Via Francigena

Categorie
news-import

Un convegno sulla Via Francigena a Vercelli

Un importante momento di confronto sulla Via Francigena: sabato 9 Marzo l’associazione “Amici della Via Francigena di Vercelli” organizza un seminario per approfondire gli aspetti dello sviluppo dell’itinerario in questo territorio. Nel corso della giornata di convegno interverranno i seguenti relatori:

Dott.ssa Ambra Garancini Presidente nazionale RETE DEI CAMMINI;

Prof. Virginio Bettini, professore di analisi e valutazione ambientale, Università IUAV di Venezia;

Dott.ssa Giulia Motta Zanin, laureata in Pianificazione urbanistica e territoriale;

Prof.ssa Sara Sofia Tosi, antropologa;

Simone Turco, Presidente del CAI di Vercelli.

Per tutte le informazioni e il programma si veda la locandina in allegato.

 

 

 

 

Categorie
news-import

Iniziati i lavori a Monteriggioni per la sicurezza dei pellegrini

A Monteriggioni sono iniziati i lavori per la messa in sicurezza del percorso che collega l’area della Colonna con l’inizio della salita al Castello, l’ultimo tratto che rimaneva da sistemare: i duecento metri prima dell’inizio della salita sterrata che giunge a Porta Fiorentina. Finalmente si potrà camminare tranquillamente, senza rischiare di essere investiti sulla Cassia (fino ad ora si camminava sul bordo stretto della strada). Per attraversare la Statale i pellegrini potranno utilizzare il passaggio zebrato esistente che conduce ad imboccare il nuovo percorso pedonale, lungo circa 220 metri, posto sul lato sinistro della carreggiata.

Il tutto grazie ai fondi europei, gestiti dalla Regione Toscana che investirà circa 60 mila euro per la realizzazione di questo progetto, e grazie alla collaborazione fra Provincia di Siena e Comune di Monteriggioni per la valorizzazione della Via Francigena.

Ecco le parole del sindaco Bruno Valentini a riguardo: “Era un’opera attesa da tempo, perché si conseguono due risultati con un unico progetto. È il completamento della messa in sicurezza del grande itinerario culturale europeo della Francigena, che sta attirando sempre più turisti dall’Italia e dall’estero. Inoltre permetterà finalmente di poter camminare tranquillamente dalla zona della Colonna verso il Castello senza attraversare una strada come la Cassia, che è molto trafficata, la cui carreggiata totale si era ridotta da quando era stata realizzata la barriera di protezione col nuovo guard-rail. Ringrazio ancora una volta i proprietari che hanno concesso i terreni per inserirvi il percorso pedonale e poi la Provincia e la Regione che, con competenze diverse, stanno veramente impegnandosi a fondo per condurre a termine questo grande aspirazione di una Francigena pienamente percorribile, che costituisce una offerta turistica ambientale e culturale di valore straordinario”.

Fonte: www.viefrancigene.it

Categorie
news-import

Via Francigena del Sud: alla scoperta del Cammino per Leuca

Sabato 19 gennaio alle ore 19 si terrà a Novoli un incontro sul tema “Il Cammino per Leuca e antica viabilità nel Sud”.

L’iniziativa è stata organizzata dal direttore del Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto, dott. Elvino Politi, con la partecipazione di SpeleoTrekkingSalento, al fine di portare alla conoscenza di Istituzioni e Cittadini quanto realizzato nel Salento dalle Associazioni sulle “Vie fidei”, per la divulgazione e la salvaguardia del patrimonio artistico del territorio. Tutti coloro che sono interessati alla tematica culturale in oggetto sono invitati a partecipare.

Programma:

ELVINO POLITI (direttore Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto) L’Itinerario Burdigalense come “itinerario culturale europeo”. Il tracciato e le attività programmatiche 2013.

AMBRA GARANCINI (presidente Rete Nazionale dei Cammini Francigeni) collegamento in videoconferenza Da Roma alla Puglia. Il ruolo della Rete per il coordinamento dei cammini.

RICCARDO RELLA (presidente Speleotrekking Salento) e RITA DE MATTEIS ( referente culturale di STS) Il Cammino Leucadense 2013.- X Edizione Presentazione del Cammino e proiezione del documentario realizzato dall’Associazione Pellegrini di Verona.

