Categorie
news

L’iniziativa Road to Rome 2021 è stata selezionata dal UNWTO in quanto buona pratica di rilancio del turismo sostenibile!

L’iniziativa “Via Francigena. Road to Rome 2021. Start again!” è stata selezionata ed è adesso condivisa sulla piattaforma ufficiale del World Tourism Organization delle Nazioni Unite (UNWTO), la piattaforma ‘Tourism for SDGs’ , per rappresentare un modello e una buona pratica, accessibile globalmente, avente come scopo il rilancio di un turismo sostenibile e responsabile post-Covid-19.

Clicca qui per l’articolo completo

La piattaforma, creata dall’organizzazione internazionale UNWTO , seleziona storie d’ispirazione, attività educative, progetti di ricerca, iniziative ed eventi, tra cui la nostra marcia a staffetta, e li analizza nel contesto dei Sustainable Development Goals (i cosiddetti SDG) , descrivendo come ciascuna buona pratica contribuisca al conseguimento di uno sviluppo sostenibile coordinato a livello globale. Come evidenzia il UNWTO, il turismo sostenibile deve tener conto di tutti i suoi impatti economici, sociali e ambientali, presenti e futuri.

I 17 SDG sono stati identificati nel 2015 dagli Stati Membri delle Nazioni Unite per definire degli obiettivi chiari e condivisi da perseguire unitamente, a livello mondiale, fino al 2030. Il turismo è solo uno dei molti argomenti e settori inerenti agli obiettivi ufficiali, tuttavia il contributo dell’evento Road to Rome si manifesta in vari modi, all’interno di molti SDG. Non solo l’iniziativa Road to Rome ma anche la Via Francigena in sé contribuisce allo sviluppo di lavori dignitosi e crescita economica (SDG 8), città e comunità sostenibili (SDG 11) e partnership per il conseguimento di questi obiettivi di sostenibilità (SDG 17).

Stiamo preparando una sezione sul nostro website in cui spiegheremo molto più nel dettaglio come la Via Francigena contribuisce agli obiettivi di sostenibilità globali, e come l’Associazione Europea delle Vie Francigena (AEVF) lavora costantemente per massimizzare il raggiungimento di queste priorità. Non lo dimentichiamo mai: proprio la dichiarazione di costituzione della nostra Associazione definisce che lo sviluppo sostenibile è l’obiettivo fondamentale del nostro lavoro!

Categorie
news

“Adotta una tappa” lungo la Via Francigena del Sud: l’iniziativa del Gruppo dei Dodici

“Adotta una tappa” è l’iniziativa della associazione laziale “Gruppo dei Dodici”, da sempre molto attivo lungo la Via Francigena, che ha come obiettivo la manutenzione piccola ma determinante per la fruibilità del percorso della Francigena a sud di Roma, sia per i pellegrini che già stanno numerosi percorrendo questo tratto, sia per avere a settembre l’intero tracciato percorribile e segnato.

I volontari hanno così pulito, segnalato e manutenuto (nel corso di diverse domeniche e coinvolgendo cittadini e amministrazioni locali) tratti del percorso e in particolare:

16 maggio: Tracciato con segnaletica orizzontale il percorso ufficiale della Francigena da Itri a Gaeta

30 maggio: Tracciato Velletri – Cori pulizia e segnaletica orizzontale per tutto il percorso ufficiale della Francigena insieme agli amici delle associazioni ASBUC di Giulianello e LUPA di Cisterna.

5 giugno: Pulizia e manutenzione percorso sentiero della Francigena a Sermoneta. Erano presenti il sindaco Giuseppina Giovannoli e l’Assessore Sonia Pecorilli, con la Protezione Civile, l’Associazione Nazionale Carabinieri e l’Associazione Cacciatori di Sermoneta. Una giornata di lavoro e di amicizia.

Il lavoro dei volontari, già importante di per sé in situazioni ordinarie, acquista ancora più rilevanza in vista del “Road to Rome 2021. Start again!“, la grande camminata evento che festeggierà il 20esimo anniversario della Associazione Europea delle Vie Francigene percorrendo tutta la Via Francigen da Canterbury a Roma, fino a Santa Maria di Leuca.

Un sentito grazie da parte di AEVF a tutte le persone che dedicano tempo, energie e soprattuto cuore alla nostra Via!

