Via Francigena

La Via Francigena e i Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Nel corso di molti secoli l’itinerario della Via Francigena ha plasmato il territorio, l’ambiente e ha contribuito ad influenzare il benessere e la qualità della vita delle comunità locali lungo il percorso. Ciò dimostra chiaramente che la sostenibilità è una importante qualità intrinseca della Via Francigena. Come espresso dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT), lo sviluppo sostenibile deve sempre tenere pienamente conto del suo impatto, presente e futuro, sull’economia, sulla società e sull’ambiente.

Nel contesto di una sempre più urgente richiesta di sostenibilità, nel 2015 tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite (UN) si sono riuniti per definire un’agenda politica globale, suddivisa in 17 obiettivi, noti come obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) da perseguire fino al 2030 e poi rivisitare. L’impatto dell’itinerario della Via Francigena sull’ambiente è riconosciuto e viene messo in evidenza anche nella piattaforma Tourism4SDG dell’OMT,  così come viene sottolineato all’interno di altre iniziative pionieristiche nel campo del turismo lento.

Sustainable_Development_Goal_3

Camminare è un modo universalmente accessibile per mantenersi in forma, in salute e attivi. L’escursionismo può essere praticato tutto l’anno e non richiede allenamento fisico o attrezzature speciali.

L’AEVF si impegna a contribuire all’SDG n.3 “Buona salute e benessere” promuovendo l’attività fisica, sensibilizzando sulle abitudini salutari e coinvolgendo il pubblico di tutte le età in eventi all’aperto.

La Via Francigena offre una varietà di opzioni sportive per il tempo libero, tra cui escursioni a piedi, in bicicletta, sport equestri, orienteering, maratone, ecc. Uno stile di vita attivo può ridurre il rischio di malattie coronariche, diabete, osteoporosi, obesità e altri problemi di salute. Inoltre, l’attività fisica migliora l’apparato digerente, la qualità del sonno e contribuisce a migliorare la salute mentale.

SDG n. 8: “Lavoro dignitoso e crescita economica”: “Promuovere una crescita economica sostenuta, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti”.

Il flusso di pellegrini lungo la Via Francigena genera benefici economici per le comunità locali che attraversa. L’impatto finanziario positivo sul territorio è rilevato da molti studi statistici, oltre che dai dati raccolti da l’AEVF. 

Ad esempio, uno studio approfondito dell’IRPET ha mostrato in dettaglio come la Via Francigena sostenga lo sviluppo territoriale nelle aree rurali della Toscana. I viaggiatori rivitalizzano gli insediamenti rurali, stimolando la vitalità economica e l’alta qualità della vita nell’area. Tali aree rischierebbero altrimenti di diventare “città fantasma” dimenticate da imprenditori e turisti. Molte strutture di queste aree (siano esse strutture ricettive, supermercati o piccoli bar) beneficiano del passaggio continuo di camminatori e ciclisti lungo la via Francigena. Il reddito e l’occupazione sono diversificati in tutto il settore turistico, compresi tutti i tipi di infrastrutture, e crescono in linea con il numero di pellegrini di passaggio.

SDG n. 11: “Città e comunità sostenibili”: “rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, durevoli e sostenibili”.

In linea con l’obiettivo n. 11.4, l’AEVF intensifica gli sforzi per proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturale del mondo, promuovendo l’itinerario escursionistico e i siti culturali lungo il percorso. Il turismo lento crea uno spazio per un maggiore scambio sociale e culturale tra viaggiatori e abitanti del luogo, ponendo le basi per interazioni più profonde e una maggiore comprensione del patrimonio culturale regionale.

Il percorso permette di scoprire siti storici, religiosi, architettonici e monumentali che non si trovano nei comuni circuiti turistici. La valorizzazione di questo patrimonio è, ad esempio, l’obiettivo primario del lavoro in corso dell’AEVF per la candidatura della Via Francigena alla Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO o di progetti europei come rurAllure (2021-2023), che promuove i musei e il patrimonio nei dintorni rurali del percorso.

Sustainable_Development_Goal_13

Camminare e andare in bicicletta sono attività praticamente neutre in termini di emissioni di carbonio, soprattutto se paragonate agli spostamenti in aereo o ai trasporti pubblici e privati alimentati a carburante. Tuttavia, l’AEVF si impegna a massimizzare il proprio impatto ambientale positivo agendo e diffondendo la conoscenza delle buone pratiche ambientali.

La consapevolezza e il legame con la natura giocano un ruolo essenziale nell’impatto ambientale prodotto dalla società, poiché influenzano i nostri valori e ciò in cui crediamo e, di conseguenza, tutte le nostre azioni. Diversi progetti dei membri e dei partner dell’AEVF contribuiscono ad accrescere la consapevolezza ambientale, in particolare quella del cambiamento climatico.

Inoltre, l’Associazione lavora per sviluppare partnership efficaci che migliorino la mobilità sostenibile e promuovano il turismo verde. Ad esempio, nel 2017 è stato firmato un accordo con Trenitalia e Trenord, che prevede sconti per i pellegrini che viaggiano sui treni regionali nell’ambito del percorso.

Sustainable_Development_Goal_16

Nel corso dei secoli, la Via Francigena ha favorito il dialogo interculturale tra i Paesi attraversati, ha permesso lo scambio di valori e tradizioni e ha trasmesso messaggi culturali in tutta Europa. Nel 1994 l’AEVF ha ottenuto la certificazione di Itinerario Culturale per il suo costante lavoro di facilitazione del dialogo interculturale e di diffusione dei valori comuni europei, e da allora l’Associazione opera come rete portante del Consiglio d’Europa.

Riconosciuta come ponte tra le culture dell’Europa anglosassone e dell’Europa latina fin dal Medioevo, oggi è un punto d’incontro tra culture diverse, attrae visitatori da oltre 40 Paesi e costruisce una comunità internazionale sia lungo il percorso che online. Il dialogo interculturale si sviluppa anche attraverso l’interazione tra escursionisti e comunità locali.

Il ruolo principale dell’AEVF è quello di creare partenariati e di mettere in contatto un gran numero di soggetti interessati.

AEVF conta più di 215 membri e partner che uniscono comuni, province e regioni in 4 Paesi. Inoltre, l’associazione costruisce forti relazioni con associazioni, istituti accademici e università, piccole e medie imprese e istituzioni internazionali come il Consiglio d’Europa e l’UNESCO.

Il partenariato, il dialogo e la co-creazione di risultati e progetti sono strategie di governance fondamentali per lo sviluppo sostenibile. Gli oltre 20 anni di lavoro dell’AEVF testimoniano che questa forma di cooperazione offre soluzioni “win-win”, ossia un successo reciproco tra organizzazioni, partner, pellegrini, comunità locali, economia e ambiente.

Come definito nell’obiettivo 17.17, intendiamo “incoraggiare e promuovere partenariati efficaci nel settore pubblico, tra il settore pubblico e quello privato e nella società civile, basandoci sull’esperienza dei partenariati e sulla loro capacità di trovare risorse”.

evden eve nakliyat ücretleri İstanbul evden eve nakliyat İstanbul evden eve nakliyat pendik escort anadolu yakası escort şişli escort bodrum escort sex yasbetir1.xyz winbet-bet.com 1kickbet1.com 1xbet-1xir.com 1xbet-ir1.xyz hattrickbet1.com 4shart.com manotobet.net hazaratir.com takbetir2.xyz 1betcart.com betforwardperir.xyz betforward-shart.com betforward.com.co betforward.help betfa.cam 2betboro.com 1xbete.org 1xbett.bet romabet.cam megapari.cam mahbet.cam