Durante la serata sarà curata dall’Associazione Speleotrekking Salento e G.A.T.O. un’ esposizone fotografica sull’ attività svolta e sarà possibile l’acquisto del testo “La Via dei Pellegrini” del prof. Ezio Sarcinella, unico documento relativo all’evoluzione storica del “Cammino per Leuca”.

A tutto il pubblico intervenuto, il G.A.T.O. offrirà un omaggio-ricordo.

L’incontro si terrà presso la Sala della “Madonna del Pane” in via Veglie a Novoli.

In allegato il materiale informativo sul Cammino per Leuca.

 

 

Categorie
news

Rete di Università europee per la Via Francigena e gli itinerari di pellegrinaggio europei

A network which includes specialists in several subjects and fosters multicultural dialogue through scientific research and exchange of best practices, in support of didactic and research activity on the Via Francigena and pilgrimage routes.

With the coordination of Università di Bologna, PER VIAM academic partners implemented a program of 7 workshops and 1 cartographic and photographic exhibition on the Via Francigena and pilgrimage routes. The last workshop announced the official launch of the European University NEtwork of Knowledge (EUNEK) Via Francigena and pilgrimage routes.

The first technical panel of the network took place in Rimini on January 16th 2013.

 

For more information about the European University Network of Knowledge Via Francigena and Pilgrimage routes and the seminars, please see the attached documents at the bottom of this page and visit the following web site:

http://www.turismo.unibo.it/Turismo/Attivita/EUNeK.htm

1st workshop EUNeK

Religious routes and European Universities, Old Cultural Crossroads of Knowledge . A Francigena project from Midle Age, 6th of June 2012, Pavia (Italy) – organized by Università di Pavia.

2nd workshop EUNeK

Pilgrimage Routes as Cultural and Religious Tourism in European and Mediterranean Destinations: Sharing Experiences and Best Practices, Barcelona and Montserrat-Manresa (Catalonia, Spain), 9 – 10th July 2012 – organized by Universitat de Barcelona / Ibertur.

 

3rd workshop EUNeK

The role of the network in the development of the Via Francigena of the south, 16th July 2012, Rome – organized by Società Geografica Italiana.

4th workshop EUNeK

Colloque itinérant dans Paris, à travers trois endroits du « Carré d’Or » de Paris mis en place par l’UFIC, 12th October 2012, Paris – organized by Université Paris Sorbonne.

 

5th workshop

Politics and tools for the enhancement of the tourist destinations along the Via Francigena, 21th November 2012, Lucca and Altopascio (Italy) – organized by Fondazione Campus Studi del Mediterraneo.

 

6th Workshop EUNeK

The Via Francigena in Southern Italy and the routes in the Mediterranean area, Vaste -Poggiardo (LE) organized by Università del Salento, 7th December 2012.

 

7th Final Workshop EUNeK

Tourism and Landscape along the Via Francigena: a persistent network of knowledge for European territorial development, 16th -17th -18th January 2013, Rimini – organized by Università di Bologna. Scuola Superiore di Scienze Turistiche.

 

Pavia workshop

Colloque Paris Routes Culturelles

La Via Francigena nella cartografia storica e nel patrimonio fotografico della società geografica italiana

Lecce workshop

Lucca workshoop

Barcelona workshop

Il ruolo della rete nello sviluppo della Via Francigena del Sud

Rimini workshop

 

 

See the other newsletters

Categorie
news-import

Finanziata la messa in sicurezza di un tratto sulla Cassia

Concesso di nuovo il finanziamento di 500mila euro per la messa in sicurezza di un tratto della via Francigena nel territorio di Montefiascone. Il percorso interessato è la zona del “Ponte della Regina” sulla via Cassia in direzione della città.

L’importo per i lavori da effettuare è di ben 500mila euro concessi dalla Regione Lazio. Il lungo iter è evidenziato dall’assessore alla cultura Renato Trapè da sempre molto sensibile alle tematiche riguardanti la strada dei pellegrini.

