Categorie
news-import

Un augurio pasquale dal presidente di Spiritualitas in Francigenam

Tutti sappiamo che la parola Quaresima deriva dal numero quaranta, poiché dura quaranta giorni, come i quaranta giorni di Gesù nel deserto o i quarant’anni del popolo ebraico che lascia l’Egitto.

Ma ora questa Quaresima è stata contrassegnata da quaranta, nel senso medico del termine.

Siamo stati confinati nelle nostre case, sperando di sfuggire all’epidemia che sta devastando il mondo. Alcuni non hanno nemmeno avuto questo privilegio, perché erano impegnati a curare chi sta male, aiutando i deboli, contribuendo al bene di tutti. Con il rischio di ammalarsi e trasmettere il virus ai propri cari.

La Pasqua non poteva nemmeno essere celebrata normalmente.

Ma non appena cesseranno le misure di contenimento, riprenderò la mia strada per Roma.

Dopo che quasi tutta l’attività si è fermata, sarà come una resurrezione. Mi auguro di uscirne diverso! Più attento al mio prossimo, più attento a preservare l’ambiente intorno a me, più deciso nelle scelte della vita.

E allora sì che vivremo davvero la Pasqua!

Joseph de Metz-Noblat, vescovo di Langres Presidente di Spiritualitas a Francigenam

Categorie
news-import

L’Associazione Europea delle Vie Francigene in lizza per il Premio Itinerari culturali del Consiglio d’Europa

L’Associazione Europea delle Vie Francigene, AEVF, partecipa al concorso annuale 2020, Percorsi culturali del Consiglio d’Europa. Il premio di quest’anno è intitolato “Itinerari culturali per l’economia creativa e lo sviluppo locale sostenibile”.

AEVF, punto di riferimento istituzionale per la promozione e la valorizzazione della Via Francigena, contribuisce attivamente allo sviluppo sostenibile nelle sue tre componenti: sociale, economica e ambientale. L’Associazione crea e rafforza la rete di autorità locali e rappresentanti del settore privato e della società civile; incoraggia lo sviluppo di piccole e medie imprese incentrate sull’accoglienza e servizi ai pellegrini lungo il percorso e promuove le modalità di viaggio lento e turismo responsabile.

Per questo impegno l’Associazione è in competizione per il premio del Consiglio d’Europa, presentando con orgoglio una delle sue migliori pratiche, l‘estensione della Via Francigena nel sud – da Roma a Santa Maria di Leuca (900 km).

L’estensione – il risultato degli sforzi reciproci e del lavoro delle regioni meridionali, in collaborazione con AEVF, il Ministero della Cultura e l’Istituto Europeo di Percorsi Culturali – è stata ufficialmente approvata all’Assemblea Generale dell’Associazione il 18 ottobre 2019. Questa estensione offre nuove opportunità per le regioni in termini di partenariati, collaborazione, opportunità di lavoro e sviluppo turistico.

Questa strada non ancora del tutto valorizzata, con le sue incredibili meraviglie culturali e naturali, è un prezioso tesoro donato a pellegrini ed escursionisti pronti a prolungare il loro viaggio dopo il loro arrivo a Roma.

Una giuria composta da rappresentanti degli Stati membri dell’Accordo parziale allargato sulle rotte culturali voterà elettronicamente per la selezione delle migliori e più pertinenti pratiche. Queste pratiche selezionate riceveranno il Premio annuale degli itinerari culturali al Forum consultivo annuale che si terrà a Chania, in Grecia, dal 7 al 9 ottobre 2020.

Categorie
news-import

Via Francigena LIVE! Con Andrea Devicenzi dal Gran San Bernardo a Roma

Ricordiamo che, nell’ambito del progetto di dirette social Via Francigena LIVE, martedì 14 Aprile, alle 18.00 sulla pagina Facebook AEVF saremo con Andrea Devicenzi, atleta paralimpico e camminatore, per parlare e confrontarci sul tratto italiano della Via Francigena dal passo del Gran San Bernardo fino a Roma.

Andrea, che molti di voi avranno incontrato lo scorso anno, sarà con noi per raccontarci e condividere la sua straordinaria esperienza lungo i 1000 km del tratto italiano che ha percorso nel 2019 e di cui potete scoprire il progetto cliccando qui.

