Via Francigena

Il viaggio di nozze da sogno? A piedi lungo la via Francigena

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Qual è il matrimonio dei sogni? Le risposte possono essere molteplici e variegate e seguono logiche influenzate dal carattere e dalle passioni. E il viaggio di nozze dei sogni invece? C’é chi anela mete esotiche, chi ricerca storia e cultura. Il denominatore comune resta sempre e comunque il relax. Così vale per quasi tutti ed è proprio in quel «quasi» che ti capita di conoscere coppie di sposi che scelgono una via diversa perché proprio non sopportano i canoni ricorrenti.

E’ il caso di Andrea Ristori (proprietario della rinomatissima Pasticceria Ristori di Forte dei Marmi salita alle cronache oltre 30 anni fa grazie alle innante doti di pasticcere del padre Walter e proprietario anche del Caffè Ristori a Querceta che poi è il luogo dell’incontro «galeotto» 4 anni orsono) e di Selvaggia Magnolfi (figlia del Consigliere Regionale Alberto), di Forte dei Marmi. Matrimonio celebrato il 12 Settembre scorso nel campo messo loro a disposizione dalla Croce Verde di Lido di Camaiore, ed appositamente trasformato in una sorta di runch. Fuori dal comune anche il viaggio di nozze ribattezzato scherzosamente un «cammino di miele». Ma di che cosa si tratta esattamente? «Siamo appassionati di trekking – racconta entusiasta e divertito Andrea – quindi siamo partiti ieri alle 13 da Lucca a piedi puntando in direzione di Roma dove pensiamo di arrivare il prossimo 4 Ottobre dopo aver percorso la bellezza di 450 chilometri. Io, Selvaggia ed i nostri due Jack Russel che si chiamano Fiuto e Spia». «Abbiamo – spiega meglio Andrea – una cartina disegnata a mano sulla quale sono stati segnati tutti i lidi che attraverseremo e amici e parenti hanno potuto scegliere la località dalla quale ricevere una cartolina o un selfie da noi». . «Due anni fa – ricorda orgoglioso – ci cimentammo nel cammino verso Santiago de Compostela. Un percorso conosciutissimo a livello mondiale mentre la via Francigena (che storicamente collega Roma a Canterbury) è ancora in fase di scoperta. Lungo il percorso solo qualche Ostello o qualche Bed and Breakfast ci dà l’idea che non ci siamo smarriti».

Sergio Iacopetti

Fonte: La Nazione