzo Cascavilla Le témoignage de l’assesseur régional, M. Capone qui a beaucoup apprécié le travail fait aussi par l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) est un signe positif de ce qui est en train de se réaliser ».

Une des opportunités principales pour les communes de la province de Foggia par rapport au tourisme lent, est en effet le développement de la Via Francigena du Sud. « La Région des Pouilles, qui a financé cette convention, finance aussi la restructuration et la mise en sécurité d’un tronçon de la Via Francigena entre San Marco in Lamis et Monte Sant’Angelo. Puis, avec d’autres ressources, ils mettront en sécurité d’autres tronçons. – a dit le maire – Un premier tronçon a été fait, de Celle di San Vito à la ville de Lucera. Nous comptons en 6 mois, maximum 10, avoir le premier morceau utilisable du Sud de la Via Francigena en territoire de Capitanata. Comme l’a rappelé la vice-présidente AEVF, Martine Gautheron, c’est un travail qui a commencé il y a 1 an de cela. A Aigle, nous avons partagé ce parcours, nous nous sommes mis à travailler et en 10 mois on voit déjà les premiers résultats importants ».

« Les Associations, les communautés religieuses et les collectivités territoriales doivent travailler en synergie pour le développement des chemins de la Via Francigena, pour le tourisme lent et durable – a ajouté Martine Gautheron Les perspectives sont nombreuses et doivent permettre à tous les acteurs qui travaillent sur le territoire de réfléchir et agir ensemble ».

En attendant, San Giovanni Rotondo accueillera bientôt, en collaboration avec l’AEVF, un espace consacré à la Francigena pour le centre sud. Ce lieu sera donné en gestion à une association de marcheurs qui gèrera les 6 lits pour les pèlerins. « Un passage important pour avoir ce chemin de la Via Francigena en Capitanata » a conclu le premier citoyen.

Silvia Iuliano

 

Categorie
news-import

San Giovanni Rotondo capitale dei cammini

San Giovanni Rotondo è stata per un giorno la capitale delle nuove frontiere del turismo lento. Nella città pugliese, santuario di Padre Pio, si è svolta infatti la prima convention dedicata agli itinerari e cammini religiosi, culturali e del tempo libero.

 Un appuntamento che ha messo a confronto esperti internazionali e amministratori locali riuniti all’Auditorium ‘Maria Pyle’ con l’intento di promuovere e riorganizzare il turismo in ‘Capitanata’.

Durante i lavori, moderati dal giornalista Rai Franco Di Mare, si sono alternate realtà italiane e testimonianze dalle principali città santuario: Loreto, Lourdes, Fatima, Czestochowa e Wadoewice. Un confronto intenso e ricco di spunti che si è concluso in serata con l’intervento dell’assessore regionale con delega all’industria turistica e culturale, Loredana Capone.

Abbiamo bisogno di puntare sul turismo che allunga la stagione per molte ragioni – ha detto l’assessore – Questo comporta un’interrogazione sul tipo di turismo che si vuole, non più solo quello balneare. Bisogna costruire prodotti turistici che puntino a migliorare l’attrattività del territorio. Ma questo non ce lo regala nessuno. Lo dobbiamo costruire insieme, chiedendo agli imprenditori di lavorare e fare rete”.

Se vogliamo fare turismo dobbiamo muoverci comune una comunità, la cooperazione e il networking sono di importanza strategica –  ha spiegato il sindaco di San Giovanni Rotondo, Costanzo Cascavilla La testimonianza dell’assessore regionale Capone che ha molto apprezzato il lavoro fatto anche con l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) è testimonianza della bontà di quello che si sta realizzando”.

Una delle opportunità principali per i comuni della provincia di Foggia sul fronte del turismo slow, è infatti lo sviluppo della Via Francigena del Sud. “La Regione Puglia che ha finanziato questa convention, sta finanziando anche la ristrutturazione e messa in sicurezza di un tratto della Via Francigena tra San Marco in Lamis e Monte Sant’Angelo poi con altre risorse se ne metteranno in sicurezza degli altri tratti – ha ribadito il sindaco – Un primo tratto è stato fatto, da Celle di San Vito alla città di Lucera. Contiamo in sei mesi, dieci al massimo, di avere il primo pezzo fruibile nel sud della Via Francigena in territorio di Capitanata. Come ha ricordato la vice presidente AEVF Martine Gautheron, è un lavoro che è partito un anno fa. Ad Aigle abbiamo condiviso questo percorso,ci siamo messi a lavorare e nel giro di dieci mesi si vedono i primi importanti risultati”.