Sarà inoltre un’occasione preziosa per affrontare il tema importante dell’accessibilità sull’itinerario e aspetti quali la preparazione, la fatica in cammino e l’alimentazione. Andrea ci coinvolgerà inoltre nella progettazione del suo ultimo sogno, un viaggio a piedi lungo la Via Francigena del Sud, previsto per l’autunno del 2020.

Alleghiamo in formato scaricabile il calendario completo delle dirette AEVF organizzate a oggi e informiamo che, considerato il successo delle dirette realizzate fin’ora, siamo attualmente impegnati nell’organizzazione di ulteriori incontri sul tema del viaggio a piedi e della Via Francigena. Vi teniamo aggiornati!

Vi aspettiamo sulla pagina Facebook AEVF martedì 14 Aprile alle ore 18 e vi invitiamo a condividere la diretta sui vostri canali!

Categorie
news-import

Via Francigena per tutti?

Segnaliamo l’importante pubblicazione “Via Francigena for all?” recentemente uscita su Almatourism, sul tema dell’accessibilità, a firma di Pietro Scidurlo e Giulia d’Angeli in collaborazione con Free Wheels Onlus.La pubblicazione rientra all’interno delle attività del Comitato Scientifico dell’ Associazione Europea delle Vie Francigene che negli ultimi anni ha dedicato energia e attenzione al tema della ricerca. Ogni anno viene lanciata una “call for papers” dedicata ad un tema della Via Francigena e pellegrinaggi, declinate in molteplici direzioni.

La call 2019 si è focalizzata sul tema dell’accessibilità. Essa rappresenta un elemento di riflessione molto importante per il futuro della Via Francigena e dei cammini e si pone come obiettivo quello di promuoverne una fruibilità universale.

Tra i protagonisti della campagna di sensibilizzazione, in Italia e in Europa, sta dando un importante contributo proprio Pietro Scidurlo, che invita a riflettere sull’importanza di superare le barriere fisiche e mentali che affrontiamo ogni giorno affinché tutti possano vivere la Via Francigena e gli itinerari culturali nella sua pienezza

“Ho sempre creduto che fosse molto difficile parlare di un percorso come il Cammino di Santiago, anche per una persona come me che, a causa di un errore altrui, ha visto la propria vita totalmente stravolta, ritrovandosi a solcare il mondo su una sedia a rotelle – racconta Pietro – Una persona che nonostante tutto ha vissuto l’esperienza del cammino profondamente e per più volte, una persona che nella ricerca di una via, di una propria strada da percorrere, la trova proprio lungo il pellegrinaggio verso Santiago De Compostela.
Figuriamoci quindi se parliamo di un cammino come la Via Francigena, percorsa ancora oggi meno persone e solcata ancor meno da persone con esigenze speciali. Per certi aspetti, quindi, ancor più complicato rispetto all’itinerario spagnolo.

C’è ancora tanto lavoro da fare prima di arrivare ad una Via Francigena per tutti, ci sono barriere da superare e occorre un nuovo approccio verso questo tema, oggi più che mai attuale. E’ importante riuscire a sensibilizzare le istituzioni su questo tema.

La pubblicazione di Almatourism è scaricabile e consultabile gratuitamente sul sito e sulla sezione “studi e ricerche” AEVF.

Categorie
news-import

Ri-partire – Il Viandante di “Domani”. L’adrenalina che può regalarci il pensiero del Cammino, seduti tra le mura di casa

Siamo fermi. Fermi con il turismo, fermi con le corse, con i cammini, il trekking e lo sport. Fermi con le nostre relazioni sociali, quelle fatte di abbracci, di baci, di cene, ma anche di palestre, riunioni o convegni.
Quello che in questi giorni non si ferma mai, sono i pensieri. Mentre cresce il desiderio delle piccole cose, anche i sogni vengono messi a dura prova. È come se lo stare nelle nostre case, con il peso di quello che sta succedendo intorno a noi, con l’impotenza di non poter far niente se non essere ligi nel comportarci come ci dicono di dovere fare, limitasse la nostra “voglia di volare”, di sognare, almeno la mia.

