Via Francigena

Categorie
news-import

La valorizzazione del nostro territorio: la via Francigena

Nonostante le previsioni meteo non annunciassero un tempo splendido, la camminata Francigena di domenica 22 marzo ha visto la presenza di un buon numero di partecipanti:  circa 100 persone che hanno colto la possibilità di camminare assieme sul tratto della via che da Viterbo conduce a Vetralla.

Lungo il cammino:

– cenni storici

– inaugurazione di tabelloni illustrativi dei luoghi (posizionati nei pressi dell’edicola  SS Ilario e Valentino e in Località Quartuccio) e dell’ area di sosta del Pellegrino Francigeno;

– colazione offerta dalla Coldiretti e CNA, ristoro c/o Antica Locanda Francigena.

Ad  attendere i partecipanti all’arrivo sulla piazza del Comune di  Vetralla:  il Sindaco Sandrino Aquilani, il Delegato alla Cultura Michele Vittori, il Sindaco di San Lorenzo Nuovo Massimo Bambini, l’Assessore all’urbanistica del Comune di Viterbo Raffaela Saraconi, l’assessore alla cultura del Comune di Montefiascone Renato Trapè, Simone Quilici per la Regione Lazio.

La manifestazione si è conclusa nella Sala Consiliare con il saluto delle Autorità e  con la promessa di organizzare una prossima tappa che preveda  la percorrenza del tratto della Via Francigena che da Vetralla porta a Capranica e Sutri.

Un grazie a tutti coloro che con il loro intervento hanno reso possibile questa manifestazione:

Comuni di Viterbo e di Vetralla, Regione Lazio, CFS, Polizia Locale e  Protezione Civile di Viterbo e di Vetralla, Coldiretti, CNA, Daniel Plants, Lions Club, Historia, Rotary Club, CTS.

Appuntamento per domenica 24/05/2015 per un altro  tratto di cammino.

 

Categorie
news-import

Centro visite multimediali a Lucca, un bando per la Francigena

Avviso di gara per la gestione, previo allestimento, del Centro Visite Multimediali della Via Francigena all’interno del complesso monumentale del baluardo San Salvatore e della Casa del Boia.

Affidamento in concessione della gestione integrata dei servizi al pubblico e delle attività di valorizzazione del progetto “Lucca, le mura e la Via Francigena: realizzazione del Centro Visite Multimediale dell’itinerario culturale europeo con annessi servizi” all’interno del complesso monumentale del baluardo San Salvatore e della Casa del Maestro di Giustizia (detta Casa del Boia) in ossequio agli articoli 115 e 117 del dlgs 22 gennaio 2004 n. 42 e ss.mm.ii.

Scadenza presentazione domande: entro le ore 12:00 del 22 giugno 2015
Per informazioni: viafrancigena@comune.lucca.it
Disciplinare gara aperta Centro Visite Multimediale
Capitolato Speciale Centro Visite Multimediale
Bando U.E . Determina n. 486 del 19-03-2015

Fonte: Comune di Lucca

Categorie
news-import

Tre itinerari verso Roma, con Ad Limina Petri

L’associazione Ad Limina Petri, nata in ambito Cei (Pastorale del Turismo, Tempo Libero e Sport), che si dedica ai percorsi di pellegrinaggio a piedi, organizza tre itinerari che partono dagli estremi confini dell’Italia, con l’obbiettivo di convergere a Roma nel 2019 in cinque anni consecutivi. 


Gran San Bernardo in Valle d’Aosta, Tarvisio in Friuli Venezia Giulia e Santa Maria di Leuca in Puglia sono i tre punti di partenza. La via Francigena del Nord, la Romea Strata e la Via Francigena del Sud sono le tre antiche Vie di Fede che l’associazione vuole valorizzare percorrendole con lo stile che le è proprio: “L’Uomo che cammina”. 

 

E’ questo il tema scelto per il pellegrinaggio: “un invito a mettersi in cammino dietro a Gesù, a seguire l’Uomo che Duemila anni fa, come oggi, cammina al nostro fianco”, dice l’associazione. 

