Via Francigena

La Via Francigena protagonista del progetto europeo “The ways of Europe”

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter


Presentato sulla piattaforma europea eTwinning il progetto di Marcella Biserni – appassionata pellegrina, professoressa di lingua e cultura spagnola al Liceo Fracastoro di Verona – che punta alla ricerca e condivisione di materiali inerenti i principali pellegrinaggi d’Europa ad opera di studenti di licei italiani, francesi e spagnoli.

Il progetto è stato presentato a novembre 2020, dopo due anni che l’idea ronzava nella testa della professoressa Biserni, sulla piattaforma europea eTwinning. Le scuole coinvolte sono il Liceo G. Fracastoro di Verona (Italia) e il Liceo Edouard Branly di  Amiens (France), quali ideatori del progetto. Il terzo polo è la SEK International School Atlántico di Poio (Spagna), quale scuola partner. Non facile immaginare scambi culturali ai tempi del Covid e preziosa si è rivelata in questo senso la tecnologia dell’e-learning dell’Unione Europea.

Questo progetto propone agli studenti un metodo originale e concreto dello studio delle culture e delle tradizioni dei tre diversi paesi. La storia d’Europa sarà affrontata attraverso la scoperta del turismo lento dei cammini: Santiago de Compostela, Via Francigena e Via Postumia.  Gli studenti saranno spinti a sviluppare la loro autonomia e le loro competenze digitali e linguistiche tramite dei compiti in situazione, che li condurranno alla realizzazione di un prodotto finale concreto. All’inizio, il lavoro verrà svolto nel Twinspace, la piattaforma di eTwinning, che permetterà alle classi di conoscersi, scambiandosi informazioni sui loro territori, per prepararsi così a progettare un itinerario turistico reale, in veste di guide nelle tappe del cammino del loro luogo. Gli scambi nelle tre nazioni hanno come scopo la valorizzazione del patrimonio europeo e offriranno l’occasione per rafforzare le relazioni tra le scuole e per sottolineare l’importanza di un’economia più sostenibile, così come il valore dell’incontro con gli altri in cammino. Sarà un modo per stimolare la loro creatività e la loro curiosità storica, artistica e ambientale verso il mondo dei cammini e le loro tradizioni.

Quale sarà poi il prodotto finale? Un Vlog tradotto nelle quattro lingue utilizzate con l’apporto di immagini, video e itinerari realizzati dagli studenti durante i loro viaggi nei cammini, migliorando la motivazione degli studenti verso l’apprendimento delle lingue e della cultura europea. Verrà creato un importante scambio di informazioni, idee e culture, focalizzato soprattutto sulle prospettive di lavoro ed economiche, collegate alla natura e alle reti del turismo Slow. Gli studenti svilupperanno un forte senso di autonomia e di responsabilità, tramite l’attività di ricerca interdisciplinare e l’esperienza concreta di scambio nelle nazioni straniere da visitare, scoprendole a piedi. Il Vlog tradotto avrà l’aspetto di un itinerario visivo; dove si potranno reperire informazioni necessarie sui cammini, ma soprattutto sui tragitti percorsi e sarà disponibile in rete.

La prima fase del progetto, che si è tenuta a partire dall’autunno del 2020, ha visto la condivisione di materiali e l’intervento di esperti sui tre cammini vicini ai territori delle scuole partner: Pontevedra e il Cammino di Santiago portoghese, Amiens e la Via Francigena e Verona con la Via Postumia.  L’obiettivo del 2021 è invece, Covid permettendo, quello di poter camminare su questi pellegrinaggi e di realizzare viaggi scambio fra i vari licei interessati. In questo l’ Associazione Europea delle Vie Francigene sarà uno dei riferimenti per i comuni francesi lungo la Via Francigena, quando si tratterà di farla percorrere ai ragazzi in alcuni suoi tratti

In un anno segnato dall’emergenza sanitaria è indubbio che le scuole e i programmi di scambi culturali hanno sofferto maggiormente di altri le restrizioni imposte dalla pandemia, che ha bloccato la possibilità di spostarsi liberamente. Augurandoci che nei prossimi mesi si possa portare avanti la parte “fisica” ed itinerante del progetto, c’è comunque da riconoscere come la parte prettamente virtuale sia stata un’ottima opportunità per fare viaggiare questi ragazzi fra culture, lingue e territori. Tutti temi cari ad AEVF, per la quale è un onore fare parte di questo progetto.

Cosa è stato fatto ad oggi:

– Gli studenti francesi del liceo Edouard Branly di Amiens hanno creato la loro prima presentazione sulla Via Francigena da Canterbury a Roma, lo hanno fatto in lingua inglese. Questa scuola è specializzata in tecnologie e ingegneristica. La loro idea per quando andremo a fare un pezzo di cammino con loro è creare con le loro strumentazioni e progettare una lampada per camminare di notte, da attaccare allo zaino. In calce all’articolo trovare la brochure in PDF che hanno realizzato.

– Le studentesse (sono tutte donne!) della 3^CL  del Liceo Fracastoro di Verona hanno realizzato delle brochure in spagnolo sui cammini italiani, delle brochure turistiche per offrire pacchetti o promuoverli. Hanno rafforzato così il vocabolario sui viaggi, che stanno studiando in spagnolo. Sono in fase di revsione prima di essere caricate nel TwinSpace di eTwinning. I Cammini per ora trattati sono: Il Cammino Celeste, La Via Postumia, Cammino di San Benedetto, La Via di Francesco, Il Cammino del Salento, la Via degli Dei, Via Francigena. La scelta dei contenuti e delle immagini è stata totalmente a discrezione delle studentesse. Le foto all’interno di questo articolo sono tratte dalle loro borchure.

 – Cliccando qui è possibile consultare le brochure che mano a mano verranno realizzate