Via Francigena

Categorie
news-import

“Nomad-In Cammino con Bruce Chatwin”, il docufilm di Herzog

Uscirà nelle sale italiane  il 19-20-21 ottobre il film  “Nomad-In Cammino con Bruce Chatwin“, ultimo documentario del grande regista tedesco Werner Herzog dedicato all’amico scrittore, Bruce Chatwin. Imperdibile appuntamento per gli amanti del cammino.

Queste due anime libere e nomadi erano profondamente legati dal comune bisogno di partire, il bisogno soprattutto di camminare per scoprire, viaggiare per comprendere e non solo semplicemente per vedere. Per trovare, come spiega un capitolo del documentario, i luoghi dell’anima. Con lo zaino regalato in punto di morte da Chatwin stesso, inizia il viaggio del grande regista Herzog tra Patagonia, Australia e Galles, regalandoci immagini sensazionali di queste terre e delle popolazioni che vi abitano.

Pensiamo che un film come “Nomad”, che celebra il viaggio nella sua forma più piena, più coinvolgente e più stimolante, unendo il gusto dell’avventura a quello della scoperta e dell’approfondimento culturale, possa veicolare un bellissimo messaggio per tutti coloro che condividono l’amore per il cammino e l’esplorazione.

Raccontato con l’inimitabile stile di Werner Herzog – ricco di personaggi e incontri memorabili – il film è la storia su una visione artistica personale e condivisa. Il desiderio, sia dello scrittore che del regista, di cercare approfondimenti sull’esperienza umana attraverso l’impulso a vagare ed esplorare – e in luoghi e comunità ai margini. La vita di Chatwin è anche la storia di un’ossessione: l’orrore di stare fermi. Nei suoi libri In Patagonia e Il viceré di Ouidah si sente il desiderio per le terre perdute; in Sulla collina nera e Utz, l’irrequietezza è una risposta alla tirannia della vita domestica.

L’idea di “irrequietezza” è un tema centrale del film: la ricerca di Werner Herzog per capire il suo amico, la cui instancabile indagine era sulla natura del bisogno di vagare per l’umanità e come quel desiderio ci abbia plasmato tutti. Tale è l’ammirazione per la scrittura di Chatwin che Herzog insiste molto sul fatto che i suoi studenti di cinema debbano leggere le sue opere come fonte d’ispirazione. In questo film, Herzog non ripercorre solo le avventure e i viaggi di Chatwin ma torna alla sua scrittura, leggendo alcuni estratti dei suoi romanzi mentre attraversa i paesaggi che li hanno ispirati. Nomad: In The Footsteps Of Bruce Chatwin contiene anche materiale d’archivio dello scrittore ed è stato realizzato in coincidenza con il 30° anniversario della sua morte.

Categorie
news-fr-import

“Nomad – En Chemin avec Bruce Chatwin”, le film-documentaire d’Herzog

Le film “Nomad – En Chemin avec Bruce Chatwin“, le dernier documentaire du grand réalisateur allemand Werner Herzog consacré à son ami écrivain, Bruce Chatwin, sortira dans les salles italiennes les 19-20-21 octobre. À ne pas manquer pour les passionnés de la marche à pied.

Ces deux âmes libres et nomades étaient profondément liées par le besoin commun de partir, le besoin avant tout de marcher pour découvrir, de voyager pour comprendre et pas seulement pour voir. Pour retrouver, comme l’explique un chapitre du documentaire, les lieux de l’âme. Avec le sac à dos donné au moment de la mort par Chatwin lui-même, le voyage du grand réalisateur Herzog entre la Patagonie, l’Australie et le Pays de Galles commence, nous donnant des images sensationnelles de ces terres et des gens qui y vivent.

Nous pensons qu’un film comme “Nomad”, qui célèbre le voyage dans sa forme la plus complète, la plus engageante et la plus stimulante, alliant le goût de l’aventure au goût de la découverte et de l’approfondissement culturel, peut transmettre un beau message à tous ceux qui partagent la passion du voyage à pied et de l’exploration.