Dal 23 maggio al 2 giugno un gruppo di pellegrini partirà da Santa Maria di Leuca per raggiungere Ostuni lungo la Via Francigena del Sud. Dal 18 al 28 agosto, contemporaneamente alla Romea Strata, di cui sarà attraversato il tratto friulano fino a Concordia Sagittaria, un gruppo di pellegrini partirà dal Gran San Bernardo per raggiungere Vercelli percorrendo la Via Francigena del Nord.

Continua Ad Limina Petri: “Il pellegrinaggio lungo uno dei tre tratti proposti è aperto a chiunque voglia vivere una significativa esperienza a livello personale: per ritrovare la profondità di se stessi e il senso del proprio cammino nella vita, per conoscere meglio persone e territori e realtà locali, immergendosi in un’antica “pratica” religiosa che oggi coinvolge – anche al di là dei diversi “credo” e religioni – un numero crescente di persone.
Camminare, camminare per ore e per giorni, significa staccare dal proprio ambiente, dagli abituali ritmi di vita, dai comfort e dai tanti oggetti che ci paiono indispensabili. Significa anche sperimentare il lento e tenace avvicinarsi ad una mèta, con occhio di ammirazione e contemplazione.
Essenzialità, semplicità, spirito di adattamento, vita di gruppo, accoglienza… sono questi alcuni dei tratti essenziali che animano lo spirito del viandante che s’incammina sulle antiche vie di pellegrinaggio. A questi si unisce l’esperienza dell’incontro con Dio che si fa compagno di strada…”. 

Per ulteriori informazioni si può visitare il sito www.adliminapetri.org
Per informazioni e iscrizioni: 
* VIA FRANCIGENA DEL NORD: dal Gran San Bernardo (AO) a Vercelli, km 180
18-28 AGOSTO, contatto: Luciano Pisoni – luciano_pisoni@virgilio.it – cell 347 7139968
* VIA ROMEA STRATA: dal Tarvisio (Friuli) a Concordia Sagittaria (VE), km 200
18 – 28 AGOSTO, contatto: Ufficio Pellegrinaggi Vicenza – pellegrinaggi@diocesi.vicenza.it – tel 0444 327146
* VIA FRANCIGENA DEL SUD: da Santa Maria di Leuca (LE) a Ostuni (BR), Km 170
23 MAGGIO – 2 GIUGNO, contatto: Ermanno Natale – ermnatal@libero.it – cell 3387577654

Fonte: Gazzetta Parma

Categorie
news-import

17 sindaci laziali firmano il protocollo d’intesa per la Francigena

Mercoledì 25 marzo alle ore 10, presso la Sala Grande di Palazzo Chigi in Piazza San Lorenzo a Formello, i sindaci dei 17 comuni della via Francigena laziale, alla presenza dell’Assessore alla Cultura della Regione Lazio Lidia Ravera e coordinati con i Municipi I, XIV e XV di Roma Capitale, firmeranno un protocollo di intesa per sostenere lo sviluppo e la promozione della Via Francigena.
 
Alla presenza di AEVF, in questa sede verrà firmato il Protocollo d’Intesa per la costituzione di un Tavolo di Coordinamento per la valorizzazione della Via Francigena nel Lazio tra i seguenti i Comuni: Acquapendente, Bolsena, Campagnano di Roma, Capranica, Caprarola, Formello, Grotte di Castro, Mazzano Romano, Montefiascone, Monterosi, Nepi, Proceno, Ronciglione, San Lorenzo Nuovo, Sutri, Vetralla, Viterbo.
 
“Il fenomeno del viaggio a piedi lungo gli itinerari culturali e di fede è da anni in forte sviluppo, e lo sarà ancora di più in vista del prossimo Giubileo; ma ciò che rende più significativo l’evento è che per la prima volta nella nostra regione i territori si sono auto organizzati, coordinandosi ‘dal basso’ per favorire lo sviluppo di un turismo sostenibile dalla significativa potenzialità economica e al tempo stesso propulsore di una cultura dell’accoglienza. Ora che anche Roma Capitale ha finalmente definito il percorso di ingresso in città, l’intero sistema può finalmente e definitivamente decollare” ha dichiarato Sergio Celestino, Sindaco del Comune ospite.
 
