Categorie
news-fr-import

L’événement final de la Via Alta : un succès certain

Le CDT05 et la Province de Turin ont organisé conjointement la journée de clôture du projet Via Alta ce dimanche 5 octobre sur les communes de Clavière, Briançon et Montgenèvre. A cette occasion, deux groupes de marcheurs constitués d’une quarantaine d’acteurs du tourisme et de membres d’associations culturelles ont pris part à une randonnée de chaque côté de la frontière. Après une rencontre symbolique des deux groupes au col de Montgenèvre puis une visite historique guidée de la commune avec traduction simultanée, les participants ont pu assister à une conférence sur le thème de l’itinérance culturelle. Guy Hermitte maire de Montgenèvre, et Franco CAPRA maire de Clavière, ont introduit la conférence. Xavier Cret, président du CDT05 a souligné : « La collaboration transfrontalière France-Italie est la force du projet. La Via Alta met en cohésion deux grandes voies d’itinérance culturelle (…) le projet a permis de mettre avant la richesse cultuelle et culturelle souvent insoupçonnée du territoire à travers des sites remarquables ». Anne-marie Bernard, directrice de la communication du CRT PACA a pour sa part rappelé l’implication de la structure en sa qualité de partenaire indispensable pour le reste de la partie française de l’itinéraire.

Par la suite, différents intervenants des deux nationalités ont partagé leurs expériences respectives. Les thèmes abordés concernaient les perspectives de l’itinérance culturelle, l’expérience de la marche et l’adaptation aux clientèles.
Sont intervenus en apportant leur éclairage : Silvia Lecci, Association Européenne Vie Francigene, Sebastien Penari, Association de Coopération Interrégionale, Christian Fouque, membre de l’association des Amis de Saint Jacques, Gian Vittorio Avondo, auteur d’ouvrages de montagne, Christian Aubert, Bureau de montagne Visa Trekking, Daniela Broglio, ATL Turismo Torino e Provincia.

Categorie
news-import

L’evento finale della Via Alta: un successo

Il CDT05 e la Provincia di Torino hanno organizzato Domenica 5 ottobre, nelle città di Claviere, Briançon e Montgenèvre, l’evento di chiusura del progetto Via Alta. In questa occasione, due gruppi di escursionisti composti da operatori turistici e membri di associazioni culturali, hanno partecipato ad una passeggiata su entrambi i lati del confine. Dopo un incontro simbolico al passo del Monginevro, i partecipanti hanno partecipato a una visita storica guidata della città con traduzione simultanea e a una conferenza.

Categorie
blog-en-import

Interview with Jane Wang, a pilgrim and a great lover of the Francigena. When the Asian Culture meets the Francigena route

Jane Wang rode the Via Francigena during the last summer, starting from Canterbury. It was a long trip tackled with no special physical preparation and with a great desire to live intensely the emotions on the way. Jane comes from Hong-Kong; she has lived for many years in the USA, in Europe and she is living in Florence, where she is involved in cultural projets. She has ridden the Francigena for discovering “slowly” European Countries and for discovering her Christian roots. An amazing trip!

1) Jane, why have you decided to start your trip along this cultural route?
Via Francigena is a an historic path to know about European roots and values. It is also an important opportunity to support intercultural dialogue. I read about this route when I was a child on one of the magazine in China; and I read again a small book when I was in Germany about it. So Via Francigena has been a dream for me: to walk cross the countries in Europe, get spiritual purity; and hear God message…

2) What represents Via Francigena for you?
Via Francigena for me is a symbol of life; a road that connect people to God, connect different cultures; connect people on the way; connect history and present time…

3) Do you think that in the future Via Francigena will be able to attract Chinese and Asian people on this path?
Yes, I am sure!
Via Francigena highlights European areas, cities, territories and local traditions less-know, it is something very different than traditional Italian or European tours.

4) Five reasons to recommend Via Francigena and which are, in your opinion, strengthen and weakness points?
A/ Christianity
Strengthen: it is strongly believed and accept by Christian believers, and maybe one of the biggest motivation.
Weakness: the non-believers may not like it to be present only for religion reason.

B/Culture
Strength: attractive to more people; and more to the multi culture population like Asians and Americans.
Weakness: difficult to put all the perspectives and interests of different countries on the route together.