Ma è dalle piccole cose, come lo scorrere dei mesi e il passare delle settimane o lo sbocciare dei fiori, che ci rendiamo conto che il mondo va avanti e che, prima o poi, ci sarà il tempo per RI-partire, di rimetterci in cammino.
Torneremo ad uscire, lo faremo con accortezze e modi diversi, ma torneremo ad uscire. Avremo voglia di fare tutto ciò che fino a oggi non è stato possibile: cammineremo di più e lo faremo con la voglia di allontanarci da casa; correremo di più e con un senso di libertà maggiore perché, come criceti, lo abbiamo fatto nei tapi-roulant delle nostre case, in solitudine in piccolissimi cortili o nel parcheggio sotto casa.

E allora ecco il senso (e la voglia) di libertà che ci regala il pensiero delle grandi distanze. Se dirottiamo i nostri pensieri verso futuri cammini, ritrovando o dando vita a un sogno, proveremo un senso di libertà anche stando a casa, un’energia positiva che ci sarà data dall’idea che la nostra mente può iniziare a percorrere chilometri e chilometri.

Siamo fermi, ma possiamo reagire al pensiero della RI-partenza. Nella corsa o nel cammino, quando sei costretto a fermarti, per cause esterne che non dipendono da te, durante un allenamento, quando ti stai preparando per raggiungere un obiettivo, può capitare che anche quando tutto va bene “…puff”, un attimo e STOP. Per cause esterne, indipendenti o meno da noi, ti devi fermare. Qui la differenza, oltre che una dose di “buona sorte”, la fa la velocità in cui superi ciò che ti è capitato, il morale e la grinta con cui affronti ciò che ti ha portato allo stop.

Puoi rassegnarti: piangere fino alla fine delle lacrime, disperarti. Ma non succederà niente. Oppure reagire nei limiti che il tuo corpo o il contesto che ti circonda, te lo consentiranno. Ricalibrare l’obiettivo, cambiare l’approccio alle cose e RI-partire. Il nostro nuovo cammino inizia dal momento in cui la nostra mente decide di RI-cominciare.
Ed ecco che il solo pensiero mi carica di adrenalina: sono a casa, al massimo in terrazza, eppure in questo momento, se chiudo gli occhi, le pareti cadono giù come se fossero di cartone. Intorno a me “vedo” prati fioriti, filari di cipressi, boschi, un cielo azzurro e via via altri camminatori, nei colori delle loro magliette. Viandanti nuovi, quelli della RI-partenza.
Ecco a cosa dedico i miei pensieri oggi: all’adrenalina del pensiero di rimettersi in cammino e al viandante di domani.

Il viandante di domani avrà uno zaino ancora più leggero, perché tutti noi abbiamo capito, alcuni per la prima volta, che si può vivere davvero con poche cose. Il futile e l’inutile rimarranno nelle nostre case, viaggeremo con l’essenziale. Il nuovo viandante, più di prima, ha capito il valore delle relazioni reali e non virtuali. Le persone e le relazioni sociali troveranno un ruolo importante nello spazio nel cammino del nuovo viandante. Poche cose portate da casa nel piccolo zaino, ma con il desiderio di incontrare tante persone nella grande distanza dei cammini. Il nuovo viandante avrà sete di relazioni sociali. Continuerà a viaggiare solo, a ricercar sé stesso ecc., ma avrà voglia (e forse bisogno) di una socialità maggiore di quanto non accadeva in passato.

Siamo stati troppo tempo da soli e la distanza è una barriera fisica alla quale ci siamo dovuti adeguare, per il nostro benessere di domani. Il non condividere, ci è pesato. Il nuovo viandante durante il suo cammino cercherà momenti di incontro più di quanto non abbia fatto in passato: a fine tappa, durante la tappa, in una sosta sotto l’ombra di una pianta. Parlerà di più, ascolterà di più. #ionellaFrancigenavorrei.

Continuo a tenere gli occhi chiusi, la mia fantasia vola, i miei desideri prendono forma. Ecco cosa io vorrei. A fine tappa, negli ostelli, nelle strutture ricettive in cui il nuovo viandante cercherà riposo e ristoro io vorrei momenti di socialità.  Chi mi conosce sa che i miei migliori progetti per la Francigena sono nati da visioni quasi impossibili, lucide follie. Eccone una nuova: perché non mettere in piedi qualcosa di un pochino strutturato per occasioni di incontro e che poi in modo spontaneo potrebbe prendere forma e diventare reale? Una specie di #FrancigenaEincontri. È facile e ci da un progetto per il futuro.