“Ringraziamo la Regione Lazio che ha aiutato i comuni ad organizzare la costituzione del Tavolo di Coordinamento. Ora sarà più facile cercare finanziamenti per migliorare l’intero sistema territoriale, a cominciare dagli stanziamenti del decreto ‘Destinazione Italia’, che stiamo aspettando da tempo“, ha concluso il Sindaco di Formello.
Categorie
news-import

La Via Francisca del Lucomagno verso Roma e Santiago di Compostela

La Via Francisca del Lucomagno dal Lago di Costanza a Pavia – via degli imperatori o via di pellegrinaggio – verso Roma e/o Santiago di Compostela. Gli imperatori germanici controllano il passo alpino più basso (1920 m s.l.m.) delle Alpi utlizzato anche per tutto il traffico commerciale verso l’Italia fino alla fine del XIII sec.  

Il nostro pellegrinaggio inizia nel santuario mariano (Wahlfahrtkirche Unsere Liebe Frau, 1470) di Rankweil-Voralberg al bivio tra la via romea proveniente da Bregenz sul lago di Costanza e quella compostelana del Voralberg. La segnaletica jacobea conduce fino a Feldkirch (la romana Clunia), dove il pellegrino trova alloggio presso il convento dei capuccini. Dopo la benedizione, si incammina sull’antica via alta dell’Eschnerberg e raggiunge la chiesa di Bendern in collina. Acquistata nel 1619 dai principi del Lichtenstein, la contea di Schellenberg è all’origine dell’attuale Principato, uno dei più piccoli stati indipendenti in Europa.

L’itinerario risale la riva destra del Reno toccando Schaan – possibile alloggio nel monastero Sankt-Elizabeth – fino al capoluogo Vaduz, dominato dal castello del Principe, costruito nel XIII sec.

Da Vaduz a Balzers (477 m) il pellegrino segue il Reno, sale a Luzisteig (713 m), dove visita la chiesa di Steig (chiavi presso il ristorante), e riscende a Maienfeld (504 m). Il castello Brandis in mezzo ai vigneti adorna la pittoresca cittadina conosciuta in tutto il mondo per il “villaggio di Heidi” situato nei pressi.

Da qui l’itinerario storico prosegue – per 220 km in Svizzera, di cui 130 nel cantone dei Grigioni – risalendo il grande fiume europeo fino alla sua sorgente. Inizialmente si incontra il castello Marschlins (XIII sec.) e si raggiunge Zizers (561 m) dove visse nell’ex castello dei Salis l’ultima imperatrice d’Europa, Zita, moglie dell’imperatore Carlo I d’Austria, dal 1962 fino alla sua morte nel 1989 quasi centenaria.

Oltrepassato Trimmis, si attraversa la foresta Fürstenwald in direzione di Coira, la più antica città svizzera (2500 a.C.) e già capoluogo della Retia Prima e sede vescovile dal IV sec. Oggi il pellegrino ottiene il timbro della credenziale presso l’ufficio “Ordinariato-HOF” del palazzo episcopale posto in cima alla citta vecchia.

Da Coira l’antica via romana raggiunge la cappella carolingia di San Pietro a Domat / EMS. Attraversato il Reno detto anteriore (per l’avvicinarsi alla sorgente), si sale a Tamins e si passa nuovamente il fiume per risalire a Bonaduz: le cappelle di Sogn Paul (San Paolo, XIII sec., con affreschi del XIII-XVII sec.) e Sogn Gieri (San Giorgio, X sec., con affreschi del XIV-XV sec.) à Rhäzuns sono imperdibili per pellegrini e turisti.

Camminare sul sentiero con vista mozzafiato a strapiombo delle famose gole di Ruinalta tra Bonaduz e Valendas rappresenta per il pellegrino, senza dubbio, l’emozione più forte di tutta la Via Francisca del Lucomagno, passando da tipici antichi villaggi montani come Versam e Valendas.

Raggiunta la regione detta Surselva (al di sopra della foresta), il viandante fa tappa nel modernissimo convento – Casa dell’Incontro – e visita (cartina disponibile alla stazione ferroviaria) la città vecchia di Ilanz con edifici del XVI-XVII sec. e museo etnografico, e avverte una lingua parlata diversa: il romancio del Sursilvan (una delle 4 lingue nazionali svizzere, di cui esistono 6 versioni differenti).