C/Sports
Strength: more attractive to the younger population; and people who love outdoor sports.
Weakness: it may missing a big identify and make Via Francigena more special compared with other roads or tracks.

D/Tourism
Strength: attractive and special to present the difference between the normal travel to this walking around on the ancient roads in the beautiful country sides.
Weakness: maybe not so many people are going to spend long holidays on such kind of trips.

E/Art
Strength: very attractive especially for non-European countries.
Weakness: again it may missing the other parts the real mean meaning of Via Francigena.

Categorie
blog-fr-import

Interview de Jane Wang, pèlerine et passionnée de la Via Francigena. La culture asiatique rencontre le chemin

Jane Wang a parcouru l’été dernier la Via Francigena en vélo, en partant de Canterbury. Un long voyage affronté sans une préparation physique particulière et avec un grand désir de vivre intensément les émotions du chemin.

Jane vient de Hong-Kong, elle a vécu aux Etats-Unis, en Europe et actuellement elle est à Florence, où elle travaille dans le domaine de la culture. Ses racines chrétiennes et la volonté de découvrir « lentement » l’Europe l’ont poussée à parcourir la Francigena. « Un voyage fantastique ! ».

Pourquoi as-tu décidé de commencer ton chemin sur la Via Francigena ?

La Francigena est un itinéraire historique qui permet de connaitre les racines et les valeurs européennes. Elle représente aussi une opportunité pour découvrir le dialogue interculturel.

Quand j’étais petite, en Chine, j’ai lu des informations sur la Via Francigena dans une revue ; ensuite, quand je vivais en Allemagne, j’ai lu un livre sur cet itinéraire. Pour moi, la Francigena a toujours représenté un rêve, celui de traverser les Pays Européens, en entrant en contact avec la spiritualité et en écoutant le message de Dieu.

Que représente pour toi la Via Francigena ?

Pour moi, la Francigena est un symbole de vie, une vie authentique qui peut te mettre en contact avec Dieu, avec les cultures différentes, avec les personnes et te permet de t’immerger dans l’histoire, en la vivant au temps présent.

Est-ce que tu penses que dans le futur, la Via Francigena pourra attirer des personnes provenant de Chine et d’Asie ?

Absolument !

La Francigena met en valeur des zones territoriales, des villes, des traditions locales peu connues au-delà des circuits italiens ou européens traditionnels.

Cinq raisons pour conseiller la Via Francigena, points forts et points faibles de l’itinéraire ?

  1. 1.       Chrétienté 

Force : l’aspect chrétien lié à la spiritualité représente un point fort surtout pour les chrétiens croyants et c’est une des raisons principales qui pousse à parcourir le chemin.

Faiblesse : sûrement, on ne peut pas considérer la Francigena seulement comme un itinéraire religieux, mais on le parcourt pour de nombreuses raisons.

  1. 2.       Culture

Force : capacité d’attirer beaucoup de personnes asiatiques et américaines grâce au charme de la culture européenne.

Faiblesse : difficulté de synthétiser toutes les déclinaisons culturelles dans le parcours, bien qu’elles représentent une attraction selon les différents pays.

  1. 3.       Sport

Force : la Francigena attire un nombre croissant de jeunes et beaucoup de passionnés qui aiment le sport en plein air.

Faiblesse : de ce point de vue, il y a beaucoup d’autres itinéraires de randonnée et de voies de pèlerinage qui présentent une forte attraction pour ceux qui aiment faire du sport en plein air.

  1. 4.       Tourisme

Force : la Francigena représente sans aucun doute une opportunité unique pour découvrir lentement un itinéraire culturel immergé dans l’histoire et dans les paysages. Cela le différencie d’autres « produits touristiques ».

Faiblesse : ce type de tourisme, bien qu’en croissance, doit encore atteindre une fourchette plus large d’individus.

  1. 5.       Art

Force : les excellences artistiques le long du parcours rendent la Francigena très attractive, surtout pour les personnes provenant d’en dehors de l’Europe.

Faiblesse : pour ceux qui sont issus d’autres cultures, il n’est pas toujours facile de réussir à comprendre la signification culturelle qui tourne autour de ces excellences, liées à la culture européenne.

 

 

Categorie
blog-import

Intervista con Jane Wang, pellegrina e appassionata di Via Francigena. La cultura asiatica incontra il cammino.

