Via Francigena

🇮🇹 Cani lungo il cammino: consigli e comportamenti

Percorrere un cammino a piedi o in bicicletta implica dei rischi che dipendono da molte variabili, che non sempre è facile prevedere. Tuttavia, se le vostre tappe includono il passaggio in alcune zone di campagna non particolarmente battute, sarà cosa buona e giusta mettere in conto l’eventualità di incontrare dei cani randagi.

L’identikit

Può trattarsi di cani di alcune fattorie o cascine che fanno la guardia alle loro proprietà; di cani pastore che avvertono dei pericoli per le greggi a cui fanno da guardia o, ancora, di uno o più esemplari sciolti per strada senza alcun padrone.

Ancor più numerose sono le reazioni che questi cani possono manifestare, a seconda del loro carattere, dell’eventuale addestramento ricevuto o della condizione in cui si trovano in quel momento (leggasi, fame o vicinanza di cuccioli da difendere). Così, al nostro passaggio, il cane potrebbe limitarsi ad abbaiare da lontano, o avvicinarsi con fare minaccioso, o ancora restare fermo ma tenere d’occhio i nostri movimenti.

Come comportarsi

Che fare in questi casi? Innanzitutto sarà opportuno mantenere la calma per valutare lucidamente che tipo di cane abbiamo di fronte leggendo i segnali che differenziano un comportamento amichevole e curioso da uno aggressivo. Può essere che ci venga incontro con un’andatura tranquilla solo per annusarci: in questo caso è meglio ignorarlo e non mostrare alcun tipo di interesse, perché si allontani il prima possibile. Se, al contrario, ci corre incontro ringhiando e mostrando i denti con il corpo teso e la coda alta, sarà bene arretrare lentamente senza fissarlo negli occhi né dargli le spalle, per trovare una strada alternativa. Se invece lo spazio di azione non lo consente e il cane si avvicina cercando di attaccarci, dovremo metterci di fronte a lui e ordinargli di andarsene con un tono deciso e la voce grossa, con l’obiettivo di scoraggiarlo.

In caso di attacco

Nella peggiore delle ipotesi, qualora il cane ci raggiunga e inizi a morderci, dovremmo ricorrere alla forza per spaventarlo e allontanarlo: tenere un bastone con noi ci permetterà di usarlo all’occorrenza per colpirlo e cercare di stordirlo, mentre continuiamo a gridare aiuto nella speranza che qualcuno ci offra supporto. A questo scopo, anche i bastoncini da trekking possono rivelarsi utili e vanno quindi considerati nel nostro equipaggiamento durante i preparativi. Una volta che siamo riusciti ad allontanarlo, dovremmo pulire bene le ferite e valutare se recarci al pronto soccorso: in tutti i casi, dovremmo informare le autorità per evitare che lo spiacevole episodio ricapiti ad altri pellegrini e, se il cane non è randagio, informarci sulle generalità del padrone per sporgere regolare denuncia.

Condividi la tua esperienza

La presenza di cani randagi è un aspetto che può interessare altri viaggiatori che stanno progettando il loro cammino: se ti sono capitati imprevisti di questo tipo o altri spiacevoli episodi, lascia un post nella nostra community con tutti i dettagli. Inoltre, prima di metterti in cammino, consulta sempre la nostra sezione dedicata alle criticità del percorso.

Fonte: Marco Fazion, “Prima che venga il lupo. La prevenzione dei pericoli nell’accompagnamento escursionistico professionale”

Redazione AEVF
Redazione AEVF

Would you like to be published on our blog?

Send us your proposal at blog@viefrancigene.org

Via Francigena Magazine
Join our online community!

Social Media