Via Francigena

I “Trail Angels” della Via Francigena, una rete per la manutenzione del cammino

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

L’Associazione Movimento Lento, in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), ha lanciato l’idea di creare sulla Via Francigena italiana, nel tratto dal Passo del Gran San Bernardo a Roma, una rete tra le associazioni e di istituire la figura dei “Trail Angels”, ispirata ai volontari che presidiano gli itinerari a lunga percorrenza negli Stati Uniti e in altri paesi esteri. 

Il Movimento Lento ha organizzato una prima riunione il 9 marzo 2019, a Milano, in occasione della fiera Fa’ la Cosa Giusta, invitando tutte le realtà attive sul territorio. L’adesione è stata massiccia, con più di 25 delegati che rappresentavano 19 tra associazioni e aziende, e altre realtà non hanno potuto partecipare ma si sono dette interessate al progetto.

Durante la riunione si è deciso di creare un canale di informazione tra le Associazioni tramite un gruppo Google, di censire le Associazioni interessate e disponibili a prendersi cura del percorso e di assegnare ad ognuna un tratto di riferimento. AEVF ha offerto alle associazioni censite e riconosciute la possibilità di ricevere gratuitamente i segnavia adesivi necessari per la manutenzione e di ottenere visibilità sui canali social per le iniziative legate alla cura e all’animazione del percorso. 

Fino ad oggi non esisteva un coordinamento tra le associazioni, né una “mappa” dei tratti presidiati. La Via Francigena, come tutti i cammini, ha bisogno di costanti cure e attenzioni. In alcuni territori italiani le Regioni e Comuni hanno capito l’importanza della manutenzione, hanno stanziato fondi e hanno creato i presupposti per garantire che il percorso sia presidiato, sicuro e percorribile. Altre amministrazioni, magari non per cattiva volontà o poca sensibilità ma perché i fondi sono sempre più scarsi, non l’hanno fatto. 

In alcuni tratti del percorso associazioni locali e singoli appassionati da anni si occupano della manutenzione della segnaletica e del percorso, svolgendo un lavoro eccellente molto apprezzato dei pellegrini ma talvolta non abbastanza considerato e sostenuto dalle amministrazioni locali. 

In questo periodo è in corso l’attività di manutenzione e le associazioni stanno valutando insieme l’opportunità di organizzare per il 2020 una staffetta lungo tutto il percorso italiano della Via Francigena per celebrare l’importanza della cura del cammino e del coordinamento tra le tante benne realtà che dedicano tempo e risorse a questo importantissimo obiettivo.

– Alberto Conte presidente dell’Associazione Movimento Lento –

© Riproduzione riservata