Via Francigena

Categorie
news-import

Online il sito del progetto “Sosta&Gusta”

Da oggi online la pagina dedicata al progetto “Sosta&Gusta”, nato dalla collaborazione tra Consorzio Parmigiano ReggianoAssociazione Europea delle Vie Francigene e Rivista “Via Francigena”.


É possibile ipotizzare che già all’epoca del suo viaggio di ritorno da Roma nel 990 d.c. Sigerico, di passaggio nel parmense, avesse potuto assaggiare una forma di Parmigiano Reggiano.
Da questa considerazione nasce l’idea di permettere ai pellegrini moderni di vivere una visita di tipo esperienziale dedicata alla scoperta del Parmigiano Reggiano. Già dal titolo, Sosta & Gusta, risultano evidenti la natura e l’intento di questo progetto: i pellegrini potranno fare tappa presso uno dei caseifici aderenti all’iniziativa per gustare il prodotto, scoprirne le caratteristiche, le diverse stagionature e toccare con mano la varietà delle strutture produttive che disseminano i tredici comuni coinvolti lungo la Via Francigena. Inoltre, nei caseifici sarà possibile ricevere, sulle Credenziali del Pellegrino, il timbro personalizzato.

Non ci resta che augurarvi una buona sosta e un’ottima degustazione!

Venite a scoprire il progetto sul sito www.sostaegusta.org e sulle pagine social dedicate:

Facebook: @sostaegusta
Instagram: sosta_e_gusta #sostaegusta

Categorie
news-import

L’Orto del Pellegrino

Giovedì 6 luglio presso Vino & Caffè a Velletri è stato presentato il progetto “L’Orto del Pellegrino: ti racconto la Via Francigena con le erbe officinali”.

FARE EDUTAINMENT in collaborazione con l’associazione BABYCAMPUS sta recuperando un piccolo orto nel centro storico di Velletri con l’obiettivo di raccogliere le erbe di cui i pellegrini, in particolare coloro che percorrevano la Via Francigena, potevano disporre in itinere per preparare medicamenta ad hoc.

“Camminare significa esplorare, con l’udito, l’olfatto, il tatto, condotti dalla vista ma coinvolti per necessità dagli odori, dai suoni, dal tipo di fondo stradale, dalle bizzarrie del clima, dalla speranza di un incontro con la fontanella. Anche il gusto ha i suoi diritti in questo contesto!” (Sergio Valzania, vice-direttore Radio Rai).

Ecco perché la collaborazione attivatasi con l’Associazione Civita, che, insieme all’Associazione Europea delle Vie Francigene, promuove il Marchio “La Bissaccia del Pellegrino” dedicato alla promozione delle produzioni agro-alimentari lungo la Via Francigena, costituisce l’inizio di un percorso nuovo, di sviluppo e crescita che scaturiscono dal piacere di gustare i luoghi.

Il progetto, patrocinato dal Comune di Velletri, ha inoltre raccolto l’interesse di CEREALIA il Festival Internazionale dei Cereali che diffonde la conoscenza e la coscienza del valore della terra e delle culture autoctone, riallacciando i legami tra il territorio e la tavola www.cerealialudi.org.

Siamo convinti che sia indispensabile coinvolgere un numero sempre crescente di persone, associazioni, imprese, istituzioni, scuole nella riqualificazione del territorio, con un approccio integrato e sinergico alla valorizzazione del Centro Storico, all’interno di una rete turistico-culturale esistente e consolidata. L’obiettivo è dare vita ad un circuito di attività informate, consapevoli e collaborative che lavorino alla creazione di una comunità che accoglie.

E’ visibile online il video girato in occasione dell’apertura al pubblico de L’orto del Pellegrino. Un grande impegno dell’associazione Babycampus EDUTAINMENT per il centro storico di Velletri, per le persone, per i bambini ai quali raccontiamo la Via Francigena con la prospettiva insolita delle erbe officinali.

