Via Francigena

In arrivo il workshop sull’accessibilità per (ri)scoprire il patrimonio di Bagno Vignoni con l’Unione Ciechi e Ipovedenti di Siena

Simona Spinola
Simona Spinola
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Seguendo la filosofia “niente per noi senza di noi”, la nostra Associazione, attraverso il progetto europeo triennale Horizon2020 rurAllure, ha organizzato un workshop sull’accessibilità previsto per sabato 9 luglio a Bagno Vignoni (San Quirico d’Orcia), presso il Parco dei Mulini.

L’iniziativa sarà completamente incentrata sui contenuti accessibili alle persone cieche e ipovedenti, con l’obiettivo di testare la progettazione e l’implementazione di modelli inclusivi che illustrino il patrimonio termale e geologico presente nell’area limitrofa al passaggio della Via Francigena.

L’attività è stata sviluppata da alcuni membri dell’Università Autonoma di Madrid (UAM), che incontreranno i rappresentanti della sezione di Siena dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (www.uicisiena.org) presieduta dal Dott. Massimo Vita, per sperimentare e costruire insieme una conoscenza inclusiva dell’itinerario, in linea agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Le persone con disabilità coinvolte saranno quindi parte attiva nella creazione di contenuti, insieme a un’archeologa, un geologo, un geografo e un’esperta in comunicazione.

Le attività e i materiali predisposti includeranno dei modelli 3D, stampe 3D in braille ed esperimenti sensoriali con le acque termali. Il feedback degli utenti finali sarà raccolto e discusso in loco per migliorare la progettazione dell’attività e i materiali creati per i futuri turisti, pellegrini e camminatori con disabilità visiva.  

L’iniziativa si svolge in collaborazione con il Comune di San Quirico d’Orcia, membro di AEVF aderente al progetto “Via Francigena termale” mirato alla valorizzazione del patrimonio termale e culturale in prossimità dell’itinerario. Si tratta del secondo appuntamento presso questa località termale, dopo la camminata ‘I love Francigena termale” organizzata all’interno del progetto rurAllure, nato per mappare e diffondere il patrimonio rurale e il turismo sostenibile in prossimità delle principali vie di pellegrinaggio in tutta Europa.