Categorie
news

In uscita il N51 della rivista dell’Associazione Europea delle Vie Francigene

Un numero dedicato alla lunga marcia del “Road to rome! Start Again!” e al supporto che tanti partner daranno all’evento.

Si legge nell’editoriale: “Il via libera alla grande marcia è arrivato il 30 marzo scorso, quando l’Assemblea Generale AEVF ha deliberato la conferma al “Via Francigena – road to Rome 2021. Start again!”. Un’assemblea partecipata dove la decisione è stata presa con grande entusiasmo, pur nella consapevolezza del perdurare della pandemia e degli accorgimenti che comporterà.”

Ed è prorpio l’entusiamo dei soci che ha consentito all’evento di trasformarsi da idea a progetto. Continua l’atricolo di apertura: “La marcia prenderà avvio mercoledì 16 giugno con una piccola, ma simbolicamente importante, cerimonia a Canterbury accanto alla pietra del “km 0” della Via Francigena. Il gruppo dei camminatori con il bordone del pellegrino sarà il 17 giugno a Calais, nel nord della Francia, dove verrà inaugurato dall’amministrazione comunale il “roseto della Via Francigena”. La marcia si propone valorizzare il turismo sostenibile, culturale, responsabile della Via Francigena e dei cammini in Europa e di promuovere la Via Francigena come importante esempio e mezzo di turismo e di sviluppo sostenibile. Sarà l’occasione per effettuare la verifica dello stato del percorso e per sostenere la candidatura della Via Francigena a Patrimonio Unesco.”

Non solo il “Road to Rome” ha visto crearsi una forte di rete di supporto, ma anche la Via Francigena nella sua quotidianità vanta una crescita dei soggetti che la affiancano per permetterle di progettare ed implementare i servizi al pellegrino e la qualità del suo percorso. E’ il caso dell’accordo con Zurich, grazie al quale verrà realizzato lungo la Via Francigena Toscana un punto sosta attrezzato per rispondere a tutte le esigenze del pellegrino, nel rispetto del paesaggio e dell’ambiente.Garmont, già spososor tecico di AEVF, non poteva mancare di partecipare anche al Road to Rome.

Si racconta in questo numero anche della ollaborazione con Coldiretti Piacenza, che consentirà ai camminatori di trovare ristoro anche grazie ai prodotti del territorio. Tra gli obiettivi c’è infatti la designazione del futuro Mercato Coperto di Campagna Amica a Piacenza come punto di sosta della Via Francigena, all’interno del quale ottenere il timbro sulla Credenziale “passaporto del pellegrino”. Di modo che si possano  creare più occasioni possibili che permettano ai pellegrini di assaggiare i prodotti locali, scoprirli e gustarli al meglio. Sempre in tema di gusto il numero 51 della Rivista racconta la liason fra AEVF e il Consorzio del Prosciutto Toscano, grazie ad una intervista al suo direttore, il dottor Emore Magni.

Tanto spazio anche ai territori francesi con due speciali dedicati rispettivamente alle zone dell’Aube en Champagne e a Vevey, corecevia sul cammino per l’Italia. La parte di Francigena da Losanna a Roma e il fascino capace di suscitare sono invece raccontati bene da Sandy Brown, autore della guida dedicata al nostro cammino in lingua inglese edita da Cicerone Press.

La nostra Myra Stals, Social Media Manager del Road to Rome che camminerà per tutti i 3200km della Francigena, si presenta e si racconta in un articolo dedicato.

Un numero da leggere tutto d’un fiato!

La rivista sarà disponibile on line dal 12 giugno sul sito www.rivistaviafrancigena.it

Categorie
news-import

Da radio a “Podcast Factory”. La storia di “Radio Francigena, la voce dei cammini”

Da radio a “Podcast Factory”, la storia di Radio Francigena, la voce dei cammini.

Radio Francigena è nata dall’idea di fornire una voce e un servizio a tutte quelle realtà culturali, associative, storico-turistiche, di movimento – italiane ed estere – che puntano sul patrimonio culturale, allargato alla qualità della vita e del buon vivere. Slow food, cammino lentoculturacreativitàprodotti a chilometro zero, riscoperta della parola, della fantasia e dei valori fondamentali della vita.

