Via Francigena

Gambassi Terme, il territorio riparte dalla Francigena

Redazione AEVF
Redazione AEVF

Riapriranno i battenti domenica 24 maggio dopo 2 anni e mezzo di lavori le terme di Gambassi. Una riapertura che ha visto la nascita di 10 posti di lavoro.

Investimento da 250mila euro per il Comune, grazie anche a un contributo da parte della Regione. Adesso si è pronti a ripartire con una nuova gestione per la struttura di piazza Vittorio che punta a fare sinergia con le tutte attività commerciali del territorio, sfruttare le potenzialità della via Francigena e la presenza del parco Benestare. Il logo che raffigura le terme infatti è un pellegrino con i piedi immerso nell’acqua. Un chiaro messaggio per il viandante che potrà osservare da vicino il territorio e fermarsi a centri di culto e di storia come la pieve di Santa Maria a Chianni.

La voglia di fare sinergia sul territorio da parte di Endas nella gestione delle terme ha fatto breccia nel tessuto associativo ed economico del territorio. Domenica 24 maggio infatti, in occasione del taglio del nastro, e di un evento legato alla Francigena, ci sarà anche la nascente associazione di commercianti che conta una sessantina di persone. La delegata dell’associazione, Simona Giannini, spiega come l’apertura delle terme possano rappresentare «una occasione da non perdere per la comunità». Una potenzialità che viene associata alla via Francigena: «Questo percorso che si snoda nel nostro paese, non deve passare inosservato». L’attenzione si sposta poi sull’associazione: «C’è grande interesse da parte degli esercenti. Non è facile collocarli tutti in un riquadro ma la strada intrapresa è quella giusta». La presenza delle terme potrebbe essere un incentivo per la nascita di nuove realtà imprenditoriali».

Fonte: Gelocal