Via Francigena

Vie Franci-Gene: la storia millenaria del cammino diventa un quiz

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

La Via Francigena che da 1000 anni attraversa la nostra Città portando i pellegrini di tutto il mondo verso Roma. Gene Gnocchi, col suo talento comico e la classe che hanno solo i grandi showman.

Cosa hanno in comune? A loro modo sono due icone di Fidenza, due mondi così lontani e da oggi così vicini, che si sono finalmente incontrati per dare vita ad un Festival interamente dedicato al percorso romeo, che esordirà al Teatro Magnani il prossimo 21 settembre (ore 21, ingresso gratuito) per poi approdare in Toscana: a Pontemoli (domenica 1 ottobre) e a Siena (venerdì 20 ottobre).

Vie Franci-Gene, si chiama l’evento. Un nome che è già un manifesto programmatico, un invito a prendere carta e penna e appuntarsi per bene l’evento come imperdibile. No, stavolta niente convegni o puntuali ricerche storiografiche, niente seminari. Stavolta la via Francigena si trasformerà in un… quiz. Perché tutti la raccontiamo, tutti la promuoviamo, ma in fondo in fondo, quanto conosciamo davvero della sua storia fantastica, del suo carico di vicende mozzafiato sospese tra mito e passione. La passione della scoperta, la passione di chi si mette in cammino per fede. La passione di chi vuole riprendersi i suoi tempi, in barba al logorio della vita moderna, come avrebbe detto il grande Calindri.

GENE GNOCCHI: “LA FRANCIGENA, L’UNESCO E IL PELLEGRINO CHE HO MANDATO A BASTELLI”

Quindi: il quiz. In cattedra: Gene. Concorrente: il pubblico. Un vero e proprio format nato dalla collaborazione di Gene con l’Associazione Europea della Vie Francigene e, nel suo numero zero a Fidenza, con il sostegno del Comune

“Lungo la Via Francigena ci sono tanti comuni italiani che possono beneficiare di questo tragitto e dell’incredibile scambio di mondi e culture che portano i pellegrini lo attraversano. Mi è così venuta l’idea di raccontare tutto attraverso un quiz, col quale far capire quanto sia importante la Via Francigena”, spiega Gene.

Un quiz condotto alla maniera di Gene. Sagacia, ironia, non sense messe al servizio di un modo nuovo di raccontare il portato culturale della Via Francigena. “Partiremo da Fidenza, il tour proseguirà a Pontremoli, poi Siena ed altre località. Interrogheremo i fidentini, anche quelli illustri, per scoprire quanto sanno della via Francigena”. Benissimo. Gene e la Via Francigena, sotto con l’aneddoto: “Una volta a Fidenza mi è capitato di incontrare un pellegrino, che mi chiedeva quale era la strada corretta per andare verso Roma, e io che non sapevo niente l’ho mandato Bastelli”.

Applausi, ma torniamo seri. La Via Francigena candidata all’Unesco, come patrimonio mondiale dell’Umanità. Si sta lavorando tanto per questo obiettivo. Gene che ne pensa?

“Altro che opportunità, portare la Francigena all’Unesco è il viatico per far diventare la via un elemento di primaria importanza in tutti i contesti – fa notare Gene –. Essere patrimonio Unesco significherebbe avere un imprimatur che ti connota e identifica in modo molto marcato e, soprattutto, molto rilevante, ai fini di uno sviluppo a 360°: culturale, economico, sociale”. Non male come concorrente, Gene. Non male.

IL SINDACO MASSARI: “UN MODO NUOVO DI RACCONTARE LA FRANCIGENA”

“La Via Francigena è da sempre una eccezionale esperienza di vita. La vita dei pellegrini scolpita sui bassorilievi della Cattedrale di Fidenza. La vita dei pellegrini moderni. La vita delle Comunità che sono attraversate dal cammino – commenta il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari –. Stavolta racconteremo la vita lungo la via Francigena da una angolatura differente, mettendo il talento di Gene al servizio di un progetto che è molto più di un evento o di uno show. E’ la possibilità di conoscere divertendosi, di spalancare a tutta la comunità le porte di una storia sorprendente che deve essere sempre più patrimonio collettivo. Ringrazio Gene per il suo entusiasmo e il Presidente dell’Associazione Europea delle vie Francigene, Massimo Tedeschi, ancora una volta capace di proporre uno strumento che inserisce Fidenza tra le grandi tappe francigene”

I preziosi partner dell’evento del 21 settembre sono: Socogas, Antonella Lambri Private banker, S.i.co.r.t.