Associazioni, comunità religiose e collettività territoriali devono lavorare in sinergia per lo sviluppo dei cammini della Via Francigena per il turismo lento ed ecosostenibile – ha aggiunto Martine Gautheron, in rappresentanza dell’Associazione – Le prospettive sono numerose e devono permettere a tutti gli attori che lavorano sul territorio di riflettere e agire insieme”.

Intanto a breve termine, San Giovanni Rotondo ospiterà, in collaborazione con AEVF, uno spazio dedicato alla Francigena per il centro sud. Questo luogo verrà dato in affidamento ad un’associazione di camminatori che gestirà anche i 6 posti letto a disposizione dei pellegrini. “Un passaggio importante per avere questo cammino della Via Francigena in Capitanata” ha concluso il primo cittadino.

Silvia Iuliano

Categorie
news-en-import

Via Francigena: good practices for territorial development

The continuous establishment of Slow Tourism, on foot, by bicycle and on horseback, has encouraged the proliferation of the European paths in the media and, therefore, touristic use, one being the Via Francigena. Declared a European Cultural Route in 1994, the Via Francigena crosses four countries (England, France, Switzerland and Italy), starting from Canterbury (EN) and arriving in Rome (IT), becoming a cultural, political and, above all, local connector. The Via Francigena is strengthened, day by day, by the relationship that it and its pilgrims establish with the territory, its inhabitants and the local communities crossed: a friendly and warm welcome that favours intercultural exchange. Particular attention is paid to the care of the path: ensuring safety, markings and hospitality for the pilgrims.

The European Association of the Vie Francigene (EAVF), established in 2001 and now networking with 135 European entities, it is the body of the Council of Europe responsible for enhancing the path. Among the tasks of the EAVF is dialogue with all the bodies of a territory: institutions, associations, economic, cultural and touristic categories, universities. Today, thanks to this active cooperation, the Via Francigena is populated and brought to life. The European Route is growing within territorial development policies on a national, regional and local level, encouraging investments in infrastructure development. In this context, various associations scattered along the European path, which, through the passion of volunteers, animate the route; as well as private partners able to offer services to pilgrims, tourists and travellers. Research institutes and universities join this European network by promoting studies, analysis, research and publications.

Since the visibility of the Via Francigena has increased considerably over the last few years, many private entities have joined together to offer hospitality, catering, gadgets, guides and promotions, organization of activities, educational tours and activities along the way. Our partners, for example, must be mentioned: SloWays, Walden Travel, Idea Marketing. The close collaboration between local institutions, associations and private individuals has generated the emergence of interesting sports and hiking events along the 1800 km of the Via Francigena. Some examples include: In France, the annual “Pas à Pas” walking tour, since 2011, involves local people, tourists and associations in order to get to know the route in Franche-Comté-Bourgogne. Each year, 400 walkers gather to hike 15-20 km, also involving local governments. On the front line the mayors walk beside the pilgrims; the “Samedi de Quasimodo” had the same effect, an annual itinerant event, which first took place in 2002, aimed at networking local and national institutions to monitor the route, to make it known and to raise the awareness of administrations to the safety of the path. All this happens through walking, in among the nature of the Swiss Alps; in Italy, the so-called “European Francigena Marathon” event, which has occurred since 2012 in Lazio, involves over two thousand people each year. 42,195 km (the distance of a marathon) along which you can get to know the path, taste typical products, be surrounded by nature and walk freely. These events, published on the EAVF communication channels (in three languages), reach a very high number of enthusiasts. They are promoted on the website within a European Festival that networks over 700 events a year between April and October.

Each of these events becomes a driving force for new activities born there, encouraging the birth of accommodation and refreshment points. Take for example the small Italian village of Orio Litta, of 2,000 inhabitants, that, for the past ten years, has seen tourists from all over the world cross its streets, eat at its restaurants and find accommodation in its hostels. Each of these activities also facilitates the attention of local communities to the preservation of the environment. Numerous environmental awareness initiatives have emerged in recent years where groups of people find themselves walking, cleaning the route and caring for the maintenance of signage: a recent example is “I love Francigena“, a series of walking days along the way, with free and open registration, which interacts with residents, pilgrims and tourists in the affected regions; it also raises awareness for the safeguarding of the site.

