Via Francigena

Siccità nel fiume Po: sospeso il traghetto di Danilo

Sara Louise Costa
Sara Louise Costa
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Per la prima volta dal 1998 è stato sospeso il traghetto “Transitum Padi”, il trasporto dei pellegrini lungo la Via Francigena al guado di Sigerico sul fiume Po.

La mancanza di piogge delle scorse settimane ha causato un’estrema siccità del fiume che ha reso pericoloso il suo attraversamento, aumentato il rischio di rimanere incagliati o di danneggiare l’imbarcazione. Una decisione che non era mai stata presa negli oltre 20 anni di attività del servizio del ‘Caronte della Via Francigena’.

Il traghettatore Danilo Parisi ha deciso di sospendere il servizio nel weekend del 19 giungo, dopo aver accompagnato gli ultimi pellegrini dalla sponda lodigiana di Corte Sant’Andrea fino a Soprarivo, in arrivo a Piacenza. Una decisione inevitabile viste le condizioni del fiume: anche per una barca di pochi posti, schiavare i “sabbioni” sotto il pelo dell’acqua o evitare tronchi e detriti diventava sempre più pericoloso.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Caledasco Filippo Zangrandi, il quale ha spiegato che “per non mettere a repentaglio la barca, si è scelto di interrompere il guado sulla via Francigena”. L’Agenzia interregionale per il Fiume Po AIPO, infatti, ha sconsigliato fortemente la navigazione per motivi di sicurezza. Sottolineando come all’interno del canale navigabile siano presenti dei tratti con fondali al di sotto dei 50 centimetri.

La situazione del fiume più lungo d’Italia è preoccupante, e gli effetti del cambiamento climatico e dell’innalzamento delle temperature globali sono ormai evidenti ed innegabili. Sono molte le province d’Italia che in questi caldi mesi d’estate stanno prendendo provvedimenti per limitare lo spreco delle risorse d’acqua, e anche noi ci uniamo nel sollecitarvi a prestare attenzione ai consumi d’acqua: se da una parte è bene rimanere ben idratati durante il cammino, a casa possiamo evitare docce troppo lunghe e rubinetti aperti per troppo tempo, ad esempio quando spazzoliamo i denti o laviamo i piatti, ma anche limitare la quantità d’acqua che utilizziamo per innaffiare le piante. Insieme possiamo contribuire a prevenire grandi problemi di siccità che il clima torrido di questa estate ci pone davanti.

Water

Per aggiornamenti sulla sospensione e ripresa del servizio contattare Danilo Parisi: tel. 0523 771607

Drought