Via Francigena

Giornata Mondiale del Turismo 2021: una sfida da cogliere

Sara Louise Costa
Sara Louise Costa
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Il 27 settembre si festeggia la Giornata Mondiale del Turismo, una ricorrenza voluta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1979 per celebrare l’impatto del settore turistico sullo sviluppo sociale, politico, culturale ed economico dei popoli.

La celebrazione cade in un anno particolare per la nostra Associazione che sta festeggiando il suo 20esimo compleanno on the road con una camminata/evento lungo i 3.200 km della Via Francigena. In realtà il 2021 è un anno cruciale per l’intero settore turistico, considerato che mai come prima le attività outdoor hanno registrato record così positivi.

L’estate che ci siamo appena lasciati alle spalle ha infatti superato i livelli pre-pandemia per quanto riguarda trekking e cicloturismo, complici le restrizioni Covid e la voglia di viaggiare all’aria aperta in sicurezza, registrando un aumento di pellegrini lungo le principali rotte d’Europa, con la Via Francigena in testa accanto al Cammino di Santiago. Parliamo di un turismo di alta qualità, con profilo internazionale.

Proprio la crescita inclusiva del turismo è il focus principale della giornata di quest’anno, che vuole evidenziare le potenzialità di un settore in grado di promuovere la crescita economica di un territorio valorizzandone unicità e integrità. Il turismo sostenibile è un’opportunità di emancipazione per tutte le aree al di fuori dei classici percorsi battuti, grazie agli scambi culturali generati e alla creazione di una rete tra pellegrini, popolazioni e addetti ai lavori. Ricordiamo che la Via Francigena nei suoi 3.200km è attraversata al 90% da aree rurali, e forse proprio per questo è stata selezionata come ‘best practice’ per lo sviluppo sostenibile del settore turistico dal UNWTO (United Nations World Tourism Organization). La scoperta del patrimonio locale in tutta la sua ricchezza e complessità porta alla valorizzazione delle unicità di ogni area dal punto di vista paesaggistico, artistico, enogastronomico e folcloristico. Il turismo sostenibile e inclusivo diventa così fonte di sfide e opportunità da cogliere, sempre nel rispetto del territorio, perché vengano preservati l’ambiente e il benessere delle popolazioni.

Il Covid ha imposto nuove abitudini e preferenze che possono portare a un nuovo modo di viaggiare anche su larga scala: e scoprire il mondo in modo inclusivo e sostenibile è una scelta individuale che in realtà riguarda tutta la società. L’iniziativa Via Francigena – Road to Rome 2021 vuole essere un messaggio di speranza per continuare su questa strada, ma anche un augurio al settore turistico per continuare a crescere insieme, passo dopo passo.