INFO
Silvia Sfrecola Romani
FARE EDUTAINMENT
cel. +39 338 700 8304
silvia.sfrecola@fare-edutainment.it

FARE EDUTAINMENT – Associazione babycampus EDUTAINMENT
Corso della Repubblica, 204 00049 Velletri (Roma)
tel/fax +39 06 94844177
info@fare-edutainment.it / info@babycampus.org
www.fare-edutainment.it / www.babycampus.org

Categorie
news-import

Nuovo bando regionale per la valorizzazione turistico-culturale della Lombardia

E’ stato presentato oggi, giovedì 13 luglio, a Cremona il nuovo bando di Regione Lombardia da 5 milioni di euro per la valorizzazione turistico-culturale della Lombardia.

La Giunta regionale ha approvato con delibera n. 6405 del 27 marzo 2017 i criteri per l’emanazione di un bando mirati a sviluppare prodotti e servizi per valorizzare le potenzialità attrattive turistico-culturali e naturali lombarde.

L’Azione intende co-finanziare al 70%, a fondo perduto, i progetti di importo minimo di 100.000 Euro che prevedano una maggiore valorizzazione turistico-culturale delle seguenti aree tematiche (attrattori): patrimonio culturale immateriale, itinerari e cammini culturali, arte contemporanea, patrimonio archeologico.

La dotazione finanziaria è di 5 milioni di euro, di cui 4 milioni sull’Azione III.3.b.2.1e 1 milione sull’Azione III.3.b.2.2.

Viene riconosciuto al settore delle imprese culturali e creative il ruolo di driver fondamentali per lo sviluppo economico della Lombardia, in grado di qualificare e innovare l’offerta per una migliore fruizione turistica e culturale degli attrattori, e in ultima analisi, di attrarre ulteriori visitatori dall’Italia e dall’estero.

Potranno partecipare ai bandi aggregazioni formate da operatori economici organizzati sia in forma di micro, piccole e medie imprese, sia in forma di attività professionali, appartenenti ai settori:

  • culturale e creativo (arti visive, spettacolo dal vivo, editoria, musica, cinema e videogiochi, moda, design, comunicazione, marketing e digitale) con riferimento all’Azione III.3.b.2.1
  • turistico‐commerciale, del terziario innovativo e della manifattura creativa (strutture ricettive, tour operator, agenzie di viaggio, bar e ristoranti, commercio al dettaglio in sede fissa, artigianato innovativo e di qualità) con riferimento all’Azione III.3.b.2.2.

Con riferimento all’Azione III.3.b.2.1, per il settore culturale e creativo, è ammessa anche la partecipazione di Associazioni/Fondazioni che agiscano in regime di impresa, iscritte al REA (Repertorio economico amministrativo).

In allegato il bando

Fonte: Regione Lombardia

Categorie
news-import

Bando Concorso “Amore per i cammini”

Un bando per la valorizzazione dei cammini storico culturali riservato a Comuni e ad associazioni per lo sviluppo dei pellegrinaggi. Il progetto è stato proposto dal Gruppo dei Dodici, con il Patrocinio dell’Associazione Europea Vie Francigene

L’idea
Noi tutti apprezziamo la bellezza dei nostri cammini storico/culturali e i loro  valori ambientali, artistici, spirituali e sociali. Chi li percorre  a piedi gode appieno di queste loro  qualità.

Conviene porre attenzione non solo ai pregi, ma anche a osservazioni di dettaglio. Un esempio è che vari nostri itinerari hanno pochi segni concreti sul percorso che caratterizzino i percorsi quali “vie di pellegrinaggio”, come cappelline, affreschi, cippi, tabelline di ceramica,  colonnine, sculture (anche se ingenue), murales, ecc. E’ opportuno inoltre incoraggiare i camminatori a contribuire durante il cammino a migliorare la viabilità dei sentieri.

I premi
Cinque premi costituiti da “Stelle d’argento su  bastone di pellegrino” saranno assegnati ad altrettanti Comuni o associazioni volontarie che installino simboli di pellegrinaggio sugli itinerari o suggeriscano iniziative che inducano i camminatori a contribuire a migliorarne  la viabilità.

Occorre inviare per posta entro il 3 Ottobre 2017 la descrizione/foto di quanto realizzato e una breve presentazione del mittente corredata dall’elenco delle iniziative più importanti fatte nell’ultimo anno:

CONCORSO PER LA VALORIZZAZIONE DEI CAMMINI DI PELLEGRINAGGIO
c/o Associazione GRUPPO dei DODICI    Largo Pepere 24    00151 Roma
Per chiarimenti:  ro_albea@hotmail.com ; tel. 3491648614

Giuria
Una giuria di 4 pellegrini esperti di 4 diverse organizzazioni valuterà la documentazione. I risultati saranno presentati al Convegno a conclusione del “FESTIVAL Via Francigena Collective Project 2017” e nell’occasione saranno consegnati i premi.