“Siamo per il ritorno alla mobilità dell’immaginazione e dei sogni – si legge sul sito della radio voce dei cammini – per il recupero dei suoni dimenticati e degli odori cui non siamo più abituati: con la radio alimentiamo la memoria di questi percorsi e gli diamo linfa e nuova energia valorizzando modelli di vita slow, in questo senso più consapevoli, più riflessivi ma più vicini alla natura, più vicini alle persone.”

[lefoto id=687585]

La musica è sicuramente uno dei punti di forza della radio così come lo sono interviste, anteprime, showcases dal vivo con artisti italiani e stranieri, oltre che aneddoti e racconti direttamente dalla voce dei protagonisti del cammino.

Attraverso la radio i fondatori hanno creato negli anni un filo diretto con tanti produttori di cultura turistica, di “movimento lento”, di qualità enogastronomica, di cultura del vino, di prodotti a chilometro zero, diventando un amplificatore di conoscenza per tutte le molteplici iniziative locali.

Letture, segnalazioni di libri, racconti e chiacchierate in libertà con gli autori, con i migliori attori ma anche con i viandanti che si trovavano percorsi, per riscoprire il valore della parola e del sapere ascoltare, per camminare verso una integrazione sociale rispettosa delle culture dei vari popoli.

Dopo l’anno di pandemia però, si è arrivati a prendere una decisione che cambia aspetto alla radio: stop alla programmazione in diretta e via ad una teca virtuale che raccolga e renda disponibile all’ascolto in ogni momento gli audio dedicati al cammino.

“Cari ascoltatori ed amici, dopo sei anni di trasmissioni, dal 1° Giugno 2021 “Radio Francigena, la voce dei cammini” cambia: spegne il segnale live della radio e si trasforma in una sorta di “Podcast Factory”. Sono diverse le motivazioni dietro a questo cambiamento – racconta Alberto Pugnetti, direttore e fondatore dell’emittente – La principale è che per le webradio le limitazioni tecniche per poter solo pensare di competere con le attuali radio in fm sono ancora troppe

Nel periodo della pandemia e del #iorestoacasa l’ascolto della radio dei cammini è cresciuto con dei picchi mai prima raggiunti, confermando la “difficoltà” dell’ascolto al di fuori delle mura domestiche o di dove esista una connessione wifi stabile.

La piacevole sorpresa per i creatori è stata la crescita esponenziale dell’ascolto dei podcast, cioè l’ascolto on demand delle trasmissioni, portando a oltre 960.000 le persone che sono entrate almeno una volta nel nostro sistema per ascoltare i nostri podcast con una media mensile tra 45/60.000 ascoltatori.

[lefoto id=632386]

“A distanza di sei anni, la crescita costante dell’ascolto della radio on demand è l’unico dato che non è mai cambiato – prosegue Pugnetti – E il numero delle persone che ci ascoltano quotidianamente al di fuori del territorio nazionale sta crescendo giorno dopo giorno”

A questo punto hanno reputato necessaria una estesa riflessione sul futuro della radio e al termine di questo percorso si è deciso di sospendere la diretta della radio per concentrarsi esclusivamente sui podcast. Tutte le trasmissioni, per come gli ascoltatori hanno imparato a conoscerle finora, rimangono, il palinsesto sarà anzi arricchito e in parte modificato per le nuove esigenze.

Il sito www.radiofrancigena.com è stato rinnovato e proprio in queste ore verrà messa on line la nuova impaginazione. Siamo certi che questo nuovo capitolo di “Radio Francigena, la voce dei cammini” attraverso il mondo della lentezza e della mobilità dolce sarà l’inizio per raggiungere ulteriori nuovi traguardi. “E lo faremo – conclude Pugnetti –  con tutti i nostri ascoltatori e alle associazioni, ai gruppi e alle singole forze che fin qui ci hanno sostenuto. Vi aspettiamo, come sempre.”

Categorie
news

Da radio a “Podcast Factory”. La storia di “Radio Francigena, la voce dei cammini”

Da radio a “Podcast Factory”, la storia di Radio Francigena, la voce dei cammini.

Radio Francigena è nata dall’idea di fornire una voce e un servizio a tutte quelle realtà culturali, associative, storico-turistiche, di movimento – italiane ed estere – che puntano sul patrimonio culturale, allargato alla qualità della vita e del buon vivere. Slow food, cammino lentoculturacreativitàprodotti a chilometro zero, riscoperta della parola, della fantasia e dei valori fondamentali della vita.