“L’amministrazione è stata sempre sensibile allo sviluppo e alla valorizzazione della via Francigena, ritenuta un volano dello sviluppo turistico e culturale della Tuscia. L’intervento in questione riguarda la messa in sicurezza di un tratto dove i pellegrini sono costretti a camminare nella strada asfaltata ex statale Cassia, che collega Bolsena a Montefiascone, una via tra l’altro molto trafficata, anche da mezzi pesanti. Praticamente questo è l’unico tratto dei diciassette chilometri di via Francigena nel Comune di Montefiascone molto pericoloso al transito dei numerosi pellegrini. Ben sedici chilometri si snodano invece in strade sterrate in mezzo alla splendida campagna e quindi con un traffico veicolare molto limitato e il pellegrino è praticamente al sicuro. IIl tratto che sarà interessato dai lavori – continua l’assessore – si estende dal Ponte della Regina, verso Montefiascone. Proprio qui l’amministrazione si è attivata, dopo che questo finanziamento di 500mila euro, era caduto in perenzione a causa del cambio di amministrazione nel 2009 e poi del lungo periodo di commissariamento. L’assessorato all’Ambiente della Regione Lazio ha deciso di riconcedere il finanziamento che servirà per la messa in sicurezza di quel tratto di strada asfaltata che interessa il transito dei pellegrini. Nel dettaglio verrà costruita una pista pedonale e ciclabile che fiancheggerà la strada e sarà protetta da una ringhiera. Così i pellegrini potranno camminare in perfetta sicurezza”.

L’amministrazione comunale ringrazia il responsabile del procedimento il dottor Enrico Mascioli e il direttore generale dell’assessorato regionale l’ingegnere Giuseppe Tanzi per la loro sensibilità e disponibilità. “In tempi molto brevi faremo il bando di gara per la cantierizzazione dei lavori – aggiunge Trapè -. Il progetto esecutivo è già stato approvato”.

Per il 2013 si stanno programmando importanti iniziative comunali che avranno come protagonista proprio la via Francigena. “Abbiamo intenzione – spiega l’assessore – di partecipare alla III edizione del festival della via Francigena (Collective Project) con particolari iniziative che si svolgeranno da giugno a settembre. Inoltre sempre nel 2013 verrà inaugurato il monumento ai pellegrini che sarà ubicato in piazza Urbano V con la fattiva collaborazione della Fondazione Carivit. Stiamo cercando di promuovere il percorso degli ultimi 100 km della via Francigena cioè proprio dalla nostra città di Montefiascone a Roma – conclude Trapè -. Il centesimo chilometro è davanti alla chiesa del Corpus Domini. Vogliamo che questo diventi una caratteristica. Una novità: ogni pellegrino può richiedere all’ufficio turistico di Montefiascone una pergamena che attesti il suo passaggio a Montefiascone in considerazione che l’aver percorso gli ultimi 100 chilometri della via è equiparata ad aver effettuato l’intero cammino della via. La Francigena è una risorsa da sfruttare sempre in maggior misura”.

Fonte: Comune di Montefiascone

Categorie
news-import

Il Cammino di Santiago per immagini: CaminoView

Ecco le prime quattro tappe del CaminoView, una nuova iniziativa che fa parte della nostra attività di promozione della Via Francigena e dei cammini italiani lungo il Cammino di Santiago.

Presenteremo a puntate le tracce GPS dei 900 km del percorso pedonale e di quello in mountain bike da Roncisvalle a Muxia, con le foto panoramiche dei paesaggi più belli, e il dettaglio di tutto l’itinerario con una foto ogni 500 m. Questi ed altri contenuti compongono il CaminoView, un racconto hi-tech del Cammino di Santiago pubblicato su MapSlow, il nuovo portale cartografico di itinerAria.

Il nostro materiale servirà soprattutto a chi sta organizzando il viaggio, che potrà consultare la sequenza delle foto direttamente sulla mappa, e capire sia la bellezza sia le caratteristiche tecniche del percorso. Potrà quindi scaricare la traccia GoogleEarth per vedere il percorso in 3D, la traccia GPS per caricarla sullo strumento, e stampare le mappe dettagliate, nella scala desiderata.

Guarda le immagini e scarica le mappe delle prime sei tappe, e segui la pubblicazione a puntate di tutto il percorso!

Categorie
news-import

La guida e la geoguida della Via Francigena laziale e i vincitori del Premio inVia! 2011

ll 16 novembre scorso è stata una giornata ricca di importanti novità sulla Via nel tratto laziale!