L’idea – Per la prossima stagione dei cammini #ionellaFrancigenavorrei: dal giorno “x” in cui torneremo a camminare, alle 18 la sera lungo la Via momenti di socializzazione, di incontro. Fine del tempo di trovarci virtualmente a fare aperitivi su tutte le piattaforme che la tecnologia ci ha messo a disposizione, dedichiamoci agli incontri veri. Un’ora del nostro “tempo francigeno” dedicata all’incontro. Ci saremo lasciati alle spalle i canti nei balconi alla stessa ora. Viviamo un momento di incontro e di ritrovo in uno spazio fisico lontano da casa, con persone reali. Lungo la Francigena, alla stessa ora. Magari non avremo una canzone in comune, ma ci accomunerà la voglia della scoperta, dell’andare avanti, della determinazione a farcela e tante tante storie.

#FrancigenaEincontri: i nuovi viandanti lo sapranno, le piccole comunità potrebbero organizzarsi o semplicemente farne parte. In modo corale poi accadrà giorno dopo giorno in tutto il percorso. All’inizio con pochi, ma poi forse con tanti. Poche cose, ma reali. Ci sono mancati momenti di socializzazione, di racconto davanti a vecchi o nuovi amici. Momenti di condivisione. Facciamo nascere una bella cosa da una brutta cosa.
Il cammino sarà quell’esperienza che mette al centro il nostro tempo, le relazioni, le piccole comunità locali, le produzioni del territorio e la gente, persone che arricchiranno il viaggio della nostra vita.

Dopo convivenze forzate o distanze obbligate tra le persone, il cammino aiuterà a riappropriarsi della libertà dei grandi spazi e ci regalerà incontri e relazioni nuove. Aumenteranno le persone che avranno un approccio sostenibile alle cose, ai viaggi, al cibo, al fatto a mano e non sarà per orgoglio o spirito patriottico, ma per un senso di appartenenza ad una comunità che forse avevamo messo da parte. RI-partiremo da casa con la voglia di vivere il territorio, i luoghi a noi vicini e sono infinite le possibilità.

Ci siamo già forzatamente (ri)appropriati del concetto di “lentezza”, Ri-Partiremo dando un significato nuovo alla “leggerezza”, con un’attenzione maggiore alle piccole cose e verso il patrimonio e l’ambiente che ci circonda. Valori che il cammino da sempre porta con sé, i nuovi viandanti avranno solo occhi nuovi per godere di ciò che, volendo, è sempre stato a portata di mano. Anzi, di piedi.

Sonia Pallai, esperta di turismo e marketing territoriale

Riproduziona riservata.

 

Categorie
news-import

In viaggio con Efrén da Canterbury a Roma!

Sono questi i giorni in cui chi cammina sente sempre più forte l’esigenza di trovare metodi alternativi per “vivere” il percorso, compierne qualche tappa, come può.
Oltre a leggere i romanzi di grandi camminatori, pianificare nuovi viaggi, pensiamo che possa farci bene nutrire anche gli occhi e lo spirito di luoghi come quelli dove ci accompagna Efrén Gonzaléz, pellegrino, video maker e travel blogger americano amico dell’Associazione, che nel 2018, dal 18 luglio al 10 ottobre, ha compiuto tutto l’itinerario francigeno, documentando con emozionanti video e utilizzo del drone tutta la sua avventura a piedi per tutte le 89 tappe da Canterbury a Roma!

Un viaggio lento, che possiamo fare anche nostro, attraverso la scoperta e la conoscenza di tutti i territori attraversati, delle persone incontrate, degli entusiasmi e imprevisti sul cammino, vivendo indirettamente gli infiniti stati d’animo di chi cammina.

Aneliamo a far sì che condividere esperienze reali di viandanti lungo l’itinerario, possa in qualche modo, almeno per qualcuno, essere una scintilla, che prima o poi accenda il desiderio di compiere il primo di molti passi lungo la Via Francigena e le strade del mondo.

Efren ha raccontato ciascuna delle sue 89 tappe, momenti magici che vi riproporremo ogni lunedì, martedì e venerdì sulla nostra pagina Facebook!