The territory crossed by the Via Francigena is valued through emphasizing its authenticity and rurality, panoramas, otherwise difficult to perceive. The relationship that is created between the traveller and the Way itself allows you to get away and take time for yourself, creating a close link between body and mind. Yoga and meditation practices are also spread along the way, and sports practices that combine well-being with a slow pace. A project linking spa resorts along the Via Francigena is under construction, inviting walkers to take advantage of it during their travel experience. Water (in this thermal case) becomes an element for regenerating, purifying and getting back into shape after a long journey.

Luca Faravelli

Categorie
news-import

Via Francigena: buone pratiche per lo sviluppo territoriale

La Via Francigena come modello sostenibile per lo sviluppo dei territori. Buone pratiche che coniugano cultura, turismo e sport in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigena.

Il continuo affermarsi del Turismo Lento, a piedi, in bicicletta e a cavallo, non ha potuto che incoraggiare la proliferazione mediatica, e quindi di impiego turistico, dei Cammini d’Europa, tra cui la Via Francigena. Dichiarata Itinerario Culturale Europeo nel 1994, la Via Francigena attraversa quattro Stati (Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia), partendo da Canterbury (EN) e giungendo a Roma (IT), diventando connettore culturale, politico e soprattutto locale. La Via Francigena si rafforza, giorno dopo giorno, proprio per la relazione che questa ed i suoi pellegrini instaurano con il territorio, i suoi abitanti e le comunità locali attraversate: un’accoglienza spesso cordiale e calorosa che favorisce lo scambio interculturale. Attenzione particolare viene riposta nella cura del percorso: messa in sicurezza, posizionamento della segnaletica e ospitalità per i pellegrini.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), nata nel 2001 ed oggi in rete con 135 enti locali/regioni europee, è l’organismo del Consiglio d’Europa preposto alla valorizzazione del percorso. Tra i compiti dell’AEVF c’è quello di far dialogare tutte le anime di un territorio: istituzioni; associazioni; categorie economiche, culturali e turistiche; università. Oggi, proprio grazie a questa attiva cooperazione, la Via Francigena è popolata e resa viva. L’itinerario europeo della Francigena sta entrando in modo crescente all’interno delle politiche di sviluppo territoriale a livello nazionale, regionale, locale favorendo investimenti per lo sviluppo delle infrastrutture; in questo contesto si innestano le diverse associazioni sparse sul percorso europeo che, attraverso la passione dei volontari,  animano il cammino; così come i partner privati che sono in grado di offrire servizi ai pellegrini e viandanti. Gli istituti di ricerca e le università, infine, entrano in questa rete europea promuovendo studi, analisi, ricerche e pubblicazioni.

Essendo notevolmente cresciuta la visibilità della Via Francigena negli ultimi anni, numerosi soggetti privati si sono aggregati per offrire accoglienza, ristorazione, equipaggiamento, gadget, guide e promozione, organizzazione di attività ed educational tour viaggi e attività lungo il percorso. Citiamo ad esempio i nostri expert partner SloWays, Walden Viaggi, Idea Marketing. La stretta collaborazione che si è instaurata tra le istituzioni locali, associazioni e privati ha generato negli ultimi anni la nascita di interessanti eventi sportivi/trekking presenti lungo tutti i 1800 km della Via. Alcuni esempi: in Francia, la camminata-evento annuale “Pas à Pas” dal 2011 coinvolge la popolazione locale, turisti e associazioni al fine di conoscere il percorso in Franche-Comté-Bourgogne. Ogni anno 400 camminatori si riuniscono per fare a piedi 15-20km di percorso, coinvolgendo anche le singole amministrazioni locali. In prima linea i sindaci camminano a fianco dei pellegrini; lo stesso effetto ha avuto il “Samedi de Quasimodo”, un evento annuale itinerante, la cui prima edizione fu nel 2002, finalizzato a mettere in rete istituzioni locali e cittadini per monitorare il percorso, farlo conoscere e sensibilizzare le amministrazioni alla messa in sicurezza del percorso. Tutto questo avviene camminando, in mezzo alla natura delle Alpi Svizzere; in Italia, l’ormai affermato evento “European Francigena Marathon” che si svolge dal 2012 nel Lazio coinvolge oltre duemila persone ogni anno. Si tratta di un cammino lungo 42,195 km (la distanza di una maratona) lungo il quale è possibile conoscere il percorso, degustare prodotti tipici, stare in mezzo alla natura, camminare in libertà. Questi eventi, pubblicati sui canali di comunicazione AEVF (in tre lingue), raggiungono un numero altissimo di appassionati. Sul sito essi vengono promossi all’interno di un Festival europeo che mette in rete oltre 700 eventi tra aprile e ottobre.