“Siamo per il ritorno alla mobilità dell’immaginazione e dei sogni – si legge sul sito della radio voce dei cammini – per il recupero dei suoni dimenticati e degli odori cui non siamo più abituati: con la radio alimentiamo la memoria di questi percorsi e gli diamo linfa e nuova energia valorizzando modelli di vita slow, in questo senso più consapevoli, più riflessivi ma più vicini alla natura, più vicini alle persone.”

La musica è sicuramente uno dei punti di forza della radio così come lo sono interviste, anteprime, showcases dal vivo con artisti italiani e stranieri, oltre che aneddoti e racconti direttamente dalla voce dei protagonisti del cammino.

Attraverso la radio i fondatori hanno creato negli anni un filo diretto con tanti produttori di cultura turistica, di “movimento lento”, di qualità enogastronomica, di cultura del vino, di prodotti a chilometro zero, diventando un amplificatore di conoscenza per tutte le molteplici iniziative locali.

Letture, segnalazioni di libri, racconti e chiacchierate in libertà con gli autori, con i migliori attori ma anche con i viandanti che si trovavano percorsi, per riscoprire il valore della parola e del sapere ascoltare, per camminare verso una integrazione sociale rispettosa delle culture dei vari popoli.

Dopo l’anno di pandemia però, si è arrivati a prendere una decisione che cambia aspetto alla radio: stop alla programmazione in diretta e via ad una teca virtuale che raccolga e renda disponibile all’ascolto in ogni momento gli audio dedicati al cammino.

“Cari ascoltatori ed amici, dopo sei anni di trasmissioni, dal 1° Giugno 2021 “Radio Francigena, la voce dei cammini” cambia: spegne il segnale live della radio e si trasforma in una sorta di “Podcast Factory”. Sono diverse le motivazioni dietro a questo cambiamento – racconta Alberto Pugnetti, direttore e fondatore dell’emittente – La principale è che per le webradio le limitazioni tecniche per poter solo pensare di competere con le attuali radio in fm sono ancora troppe

Nel periodo della pandemia e del #iorestoacasa l’ascolto della radio dei cammini è cresciuto con dei picchi mai prima raggiunti, confermando la “difficoltà” dell’ascolto al di fuori delle mura domestiche o di dove esista una connessione wifi stabile.

La piacevole sorpresa per i creatori è stata la crescita esponenziale dell’ascolto dei podcast, cioè l’ascolto on demand delle trasmissioni, portando a oltre 960.000 le persone che sono entrate almeno una volta nel nostro sistema per ascoltare i nostri podcast con una media mensile tra 45/60.000 ascoltatori.

“A distanza di sei anni, la crescita costante dell’ascolto della radio on demand è l’unico dato che non è mai cambiato – prosegue Pugnetti – E il numero delle persone che ci ascoltano quotidianamente al di fuori del territorio nazionale sta crescendo giorno dopo giorno”

A questo punto hanno reputato necessaria una estesa riflessione sul futuro della radio e al termine di questo percorso si è deciso di sospendere la diretta della radio per concentrarsi esclusivamente sui podcast. Tutte le trasmissioni, per come gli ascoltatori hanno imparato a conoscerle finora, rimangono, il palinsesto sarà anzi arricchito e in parte modificato per le nuove esigenze.

Il sito www.radiofrancigena.com è stato rinnovato e proprio in queste ore verrà messa on line la nuova impaginazione. Siamo certi che questo nuovo capitolo di “Radio Francigena, la voce dei cammini” attraverso il mondo della lentezza e della mobilità dolce sarà l’inizio per raggiungere ulteriori nuovi traguardi. “E lo faremo – conclude Pugnetti –  con tutti i nostri ascoltatori e alle associazioni, ai gruppi e alle singole forze che fin qui ci hanno sostenuto. Vi aspettiamo, come sempre.”

Categorie
news-import

Musica in cammino sui passi della via Francigena con “La liturgia delle parole”

Programmazione Programmazione Puglia Sounds Tour Italia 2021 – REGIONE PUGLIA FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – investiamo nel vostro futuro.

Quattro sassofonisti pugliesi decidono di portare la loro musica all’interno della via Francigena. I suoni e le parole che provengono da un passato ancestrale, riecheggiano nella musica del Furano saxophone quartet, gruppo che da diversi anni si occupa della valorizzazione e della diffusione della musica contemporanea.