Sono state presentate la Guida “La Via Francigena nel Lazio. Radicofani, Proceno, Roma”, la Geoguida (APPlicazione per smartphone) e sono stati consegnati i premi ai Vincitori del Premio inVia! 2011. Presso la Sala “Gianfranco Imperatori” dell’Associazione Civita, alla presenza di Fabiana Santini, Assessore Cultura, Sport Politiche Giovanili e Turismo della Regione Lazio, e di Albino Ruberti, Segretario Generale dell’Associazione Civita, sono state presentate la Guida “La Via Francigena nel Lazio. Radicofani, Proceno, Roma” edita dal Touring Editore e la Geoguida (APPlicazione per smartphone), realizzate entrambe dalla Regione Lazio, e consegnati i Premi ai Vincitori del Premio inVia! 2011, una iniziativa promossa dall’Associazione Civita e dall’Assessorato Cultura, Sport, Politiche Giovanile e Turismo della Regione Lazio e patrocinato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Dopo i saluti di apertura di Fabiana Santini e di Albino Ruberti, l’incontro “Racconti della Via Francigena nel Lazio” è proseguito con gli interventi di Luciano Mornacchi, Direttore Iniziative Speciali del Touring Editore, e di Alberto Conte, Direttore itinerAria, che hanno presentato la Guida e la Geoguida.

Il primo prodotto è dedicato al tratto laziale del noto cammino di pellegrinaggio inter-europeo conosciuto come Via Francigena. Si tratta di un volume maneggevole, corredato da una ricca e particolareggiata cartografia ad uso dei camminatori, suddivisa in nove tappe tutte percorribili a piedi. Una guida pratica, ricca di schede sintetiche ma esplicative, che segnala i luoghi al pari di una “bussola” cartacea e che per la sua agilità e cura del dettaglio è uno strumento innovativo nel suo genere.

La Geoguida, invece, è una applicazione da scaricare tramite gli apparati cellulari di ultima generazione (Smartphone, Ipad, ecc.), che consente al camminatore – ma anche al viaggiatore occasionale interessato a percorrere alcune tappe della Via Francigena – di mettersi in rete con luoghi, mappe, racconti viaggio, monumenti ed eccellenze paesaggistiche attraverso l’attuale tecnologia, per camminare assistiti da una ricca a puntuale cartografia informatizzata, per essere accompagnati passo passo alla scoperta di sentieri, percorsi da scegliere, siti da scoprire.

Con l’ausilio del proprio cellulare, il turista-pellegrino di oggi può portare con sé tutto quello che gli occorre per transitare sulla Via Francigena nel Lazio settentrionale senza bisogno di consultare testi cartacei e cartine. L’incontro è continuato con la sessione dedicata al Premio inVia! 2011, un’idea dell’Associazione Civita ormai giunta alla sua seconda edizione, che anche quest’anno ha ricevuto il sostegno della Regione Lazio, e che è volta promuovere la Via Francigena, nella convinzione che la creazione di nuovi itinerari costituisca una grande opportunità per la valorizzazione dei territori interessati in termini religiosi, culturali ma anche turistici.

Per questa sessione sono intervenuti Massimo Tedeschi, Presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, e Sergio Valzania, Vicedirettore RadioRai, i quali, essendo entrambi membri della Giuria di esperti che ha valutato i numerosi contributi ricevuti dai partecipanti al Premio, hanno illustrato le motivazioni che hanno portato all’individuazione dei vincitori.

Il Premio è stato rivolto a chiunque avesse percorso un tratto delle Vie in generale e, in particolare, a coloro i quali avessero percorso la Via nel suo tratto laziale, data la sua grande ricchezza in termini di patrimonio storico, culturale e paesaggistico. Originalità, creatività, qualità artistica, capacità di comunicare il valore dell’esperienza del cammino francigeno e di coinvolgere altri potenziali “utenti” delle Vie hanno costituito i criteri di valutazione con cui la Giuria di esperti – composta da Gaetano Platanìa, Sandro Polci, Antonio Politano, Massimo Tedeschi, Sergio Valzania, Sabrina Varroni – ha selezionato i 17 contributi vincitori, tra gli oltre 100 ricevuti, delle tre categorie previste dal Bando di Concorso: “adulti” (oltre i 15 anni d’età); “giovani” (bambini e adolescenti fino ai 14 anni d’età) e “La Via nel Lazio”.