Ognuno di questi eventi diventa propulsore per nuove attività che nascono in loco, incentivando la nascita di punti di accoglienza e di ristoro: si porti ad esempio il piccolo borgo italiano di Orio Litta, di 2000 abitanti, che negli ultimi dieci anni ha visto turisti da tutto il mondo attraversare le sue strade, mangiare nei suoi ristoranti e trovare sistemazione nei suoi ostelli. Ognuna di queste attività facilita anche l’attenzione delle comunità locali verso la salvaguardia dell’ambiente: sono nate negli ultimi anni numerose iniziative di sensibilizzazione ambientale dove gruppi di persone si ritrovano per camminare, fare pulizia lungo il percorso e curare la manutenzione della segnaletica: un esempio recente è “I love Francigena”, una serie di giornate di cammino lungo il percorso, ad iscrizione libera e gratuita, che interagisce con i residenti, i pellegrini ed i turisti delle regioni toccate ed educa alla custodia del luogo.

Il territorio attraversato dalla Via Francigena viene valorizzato enfatizzandone autenticità e ruralità, panorami, altrimenti, difficilmente percepibili. La relazione che si crea tra il fruitore della Via e la Via stessa, permette di estraniarsi e prendere tempo per sé mettendo in stretta relazione corpo e mente. Si stanno diffondendo lungo il cammino anche pratiche di yoga e meditazione, oppure pratiche sportive che coniugano il benessere con la lentezza. E’ in fase di start up un progetto che lega il cammino con le località termali lungo la Via Francigena, invitando i viandanti ad usufruirne durante la propria esperienza di viaggio. L’acqua (in questo caso termale) diventa elemento per rigenerasi, purificarsi e rimettersi in forma dopo un lungo cammino.

Luca Faravelli

Categorie
news-fr-import

Agence de la propriété de l’Etat : en ligne, le premier avis de concours national du projet « Chemins et Parcours »

Le premier concours pour le projet Valeur Pays/Chemins et Parcours commence, en attribuant 43 biens immobiliers publics en concession gratuite pour 9 ans aux entreprises, aux coopératives et aux associations constituées en majorité de personnes de moins de 40 ans, comme prévu par le D.L Tourisme et Culture (D.L. 31.5.2014, n. 83). Le projet Chemins et Parcours, soutenu par MiBACT et MIT, a en effet pour objectif la promotion du tourisme lent à travers la récupération de biens immobiliers publics sur les parcours pédestres et cyclables et sur les tracés historico-religieux à transformer en source d’activités et de services pour les voyageurs. C’est la première fois que l’Agence de la propriété de l’Etat utilise l’outil de la concession gratuite pour soutenir l’entreprenariat des jeunes et le troisième secteur dans le but d’encourager les initiatives innovantes, sociales, culturelles, créatives et sportives.

A partir d’aujourd’hui jusqu’au 11 décembre, sur le site de l’Agence de la Propriété de l’Etat, il est possible de télécharger l’avis de concours national, « le Guide de l’Avis de Concours » et toute la documentation concernant les 30 biens immobiliers de propriété de l’Etat dans la course. Il s’agit de maisons cantonnières, de tours, d’anciennes gares et de différents bâtiments localisés sur tout le territoire national. Dans les prochains jours, les autres organismes locaux impliqués publieront aussi sur leur site officiel respectif les avis de concours des 13 biens immobiliers de leurs propriétés insérés dans l’initiative.

Plus d’informations sur les sites concernés sont présentes dans le communiqué ci-joint.

