Via Francigena

Insuperabile, la staffetta dell’inclusione

Simona Spinola
Simona Spinola
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Mentre il gruppo di Road to Rome prosegue il suo viaggio in Italia, lo scorso 14 agosto un’altra importante staffetta è partita dal Gran San Bernardo per raggiungere Roma il prossimo 12 settembre in 45 tappe.

Si tratta di Insuperabile, la staffetta della solidarietà patrocinata da AEVF, che vedrà come protagonisti sulla Via Francigena alcuni gruppi di persone affette da disabilità fisiche e cognitive. Sevuoipuoi, Pedalabile, Albergo Etico, Istituto Oncologico Romagnolo, Alzheimer Camuno Sebino Onlus, ASD Filippide Cagliari e Associazione diversamente ODV sono le realtà coinvolte nell’iniziativa nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del movimento come mezzo per prevenire e rallentare i sintomi di numerose patologie.

“Per tutti l’obiettivo comune sarà quello di andare avanti, procedere nonostante le difficoltà che si incontreranno lungo il percorso, come nella vita, e consegnare il testimone ad altri protagonisti. La metafora si fa ancora più ricca di significato per coloro che ogni giorno devono affrontare il proprio viaggio superando anche gli ostacoli della disabilità o della patologia”, ci raccontano dall’organizzazione.

Alcuni partecipanti percorreranno la Via Francigena in cammino, altri procederanno in bicicletta o in tandem, in autonomia o con il supporto di un accompagnatore. Tutti quanti si metteranno in gioco per passarsi di mano in mano un testimone particolare e unico: quello della solidarietà, dell’inclusione e della speranza.

Insuperabile è un evento organizzato dalla Libera Accademia del Movimento Utile, un’associazione no-profit fondata nel 2014 dal medico cardiologo e allenatore Gabriele Rosa, e dalla squadra
dilettantistica ASD Rosa Running Team.

Per maggiori informazioni consulta qui il programma completo.