Raconté dans le style inimitable de Werner Herzog – plein de personnages et de rencontres mémorables – le film est l’histoire d’une vision artistique personnelle et partagée. Le désir, à la fois écrivain et réalisateur, de chercher à comprendre l’expérience humaine à travers l’impulsion d’errer et d’explorer – et ce dans des lieux et des communautés marginales. La vie de Chatwin est aussi l’histoire d’une obsession : la répulsion de rester immobile. Dans ses livres En Patagonie et Le Vice-roi de Ouidah, on sent le désir de terres perdues ; dans Sur la colline noire et Utz, l’agitation est une réponse à la tyrannie de la vie domestique.

L’idée de “l’agitation” est un thème central du film : la quête de Werner Herzog pour comprendre son ami, dont l’enquête inlassable portait sur la nature du besoin d’errer dans l’humanité et sur la façon dont ce désir nous a tous façonnés. L’admiration pour les écrits de Chatwin est telle que Herzog insiste pour que ses étudiants en cinéma lisent son travail comme source d’inspiration. Dans ce film, Herzog non seulement retrace les aventures et les voyages de Chatwin, mais il revient à son écriture, en lisant des extraits de ses romans au fur et à mesure qu’il traverse les paysages qui les ont inspirés. Nomad : In The Footsteps Of Bruce Chatwin contient également des archives de l’écrivain et a été réalisé pour coïncider avec le 30ème anniversaire de sa mort.

Categorie
news-import

Trenitalia e AEVF viaggiano insieme nel 2021

Gli accordi fra l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e Trenitalia si rinnovano per tutto il 2021. Per i Pellegrini il 10% di sconto sulle tratte regionali e altri vantaggi!


Si estende dunque la possibilità di viaggiare a tariffe convenzionate per tutti i camminatori e i ciclisti sulla Via Francigena muniti di credenziale ufficiale AEVF, nel tratto italiano dalla Valle d’Aosta a Roma.

Oltre al 10% di sconto sulle tratte regionali, sono state concordate ulteriori agevolazioni per i pellegrini francigeni. 

Un’intesa significativa per la promozione di una fruizione sostenibile dei territori.

Più di 200 stazioni ferroviarie si trovano lungo l’itinerario francigeno, l’obiettivo è dunque sostenere una mobilità attenta all’impatto ambientale anche per raggiungere le diverse tappe sulla Via. 

Il rinnovo della collaborazione già in atto rappresenta una conferma forte della volontà di perseguire la promozione di un turismo sempre più ecofriendly e consapevole dei territori su cui impatta. 

Tutte le informazioni sono disponibili sul nostro sito nella sezione dedicata .

Categorie
news-import

AEVF Patrocina “Monasteri Aperti Emilia Romagna”

Il 17 e il 18 di Ottobre “Monasteri Aperti due giorni dedicati alla scoperta di pievi, abbazie e luoghi di fede lungo i cammini e le vie di pellegrinaggio. Tanti gli  appuntamenti per questo week end all’insegna della scoperta del patrimonio religioso e architettonico della Regione Emilia Romagna. Eventi ed esperienze anche lungo la Via Francigena a:

Parma: i tesori del Monastero di San Giovanni

Fidenza: Musiche medievali alla Cattedrale di San Donnino

Terenzo: Le Pievi lungo la Via Francigena

Fornovo: Pieve Santa Maria Assunta

Fra gli eventi principali si segnalano i due momenti previsti presso la Basilica di S. Martino Maggiore a Bologna:

SABATO 17 OTTOBRE “IL CONVENTO DI SAN MARTINO MAGGIORE E LA LEZIONE DI TEOLOGIA Visita al Convento e al grande affresco di 104 mq
Prima Visita ore 10.00/11.10  Seconda Visita ore 11.20/12.30

DOMENICA 18 OTTOBRE CONCERTO “INVITO A RIVEDERE LE STELLE Musica sacra barocca sulle note dell’organo Cipri del 1556
Parte Prima dalle 16.50 alle 17.25 con Fabrizio Scolaro  Parte Seconda dalle 17.35 alle 18.10 Matteo Bonfiglioli 

 

Categorie
news-en-import

EAVF supports the initiative “Open Monasteries in Emilia-Romagna”

A unique opportunity to visit churches, abbeys and places of faith along the paths and pilgrimage routes on 17 and 18 October in the framework of the initiative “Open Monasteries in Emilia-Romagna“.