Brochure in allegato

 

Categorie
news-import

Online il nuovo regolamento per l’utilizzo del logo istituzionale e dei marchi AEVF

L’Associazione Europea delle Vie Francigene tutela e promuove il percorso ufficiale della Via Francigena, così come certificato nell’ambito del “Programma degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa”, anche come prodotto turistico-emozionale ed esperienziale, modello europeo di qualità per produzioni e servizi d’eccellenza.
A tal fine AEVF ha provveduto a registrare a livello europeo, per tutelarli da usi impropri, marchio e logo istituzionale, al fine di garantire l’omogeneità di tutte le comunicazioni e di tutti i servizi legati all’Associazione.

Il logo contraddistingue l’insieme delle attività istituzionali AEVF ed è concesso gratuitamente agli Enti locali che ne facciano apposita richiesta compilando il form online. In particolare il logo consente la connessione delle attività istituzionali AEVF con il Programma degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa.

La finalità del marchio è invece quella di garantire visibilità ai privati per servizi d’informazione, accoglienza e ospitalità lungo il percorso, oltre che a produzioni, attività e servizi rispondenti alle esigenze degli utenti. Il marchio serve quindi a consentire una immediata identificazione alla Via Francigena, garantendo i valori sociali, etici, ambientali che la caratterizzano.
L’uso del marchio AEVF, per fini commerciali, prevede il pagamento di un corrispettivo economico ad AEVF, stabilito nella concessione d’uso.

INFO
Regolamento di utilizzo del logo e dei marchi AEVF
Modulo per la concessione del logo istituzionale

Categorie
news-import

Via Francigena, assegnate risorse per potenziare l’ospitalità povera

FIRENZE – Un contributo regionale di 50 mila euro destinato al potenziamento della ricettività gratuita o cosiddetta povera lungo la Via Francigena toscana

Le risorse saranno assegnate all’Associazione Ecclesiale Nazionale di Pellegrinaggio della Via Francigena e delle Antiche Vie, denominata anche Ad Limina Petri, che le utilizzerà per la realizzazione di progetti di piccola manutenzione ed arredo di strutture che già ospitano i pellegrini per renderle immediatamente funzionali e funzionanti e potenziare in questo modo la capacità di ospitalità nelle aree meno attrezzate.

“L’intervento – spiega l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo – si collega al progetto ‘Rete degli Ostelli’, creato per dar vita a un’offerta low cost omogenea per i ‘Pellegrini con Credenziale’. Della rete fanno parte anzitutto i 14 ostelli realizzati con i fondi PAR-FAS 2007-13. Adesso la rete si allarga anche ad altre strutture di proprietà pubblica presenti nei Comuni del tracciato ed in particolare a quelle di proprietà ecclesiale non classificate come strutture ricettive. Sono strutture di ospitalità a titolo gratuito, riqualificate per fornire un alloggio”.

Sulle pagine del sito regionale dedicate alla Via Francigena è contenuto un elenco delle strutture ecclesiastiche con i relativi contatti.

 

Fonte ToscanaNotizie

Categorie
news-import

30° Anniversario del Cammino di Santiago de Compostela come Itinerario Culturale Europeo

Il 30 settembre 2017, le Associazioni Jacobee delle regioni francesi di Borgogna, Franca Contea e Lorena, incoraggiati dall’Associazione dei Cammini di San Giacomo di Compostela in occasione del 30° anniversario della nomina del Cammino a Itinerario Culturale Europeo, hanno organizzato un incontro al Santuario di Notre-Dame de Mont-Roland, situato lungo il percorso.

Il programma:

9.30 – Accoglienza al Santuario, situato a 6 km da Dole. Provvisto di vasto parcheggio.

10.00 – Partenza della camminata, con la possibilità di scelta di due percorsi: 5,6 km, dislivello di 125 m; oppure 10 km, dislivello di 200 m.