Jane Wang ha percorso la scorsa estate la Via Francigena, in bicicletta, partendo da Canterbury. Un lungo viaggio, affrontato senza una particolare preparazione fisica e con il grande desiderio di vivere intensamente le emozioni del cammino.

Jane viene da Hong-Kong, ha vissuto negli Stati Uniti, in Europa ed è attualmente a Firenze, dove è impegnata in ambito culturale. Le sue radici cristiane e la volontà di scorprire “lentamente” l’Europa l’hanno spinta a percorrere la Francigena. “Un viaggio fantastico!”

1) Perchè hai deciso di iniziare il tuo cammino sulla Via Francigena?
La Francigena è un itinerario storico che permette di conoscere le radici ed i valori europei. Rappresenta inoltre una opportunità per supportare il dialogo interculturale.
Quando ero piccola ho letto in Cina, su una rivista, informazioni sulla Francigena; ho poi letto un libro su questo itinerario quando vivevo in Germania. Per me la Francigena ha sempre rappresentato un sogno, quello cioè di attraversare i Paesi europei, entrando in contatto con la spiritualità ed ascoltare il messaggio di Dio.

2) Cosa rappresenta per te la Francigena?
Per me la Francigena è un simbolo di vita, una via autentica che può metterti in contatto con Dio, con culture differenti, con le persone e ti consente di immergerti nella storia, vivendola al tempo presente.

3) Pensi che in futuro la Francigena potrà attirare persone provenienti dalla Cina e dall’Asia?
Assolutamente sì!
La Francigena mette in grande risalto aree territoriali, città, tradizioni locali poco conosciute al di fuori dei circuiti italiani o europei tradizionali.

4) Cinque ragioni per consigliare la Francigena, punti di forza e critici dell’itinerario
A/ Cristianità
Forza: l’aspetto cristiano e legato alla spiritualità rappresenta un punto di forza soprattutto per i cristiani credenti e, comunque, è una delle motivazioni principali che spinge al cammino
Debolezza: Sicuramente non si può considerare la Francigena solo un itinerario religioso, ma lo si percorre con molteplici motivazioni

B/Cultura
Forza: capacità di attirare molte persone asiatiche ed americane grazie al fascino della cultura europea
Debolezza: difficoltà di sintetizzare tutte le declinazioni culturali all’interno del percorso, il quale presenta una sua attrattiva culturale a seconda dei differenti Paesi

C/Sport
Forza: la Francigena attira un numero crescente di giovani e tanti appassionati che amino lo sport outdoor
Debolezza: da questo punto di vista, ci sono anche tanti altri itinerari trekking e vie di pellegrinaggio che presentano forte attattività per chi ama fare sport outodoor

D/Turismo
Forza: la Francigena rappresenta indubbiamente una opportunità unica per scoprire lentamente un itinerAria culturale immerso nella storia e nel paesaggio. Questo lo differenzia da altri “prodotti turistici”
Debolezza: Questa tipologia di turismo, seppure in crescita, deve ancora raggiungere un target ampio di persone

E/Arte
Forza: le eccellenze artistiche lungo il percorso rendono molto attrattiva la Francigena, soprattutto per le persone provenienti al di fuori dell’Europa.
Debolezza: per chi proviene da altre culture non sempre è facile riuscire a comprendere il significato culturale che ruota intorno a queste eccellenze, legate alla cultura europea.

Categorie
news-import

Il mondo del travel salvato dai moderni pellegrini. L’effetto Bergoglio e la Via Francigena del Sud

Sono trascorsi dieci anni da quando, nel 2004, fu organizzata la prima edizione di una Borsa del Turismo Religioso in Puglia: un decennio che ha visto maturare un deciso cambio di posizionamento strategico della regione nei mercati internazionali, ma anche l’affermarsi di decisi mutamenti di scenario. In questi ultimi anni la Puglia sta puntando molto sullo sviluppo della Francigena e degli itinerari culturali e religiosi

I mutamenti di scenario sul turismo oggi sono sotto gli occhi di tutti, in particolare vale la pena ricordare: 

l’affermarsi dei voli low cost e, conseguentemente, delle modalità di consumo turistico, con incidenza sulla permanenza media (long weekend) e sulla spesa media; 

– l’imporsi delle nuove tecnologie di comunicazione, con nuovi sistemi di prenotazione on line che hanno radicalmente modificato le scelte di destinazione, inducendo la decadenza delle agenzie di viaggio e – contemporaneamente – il fiorire dell’ospitalità extra-alberghiera;

– l’avvento dei social media, con la loro accelerazione: il tempo del selfie rappresenta il nuovo canone di esperienza turistica, orientata dal protagonismo e da un certo edonismo consumeristico camuffato da sentimento di condivisione.