Da Ilanz un tranquillo sentiero conduce a Trun, via Tavanasa e Darvella passando davanti alla curiosa cappella Sogn Giusepp (San Giuseppe, 1676). A Trun, nel 1424 si svolse un evento storico importante per i Grigioni: le Leghe Grigie (origine del nome Grigioni) decisero di rinnovare il loro patto, e l’acero presso la cappella Sankta Anna ricorda il sito dell’evento. Il museo Sursilvan Cuort Ligia Grischa, ospitato nell’ex convento di Trun, fu donato dall’abate di Disentis per essere sede del parlamento delle Leghe Grigie.

Tutta la Via Francisca degli imperatori è percorsa regolarmente (in caso di necessità) da un servizio di autopostali-“diligenze” o ferroviario tra Maienfeld e Disentis.

Da Trun l’antica via sale a Sumvitg – villaggio caratteristico con antiche case decorate – e ridiscende per seguire la riva orografica sinistra del Reno fino a Disentis, ove s’impone alla vista il possente e già potente monastero benedettino. L’abbazia, fondata nell’VIII sec. da Sigisberto, monaco scozzese, nonostante incendi, distruzioni e ricostruzioni (l’ultima nello stile rococó del 1700), sopravvive e raggiunge un’influenza europea dovuta alla sua posizione ai piedi del Lucomagno. Vi fece tappa, tra gli altri, Carlomagno al ritorno dall’incoronazione a Roma.

I suoi possedimenti erano sparsi dalla Germania e dalla Svizzera interna fino al Ticino e alla Lombardia, ad esempio l’abbazia di San Gemolo in val Ganna-Varese. L’itinerario attraversa i suoi ex alpeggi siti nella valle di Blenio, oggi parco naturale.

Uscendo da Disentis, il pellegrino passa dapprima davanti alla chiesa di Sogn Gions (San Giovanni del 1643), poi alla cappella di Sontga Gada (Sant’Agata, del 1100) ammirandone gli affreschi del XV sec.

A questo punto ha inizio la salita sulla riva sinistra del Reno di Medelfino alla cappella di Mutschnengia (1610) e si scavalcato il ponte sospeso in direzione di Acla, dove una moderna cappella ricorda le vittime di una valanga.

Salendo fino al passo si incontrano varie cappelle che testimoniano l’esistenza di antichi ospizi, quello di Santa Maria del 1374 (ricoperto da una diga nel 1968) e sostituito da un confortevole rifugio montano al confine tra Grigioni e Ticino.

A metà strada tra Disentis e Olivone, ecco raggiunti il passo e il sud delle Alpi.

La discesa si snoda lungole sorgenti del Brenno – tra cui la famosa Alpe Pertusio – su antiche vie romano-medievali, mulattiere segnate dal passaggio di carri; dopo una foresta di pini di cembro, il viandante scopre scolpita sulla facciata dell’”attuale” ospizio di Camperio (datato 1254), una croce di Malta; si accorge inoltre che qui si parla il dialetto ticinese-lombardo.

Olivone si presenta con tutte le strutture degne del capoluogo della valle di Blenio, cioè alberghi, ristoranti, il museo etnografico Cà da Rivoi: una visita da non mancare.

Oltrepassata la chiesa di San Martino (XI sec.), la strada conduce tra le case affrescate del nucleo di Solario, a Ponte Aquilesco e a l’oratorio di Santa Caterina (del 1567) infine ad Aquila. Passato sulla riva sinistra del Brenno nelle vicinanze del ponte romano di Grumarone (citato nel 1305), il pellegrino percorre una mulattiera che gli permetterà di scoprire sulla collina soprastante la piu celebre chiesa romanica del Ticino, e forse della Svizzera per architettura e affreschi: San Carlo di Negrentino (XI sec.); grazie a una vertiginosa passerella aerea si raggiungono il villaggio e la chiesa in stile tardo rococó (molto comune in Ticino) di Leontica.

La tappa – in parte su mulattiera – Leontica-Biasca è tutto un susseguirsi di monumenti storici importanti da non perdere: tra essi la chiesa barocca di Corzoneso, in mezzo alla piana quella romanica di San Remigio, famosa per l’altare con i Santi Pietro e Paolo (copia dell’originale dell’ XI-XII sec.) e il gigante San Cristoforo. Dopo 1 km circa si incontrano l’oratorio di S. Maria del Monastero, con le rovine dell’ospizio del 1270 sulla Via Francisca, e ancora un altro gioiello romanico ticinese: la chiesa di San Pietro di Motto, ornata di affreschi del XIV-XV sec.