13.00 – Pranzo a buffet con prodotti tipici locali presso “Chalet du Mont-Roland”, su prenotazione prima del 31.07

15.00 – Conferenza “I pellegrinaggi nel Medioevo”, relatore Jean-Pierre Sotty, entrata libera.

 

Tutte le informazioni nel pdf allegato.

Categorie
news-import

Mappe per i viandanti, sulle orme dei pellegrini in Emilia-Romagna

Cento eventi per quattordici itinerari in oltre 2.000 chilometri. Firmato a Roma un accordo per la valorizzazione della via Francigena, candidata a patrimonio Unesco.

Non c’è solo la via Francigena, che nel Medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia, ora candidata a patrimonio Unesco. Ma anche la Romea Germanica che collegava Stade, nella Bassa Sassonia, alla Città Eterna, e la via Romea Strata che portava i fedeli dal nord-est Europa alla Capitale. Sono 14 i cammini e le vie di pellegrinaggio che attraversano l’Emilia-Romagna per oltre 2.000 chilometri. Interessano un centinaio di comuni, collegando il territorio a Roma e a importanti luoghi di fede, da Padova ad Assisi, passando per alcuni siti simbolo come l’Eremo di Camaldoli e La Verna.

Per valorizzare le iniziative legate a questo particolare segmento del mercato turistico la Regione Emilia-Romagna ha realizzato una mappa dei cammini religiosi e una brochure con tutti gli eventi (un centinaio fra passeggiate, convegni, festival enogastronomici) che animeranno le storiche vie dei pellegrini per tutto il 2017. Tre, nello specifico, sono i cammini che attraversano la provincia di Modena.

Tutte le Strade della Fede – Queste le vie che attraversano l’Emilia-Romagna: la via degli Abati (129 km in regione), la via Francigena (143 km), il Sentiero di Matilde (140,8 km), la via Romea Nonantolana (208 km), la via Romea Strata-tratto Romea Longobarda (200 km), la via degli Dei (66,5 km), il Cammino di Sant’Antonio (258 km), il Cammino di Assisi (72 km), la via Romea Germanica (260 km), il Cammino di San Vicinio (320 km) e, di recente inserimento, la Piccola Cassia che attraversa l’Appennino tra Bologna e Modena, il Cammino di Dante che collega Ravenna a Firenze, la via dei Linari che attraversa l’Appennino parmense e la via di San Francesco che passa dal Montefeltro.

I pacchetti turistici – Sono i 34 pacchetti, presenti sul sito, che riguardano le 14 vie dei pellegrini. Propongono escursioni giornaliere a piedi o in bici e soggiorni fino a 7 notti con o senza guida, tra natura incontaminata, luoghi di culto e borghi storici, antiche pievi. In molti casi sarà possibile contattare direttamente il tour operator per costruire pacchetti personalizzati.
Nell’ambito dei pacchetti sono previste anche escursioni con la Bisaccia del Pellegrino, gadgetrealizzato in collaborazione con l’Assessorato regionale all’Agricoltura eche fa parte dei servizi di qualità richiesti agli operatori aderenti al Disciplinare del progetto regionale. E’ una sorta di “packed lunch” con i prodotti tipici locali di qualità che il turista-viandante trova lungo il cammino prescelto. Nei pacchetti soggiorno sono presenti anche menù tipici nei punti di ristorazione che rientrano nei club di prodotto all’interno del circuito.

Le 14 vie on air su Radio Francigena e la cartoguida del viandante – Tra le iniziative legate alla promozione ai cammini regionali c’è anche Radio Francigena, emittente nazionale che da luglio a ottobre racconterà tutti i 14 cammini dei pellegrini dell’Emilia-Romagna nel corso di speciali puntate di 20 minuti ciascuna, evidenziando, di volta in volta, le opportunità turistiche del territorio. Infine sul sito, nella sezione “da scoprire”, pagine dedicate al turismo religioso, oltre alle informazioni sui 14 cammini (con i link ai relativi siti ufficiali), è disponibile la cartoguida “Lungo le Antiche Vie dei Pellegrini in Emilia-Romagna” (scaricabile in formato pdf).