Intanto come primo passo vi lasciamo il trailer del suo affascinante viaggio che ripercorreremo nelle prossime settimane con lui!

Maggiori info su Efrén si trovano nel suo sito: www.efrengonzalez.com

Categorie
news-import

Via Francigena LIVE! Le dirette social alla scoperta dell’itinerario Europeo

Continuano le dirette social organizzate dall’Associazione Europea delle Vie Francigene, un piccolo, ma efficace contributo per sentirci tutti più vicini, consolarci, coccolarci, ma anche conoscerci, darci fiducia e coraggio nell’affrontare questo periodo e guardare insieme verso un vicino futuro fatto di muscoli stanchi e scarponi impolverati.

Dopo il primo appuntamento live (molto seguito e partecipato!) dello scorso venerdì con Elisa Peruzzi per parlare di partenza e aver anticipato il calendario dei suoi interventi, che puoi vedere qui, siamo felici di dare spazio nel corso dei prossimi martedì, alla scoperta dei tratti della Via Francigena.

Martedì 7 Aprile ore 18:00 partiremo idealmente per un viaggio di 3200 km sull’itinerario europeo, percorrendolo “a ritroso”! Sì, vogliamo iniziare dalla fine, dal tratto della Via Francigena del Sud, l’ultimo arrivato in termini di certificazione, oggi in via di perfezionamento.

Gli appuntamenti dei prossimi martedì invece risalgono lo stivale e l’Europa portandoci a conoscere e approfondire prima il tratto italiano dell’itinerario nel centro-nord, poi quello svizzero per arrivare alla fine, ovvero all’inizio del percorso, con il tratto francese e quello inglese.

Di seguito il calendario degli incontri, sempre ore 18:00:

Martedì 14 Aprile
Andrea Devicenzi, atleta paralimpico, ci accompagnerà lungo il tratto della Via Francigena dal Passo del Gran San Bernardo a Roma.

Martedì 21 Aprile
Julien Moulin, autore della prima guida ufficiale da Canterbury al Passo del Gran San Bernardo, e Christian Schuele, storico, ci parleranno del tratto svizzero e dei contenuti della guida stessa.

Martedì 28 Aprile
Martine Gautheron, Vice presidente dell’Associazione Europea delle Via Francigene, e Leslie Maussang, responsabile dell’ufficio AEVF in Francia, ci porteranno alla scoperta del tratto francese e inglese, i primi tratti del percorso.

Martedì 5 Maggio

Velia Coffey, già Vice presidente dell’Associazione Europea delle Via Francigene, affronterà il km zero a Canterbury e l’esperienza di 2.000 km in bicletta sulla Via Francigena fino a Roma.

Abbiamo volutamente scelto di parlare di tutto questo con persone che sono innanzitutto appassionati camminatori, profondi conoscitori dei rispettivi tratti e in generale dell’intero percorso e che per motivi anche professionali hanno a cuore lo sviluppo e la promozione della Via e dei territori che questa attraversa. I vari ospiti saranno introdotti da Luca Bruschi, direttore AEVF.

Nel corso del primo appuntamento questo martedì 7 Aprile, parleremo con Angelofabio Attolico, responsabile tecnico AEVF del tracciato meridionale della Via e referente dei cammini per conto di Regione Puglia. Angelofabio è una importante risorsa e vedetta francigena, nulla si muove sul tratto Sud senza che lui venga a saperlo! Amico e sostenitore di ogni realtà lungo il percorso, uno degli animi che più generosamente si spende affinché la Via porti valore a persone e territori.

Angelo ci racconterà tutti i dettagli di questo itinerario, ancora forse meno conosciuto, ma fra i più spettacolari, a che punto siamo ora riguardo la sua percorribilità, cosa si sta facendo e i prossimi obiettivi. Quali sono inoltre le novità più rilevanti, come l’uscita della guida sul tratto Sud.

Una suggestione lunga 900 km, che, siamo certi, porterà molti di noi, il prima possibile, a scoprire personalmente questi luoghi…

Ci vediamo martedì 7 Aprile alle 18 sulla nostra pagina Facebook!

Ti aspettiamo!

