Via Francigena

Tutte le strade portano a noi. Un viaggio a piedi per ripensare i confini del nostro Paese

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Si tratta di un viaggio condiviso, un documentario, un libro per raccontare la Via Francigena con gli occhi di giovani artisti nati negli anni ’80. 1.000 km attraverso le 33 tappe della Via Francigena tra montagne, pianure, attraversamenti di guadi, fiumi, paesaggi, incontri.

Proprio gli incontri con gente comuni dei luoghi d’origine e personaggi della storia diventare il leit motiv per raccontare la nostra cultura. Un progetto che vuole filmare e documentare il patrimonio turistico-culturale, naturalistico, gastronomico dell’Italia.

Il viaggio sarà registrato e condiviso in tempo reale sui social network attraverso telecamere e smartphone, inoltre una regista seguirà e filmerà il gruppo realizzando un documentario di questa avventura che diventerà anche un libro di Alcide Pierantozzi edito da Laterza dal titolo “Tutte le strade portano a noi”.

La partenza è prevista in uno dei luoghi simbolici del percorso, Orio Litta, il 21 maggio. La troupe sarà a Roma domenica 15 giugno e proseguirà per la Puglia con arrivo il 21 giugno.

Per tutti i territori attraversati si prevede grande visibilità e partecipazione. Solo nei social network i 5 partecipanti raggiungono 15mila followers e ad oggi lo sponsor principale è Jobyourlife che raccoglie 200mila iscritti fascia media 30 anni.

Per maggiori info e per contattare l’organizzazione:
Elena Dal Molin: elenadalmolin@me.com