I dati sull’aumento del turismo religioso e culturale, legato agli itinerari, è in fortissima crescita a partire dalle tradizionali mete quali Assisi, Padova, Loreto, Oropa, ma certamente l’itinerario sul quale maggiormente si sono accesi i riflettori è proprio la Via Francigena. Merito anche dell’effetto “Bergoglio“, il Papa che sta favorendo con entusiasmo questi flusso di pellegrini legati agli itinerari.

Tra questi si inseriscono a pieno titolo le vie Francigene, reduci dalle recenti celebrazioni per il ventennale del riconoscimento come Itinerari del Consiglio d’Europa avvenuto nel 1994 e oggi pronte ad estendersi verso Sud, in direzione della Puglia e della Terra Santa. I dati raccontano che il 60% dei viaggiatori che scelgono questi percorsi è straniero (45,3% europeo, 14,7% da oltre i confini del vecchio continente) e che il ruolo del “pellegrino” è doppiamente importante per la redditività del comparto: pur non essendo un cosiddetto high spender (spende in media 51 euro al giorno), sceglie la bassa stagione – contribuendo più di ogni altro segmento a destagionalizzare il settore – e premia l’Italia “minore” e l’entroterra, legandosi ad altri punti forti dell’offerta italiana come il paesaggio, la ruralità, l’ecologia e l’enogastronomia.

Dopo la positiva esperienza del festival Michaelic che ha visto brillare la Francigena e gli itinerari culturali e religiosi pugliesi, la regione Puglia sarà ancora protagonista e continuerà a trainare lo sviluppo della Francigene nel Sud, con l’auspicio di arrivare a breve al riconoscimento dell’itinerario da parte del Consiglio d’Europa, in accordo con AEVF.
A fine novembre, dal 28 al 30, previsti inoltre gli “Stati Generali ” delle Francigene nel Sud.

Federico Massimo Ceschin

 

Categorie
news-import

Happy Days Memories: dalla Francia a Roma con una carrozza e tre pony per sostenere la cura alla demenza

É in viaggio sulla Via Francigena verso Roma Ann Bishops, che è partita il 1 settembre da Reims in Francia con una carrozza, i suoi tre pony, un suo compagno di viaggio già sul Cammino di Santiago e il cugino con i suoi figli. 
Ann ha scelto di intraprendere un pellegrinaggio verso Roma perché è la sua città natale a cui è molto legata. Ma lo scopo del viaggio è quello di raccogliere fondi per le cure alla demenza, di cui ha sofferto negli ultimi anni di vita la madre. 

Potete seguire e sostenere il suo viaggio tappa per tappa sul sito www.annbishop.me.uk

Categorie
news-en-import

Happy Days Memories: from France to Rome by a carriage with three ponies to support the treatment of dementia

Ann Bishops is traveling on the Via Francigena to Rome after starting from Reims in France in September 1st by carriage with three ponies, one of her traveling companion already on the Way of St.James and a cousin with his three children.
Ann choose to go on a pilgrimage to Rome firstly because it’s her hometown to which she feels very closed but the real purpose is to raise funds for the treatment of dementia from her mother suffered the last years of her life.

If you want to follow her trip step by step and support her, please visit her dedicated website on: www.annbishop.me.uk

Categorie
news-fr-import

Happy Days Memories: de la France à Rome par calèche et trois poney pour soutenir le traitement à la démence

Ann Bishops se rend sur la Via Francigena vers Rome, en partant le 1er Septembre de Reims par calèche avec ses trois poney, son compagnon de voyage déjà sur le Chemin de Saint Jacques et le cousin avec les fils.
Ann a choisi d’entreprendre un pèlerinage vers Rome premièrement car c’est sa ville natale à laquelle elle est très attachée même si le vrai but de ce voyage est la collect des fonds pour les traitements de la démence dont sa mère a souffert pendant les dernières années de sa vie.