Participants of the event will discover religious and architectural heritage of the Emilia Romagna Region also along the Via Francigena in:

Parma: the treasures of the Monastery of San Giovanni

Fidenza: Medieval music at the Cathedral of San Donnino

Terenzo: The churches along the Via Francigena

Fornovo: Santa Maria Assunta Church

Two events at the Convent of San Martino Maggiore in Bologna are not to be missed:

– Saturday 17 October “The Convent of San Martino Maggiore and a lecture on theology” (Visit to the Convent and the large fresco of 104 square meters). First visit at 10.00 – 11.10, second visit at 11.20 – 12.30

– Sunday 18 October Concert “Invitation to See the Stars” sacred Baroque music on the Cipri organ dated 1556. Part one on 16.50 – 17.25 with Fabrizio Scolaro, second part on 17.35 – 18.10 by Matteo Bonfiglioli.

Categorie
news-fr-import

L’AEVF soutient l’initiative “Monastères Ouverts Émilie-Romagne”

Les 17 et 18 octobre, “Monastères Ouverts“, deux journées consacrées à la découverte des églises, des abbayes et des lieux cultes le long des chemins et des itinéraires de pèlerinage. De nombreux rendez-vous pour ce week-end consacré à la découverte du patrimoine religieux et architectural de la région Émilie-Romagne. Événements et expériences également le long de la Via Francigena à :

Parme : les trésors du monastère de San Giovanni

Fidenza : Musiques médiévales à la cathédrale de San Donnino

Terenzo : Les églises le long de la Via Francigena

Fornovo : église de Santa Maria Assunta

Parmi les principaux événements figurent les deux moments prévus à la Basilique de S. Martino Maggiore à Bologne :

SAMEDI 17 OCTOBRELE COUVENT DE SAN MARTINO MAGGIORE ET LA LEÇON DE THÉOLOGIE” Visite du couvent et de la grande fresque de 104 mètres carrés

Première visite De 10h00/11h10. Deuxième visite De 11h20/12h30.

DIMANCHE 18 OCTOBRE CONCERT “INVITATION A REVOIR LES ÉTOILES” Musique sacrée baroque sur les notes de l’orgue Cipri de 1556

Première partie de 16h50 à 17h25 avec Fabrizio Scolaro

Deuxième partie de 17h35 à 18h10 avec Matteo Bonfiglioli

Categorie
news-import

Gli Oscar della Via Francigena: pellegrino di legno per le tre migliori “Buone Pratiche”

I Comuni o le associazioni che hanno messo in campo azioni virtuose lungo il cammino riceveranno l’”Oscar del Pellegrino”, un premio simbolico realizzato artigianalmente da Artio Design. La proclamazione dei vincitor è prevista il 23 Ottobre a Pontremoli, durante l’Assemblea Generale AEVF.

Uno degli obiettivi di AEVF è creare un legame con le realtà locali di modo che insieme si possa contribuire ad uno sviluppo sostenibile, turistico e culturale del territorio. Ecco perché a febbraio era stata annunciata la simpatica sfida. In palio un riconoscimento simbolico per chi si fosse distinto nella realizzazione di eventi e rievocazioni, festival, manutenzione percorso, animazione e cura dei luoghi lungo il tracciato.

Le categorie previste sono il premio per la migliore “Buona Pratica” e due menzioni speciali . Tre “finalisti” quindi, che verranno insigniti con la statuetta del Pellegrino. Il trofeo e’ così composto: per il Pellegrino un doppio strato di playwood dipinto a mano a finitura lucida. Il basamento è invece in noce incerato, con targhetta in abs a finitura argentata. Per contenere i trofei sono state realizzate ad hoc delle scatole lignee completamente ad incastro.

Non resta che attendere il 23 Ottobre per vedere chi si aggiudicherà l’ambito Pellegrino di legno!

Categorie
news-en-import

Via Francigena OSCARS for best practices along the route: Pontremoli 23 October 2020

Via Francigena Oscars for 2019 best practices along the route will be handed to member municipalities and friends’ associations on 23 October in Pontremoli, during the EAVF General Assembly. This symbolic recognition distinguishes EAVF partners for organisation of events and re-enactments, festivals, route maintenance, animation and safeguarding heritage along the route. 

