Via Francigena

La Toscana alla BIT 2015, si presenta la Francigena

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

In occasione della Bit – Borsa Internazionale del Turismo, si parlerà anche delle politiche e delle strategie per valorizzare l’antico percorso narrato da Sigerico.

Dal Passo della Cisa ad Acquapendente: 380 km di storia, di arte e cultura; 15 tappe e  5 province interessate. Ecco i numeri della Via Francigena nel territorio toscano: un percorso rivolto a pellegrini di origine non solo italiana ma anche straniera.

Negli ultimi tempi, molto si è detto del famoso e antico itinerario intrapreso da Sigerico intorno al 990. Il tracciato raccontato dall’arcivescovo inglese collegava Canterbury alla città eterna, Roma.

E la Regione Toscana non poteva che credere e investire in questa grande opportunità per lo sviluppo del turismo locale. Recentemente, infatti, è stata presentata a Bruxelles la nuova sezione tematica online della Via Francigena, un portale che raccoglie i dettagli e le informazioni utili per intraprendere il viaggio a piedi.

Questa antica strada della fede rappresenta un’occasione irrinunciabile per il turismo in Toscana, che favorisce e incentiva un tipo di viaggio “slow” e sostenibile. Il percorso, infatti, interessa alcune tra le più grandi città d’arte come Lucca, Siena e Monteriggioni, ma anche quelle meno conosciute, altrettanto affascinanti.

Nella sezione speciale del turismo della Regione Toscana www.turismo.intoscana.it/viafrancigena è possibile consultare e scaricare tutte le tappe toscane con il tracciato del percorso.

Questo servizio permette di programmare l’itinerario, cercare strutture ricettive o chiese e monasteri che offrono ospitalità lungo il tragitto prescelto, per organizzare al meglio il proprio viaggio in Toscana lungo la Via Francigena.

In occasione della Bit – Borsa Internazionale del Turismo, che si tiene dal 12 al 14 febbraio a Milano, si parlerà anche delle politiche e delle strategie future della Regione Toscana per valorizzare questo antico percorso.

Fonte: InToscana