Categorie
news-import

Via Francigena LIVE! 10 dirette social per parlare di cammini e turismo lento

In questi giorni immobili stiamo pensando che ci piacerebbe sentirci tutti più vicini come viandanti, abbiamo quindi deciso di dedicare volti e voci ad alcuni temi legati all’esperienza del cammino, come il significato dei diversi momenti di un viaggio lento, la scoperta di una Via Francigena meno conosciuta e semplici consigli pratici per chi deve ancora compiere il suo primo passo.

Come?

Ci incontreremo virtualmente, da domani Venerdì 3 Aprile, ogni martedì e venerdì alle ore 18:00 per dieci appuntamenti con appassionati di cammino e turismo lento, conoscitori ed esperti dell’intero percorso europeo della Via Francigena.

Sarà (quasi!) come raccontarsi e conoscersi in viaggio, alla fine di una giornata sulla strada, ma invece che in ostello, davanti a una meritata birra di fine tappa, ci vedremo live sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram.

Chi parlerà e si confronterà con voi, rispondendo in diretta a eventuali domande, sono persone che portano nelle gambe, ma soprattutto negli occhi e nel cuore tantissimi chilometri percorsi sull’intera Via Francigena e su molti altri cammini in Italia e all’estero.

A inaugurare il primo di questi incontri “in cammino” sarà Elisa Peruzzi, pellegrina e attrice, che nel corso di quattro appuntamenti ci accompagnerà nelle fasi più significative del viaggio a piedi: la partenza, compiere il primo passo, il viaggio in cammino e l’arrivo alla meta finale… che non è altro che un inizio.

Elisa lo scorso anno ha viaggiato a piedi per 2.800 km da Desenzano del Garda a Santiago di Compostela raccontando le sue emozioni di viaggio su Radio Francigena.

Qui il calendario completo delle sue dirette:

Venerdì 3 Aprile
1) QUANDO COMINCIA UN VIAGGIO?
Un pellegrino, un’idea di viaggio, una partenza. Quali passi fare prima di partire?

Venerdì 10 Aprile
2) IL PRIMO PASSO
Quel passo che dà inizio al viaggio. Cosa porta con sé?

Venerdì 17 Aprile
3) CAMMINANDO, ANCORA
I miliardi di passi che esistono tra il primo, e l’ultimo. Che cosa accade dentro e fuori di noi?

Venerdì 24 Aprile
4) LA FINE DEL MONDO: L’ULTIMO PASSO
La fine del Cammino, quindi il nuovo inizio di tutto il resto.

Elisa da diversi anni percorre i cammini verso Santiago de Compostela. Nel 2019 ha camminato in solitaria da Desenzano del Garda, in provincia di Brescia, a Santiago de Compostela e poi Finisterre.
Quest’anno era intenzionata a realizzare un progetto che l’avrebbe portata a percorrere tutta la Via Francigena italiana, dalla Valle D’Aosta alla Puglia, portando in scena uno spettacolo teatrale in forma di monologo che tratta di cammini, viaggi, emozioni legate allo spostarsi lentamente da un punto all’altro della terra.
Per Elisa questo sarebbe stato il modo per unire i suoi due cuori, i suoi due amori: il viaggiare lentamente e l’arte.
Sarebbe dovuta partire il 15 Maggio, purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria questo non sarà possibile. Il Cammino ci insegna a vivere alla giornata, ad avere pazienza, ad accettare tutto quello che arriva senza opporre resistenza. Ed è così che Elisa vive la sua quarantena: con spirito pellegrino.
Elisa sarà presente nelle dirette per raccontarci le emozioni, le paure, le gioie, i dolori e perché no, degli aneddoti divertenti riguardanti il viaggiare lentamente a piedi.
Sarà presente per rispondere a tutte le domande che vorrete farle, per viaggiare da casa. Per sognare, condividere, stare insieme… come si fa alla sera, tra pellegrini, sui cammini.

I prossimi quattro martedì saranno invece dedicati all’itinerario francigeno, da Canterbury a Santa Maria di Leuca. Un viaggio di 3200 km! Inizieremo il 7 Aprile parlando dei lavori in corso nell’ultimo dei tratti certificati, forse ancora poco conosciuto, ma senz’altro uno dei più spettacolari: quello della Via Francigena del Sud che va da Roma a Santa Maria di Leuca.

Il calendario completo delle altre dirette è ancora in via di definizione, vi aggiorneremo presto su tutti gli incontri!

