Via Francigena

Il messaggio natalizio di “Spiritualitas in Francigena”

Sara Louise Costa
Sara Louise Costa
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Condividiamo il messaggio natalizio di auguri rivolto alla comunità dei pellegrini e dell’AEVF da parte di Joseph de Metz-Noblat, Vescovo di Langres e Presidente di “Spiritualitas in Francigenam”:

Come sono lunghe le notti in questo inizio d’inverno. Me ne rendo conto ancora una volta, mentre cerco un caldo riparo nel mio viaggio lungo la “strada dei Franchi” che mi porta verso Roma.

Il freddo e l’oscurità non sono solo fenomeni naturali, esprimono tutte le difficoltà che questo mondo sperimenta: il freddo delle guerre, della violenza, delle opposizioni di ogni tipo; l’oscurità dell’ignoranza, del disprezzo, della cecità. Chi verrà a scaldare i cuori e ad illuminarli?

Ricordo che il piccolo bambino nella culla è nato nel cuore della notte più lunga… Ma non sarebbe lui ad aprire la via della pace e della speranza?

Gesù ha detto, infatti: “Fate del bene a coloro che vi odiano”. (Mt 5,44) e lo mise in atto durante la sua Passione. Egli si presenta come “la via, la verità e la vita” (Gv 14,6). Camminando per la campagna, apprezzo di avere i cartelli di segnaletica e i consigli della gente del posto per trovare la mia strada. E sulla strada della mia vita?

A Natale, capisco che non c’è bisogno di avere paura, perché Gesù è la luce del mondo (cfr. Gv 8,2).

Joseph de Metz-Noblat, vescovo di Langres, Presidente di Spiritualitas in Francigenam