 

Fonte: ModenaToday

Categorie
news-import

Da Robbio a Piacenza. AviSport lungo la Via Francigena

Il gruppo polisportivo nato all’interno della sezione Avis di Legnano ha percorso 140 km sulla via dei pellegrini

Legnano, 7 giugno 2017Da Robbio (PV) a Piacenza impugnando i caratteristi bastoncini. AviSport, l’associazione polisportiva nata in seno al gruppo Avis di Legnano, ha camminato per oltre 140 km lungo la Via Francigena portando il nordic walking sul cammino dei pellegrini.

Partito il 29 maggio dalla provincia di Pavia, dopo sei tappe (Robbio, Mortara, Garlasco, Pavia, Santa Cristina, Orio Litta e Piacenza) il gruppo degli avisini della sezione “Cristina Rossi” di Legnano è approdato in Emilia Romagna, dando il via ad un viaggio destinato a proseguire.

«È stata un’esperienza decisamente interessante e molto bella», commenta Franco Prandoni che, insieme con Domenico Mazzalovo e Katia Casalinuovo, ha percorso le prime quattro tappe del percorso prima di essere raggiunto dal gruppo a Santa Cristina. «Un’esperienza che, per quanto faticosa, vorremmo continuare così, anno dopo anno, da portare fino a Roma la credenziale che hanno intestato ad AviSport».
Partiti in tre da Robbio, sono arrivati in 20 a Piacenza, tra loro anche il presidente della sezione di Avis Legnano Pierangelo Colavito. «È stata un’esperienza formante per tutti sia sotto il profilo dell’impegno fisico, sia dal punto di vista interiore – prosegue Prandoni -. Il semplice cammino non è stato solamente un percorso fatto di chilometri, ma è stato un viaggio che abbiamo fatto come gruppo e come singoli. Un viaggio fatto di incontri e storie di storie che abbiamo raccolto; di persone che abbiamo conosciuto e di sensazioni che abbiamo vissuto come singoli e come gruppo. Impossibile dimenticare François, il sessantenne francese che abbiamo incontrato la prima sera a Mortara: partito il 7 ottobre del 2015 era di ritorno dalla Terra Santa».
Particolarmente toccante è stata la tappa a Garlasco dove il gruppo di AviSport, raggiunto per l’occasione dal presidente Colavito, è stato ospite della comunità Exodus. «Non dimenticheremo anche l’ospitalità ricevuta a Orio Litta. Qui il sindaco Pierluigi Cappelletti ci ha personalmente accompagnato in un momento che è stato di grande festa», ricorda Prandoni.

Al di là di quella che è stata l’esperienza personale, AviSport ha potuto portare in giro per l’Italia la passione per il nordic walking, una disciplina che grazie all’uso di particolari bastoncini coinvolge attivamente e tonifica la parte superiore del corpo, sia a livello muscolare che articolare. Camminando con i bastoncini si attiva l’85% dei muscoli, si alleggerisce l’apparato motorio inferiore e si incrementa l’ossigenazione dell’intero organismo oltre a migliorare il tono dell’umore. Il tutto nello spirito di Avis che non è solo donazione di sangue, ma anche promozione di stili di vita sani e di benessere sia esteriore sia interiore.

 

Fonte: www.mi-lorenteggio.com

Categorie
news-import

DigitaLife e la Via Francigena

Associazione Europea delle Vie Francigene è partner di DigitaLife, progetto per un film collettivo che racconterà i cambiamenti avvenuti negli ultimi vent’anni con uno sguardo proiettato al futuro. L’opera verrà realizzata principalmente grazie ai video inviati dai cittadini.

Tra gli altri, la Via Francigena sarà uno dei “luoghi” protagonisti. AEVF ha per questo stretto una relazione forte con la produzione del film. Crediamo che il film sia una reale opportunità di promozione del cammino e nel contempo di come la cultura digitale stia cambiando le nostre vite.

CHE FARE?
Per costruire adeguatamente il film sono necessari tanti video realizzati da soggetti diversi. Le realtà locali potranno avere un ruolo significativo e per questo potrete prendere contatto con la produzione scrivendo a digitalife.film@gmail.com
I video potranno riguardare qualsiasi aspetto dell’esperienza del cammino con un’attenzione all’ambiente e alla tecnologia, ma soprattutto alle storie di chi si rende protagonista delle esperienze.

Locandina in allegato

 

INFO e CONTATTI
www.digitalife.com
digitalife.film@gmail.com