Source : Agence de la Propriété de l’Etat

Categorie
news-en-import

Agenzia del Demanio: the first national announcement of the Cammini e Percorsi project now online

The first announcement of the Valore Paese-Cammini e Percorsi project begins allocating 43 real estates to cooperative companies and associations established for the most part less than 40 years free of change for 9 years, as laid down by D.L. Turismo e Cultura (D.L. 31.5.2014, n. 83). 

 

The ‘Cammini e Percorsi’ project, supported by MiBACT and MIT, has in fact, the objective of promoting slow tourism through the restoration of public real estate along the cycle, pedestrian and historical-religious routes to transform into vessels of activities and services for travellers. This is the first time the agency uses the ‘free of charge’ tool to support young entrepreneurs and the third sector for the purpose of encouraging innovative, social, cultural and sporting initiatives.  

From today until the next 11th December, on the site of the ‘Agenzia del Demanio’ it is possible to download the unique national announcement, the “Guida al bando”, or in other words, the ‘announcement guide’ and all the documents regarding the 30 real estates owned by the competing state. We’re looking at roadside housestowersex railway houses and various buildings dispersed all over the national territory. Simultaneously, and during the next few days, the other local entities involved will also publish the news of their 13 properties included in the initiative on their respective institutional sites.

More information on the sites involved can be found in the attached statement.

Source: Agenzia del Demanio

Categorie
news-import

Agenzia del Demanio: online il primo bando nazionale del progetto Cammini e Percorsi

Parte la prima gara del progetto Valore Paese-Cammini e Percorsi per assegnare 43 immobili pubblici in concessione gratuita per 9 anni a imprese, cooperative e associazioni costituite in prevalenza da under 40, come previsto dal D.L. Turismo e Cultura (D.L. 31.5.2014, n. 83). Il progetto Cammini e Percorsi, sostenuto dal MiBACT e dal MIT, ha infatti l’obiettivo di promuovere il turismo lento attraverso il recupero di immobili pubblici sui percorsi ciclopedonali e sui tracciati storico-religiosi da trasformare in contenitori di attività e servizi per i viaggiatori. E’ la prima volta che l’Agenzia utilizza lo strumento della concessione gratuita per sostenere l’imprenditoria giovanile e il terzo settore allo scopo di incentivare iniziative a carattere innovativo, sociale, culturale, creativo e sportivo.

Da oggi fino al prossimo 11 dicembre, sul sito dell’Agenzia del Demanio è possibile scaricare il bando unico nazionale, la “Guida al bando” e tutta la documentazione riguardante i 30 immobili di proprietà dello Stato in gara. Si tratta di case cantoniere, torri, ex caselli ferroviari e vari fabbricati distribuiti su tutto il territorio nazionale. Contestualmente, e nei prossimi giorni, anche gli altri enti locali coinvolti pubblicheranno sui rispettivi siti istituzionali i bandi dei 13 beni di loro proprietà inseriti nell’iniziativa.

Per maggior informazioni sui siti coinvolti sono presenti nel comunicato in allegato.

Fonte: Agenzia del Demanio

 

Categorie
news-import

Al via la prima Convention sugli Itinerari Cammini Culturali, Religiosi e del Tempo Libero

Ha preso ufficialmente il via questa mattina a San Giovanni Rotondo in Puglia, la prima Convention  sugli Itinerari e Cammini Culturali, religiosi e del tempo libero.
A dare inizio ai lavori, moderati dal giornalista Rai Francesco di Mare, è stato il sindaco Costanzo Cascavilla con il suono simbolico di una campana della Via Francigena dell’anno mille.

Tra i partecipanti, numerosi rappresentanti istituzionali internazionali dei più importanti siti religiosi come Fatima, Lourdes, Wadovice e Czestochowa oltre a tour operator e vari amministratori locali. L’evento è patrocinato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene, rappresentata al Forum dalla neo vice presidente Martine Gautheron.

La Convention andrà avanti tutta la giornata attraverso il confronto su esperienze europee ed italiane. Al centro del dibattito numerosi temi, tra i quali la gestione dei siti di interesse religioso, le nuove frontiere del turismo lento, il networking tra città per lo sviluppo di itinerari e cammini.

Silvia Iuliano