With this award the EAVF aims to create a link with local communities and stakeholders to reinforce mutual contribution to sustainable territorial development and to create a database of best practices along the route.

Artio Design handcrafted pilgrim statue will be given in categories “Grand Prix” and “Special Mention”.  

Stay connected to the EAVF to discover who wins the Via Francigena Oscars for 2019 best practices! 

Categorie
news-fr-import

Les Oscars de la Via Francigena: pèlerin en bois pour les trois meilleures “Bonne Pratiques”

Les Communes ou les associations qui ont mis en œuvre des actions vertueuses le long du chemin recevront l'”Oscar du Pèlerin“, une récompense symbolique fabriquée à la main par Artio Design. La cérémonie de remise des prix est prévue le 23 octobre à Pontremoli, lors de l’Assemblée générale de l’AEVF.

Un des objectifs de l’AEVF est de créer un lien avec les réalités locales afin qu’ensemble nous puissions contribuer à un développement durable, touristique et culturel du territoire. C’est pourquoi, en février, ce joli défi avait été annoncé. Une reconnaissance symbolique pour ceux qui se sont distingués dans la réalisation d’événements et de reconstitutions, de festivals, d’entretien des itinéraires, d’animation et de préservation des lieux le long du parcours.

Les catégories prévues sont le prix de la meilleure “Bonne Pratique” et deux mentions spéciales. Trois “finalistes” recevront la statuette du Pèlerin. Le trophée est composé comme suit : pour le Pèlerin, une double couche de bois peint à la main avec une finition polie et brillante. La base est en noyer ciré, avec une plaque argentée en abs. Pour contenir les trophées, des boîtes en bois ont été fabriquées sur mesure, complètement emboîtées.

Il faudra attendre le 23 octobre pour savoir qui remportera le très convoité Pèlerin en bois !

Categorie
news-import

Siena “Walking Francigena Ultramarathon” / Quarta Edizione

A passo di trekking e nordic walking sull’antico percorso di Sigerico che riporta protagonista, il 10 e 11 ottobre, l’antica Via attraversata dai pellegrini.  Si parte da Piazza del Campo.

Una camminata non competitiva a passo di trekking e nordic walking organizzata dall’assessorato al Turismo del Comune di Siena e dall’assessorato allo Sport e Turismo di Acquapendente insieme al Gruppo Trekking Senese, con il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, della Regione Toscana, e la collaborazione dei Comuni di Monteroni d’Arbia, Buonconvento, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Castiglione d’Orcia, Radicofani, San Casciano dei Bagni, Abbadia San Salvatore e Proceno. A passo lento tra la Toscana e il Lazio per scoprire il patrimonio storico-culturale e ambientale lungo questo importante cammino.

<<Siamo molto soddisfatti – ha esordito l’assessore al Turismo Alberto Tirelli – perché nonostante le difficoltà dovute alla situazione sanitaria, abbiamo superato il traguardo dei 1000 iscritti con molti che arrivano da fuori regione, risultato, che conferma la crescita esponenziale del turismo sostenibile>>, e ha evidenziato come i cammini rappresentino una valida proposta per il rilancio del turismo nel periodo post covid>>. L’assessore ha poi sottolineato come <<la Via Francigena, madre dei cammini, affascina sempre di più tutti, residenti e non, che in sicurezza possono scoprire il nostro bellissimo territorio e le sue tipicità>>.

Il sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi ha rimarcato che <<l’edizione 2020 si svolgerà nel massimo rispetto di tutte le misure anti covid. Dimostrazione del fatto che possiamo convivere con questo virus a patto che si seguano le misure e i protocolli di sicurezza>>, aggiungendo che <<la Walking Francigena Ultramarathon continua ad essere un appuntamento importante – la conferma arriva anche dal numero di iscritti – per la promozione della Via Francigena che accomuna le amministrazioni coinvolte e che ha visto riconfermata, anche per quest’anno, disponibilità e collaborazione organizzativa tra tutti gli attori>>.