I giurati hanno, quindi assegnato: per la categoria “ADULTI” il 1°, 2° e 3° Premio per la miglior Fotografia rispettivamente a Vincenzo Carbone, Omar Villa, Maria Vittoria Bianco, il 1°, 2° e 3° Premio per la miglior Lettera breve rispettivamente a Patrizio Pacitti, Nicolò Nicolosi, Giovanni Balzaretti, il 1°, 2° e 3° Premio per il miglior Messaggio sms rispettivamente a Fabrizio Manili, Lucia Avandero, Roberto Possi; per la categoria “La Via nel Lazio” il 1°, 2° e 3° Premio per la miglior Fotografia rispettivamente a Patrizio Pacitti, Angelo Gregis, Luigi Sarallo, il 1°, 2° e 3° Premio per la miglior Lettera breve a Teresa Vergalli, Roberta Possi, Giacomo D’Alessandro.

Inoltre, per la categoria “GIOVANI” si è voluto assegnare un Premio specifico ai contributi di due giovanissimi “pellegrini”: per la Fotografia a Diletta Migliaccio, di 14 anni, e per la Lettera breve a Giovanni Castellotti, di 9 anni, a ciascuno dei quali verrà consegnata una Quadrangula in argento unitamente ad una pergamena.

L’evento si è concluso con la consegna ufficiale dei suddetti Premi. A ciascuno dei tre vincitori primi classificati nelle categorie “adulti”, “giovani” e “La Via nel Lazio” è stato consegnata una Quadrangula in argento, oggetto devozionale medievale che, all’epoca, veniva realizzato in lega di piombo e stagno e cucito dai pellegrini sulle vesti permettendo loro protezione ed alloggio.

Mentre, ai secondi e terzi classificati sono state consegnate delle Quadrangulae, rispettivamente, in rame e in ottone. Tutti i Premi sono stati realizzati ad hoc dal Maestro Marco Guglielmi, così come le pergamene consegnate ai vincitori unitamente ai Premi.

In allegato i testi vincitori.

Categorie
news-import

Festa pellegrina

Il 1 dicembre si terrà a Livorno un’intera giornata dedicata alla Via Francigena. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Toscana delle Vie Francigene e dalla pro loco di Livorno, ha l’obiettivo di porre l’attenzione sulle azioni concrete che le amministrazioni, le associazioni, i volontari e i singoli cittadini possono compiere per lo sviluppo dell’itinerario.

 

Tante le attività previste per la giornata, un convegno, camminate, visite, mostre fotografiche, spettacoli teatrali ed altro ancora.

 

Scaricare l’allegato per visualizzare il programma completo.

 

 

Categorie
news-import

A breve un nuovo ostello a Palestro… l’accoglienza cresce!

Sta per nascere un nuovo punto di accoglienza lungo la Via Francigena, a Palestro, lungo il tratto pavese.
“La valorizzazione turistica della via Francigena – dice l’Assessore al Turismo della Provincia di Pavia Emanuela Marchiafava – richiede anche l’incremento dei punti di accoglienza dove i pellegrini di oggi, alla scoperta delle antiche strade della fede cristiana, possano sostare per qualche ora o pernottare per una notte, prima di riprendere il cammino”.
La tratta tra il vercellese e la Lomellina era sino ad oggi assolutamente carente da questo punto di vista. “Per superare questo deficit – informa l’Assessore Marchiafava – la Provincia ha deciso di sostenere la realizzazione di un punto di accoglienza e ristoro a Palestro. Si tratta di un piccolo ostello adiacente alla Torre Visconti, dove sarà possibile fare tappa prima di riprendere il percorso verso Robbio o Nicorvo”.
Una volta ultimati i lavori di realizzazione della struttura, i pellegrini troveranno nella bacheca sul ponte del Crocettone tutte le informazioni utili per arrivare al punto di sosta dotato di tutto quanto è necessario per l’accoglienza e il ristoro.

Fonte: Provincia di Pavia

Categorie
news-import

ATTENZIONE – Problemi sulla Via Francigena a causa dell’alluvione

Riportiamo alcune importanti segnalazioni di disagi nell’area Radicofani-Viterbo.

Prima di Acquapendente il fiume ha provocato allagamenti nelle zone di campagna circostanti, non è però ancora chiaro se tali danni abbiano coinvolto il tracciato della Francigena. Anche a Bolsena ci sono state difficoltà a causa di piccoli smottamenti e tra Bolsena e Montefiascone il fiumiciattolo nella zona del “fosso del bucine” si è ingrossato e il piccolo ponte per l’attraversamento è andato distrutto, è possibile attraversare, ma non senza bagnarsi. Si consiglia molta prudenza e di informarsi preventivamente presso le strutture di accoglienza e le associazioni quali sono le condizioni del percorso.