Il Furano, a cui si aggiunge – per l’occasione – la splendida voce di Giacomo Medici, propone una composizione inedita che descrive la realtà della via Francigena attraverso la metafora del viaggio, con lo scopo di creare un prodotto musicale da associare all’esperienza mistica e conoscitiva dei cammini.

 

Il viaggio si compie ripercorrendo l’ordinarium della liturgia cattolica: Kyrie, Gloria, Credo, Santus, Angus Dei. Il riferimento è puramente ideale e richiama l’aspetto spirituale che questa musica vuol comunicare. Il testo, infatti, si allontana dall’originale e riporta l’ascoltatore in un mondo immaginario costituito dall’incontro tra sacro, fiabesco, antichi racconti e filastrocche popolari.

La musica, in conformità con i canoni del linguaggio contemporaneo, reinventa le possibilità timbriche e tecniche degli strumenti, richiama alla mente suoni antichi e canti popolari che giungono come trasfigurati, come al mattino è il ricordo sbiadito di un sogno (N. d. A.)

Il progetto è stato eseguito nell’agosto 2020, in prima esecuzione assoluta, nel luogo che ne ha ispirato la composizione, Monte Sant’Angelo, città dei due Siti Unesco e tappa della via Francigena. Continuando sui luoghi del cammino, la programmazione 2021 – inserita nell’ambito di Puglia Sounds Tour Italia 2021 – porterà il Furano ad esibirsi in Matera (Palazzo Viceconte – 5 giugno 2021), Rionero in Vulture (PZ), Faicchio (BN), Santhià (VC).

 

Categorie
news

Musica in cammino sui passi della via Francigena con “La liturgia delle parole”

Programmazione Programmazione Puglia Sounds Tour Italia 2021 – REGIONE PUGLIA FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – investiamo nel vostro futuro.

Quattro sassofonisti pugliesi decidono di portare la loro musica all’interno della via Francigena. I suoni e le parole che provengono da un passato ancestrale, riecheggiano nella musica del Furano saxophone quartet, gruppo che da diversi anni si occupa della valorizzazione e della diffusione della musica contemporanea.

Il Furano, a cui si aggiunge – per l’occasione – la splendida voce di Giacomo Medici, propone una composizione inedita che descrive la realtà della via Francigena attraverso la metafora del viaggio, con lo scopo di creare un prodotto musicale da associare all’esperienza mistica e conoscitiva dei cammini.

Il viaggio si compie ripercorrendo l’ordinarium della liturgia cattolica: Kyrie, Gloria, Credo, Santus, Angus Dei. Il riferimento è puramente ideale e richiama l’aspetto spirituale che questa musica vuol comunicare. Il testo, infatti, si allontana dall’originale e riporta l’ascoltatore in un mondo immaginario costituito dall’incontro tra sacro, fiabesco, antichi racconti e filastrocche popolari.

La musica, in conformità con i canoni del linguaggio contemporaneo, reinventa le possibilità timbriche e tecniche degli strumenti, richiama alla mente suoni antichi e canti popolari che giungono come trasfigurati, come al mattino è il ricordo sbiadito di un sogno (N. d. A.)

Il progetto è stato eseguito nell’agosto 2020, in prima esecuzione assoluta, nel luogo che ne ha ispirato la composizione, Monte Sant’Angelo, città dei due Siti Unesco e tappa della via Francigena. Continuando sui luoghi del cammino, la programmazione 2021 – inserita nell’ambito di Puglia Sounds Tour Italia 2021 – porterà il Furano ad esibirsi in Matera (Palazzo Viceconte – 5 giugno 2021), Rionero in Vulture (PZ), Faicchio (BN), Santhià (VC).

Categorie
news-import

Serata speciale sulla Via Francigena nell’ambito della serie “Des chemins et des hommes”

Venerdì 28 maggio, dalle 19:30 alle 21:00, nell’ambito della serie “Des chemins et des hommes”, una videoconferenza sarà dedicata alla Via Francigena, che collega Canterbury (Gran Bretagna) a Roma. Questa serata, condotta da Gaële de La Brosse e Cécile Picco (giornalisti di Pèlerin), sarà composta da tre parti:

  •  Tutte le strade portano alla Via Francigena”: testimonianze di Jacques Chauty (presidente di Compostelle 2000) così come di Anthony Grouard e Anne-Laure Timmel , su due itinerari che portano alla Via Francigena (da Parigi e da Nantes)
  • La Via Francigena a 7 anni, è possibile! “intervista con Céline Anaya Gautier, fotografa, che ha percorso la Via Francigena con suo figlio Leandro
  • Road to Rome”, una passeggiata per il 20° anniversario della fondazione dell’AEVF (Associazione Europea della Via Francigena): presentazione di Jacques Chevin

Link: https://www.facebook.com/LePelerin.Hebdo

Partecipazione gratuita ai costi (donativo): https://www.billetweb.fr/soiree-speciale-via-francigena

Organizzato dal settimanale Le Pèlerin, Compostelle 2000, la Società degli Amici di Santiago e Forum104
Per ulteriori informazioni, si prega di contattare

E-mail: communicationlepelerin@bayard-presse.com, compostelle2000@orange.fr, secretariat@compostelle.asso.fr, contact@forum104.org
Siti web: www.lepelerin.com, www.compostelle2000.org, www.compostelle.asso.fr, www.forum104.org

Categorie
news-fr-import

Soirée spéciale Via Francigena dans le cycle « Des chemins et des hommes »

Vendredi 28 mai, de 19 h 30 à 21 h, dans le cycle « Des chemins et des hommes », une visioconférence sera consacrée à la Via francigena, qui relie Canterbury (Grande-Bretagne) à Rome. Cette soirée, animée par Gaële de La Brosse et Cécile Picco (journalistes au Pèlerin), comprendra trois parties :

  •  « Tous les chemins mènent à la Via francigena » : témoignages de Jacques Chauty (président de Compostelle 2000) ainsi que d’Anthony Grouard et Anne-Laure Timmel (Haltes pèlerines en Loire-Atlantique), sur deux itinéraires de liaison vers la Via francigena (à partir de Paris et de Nantes)
  •  « La Via francigena à 7 ans, c’est possible ! » : interview de Céline Anaya Gautier, photographe, qui a effectué la Via francigena avec son fils Leandro
  •  « Road to Rome », une marche pour les 20 ans de la fondation de l’AEVF (Association européenne de la Via francigena) : présentation par Jacques Chevin

 

Lien : https://www.facebook.com/LePelerin.Hebdo

Participation libre aux frais (donativo) :  https://www.billetweb.fr/soiree-speciale-via-francigena

Organisation : l’hebdomadaire Le Pèlerin, Compostelle 2000, la Société des Amis de Saint-Jacques et le Forum104

Renseignements :

E-mails : communicationlepelerin@bayard-presse.com, compostelle2000@orange.fr, secretariat@compostelle.asso.fr, contact@forum104.org

Sites internet : www.lepelerin.com, www.compostelle2000.org, www.compostelle.asso.fr, www.forum104.org

 

Categorie
news

Serata speciale sulla Via Francigena nell’ambito della serie “Des chemins et des hommes”

Venerdì 28 maggio, dalle 19:30 alle 21:00, nell’ambito della serie “Des chemins et des hommes”, una videoconferenza sarà dedicata alla Via Francigena, che collega Canterbury (Gran Bretagna) a Roma. Questa serata, condotta da Gaële de La Brosse e Cécile Picco (giornalisti di Pèlerin), sarà composta da tre parti:

  •  Tutte le strade portano alla Via Francigena”: testimonianze di Jacques Chauty (presidente di Compostelle 2000) così come di Anthony Grouard e Anne-Laure Timmel , su due itinerari che portano alla Via Francigena (da Parigi e da Nantes)
  • La Via Francigena a 7 anni, è possibile! “intervista con Céline Anaya Gautier, fotografa, che ha percorso la Via Francigena con suo figlio Leandro
  • Road to Rome”, una passeggiata per il 20° anniversario della fondazione dell’AEVF (Associazione Europea della Via Francigena): presentazione di Jacques Chevin

Link: https://www.facebook.com/LePelerin.Hebdo

Partecipazione gratuita ai costi (donativo): https://www.billetweb.fr/soiree-speciale-via-francigena

Organizzato dal settimanale Le Pèlerin, Compostelle 2000, la Società degli Amici di Santiago e Forum104
Per ulteriori informazioni, si prega di contattare

E-mail: communicationlepelerin@bayard-presse.com, compostelle2000@orange.fr, secretariat@compostelle.asso.fr, contact@forum104.org
Siti web: www.lepelerin.com, www.compostelle2000.org, www.compostelle.asso.fr, www.forum104.org