Il villaggio di Ludiano sfoggia antiche dimore e ricche “ville” costruite da fortunati emigranti in America del sud al loro rientro in Ticino a fine XIX-inizio XX sec.
Prima di Semione la Via Francisca, tra vigne a percolati sbuca nel magnifico complesso delle rovine del castello di Serravalle (toponimo tipico delle chiuse lungo le grandi vie di transito internazionale), dove, tra gli altri, soggiorno nel 1176 Federico Barbarossa! Distrutto definitivamente nel 1402, il sito è “protetto” dalla chiesa affrescata (1587) di Santa Maria di Castello.

Attraversata la riserva naturale da Legiüna a Loderio, il pellegrino raggiunge il fondo valle a Biasca, alla confluenza con la via del San Gottardo, e conclude la tappa (o inizia la successiva) sull’altura alla pieve dei Santi Pietro e Paolo, capolavoro architettonico e pittorico dell’arte romanica. L’interno sorprende per il pavimento granitico inclinato e per la ricchezza delle pitture murali (XIII-XVI sec.), tra cui i motivi geometrici bianco/nero e elementi allegorici zoomorfi.

Seguendo il fiume Ticino, attraversando piccoli villaggi come Lodrino e Gnosca, oppure seguendo la pista ciclabile, si raggiunge Bellinzona – capitale del canton Ticino –, iscritta al patrimonio mondiale dell’Unesco per i suoi tre imponenti castelli medievali (Castel Grande, Montebello e Sasso Corbaro). Da Montebello l’antica via scende ripida al centro storico (con ostello della Gioventù), passa dalla ricchissima chiesa di Santa Maria delle Grazie, porta a quella di San Biagio di Ravecchia (altro caposaldo dell’architettura romanica ticinese), e alla parrocchiale Santa Maria Assunta di Giubiasco dove il pellegrino è accolto dal gigantesco San Cristoforo sulla facciata, e da un affresco della Veronica (testimonianza di pellegrinaggio romeo) all’interno.

Lungo il canale del Ticino il pellegrino entra nel parco delle Bolle di Magadino, che lo conduce al Lago Maggiore. San Carlo Borromeo fece il suo ultimo viaggio da Magadino per Arona e Milano nel 1584. La via costeggia il lago, si affaccia alla Cà di Ferro (1560, già centro di arruolamento dei mercenari svizzeri), alla chiesa di San Quirico (del 1300) e alla collegiata di San Vittore (capolavoro del IX sec.) per arrivare a Locarno.

Città di origine romana, sotto il controllo dei vescovo di Milano, di Como, dal 1347 dei Visconti, dal 1516 baliaggio dei cantoni svizzeri, oggi con Ascona luogo idialliaco per turisti da tutto il mondo.

È d’obbligo salire al santuario della Madonna del Sasso sopra Locarno (anche con funivia), essendo esso la principale meta di pellegrinaggio in Ticino (fondato da un eremita di Ivrea nel XV sec.).

Per raggiungere Arona (patria di san Carlo), da secoli il pellegrino si imbarca (oggi su aliscafi) e costeggia le Isole Borromee, di fama mondiale per la loro flora e per i tesori delle loro ville. Dopo la visita alla Rocca di Arona, la Via Francisca confluise in una “via fluviale” di 120 km, percorribile anche in bicicletta nel Parco del Ticino (il più grande d’Europa), spesso utilizzando le piste ciclabili lungo i navigli fino al ponte di barche (unico rimasto in Italia) di Bereguardo e a quello coperto di Pavia.

Il pellegrino trova alloggio nel nuovo ostello di Pamperduto o in piccoli borghi come Turbigo. Per concludere il pellegrinaggio – tra bellezze artistiche e naturali incomparabili – non c’è sosta migliore che una visita alla grandiosa abbazia cistercense di Morimondo -“morire al mondo”- fondata nel 1134.

 

Luigi Guglielmazzi, Margot Collins-Fäh, Adelaide Trezzini 2.2015

Categorie
news-import

Nasce l’Associazione Via Francigena Belgio

E’ nata l’Associazione Via Francigena Belgio, in collaborazione con l’AEVF. La rete è nata con l’obiettivo di promuovere e di facilitare le partenze verso Roma a partire dal Belgio.

