Categorie
news-import

Grande successo per i corsi per ospitalieri volontari

L’incontro tra i veterani spagnoli e i formatori italiani ha inaugurato la seconda edizione del corso per ospitalieri volontari del Cammino di Santiago e della Via Francigena. Durante il weekend del 25-27 Marzo, presso il Convento dei frati Francescani di San Miniato, 25 aspiranti ospitalieri impareranno a gestire un ostello, ad accogliere adeguatamente i pellegrini a piedi, a lavorare concretamente per lo sviluppo degli itinerari pedonali in Europa.

Un analogo corso si svolgerà tra due settimane in Piemonte, presso la nostra Casa del Movimento Lento, dove convergeranno circa 40 persone tra novizi, formatori e veterani spagnoli. Il corso sarà un’occasione di festa per la Francigena piemontese, con un’incontro finale con le comunità locali che si terrà domenica 10 Aprile dalle ore 15 a Piverone (TO). Presso il nuovo ostello per i pellegrini il nostro CamminAttore Giovanni Balzaretti metterà in scena il suo spettacolo “Pellegrina Pellegrino”, e i veterani spagnoli racconteranno il loro punto di vista sulle possibilità create dalla Via Francigena nei territori che attraversa.

Turismo Torino e ProvinciaIl progetto, che fa capo a il Movimento Lento e al Teatro Agricolo, è sostenuto dal Comune di San Miniato, dall’ATL Turismo Torino e Provincia, dalla Casa del Movimento Lento, dai Comuni di Roppolo, Santhià, Piverone, con il patrocinio della Provincia di Biella.

Categorie
news-import

“La Strada Giusta” – bicistaffetta per il 150° dell’Unità d’Italia

Il 26 aprile partirà da Marsala la bici-staffetta “La Strada Giusta” per celebrare sulle due ruote il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.  Partendo dalla città dove nel 1860 sbarcarono i Mille un gruppo di ciclisti inizierà un percorso di circa 20 tappe che li porterà fino a Firenze. Ma non è tutto…infatti la bici-staffetta si articolerà in ben 5 itinerari in bici differenti che convergeranno in unico punto nei pressi di Torino per concludere insieme l’evento in un’unica manifestazione pubblica, alla presenza delle autorità.

 

QUESTI SONO I 5 ITINERARI:

1 – Marsala-Firenze, con partenza il 26 aprile 2011
2 – Bari-Torino, con partenza il 5 giugno 2011
3 – Trieste-Milano, con partenza il 14 maggio 2011
4 – Olbia-Cagliari-Genova, con partenza il 2 giugno 2011
5 – Aosta-Torino, con partenza il 15 giugno 2011

L’iniziativa, promossa ed organizzata dal Comune di Chiaravalle non provede alcun tipo di competizione e vuole proporsi come evento ed occasione “a misura di ogni cittadino”. Le tappe sono aperte a tutti coloro che desiderassero partecipare e il livello di difficoltà da affrontare è alla portata di tutti  (il viaggio sarà fatto ad una velocità non superiore ai 18-20 km/h). Inoltre chi parteciperà alla bici-staffetta avrà il compito di seganlare i luoghi che ritiene meritevoli del marchio “slow-look”, ossia di luoghi da gustare lentamente.

A fare da testimone della staffetta, la “Carta d’Identità”, un documento che verrà presentato ai sindaci dei capoluoghi di Regione, per apporvi il timbro della città.

Per partecipare alla staffetta è sufficiente iscriversi sul sito www.stradagiusta.it dove si può selezionare la tappa che si desidera percorre e lasciare il proprio nominativo. Almeno cinque ciclisti che si allenano già da tempo saranno comunque presenti ad ogni chilometro di ogni singola tappa”.

Ricordiamo che la bici-staffetta “La Strada Giusta” è organizzata dal Comune di Chiaravalle (AN), con la collaborazione dell’associazione ciclistica amatoriale Bicipiù, affiliata a Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), della Fondazione Chiaravalle-Montessori. Finanziatore dell’iniziativa è l’azienda marchigiana General Building.

 

Fonte: www.lastradagiusta.it

Categorie
blog-import

10 giorni sulla Francigena di San Francesco

Innanzitutto, che intendiamo quando parliamo di Via Francigena? Un pò di storia per chi è la prima volta che ne sente parlare : si tratta di una delle vie più antiche del mondo ancora oggi usata come grande strada di viaggio, da camminatori, ciclisti, motociclisti, pellegrini e tutto quello che volete! Il primo a tracciare questo percorso fu un vescovo inglese, Sigerico, che circa nel 758 d.c. si mise in viaggio dalla sua città, Canterbury, fino a Roma.
Da allora questa grande via non è mai stata abbandonata, ma sempre percorsa nelle diverse epoche da persone di ogni tipo e per ogni scopo, e si possono seguire due rotte : l’una va da Roma verso Canterbury, l’altra invece al contrario, da Canterbury verso Roma, a libera scelta di colui che affronta questo viaggio.
Per ora sono arrivato fino in Umbria, ad Assisi, seguendo la parte della Via Francigena di San Francesco. Presto proseguirò sempre verso nord!!
In realtà non è la prima volta che ho percorso la Via Francigena, perchè nel
2008 feci già l’esperienza della Marcia Francescana in cui effettivamente partii da Roma, ma in quell’occasione fu diverso. Non ero ancora viaggiatore, percorsi quelle strade da pellegrino in ricerca spirituale. Un altro contesto, quindi.
Quest’anno invece non sono partito proprio dal Vaticano, come 2 anni fa, ma dalla Valle Reatina, precisamente dal Santuario di Fontecolombo in provincia di Rieti. Però i km percorsi sono pur sempre i km percorsi!!
In seguito riporto le pagine prese direttamente dal mio diario di bordo, che porto sempre con me ovunque vado, compagno fedele e fonte di narrazione di ogni avventura.
Ma ora non voglio più scrivere contorni della storia e parlerò dei 10 giorni sulla Via Francigena vissuti in viaggio insieme ad altri 120 pellegrini provenienti da Lazio, Abruzzo, Molise, Calabria, Sicilia, Campania, Puglia, Irlanda e Inghilterra. Buona lettura!