Ci vediamo domani alle 18, seguici live sulla nostra pagina Facebook o sul nostro profilo Instagram!

Ti aspettiamo!

Categorie
news-import

Online il Report 2019 delle attività del programma degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa

Il segretariato dell’EPA annuncia l’uscita del report delle attività 2019 degli Itinerari Culturali del programma del Consiglio d’Europa, redatto in collaborazione con l’Istituto Europeo di Itinerari Culturali di Lussemburgo.
Grazie allo straordinario e costante impegno di tutta la rete degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa, a cui la Via Francigena aderisce dal 1994, il 2019 è stato un altro anno eccezionale per il programma.

Il successo degli itinerari culturali è stato inoltre riconosciuto con il prestigioso riconoscimento del Premio Europeo Carlo V da parte di Sua Maestà il Re di Spagna e la nomina del Consiglio d’Europa come nuovo ambasciatore onorario delle rotte di pellegrinaggio di Santiago de Compostela.

Tra i punti salienti, il Consiglio d’Europa ha certificato 5 nuovi itinerari, portando il programma a 38 itinerari certificati e oltre 2500 membri della rete che attraversa circa 60 paesi in Europa e oltre.

Nel report annuale vengono inserite anche le buone pratiche di ciascuno degli itinerari culturali europei in merito al turismo sostenibile: la Via Francigena è presente con il bel progetto “sosta e gusta” capace di coniugare l’aspetto del turismo culturale con la gastronomia attraverso un partenariato pubblico-privato.

L’accordo parziale allargato sugli itinerari culturali (APA) ha continuato a veder crescere il numero dei nuovi membri e ha portato a un sempre maggiore sostegno politico.
La Lettonia è diventata il 33° Stato membro ad aderire all’APA e tre nuovi Stati membri hanno richiesto lo status di osservatore: Albania, Irlanda e Svezia.

Infine il 2019 è stato caratterizzato da un rilevante numero di eventi e attività, tra cui si ricorda il IX Forum Consultivo Annuale a Sibiu, in Romania, e l’VIII Accademia di formazione lungo The Hansa, a Visby, in Svezia.

Il rapporto completo di 98 pagine è disponibile in allegato scaricabile.

Categorie
news-import

Ripartire dal Turismo – Un corso online gratuito per valorizzare il cammino in Emilia-Romagna

Logo

In data 7 Maggio 2020 avrà inizio il corso online “Costruire un’offerta turistica integrata sui cammini dell’Emilia-Romagna” organizzato da Demetra Formazione e condotto dall’Associazione Europea delle Vie Francigene.

La formazione, che verrà proposta in modalità e-learning per l’emergenza sanitaria COVID-19, è del tutto gratuita e si rivolge a imprese e professionisti del settore turistico.

Il corso sviluppa competenze per la pianificazione e l’organizzazione di percorsi turistici integrati volti alla valorizzazione dei 18 Cammini che attraversano l’Emilia-Romagna.

La docenza del corso è affidata all’Associazione Europea delle Vie Francigene, in grado di portare il proprio know how e l’esperienza maturata in quasi 20 anni di progettazione turistica a servizio dei territori.

Il corso si svolgerà nelle seguenti date: 7 e 8 maggio, 14 e 15 maggio, 21 e 22 maggio.

Le iscrizioni devono pervenire a Demetra Formazione entro e non oltre il 22 aprile 2020.

I partner del progetto sono: Associazione Italiana Turismo Responsabile, Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche e Lega Coop Emilia Romagna.

Per ogni dettaglio riguardante i contenuti, i destinatari, le modalità di iscrizione e ulteriori informazioni si invita a consultare questo link: https://www.demetraformazione.it/corso/costruire-unofferta-formativa-turistica-integrata-sui-cammini-dellemilia-romagna-2/

Si lasciano inoltre tutti i contatti della referente del progetto:
Jessica Fabi
Tel. 348 4913138
E-mail: icc@demetraformazione.it
Sito Web: www.demetraformazione.it/icc

“Operazione Rif. PA 2019-11695/RER approvata con Deliberazione di Giunta Regionale n.1336 del 29/07/2019, cofinanziata dal Fondo sociale europeo PO 2014-2020 Regione Emilia-Romagna”.