I  membri sono un piccolo gruppo di volontari che si prestano a fornire informazioni e indicazioni utili sulla Francigena in Belgio. Sono sei pellegrini con il forte animo dei camminatori: Vincent Imperiali (Presidente) Geert Smellenbergh (Tresoriere), Myriam Fobe (Segretario), Jacques Riva, Albert Fobe et Olivier Everard.

La prima sessione di lavoro è prevista a Bruxelles il 18 aprile a partire dalle 15:00 presso:

Cercle des Voyageurs
Rue des Grands Carmes 18
1000 Bruxelles
www.viafrancigena.be

 

Categorie
news-en-import

Born The Belgium Via Francigena Association

The Belgium Via Francigena Association is born in collaboration with AEVF. The network aims to promote and facilitate the journeys to Rome starting from Belgium.

The members are a little group of volunteers offering useful information on the Via Francigena in Belgium. They’re six pilgrims, really passionate about walking: Vincent Imperiali (President) Geert Smellenbergh (treasurer) Myriam Fobe (Secretary), Jacques Riva, Albert Gode and Olivier Everard.
The first working session is planned for April 28 in Bruxelles, starting from the 3 pm at the following address:

Cercle des Voyageurs 
Rue des Grands Carmes 18
1000 Bruxelles
www.viafrancigena.be

Categorie
news-fr-import

Association Via Francigena Belgique

L’association Amis de la Via Francigena Belgique est née, en collaboration avec l’AEVF. Elle est née d’une volonté de promouvoir et de faciliter le départ vers Rome à partir de la Belgique.

Les membres sont une poignée de volontaires avec pour but principal de promouvoir et de fournir tous les renseignements utiles sur la Via Francigena en Belgique. Ils sont six pèlerins dans l’âme et anciens marcheurs: Vincent Imperiali (Président) Geert Smellenbergh (Trésorier), Myriam Fobe (Secrétaire), Jacques Riva, Albert Fobe et Olivier Everard.

La première session d’information est prevue à Bruxelles le 18 avril à partir de 15h00

Cette première rencontre aura lieu à l’adresse suivante :

Cercle des Voyageurs
Rue des Grands Carmes 18
1000 Bruxelles
www.viafrancigena.be

 

Categorie
news-import

L’innovazione digitale: la Cattedrale di San Donnino apre le porte alla realtà aumentata

Martedì 24 marzo 2015 alle ore 10.30 presso la “Sala Conferenze” del Palazzo Vescovile di Fidenza (Parma) si terrà la conferenza stampa di presentazione del Progetto San Donnino: Cultural Heritage”.

Si tratta di un progetto di riqualificazione a fini turistico-culturali e religiosi della Cattedrale di Fidenza mediante la creazione di un nuovo sito Web con apps, ovvero applicazioni informatiche dedicate ai dispositivi elettronici di tipo mobile, quali smartphone e tablet. Il progetto è stato voluto dal Vescovo di Fidenza e dal Consiglio di Amministrazione della Chiesa Cattedrale di Fidenza, in collaborazione con il Museo del Duomo ed il Comune di Fidenza, per la valorizzazione del più importante monumento del territorio fidentino, già meta privilegiata per migliaia di turisti e pellegrini della Via Francigena, e per la promozione del culto di San Donnino Martire.

La valorizzazione dell’insigne luogo di culto e della sua preziosa architettura romanico – gotica, verrà effettuata mediante il supporto delle nuove tecnologie informatiche messe a disposizione dall’azienda Humarker Srl di Parma. Il progetto è stato realizzato anche grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Parma, e in particolare della Prof.ssa Francesca Zanella. Inoltre, si deve ringraziare la Diocesi di Fidenza, il Comune di Fidenza e la Fondazione Monte di Parma per l’iniziale sostegno economico al progetto. La proposta innovativa non riguarda solo il nuovo sito web della Cattedrale, ma le sue principali applicazioni (apps) che potranno essere “scaricate” dal portale web: in tal modo, ogni visitatore interessato a scoprire la bellezza della Cattedrale e la gloria del suo Santo, potrà avere sul suo smartphone o sul tablet tutte le principali informazioni per conoscere al meglio l’importante monumento di fede, d’arte e di cultura. Il progetto riguarderà non solo la Cattedrale, la Chiesa madre della Diocesi, ma la Città di Fidenza, il suo territorio locale e la Via Francigena tramite lo sviluppo di soluzioni WEB e di Realtà Aumentata per gli utenti finali che potranno già utilizzarle nell’occasione di EXPO Milano 2015, a partire dal 1 maggio 2015, nonché durante il Giubileo straordinario annunciato da Papa Francesco che si aprirà a Natale 2015.

