Via Francigena

Il Cammino dell’Amore

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Per prepararsi al loro matrimonio Ilaria e Sandro hanno creato un pellegrinaggio ad hoc lungo la Via Francigena del Sud, con l’intenzione di camminare sulla via degli avi, in modo da raccogliere i preziosi insegnamenti e le memorie racchiusi in una tradizione che non parla, ma sussurra ai cuori di chi sa ascoltare.

Probabilmente l’elemento più potente che li unifica come coppia è il fatto di essere entrambi in un cammino spirituale, da sempre. Questa appassionata ricerca li contraddistingue prima come individui e poi come nucleo, facendoli vibrare sulla stessa lunghezza d’onda, conferendo loro valori assai simili e armonizzandoli nell’amore, l’accettazione e la fede che l’unione con lo spirito ragala.
Nel riconoscimento dell’importanza di questa fusione e nella gratitudine per poterla vivere, Ilaria e Sandro hanno pensato che un modo bello per celebrarla, per prepararsi allo stesso tempo al loro matrimonio fosse un pellerinaggio. Entrambi amano camminare, sentono profondamente il contatto con la Natura e si divertono nei viaggi avventurosi!

Hanno persorso il cammino dal 21 al 28 Giugno 2011, seguendo queste tappe:
1a tappa – 21/06: Dal Santuario del Divino Amore (Roma) a Castel Gandolfo (RM)
2a tappa – 22/06: Da Castel Gandolfo (RM) a Velletri (RM)
3a tappa – 23/06: Da Velletri (RM) a Cori (LT)
4a tappa – 24/06: Da Cori (LT) a Norma (LT)
5a tappa – 25/06: Da Norma (LT) all’Abbazia di Valvisciolo (LT)
6a tappa – 26/06: Dall’Abbazia di Valvisciolo (LT) all’Abbazia di Fossanova (LT)
7a tappa – 27/06: Dall’Abbazia di Fossanova (LT) a Terracina (LT)

8a tappa -28/06: Ritorno a casa

L’aspetto interiore di questo pellegrinaggio ha avuto diverse sfumature.
La prima è nascosta nei numeri: 7 tappe, più un’ottava per tornare a casa.
Il 7 è un numero sacro, che simboleggia universalmente un completo ciclo di rivelazione: in 7 giorni Dio crea il mondo, 7 sono i passi verso l’illuminazione nel sistema dei chakra indiani, 7 i vizi capitali, 7 gli Angeli dell’Apocalisse; 7 i giorni della settimana, i mari e le pleiadi. Per Pitagora il 7 stabilizzava l’unione del divino con l’umano. L’8 invece rappresenta l’infinito, un ciclo più grande, talmente grande da restare un mistero; un insieme che in sostanza è il Tutto, e che racconta l’eterna ciclicità di ogni cosa, ogni fine che non è altro che un nuovo inizio.

Altro significato sta nel giorno in cui sono partiti, quello del solstizio d’estate. In questo momento dell’anno la luce è al massimo della sua presenza sulla Terra; lo spirito è al culmine della sua manifestazione, donandoci bellezza, calore e prosperità, benedicendo ogni essere vivente con la gioia, l’energia e il nutrimento indiscriminati. E’ questa l’impronta che questi due ragazzi desiderano per la nostra unione!

Poi ci sono le tappe.
Sono partiti dal Santuario del Divino Amore perché esso rappresenta l’intento primario del loro pellegrinaggio. Questo luogo di culto è dedicato a due esseri umani, una coppia, che con il suo operato ricco d’amore, dedizione e generosità, ha donato tantissimo alla comunità, passando alla storia proprio per la bellezza e l’elevazione del loro legame, tra loro e con Dio. Al di là dell’ambito in cui si sceglie di operare, loro vogliamo regalare un tributo a questa coppia ed ispirarsi a loro per la propria vita insieme.
Hanno proseguito lungo un tratto della Via Francigena del Sud, da Castel Gandolfo (RM) a Terracina (LT). Questa antica via è molto conosciuta dal nord fino a Roma, ma prosegue anche verso il sud Italia raggiungendo la Puglia e la Sicilia.
La loro intenzione era camminare sulla via degli avi, in modo da raccogliere i preziosi insegnamenti e le memorie racchiusi in una tradizione che non parla, ma sussurra ai cuori di chi sa ascoltare. Passo dopo passo, come le radici di un albero, hanno succhiato dalla strada l’antica saggezza dei loro antenati assorbendola, affinché sostenesse e nutrisse la loro unione.

La tappa finale è stata Terracina (LT) poiché essa è sul mare. In questo modo, tuffandosi nelle immense acque da cui emerge la Terra, hanno immerso tutti i tesori raccolti nel loro inconscio personale e nella coscienza collettiva, simboleggiati proprio dal mare.
Fatto ciò, sono certi di aver regalato un inestimabile contributo al loro matrimonio e, in generale, alla Sacra Coppia, a disposizione di chiunque vi voglia attingere!

Ogni giorno hanno realizzato e pubblicato un video, come resoconto della giornata di cammino.
Potete trovarli a questo link: fareamore.blogspot.com