GIORNO 1 : FONTECOLOMBO – POGGIO BUSTONE

Stamattina io e Federico siamo partiti da L’Aquila alle 8 e 30, conoscevo ormai bene la strada che ci avrebbe condotti a Fontecolombo. Arriviamo sul posto intorno alle 10 e, dato che la marcia è iniziata poi alle 11 e 30, abbiamo avuto tutto il tempo per sistemare i nostri effetti.
La giornata è trascorsa conoscendoci l’un l’altro e sono contento di dire che da subito ho trovato molte persone interessanti. E poi un’altra cosa che volevo fare era confrontare il nuovo me con gli altri viaggiatori : il me di 2 anni fa era chiuso e solitario, ora sono tutto il contrario, socievole e allegro, ma questa è sempre stata in fondo la mia vera natura, molti l’hanno capito e mi ha fatto molto piacere.
Non abbiamo camminato, per tutto il tempo ci siamo conosciuti e confrontati.
Ma io dovevo muovermi : sono sceso per 3 volte lungo la collina sottostante fino alla sorgente di un fiume della Valle Reatina, la Fonte dei Colombi, ed anche ad una grotta di nome Grotta di Frate Leone, dove stanotte dormirò.
La grotta ha assunto nel tempo la forma del corpo del frate, è scolpito nella roccia come se il fuoco ci si fosse stampato.
Voglio provare la sensazione di dormire sotto una roccia come facevano molti tanti anni fa. Sono certo che andrà bene.
Vado a riposare, attendendo l’inizio del cammino di domani! Via Francigena arrivo!

Categorie
news-import

5° Festival della Via Francigena

La quinta edizione del Festival della Via Francigena, organizzato dall’Associazione Amici della Via Francigena – Vercelli, si terrà a Vercelli dal 29 aprile al 1 maggio e l’ambiente sarà il Chiostro di S. Andrea, il Piccolo Studio, l’Abbazia di S. Andrea. La letteratura, la poesia, la spiritualità, i suoni, la fisicità, l’alimentazione e la solidarietà e il loro rapporto con il tema del cammino saranno i temi principali attorno ai quali si svilupperanno i diversi momenti di incontro.

Per l’occasione sono state coinvolte dodici associazioni locali  in relazione ai temi del Festival e all’esperienza di Cammino :
LIBRIAMOCI a VERCELLI per la letteratura ela poesia del cammino
FRATERNITA’ della TRASFIGURAZIONE per Spiritualità e poesia del cammino
CVM DUO Luigi Ranghino- pianoforte Claudio Saveriano- percussioni  per i suoni del cammino
Italia Nostra, Parco delle Lame del Sesia , CONTROLUCE per l’immagine del cammino
CAI di Vercelli, ASD ACCADEMIA ITALIANA SHEN QI KWOON TAI VERCELLI, SHANI CLUB per la fisicità del cammino
RAGGIO VERDE per l’alimentazione del cammino
IL VALORE DI UN SORRISO per la solidarietà del cammino
AMICI DELLA VIA FRANCIGENA di SANTHIA’ e Ass.LIBURNASCA DI LIVORNO per l’esperienza del cammino.

Per maggiori informazioni scarica il PROGRAMMA DEL 5° FESTIVAL DELLA VIA FRANCIGENA


Categorie
news-import

Assemblea della Rete dei Cammini

Ritrovarsi, riconfrontarsi e organizzare insieme il cammino del nuovo anno: con questi obiettivi si svolgerà sabato 19 marzo p. v. a Verona, nel salone degli Affrechi di Villa Francescatti (salita Fontana del Ferro 15), splendida villa cinquecentesca con parco in centro alla città,  l’assemblea ordinaria  della RETE DEI CAMMINI dedicata al consuntivo  2010 e alle previsioni di esercizio 2011, alla presentazione dei nuovi soci e ad altre importanti iniziative. Le operazioni di voto saranno riservate alle associazioni  socie, ma i lavori saranno, come sempre, aperti a tutti e il contributo di tutti sarà importante. All’assemblea seguirà la conviviale dei pellegrini e il pernotto, anch’esso presso la Villa Francescatti, che svolge funzione di albergo/ostello.

L’indomani, domenica 20 marzo, sarà una giornata di cammino comune, secondo una tradizione avviata con successo nell’ottobre  2009 in occasione del primo incontro nazionale della Rete a Bobbio. Le associazioni e i pellegrini convenuti saliranno insieme al Santuario cinquecentesco della Madonna della Corona (Caprino Veronese), abbarbicato alla parete del Monte Baldo, tra Val d’Adige e Lago di Garda, consumeranno il pranzo in compagnia e poi, nel pomeriggio, ognuno rientrerà in sede.

Insomma, un week end di scambio di idee, di cammino comune, di amicizia, per il quale la RETE ringrazia di cuore le Associazioni socie organizzatrici,  I PELLEGRINI di Verona  e ANAUNE Amici del Cammino di Santiago di Fondo (TN).

Rete dei CamminiPer l’iscrizione al week end: inviare compilata l’allegata scheda ai recapiti della RETE DEI CAMMINI e-mail: info@retecamminifrancigeni.eu tel. 031 279684 fax 031 2281470. Attenzione: iscrizione max. entro 15 marzo.

E ricordiamo sempre: precedenza ai pellegrini!