Via Francigena

L’assemblea generale Aevf vola verso Canterbury

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

L’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) verso Canterbury. La città medievale inglese, km zero della Via Francigena, è stata proposta come location per l’assemblea del 2019. Una programmazione che testimonia il clima di amicizia con Canterbury e con il Kent, da dove nel 990 l’arcivescovo Sigerico iniziò il suo viaggio verso Roma.

Canterbury guarda con attenzione al futuro dell’itinerario europeo e al suo percorso verso la certificazione UNESCO. Un interesse manifestato direttamente al presidente AEVF Massimo Tedeschi e al direttore Luca Bruschi alla presenza di Velia Coffey, vice direttrice generale del Canterbury City Council nonché vicepresidente AEVF, durante i recenti incontri a Canterbury finalizzati a rinforzare la rete europea delle vie Francigene.

Gli incontri di portata storica con interlocutori istituzionali del calibro del sindaco Simon Cook e dell’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby hanno confermato un’intesa comune per la Francigena. Dopo l’appuntamento programmato a Champlitte, in Francia, il 18 maggio 2018, nel 2019 l’assemblea AEVF si dirige verso il Regno Unito.

Sarebbe la prima volta in terra inglese, un grande avvenimento per la famiglia francigena – commenta il presidente Tedeschi – da definire solo se in primavera o in autunno. Si tratta di una sensibile dimostrazione della dimensione internazionale della Via Francigena e della rete AEVF. Ricordo che nel 2016, lo scorso anno, una assemblea si è svolta in Svizzera ad Aigle. Il prossimo anno saremo in Francia a Champlitte, tra l’altro sede operativa AEVF per lo sviluppo della Francigena d’Oltralpe, e nel 2019 finalmente anche a Canterbury”.

Leggi la news sugli incontri a Canterbury cliccando QUI.

Nelle foto a destra: AEVF e le autorità di Canterbury

 Silvia Iuliano