Via Francigena

Sugli Itinerari culturali, l’Europa si mette in cammino

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Sugli itinerari culturali, l’Europa si rimette in cammino” – con questo messaggio hanno siglato la partecipazione del 25 febbraio all’apertura della mostra “Come & Support your European Cultural Route” l’eurodeputata PD/S&D Silvia Costa, promotrice del’iniziativa insieme al Commissario al Turismo Antonio Tajani e a Gabriella Battaini Dragoni, vice segretaria del Consiglio d’Europa.

Protagonisti dell’evento i 26 itinerari culturali del Consiglio d’Europei, fra i quali sono emersi la Via Francigena, la Hansa e l’Itinerario delle città della Ceramica.
Un incontro importante per sensibilizzare le Istituzioni europeee verso questi importanti itinerari culturali, matrice si sviluppo integrata per i territori.

Il Progetto delgli Itinerari Culturali si inserisce oggi all’interno dell’Accordo Parziale Allargato, cui aderiscono 23 Paesi Europei. L’obiettivo è quello di creare una sinergia sempre più forte fra Commissione Europea, Parlamento Europeo e Consiglio d’Europa, in streto contatto con i governi nazionali, le regioni e le associazioni che sostengono con entusiasmo questi itinerari europei.

La Via Francigena viene presa oggi come un importante modelo di riferimento per lo sviluppo di questi progetti transfrontalieri. Si tratta di un itinerario europeo in grado di far dialogare istituzioni, associazioni, reti di imprese e università, con la prospettiva di creare un concreto sviluppo sociale, culturale ed occupazionale sui territori.

Come ha ricordato il Presidente AEVF Tedeschi, citando il medievista Jacques Le Goff Oggi ci rendiamo conto che, se consideriamo la realtà e guardiamo con attenzione alla Storia, che c’è qualcosa di più importante che non i soldati e le merci che transitano lungo le strade: questo qualcosa sono le culture. Ecco introdotta la Via Francigena, che io penso possa essere considerata, essenzialmente, come una via di culture.

Se si sta cercando di costruire una Europa economica, è altrettanto necessario che si costruisca l’Europa delle culture; uso di proposito il termine culture al plurale. Impegnarsi per dare alla Via Francigena una dimensione ed un valore europeo, significa impegnarsi per la realizzazione della Europa delle culture.”

Fonti:
Consiglio d’Europa
Silvia Costa