Il referente per la Via Francigena del Comune di Monteriggioni e membro del direttivo AEVF Eraldo Ammannati ha spiegato che <<Siena-Acquapendente e Lucca-Siena sono due fiori all’occhiello del turismo slow, non solo da un punto di vista paesaggistico ma anche organizzativo. Quest’anno i numeri registrati ci dimostrano che gli italiani hanno riscoperto il camminare con un 85% di presenze contro il 15% di stranieri. Proprio grazie a questa esperienza di successo, costruita nel tempo, l’associazione sta lavorando con la Francia, paese rimasto indietro sul piano di offerte e servizi, per un progetto più ampio che permetta di unificare l’intera Via che da Canterbury arriva a Roma. La Francigena è la conclusione di una stagione del camminare che può fare da volano e continuare in questo trend positivo di interesse>>.

 Ha poi evidenziato Mauro Bellavita vicesindaco di Acquapendente <<che in un momento così complesso, di chiusura, essere riusciti a portare numerose persone lungo questo cammino, apportando alcune modifiche per una questione di sicurezza e inserendo la variante di Abbadia San Salvatore, novità dell’edizione, è motivo di orgoglio>>.

Una novità che, come ha dichiarato il Sindaco di Abbadia San Salvatore Fabrizio Tondi <<è importantissima perché il ruolo dell’Abbazia è fondamentale nel racconto di questa Via. Il passaggio in notturna sarà suggestivo con piccoli allestimenti e fiaccole accese. Grazie a questa manifestazione la nostra provincia e l’Amiata verrà riscoperta>> concludendo la sua piena disponibilità a collaborare anche per iniziative future.

Ma il coinvolgimento di Abbadia non è la sola novità 2020. Daniele Bibbiani del Gruppo Trekking Senese ha infatti sottolineato <<che grazie alla collaborazione di tutti i Comuni e delle associazioni, che hanno avviato un importante lavoro di coordinamento, siamo riusciti ad avere ben 140 persone impiegate lungo il tratto in modo continuativo, con 20 punti di ristoro. In aggiunta abbiamo messo a disposizione dei partecipanti una app di georeferenziazione e tracciamento utile sia in caso di emergenza sia per controllare il corretto distanziamento dei camminatori>>.

Il ritiro dei pettorali può avvenire esclusivamente nei punti di partenza delle diverse tratte presentando la mail di iscrizione e il modello di autocertificazione con la sola eccezione di coloro che effettuano due tratte (Siena Buonconvento + Buonconvento San Quirico oppure Siena Buonconvento+ Radicofani Acquapendente), che potranno ritirare entrambi i pettorali direttamente a Siena.

Per ridurre, poi, l’affollamento e rispettare il distanziamento si consiglia ai membri di gruppi associati e alle famiglie di incaricare una sola persona al ritiro che può essere effettuato in piazza del Campo ad un gazebo collocato davanti a Palazzo Comunale: giovedì 8 e venerdì 9 ottobre dalla 9 alle 13 e dalle 13 alle 17, oppure sabato 10 dalle 7 alle 10.

I CINQUE PERCORSI

La manifestazione, anche quest’anno, si divide in cinque proposte di varia lunghezza. La più impegnativa,  di 120 km, è Siena-Acquapendente e prenderà il via sabato 10 ottobre, alle ore 10 in Piazza del Campo.

 Siena-Buonconvento: 35 km.

 Buonconvento-San Quirico d’Orcia: è il più corto, 20 km, con partenza il 10 ottobre alle 15 in piazza Giuseppe Garibaldi a Buonconvento prima di aver ritirato il pettorale allo stand Pro Loco dalle 14 alle 15.

San Quirico d’Orcia-Acquapendente: 65 km. Al via sabato 10 ottobre in notturna (ore 21)da San Quirico d’Orcia (Piazza Chigi). Stesso luogo per ritiro pettorali, ma in orario 18.30-21.

Radicofani-Acquapendente: 32 km. L’appuntamento è domenica 11 alle ore 9 in Piazza San Pietro a Radicofani, dove dalle 6.30 alle 8.45 si potranno ritirare i pettorali.

Info sul sito www.francigenaultramarathon.it