Alla conferenza stampa interverranno il vescovo di Fidenza S.E. Carlo Mazza, il sindaco di Fidenza Andrea Massari e il vice sindaco Alessia Gruzza, il direttore dell’ufficio tecnico diocesano della Cattedrale di Fidenza Marco Tombolato, il presidente dell’amministrazione della Cattedrale di Fidenza Antonino Besagni, il direttore del Museo del Duomo di Fidenza Alessandra Mordacci, il membro del Cda di Fondazione Monte Parma Giancarlo Menta, il membro del consiglio direttivo dell’Unione Parmense degli Industriali Renzo Zucchi e il presidente di Humarker Paolo Salvatori.

Per informazioni:

Humarker Srl

Giorgia Cavalca  – cell. 347 7347436 – mail: giorgia.cavalca@humarker.com

Categorie
news-import

Ricerca sull’Alzheimer: Peter in cammino 2400 km da St. Andrews (Scozia) a Roma, sulla Francigena, per una azione di fundraising

Lo scozzese Peter Skelly in cammino 2400 miglia per realizzare una azione di fundraising a favore della ricerca sul morbo dell’Alzheimer, in Inghilterra.

Peter, 47 anni,  è partito nell’ottobre 2014 e pensa di raggiungere la sua destinazione all’inizio del mese maggio. Durante suo cammino gigante, Peter viene incoraggiato dai pensieri di sua madre Anne (71), la quale è ammalata di Alzheimer da tanti anni.

Non appena arrivato a Canterbury, nel Kent, Peter si è messo in cammino su un itinerario antico, noto come la Via Francigena, che lo porterà fino a Roma. Il percorso della Via Francigena attraversa la Francia, la Svizzera e sette regioni dell’ Italia, passando attraverso città medievali, paesi incantevoli e le Alpi nevose.

Peter, ingegnere informatico, dice: “Sto camminando da qualche settimana e ho già incontrato delle persone fantastiche lungo il percorso. Tutti sono sorpresi che io abbia scelto il periodo più freddo dell’anno per cominciare il mio viaggio. Ci sono cosi tante persone, come mia madre, che vivono con l’Alzheimer; sono determinato a procurare quante più risorse possibile per aiutare gli esperti dell’Alzheimer’s Research Uk, a trovare le terapie necessarie.

Peter viaggia con bagagli leggeri cioè con pochi vestiti, una tenda e lo stretto necessario per poter continuare il suo cammino. Ha passato il capodanno in Francia, nella sua tenda.

Quando Peter arriverà a Roma, ritirerà una bicicletta che ha lasciato qui durante un soggiorno precedente cinque anni fa. Spiega: “Cinque anni fa, ho dovuto interrompere un viaggio attorno il mondo perché non mi sentivo bene e avevo lasciato la mia bicicletta a Roma. Quando arriverò a Roma devo poi decidere se prolungare il mio viaggio su due ruote oppure se ritornare a casa in bicicletta.”

“La malattia di mia madre mi ha fatto capire che devo apprezzare le piccole cose della vita e che devo seguire i miei sogni invece di rimandarli.”

Jodie Vaughan, gestore per la accolta di fondi di Alzheimer’s Research UK, dice: “Questa è una sfida incredibile e noi siamo tanto grati a Peter che sta facendo questo viaggio epico da St. Andrews a Roma per aiutare il nostro lavoro. Ogni 20 dollari che riesce a procurare per l’Alzheimer’s Research UK, possono pagare un’altra ora di ricerca di alto livello il che ci aiuta a trovare modi per diagnosticare, prevenire, curare e guarire il morbido di Alzheimer e altre forme di demenza.

Per aiutare Peter a raccogliere soldi per Alzheimer Research UK è possibile donare online sul sito web www.justgiving.com/imayromeResearch e per seguire il progresso di Peter è possibile visitare il sito web  www.imayrome.eu.