Via Francigena

🇮🇹 La Francigena pugliese: in bici da Troia a Bari

Durante la Road to Rome abbiamo pedalato tutto il tratto che unisce Troia a Bari, e siamo rimasti stregati dall’ospitalità! Infatti, oltre ad ammirare spettacolari paesaggi, abbiamo potuto ammirare città storiche e gustare i prodotti nostrani pugliesi, a partire ovviamente dal famoso Nero di Troia, uno dei vini più pregiati di tutta Italia!

TROIA

Questa cittadina di seimila abitanti è ricca di storia. I primi insediamenti di Troia, infatti, risalgono alla Repubblica Romana. Il centro storico di Troia è una piccola bomboniera, dove svetta per bellezza ed importanza la Concattedrale, costruita nell’ XI – XII secolo, e famosa per il suo magnifico rosone, il più grande di tutta la Puglia.

Troia è anche conosciuta per il suo eccellente vino Nero di Troia e per una vivace vita notturna: è il luogo giusto per festeggiare l’ingresso in Puglia!

DA TROIA A CANOSA, UNA PEDALATA ATTRAVERSO GLI ULIVETI

Tutto il tratto della Via Francigena pugliese è caratterizzato da tantissimi ulivi: è splendido camminare (o pedalare, come nel nostro caso) in mezzo a questi oliveti! La Puglia non è tutta pianura: il muro del pianto di Castelluccio ha delle pendenze che fanno piangere anche i più grandi ciclisti!

Abbiamo attraversato tanti paesi: Ordona, Stornarella, Stornara e Cerignola. L’ospitalità pugliese è sempre stata meravigliosa, ed abbiamo avuto la possibilità di assaggiare i prodotti tipici (come le cartellate, dolci tipici del foggiano) e pranzare in un fantastico luogo sottratto alle mafie. Stornara, infine, è famosa per i suoi splendidi murales!

Un meraviglioso ponte romano ci ha dato il benvenuto nella storica Canosa, che infatti ospita tantissimi monumenti archeologici: per bellezza spiccano il Battistero di San Giovanni e la Domus Romana! Canosa, infatti, è una sorta di città – museo: è una delle città italiane dove le tracce degli antichi romani sono più visibili!

Ponte romano di Canosa
DA CANOSA A RUVO DI PUGLIA

I cinquanta chilometri che collegano Canosa a Ruvo di Puglia sono ancora una volta caratterizzati da splendidi vigneti e uliveti. Abbiamo attraversato altre due città storiche per la via Francigena: Andria e Corato. L’ospitalità pugliese in questa tappa ci ha deliziato con i confetti Mucci!

Ruvo di Puglia è un’altra città da non perdere! La sua Concattedrale è un magnifico esempio del Romanico pugliese. Inoltre, Ruvo ospita il particolarissimo vaso di Talos, custodito nel Museo Jatta. Il vaso, splendidamente rifinito, racconta la morte di Talos: il gigante, dopo aver bevuto una pozione magica, cadde sul calcagno, il suo unico punto debole.

La concattedrale di Ruvo di Puglia
DA RUVO DI PUGLIA A BARI, PASSANDO PER BITONTO

In questi 40 km di percorso abbiamo potuto ammirare in particolare due monumenti: il Portone del Parco (un arco del XVI secolo) e la splendida chiesa di Santa Maria di Cesano, risalente all’XI secolo.

La parte più bella di questo pezzo di Via Francigena alle porte di Bari è stata ovviamente Bitonto, dove abbiamo ammirato la Concattedrale, il Torrione Angioino, la Porta Baresana e la Chiesa di San Gaetano. Infine, uscendo da Bitonto vi è la chiesa del Crocifisso, caratterizzata da una cupola a forma di trullo e dall’interno gotico.

Dopo 40 km siamo così arrivati al mare e a Bari: a San Nicola abbiamo finito la nostra fantastica pedalata!

Potete seguire le avventure di Andrea sui suoi canali social e il suo blog:

Facebook: https://www.facebook.com/travelbeer13
Instagram: https://www.instagram.com/andrealess13/
Blog: https://www.travelsbeer.com/

Davanti alla Basilica di San Nicola a Bari
Andrea Alessandrini
Andrea Alessandrini
Andrea, travelblogger, ama viaggiare e fare sport da quando è piccolo. Ha una smisurata passione per la bici e per le camminate: dopo aver percorso tanti km in giro per il mondo ora racconta la nostra via Francigena!

Would you like to be published on our blog?

Send us your proposal at blog@viefrancigene.org

Via Francigena Magazine
Join our online community!

Social Media