Categorie
news-import

La via “Francigena”… che passa da Como e da Milano

Ricordate la via “Francigena” che passa da Como e da Milano? Il possibile comodo cammino che, dallo Spluga, via Como, conduce a Roma, sulla “grande” Via Francigena? Ebbene, questo progetto a cui IUBILANTES ha lavorato intensamente  in questi ultimi mesi sta prendendo forma, vita e…gambe.

Ha dato vita ad una anteprima della GIORNATA NAZIONALE DEI CAMMINI FRANCIGENI ripercorrendo la scorsa settimana in quattro giorni i 90 km dello splendido tratto dell’antica via Regina da Sorico a Como nello scenario incantevole della sponda occidentale del Lario (il “grand tour” del Sette-Ottocento…). E ora, il 3 maggio, festeggerà la data istituzionale della settima GIORNATA sul tratto storico che da Como porta verso Milano, con un “doppio” cammino, rispettivamente  da Como e da Lentate s/Seveso, convergente su Cantù. 

Il programma

Categorie
news-import

“Sei Vie per Santiago – Waking the Camino” nelle sale cinematografiche

Per molti secoli, la gente ha viaggiato dal nord della Spagna lungo il Cammino di Santiago come pellegrini alla ricerca di una propria crescita spirituale ed interiore. Non è assolutamente un’impresa semplice, e nonostante questo solo nel 2010 più di 270.000 persone hanno tentato questo arduo, ma meraviglioso cammino di cinquecento miglia.

Il film Sei Vie per Santiago – Waking the Camino – è in uscita il 4 Giugno per conto di Cineama.

Sei vie per Santiago: Walking the Camino, pluripremiato film documentario della regista e produttrice americana Lydia B. Smith, potrebbe far emergere il desiderio di intraprendere questo pellegrinaggio a chiunque.

Questo documentario no – profit che ha raccolto poco meno di 500 mila dollari da donatori privati nel corso di cinque anni, è nella lista dei dieci migliori incassi di documentari USA nel 2014, grazie solo all’aiuto di un piccolo staff impegnato e decine di volontari. Si tratta di un film ambizioso e totalmente indipendente che segue da vicino un gruppo di persone che affrontano il viaggio, ognuno con le proprie ragioni, motivazioni e aspettative, dotati solo di uno zaino, un paio di stivali e, soprattutto, una mente libera e aperta.

Il documentario è autobiografico ed itinerante; infatti, nella primavera del 2008 la stessa Lydia B. Smith ha percorso il Cammino. Quest’esperienza ha cambiato totalmente la sua vita. Il vero protagonista del film è il Cammino, colto in ogni suo singolo aspetto da un’elegante fotografia che cattura il bellissimo paesaggio e i suoi panorami mozzafiato: dalle gocce di rugiada sulle foglie ai campi d’erba, la nebbia che copre le montagne, splendidi tramonti colorati, la popolazione locale e i trascorsi storici. Il film cattura le personalità e le sfide di ciascun pellegrino e la loro trasformazione lungo il cammino.

Sei vie per Santiago è tutto questo ed altro. É un’esperienza di immersione totale che cattura e racconta le prove e le difficoltà che un gruppo di moderni pellegrini affrontano durante l’antico percorso, Il Cammino di Santiago. Il cast del film è composto da persone di diversa età (da 7 ai 73 anni), nazionalità, cultura e costumi.

Guarda il trailer

Categorie
news-import

“I delitti della via Francigena: Il tesoro di Santo Stefano”

Il Tesoro di Santo Stefano è una raccolta di oggetti preziosi la cui origine sarebbe riconducibile ad un’antica leggenda medievale, legata alle vicissitudini dei pellegrini che percorrevano la Via Francigena attorno all’anno Mille.

Poco prima della sua esposizione in uno spazio museale appositamente creato, il Tesoro viene però trafugato secondo modalità incomprensibili. Delle indagini viene incaricato il commissario De Siris della Questura di Piacenza il quale riesce ad identificare i responsabili del furto, ma senza poter recuperare il Tesoro, che a quel punto diviene oggetto di esasperata ricerca anche da parte di un’organizzazione criminale che non si farà scrupoli per tentare di depistare

le indagini compiute congiuntamente dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri. Le indagini pazienti del commissario De Siris lo porteranno comunque ad identificare gli esecutori ed i mandanti di quegli orrendi omicidi, ma non a dare un nome ai due cadaveri e, ancor meno, a ritrovare il Tesoro scomparso…

Leggi la scheda del libro di Danilo Persicani in allegato

Categorie
news-import

Toscana: emozioni di viaggio sulla Via Francigena

Un’escursione a piedi a bicicletta o a cavallo per un weekend tra boschi, ruscelli e città d’arte.
La primavera è un buon momento per mettersi in cammino e affrontare qualche km della storica Via Francigena. Il tratto toscano collega 15 tappe lungo 380 km, dal passo della Cisa ad Acquapendente con tappe nei più bei comuni toscani come Lucca, San Giminiano e Siena.

Le tappe, se percorse a piedi, richiedono dalle tre fino alle otto ore. Naturalmente si può scegliere di affrontare anche solo un tratto a seconda del proprio allenamento fisico.
La Via Francigena toscana è una delle più varie ed affascinanti, perché durante il percorso si toccano paesaggi e luoghi molti diversi tra loro: dalla Lunigiana alla Versilia, dalla piana di Lucca alle crete senesi. Si tratta di un turismo slow che comprende molta campagna, tratti sulla costa, grandi città come Lucca e Siena, borghi dalle rocche medievali come San Miniato e San Gimignano con il suo duecentesco palazzo comunale.

Leggi tutte le idee per il tuo viaggio in Toscana

La regione Toscana ha deciso di puntare su questo patrimonio e, insieme con le province e i comuni, lo scorso anno ha investito 13 milioni di euro per la messa in sicurezza di diversi tratti del percorso.
Per pernottare si può scegliere tra un migliaio di indirizzi che comprendono hotel, b&b oltre a una quarantina di strutture ecclesiastiche che, da Pontremoli a San Casciano dei bagni, offrono ai pellegrini ospitalità gratuita in cambio di libere offerte da parte dei viandanti.

L’ospitalità in strutture religiose richiama le origine antichissime della Via Francigena che risalgono al 990 quando l’arcivescovo Sigerico di Canterbury dalla città inglese percorse un cammino in 79 tappe per recarsi a Roma per l’investitura di papa Giovanni XV. Fu Sigerico a lasciare la prima descrizione dettagliata del lungo percorso su un manoscritto custodito alla British Library di Londra e che oggi è considerato la base della via Francigena come la conosciamo oggi.

INFORMAZIONI
Per tutte le informazione sulla Via Francigena delle Toscana vai a regione.toscana.it/via-francigena

Fonte: IlSole24OreViaggi