Via Francigena

La Via Francigena e le città termali storiche, in Toscana, raccontate da 6 bloggers

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Dal 21 al 24 maggio un gruppo di 6 bloggers internazionali ha visitato il territorio francigeno senese ed alcune città storiche termali, in Toscana. Un viaggio nella storia e nel tempo, per raccontare il binomio che lega un un’area vasta che da Montecatini, passando per Monsummano Terme, conduce a San Gimignano, Monteriggioni e Siena.

Il minimo comune denominatore dell’esperienza sono stati gli itinerari culturali del Consiglio d’Europa. Il progetto sperimentale è stato finanziato all’interno del Joint Progamme della Commissione Europea e Consiglio d’Europa sugli Itinerari Culturali

6 bloggers professionisti prevenienti dall’ Europa e gli Stati Uniti, hanno quindi potuto raccogliere materiale per raccontare le impressioni e le esperienze vissute, mettendo in stretta connessione le anime culturali, spirituali, paesaggistiche e quelle legate al patrimonio toscano attraverso foto, diari, video ed articoli sul loro viaggio. La parte del blogger tour dedicata alla Via Francigena ha fatto conoscere San Gimignano, attraverso la sua storia ed i suoi musei (Museo 1300 e Museo del Vino), il tratto di percorso che si snoda verso Colle Val d’Elsa, Monteriggioni ed Abbadia Isola, con una suggestiva rievocazione storica, Siena attraverso il trekking urbano nella città che da Porta Camollia conduce a Santa Maria della Scala.

Michael, Paula, Marlys, Mario, Grazia, Valentina sono stati accompagnati dai rappresentanti dell’ Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo, dall’Associazione Europea delle Vie Francigene, dalla rete europea delle città storiche termali e dalla Fondazione Sistema Toscana.

 

La Francigena in Toscana e nel tratto senese. Un nuovo turismo sostenibile
Dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo è stato proposto come modello il tratto toscano della Via Francigena in quanto ne costituisce una importante spina dorsale: 400 km da Pontremoli ad Altopascio, da San Miniato a Lucca, da Pietrasanta a San Quirico d’Orcia, passando per San Gimignano, Colle Val d’Elsa, Monteriggioni e Siena. La primavera del 2014 segna inoltre la rinascita della Via Francigena in Toscana: il 14 giugno sarà inaugurata tutta la messa in sicurezza dell’Itinerario con un evento che si svolgerà a Lucca.

Il tratto senese rappresenta uno dei tratti più affascinanti e totalizzanti del percorso, anche per questo significativo binomio che può legare stazioni termali storiche e Via Francigena attraverso un nuovo turismo sostenibile e di qualità, coniugando natura, storia, bellezza, architettura e benessere legato alle acque termali
L’ospitalità e l’accoglienza francigena nelle Terre di Siena è stata organizzata e curata dai Comuni coinvolti e dalla Provincia di Siena.

 

Partnership pubblico-privato. Una nuova fase per la Via Francigena
Anche questa iniziativa sperimentale del “blogger tour” europeo ha evidenziato con grande forza l’effetto positivo della Via Francigena nel far dialogare istituzioni pubbliche con operatori turistici e culturali, spaziando dalla filiera del cibo e gastronomia alla promozione. L’educational tour ha sottolineato ancora una volta come la via Francigena abbia bisogno di tutte le anime, coinvolgendo nel progetto le istituzioni, dalle regioni agli enti locali, le associazioni, le categorie economiche e turistiche.

Oltre alla conoscenza del territorio francigeno, attraverso un percorso moderno che rievoca mille anni di storia, il progetto mette in rete le filiere agroalimentari ed offre al viandante una grande occasione per promuovere i cibi del territorio. L’esperienza del blogger tour senese ha proposto un’ampia panoramica di eccellenti prodotti dop e igp toscani. La conclusione dell’evento, presso l’Orto de’ Pecci a Siena, è stata molto significativa in quanto ha raccontato la storia di un territorio attraverso prodotti di filiera corta improntati all’eticità e l’attribuzione al lavoro verso soggetti svantaggiati


Gli itinerari culturali riconosciuti dal Consiglio d’Europa

Oggi il Consiglio d’Europa riconosce 29 itinerari, tra i quali la Via Francigena e le città termali storiche. Gli itinerari coniugano un patrimonio tangibile e intangibile, uniscono dei cammini e collegano network di comunità locali, istituzioni culturali, università e centri di ricerca, agenzie di servizi. Gli itinerari rappresentano oggi un nuovo modo per riscoprire l’Europa attraverso un turismo slow, consapevole ed autentico, legato alla storia e tradizioni


 

Un ringraziamento particolare a:
Commissione Europea
Consiglio d’Europa
Istituto Europeo Itinerari Culturali di Lussemburgo
Associazione Europea Città Storiche Termali
Regione Toscana
Provincia di Siena e Terre di Siena
Comune di Montecatini
Comune di Monteriggioni
Comune di San Gimignano
Comune di Siena
Fondazione Sistema Toscana
Hotel Astoria, Montecatini
Terme Excelsior e Tettuccio, Montecatini
Ristorante Torretta, Montecatini
Grotta Giusti, Monsummano Terme
Trattoria Borgo di Racciano (San Gimignano, Loc. Racciano)
Casa Vacanze Antico Borgo dei Frati” (San Gimignano, Loc. Racciano)
Locanda di Sant’Agostino (San Gimignano)
Museo del Vino, San Gimignano
Museo San Gimignano 1300
Relais La Costa – Dimora storica, Monteriggioni
Gruppo di rievocazione storica, Monteriggioni
Ristorante “Il Ceppo”, in Pian del Lago
Complesso Santa Maria della Scala, Siena
Orto de’ Pecci,  Siena
Hotel Minerva, Siena
Gippo Bike, Colle Val d’Elsa