Via Francigena

La Toscana sulla Francigena: storie, misteri e curiosità in un docufilm

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Un cammino nel cammino alla scoperta delle curiosità e dei misteri della Francigena Toscana. E’ la trama del documentario firmato da Arianna Valentino, Gabriele Parenti e Roberto Burchielli, prodotto da Toscana Promozione Turistica e Regione Toscana.

Un viaggio nel patrimonio artistico, storico e paesaggistico di uno dei tratti più suggestivi dell’antico itinerario tracciato da Sigerico. “La Toscana sulla Francigena: Storie, misteri curiosità di una Via Maggiore” mostra una Francigena inedita attraverso i suoi tesori nascosti. Un racconto dal taglio scientifico didattico alla Voyager che parte dal Passo della Cisa e arriva alla rocca di Radicofani svelando, tappa dopo tappa, leggende e tradizioni. Dalle statue stele al museo di Pontremoli, al campanile del Duomo di Pietrasanta, dai simboli templari al Volto Santo di Lucca, sosta fondamentale per i pellegrini. Il docufilm francigeno cammina nella storia, entrando persino nell’acquedotto labirintico di Siena. Passa per vari borghi, fa tappa a San Quirico d’Orcia, alla “balena bianca” di Bagni San Filippo per terminare a Radicofani, la vedetta della Francigena.

 
Il documentario è un progetto legato alla grande opera di promozione della Via Francigena che sta facendo la Regione Toscana. Con il collega Gabriele, abbiamo cercato di dare un taglio originale al prodotto, selezionando alcuni temi chiave. Un aspetto che è stato molto apprezzato.” afferma Arianna Valentino, giornalista, appassionata di cammini, volto e voce narrante nel documentario insieme a Gabriele Parenti, giornalista e regista, nonché ex coordinatore programmi culturali della Direzione di Sede della Rai Toscana.
 
Il documentario, girato tra marzo e settembre 2017, con Roberto Burchielli della Young Srl di Navacchio, è già stato presentato a Pisa e al cinema Agorà di Pontedera, raccogliendo consensi anche nelle scuole per la sua valenza didattica. Le associazioni e gli enti locali interessati possono fare richiesta per la proiezione del docufilm.
 
“Cerchiamo di presentare questo prodotto anche su richiesta per l’organizzazione di proiezioni esclusivamente gratuite – conferma la giornalista – il documentario è a disposizione di quanti sono interessati alla promozione del territorio. Per ulteriori informazioni è possibile contattare Gherardo Noferi di “Toscana Promozione Turistica” oppure inviarmi una mail all’indirizzo: arianna.valentino76@libero.it”.
 
Non resta che mettersi comodi e guardare il trailer. Il viaggio è solo all’inizio.
 
Guarda il trailer

 Silvia Iuliano