Pour suivre son voyage pas à pas et pour le soutenir, rendez-vous sur son site www.annbishop.me.uk

Categorie
news-import

Buon compleanno, Francigena – 1994-2014 !

Tre giornate di festa e di incontri con la rete dei cammini per festeggiare i “vent’anni della Via Francigena“, Itinerario culturale del Consglio d’Europa. Dal 24 al 26 ottobre, a Roma. AEVF partecipa alla manifestazione.La sintesi della Giornata nazionale dei Cammini Francigeni 2014; la conclusione della grande manifestazione ONDADICAMMINI e l’arrivo delle ultime ONDE, convergenti a Roma dalla Sardegna e dalla Puglia, lungo l’asse delle Vie Francigene nel Sud e della Via Micaelica; i video della GIORNATA e delle varie ONDE; l’avventura del Quaderno di viaggio e le testimonianze dirette; il dono a un monumento della Via Francigena; il premio a Giovane Montagna, Consociata centenaria, e il saluto alla festeggiata Via Francigena, nel suo ventennale di Itinerario Culturale Europeo, rappresentata dalla Associazione Europea delle Vie Francigene, sua promotrice istituzionale …

…Tutto questo avverrà, ad opera della RETE DEI CAMMINI, rete nazionale del non profit dei cammini storici, il 24 ottobre 2014 dalle ore 15.00 presso la prestigiosa sede di Associazione CIVITA (P.zza Venezia 11, 5° piano, Sala Gianfranco Imperatori, g.c.).

A questo incontro, già così intenso, la RETE, in linea con la funzione stessa delle vie dei pellegrini, ha voluto anche dare un taglio nuovo, decisamente europeo: presentando Pilgrims’ Ways in Italy, il nuovo pieghevole dei Cammini italiani in RETE, diretto ad un pubblico straniero, e proponendo alla discussione la grande iniziativa trans europea del PILGRIM CROSSING BORDERS Trondheim-Roma, evento clou del 2015, annunciato per la prima volta dalla RETE lo scorso anno ad Altopascio.

In più, il “taglio” europeo dell’INCONTRO sarà sottolineato da un intervento importante: quello di Piet Jaspaert, Board Member della Fondazione Europa Nostra, ente gestore del PREMIO EUROPA NOSTRA/EU PRIZE FOR CULTURAL HERITAGE / EUROPA NOSTRA AWARDS , di cui è stata vincitrice nel 2014, per la categoria Contributi esemplari, la Associazione comasca IUBILANTES, consociata e co-fondatrice della RETE.

L’intervento di Mr. Jaspaert non mancherà di evidenziare come l’impegno di tutela dei cammini sia ESEMPLARE per la tutela del patrimonio culturale europeo, e come tale vada incentivato e premiato. Anche da EUROPA NOSTRA.

Ma l’INCONTRO Nazionale della RETE DEI CAMMINI non finisce qui. Agli impegni del 24 ottobre seguiranno due momenti ricreativi e di riscoperta del territorio, affidati agli esperti delle consociate romane Gruppo dei Dodici e Giovane Montagna Roma: il 25 ottobre una passeggiata da Nemi a Castelgandolfo; il 26 (mattina) un tour guidato dei luoghi più suggestivi di Trastevere.

A tutto questo TUTTI SONO INVITATI.

Ma siamo certi che parteciperanno non solo gli appassionati di cammini ma anche quanti operano nella convinzione che il futuro dell’Europa passi anche dallo sviluppo dei cammini.

BUON COMPLEANNO, FRANCIGENA!!

E un sereno futuro a tutti i cammini, con la speranza, che, grazie anche alla RETE, – come dice la Presidente di Giovane Montagna Roma – “tutti i pellegrini, qualunque percorso abbiano scelto, trovino solo buone soprese: giuste informazioni, buona accoglienza, e soprattutto amicizia, fraternità, occasioni di letizia e spiritualità.”

Iniziative realizzate con il patrocinio di : Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con l’ospitalità e la collaborazione di Associazione CIVITA, con la collaborazione di Fondazione Europa Nostra, con il patrocinio e il contributo di Regione Lombardia – IL CONSIGLIO

 La RETE DEI CAMMINI ringrazia: Gruppo dei Dodici, Giovane Montagna Roma e tutti coloro che hanno reso possibile l’iniziativa