Via Francigena

Francigena Fidenza Festival: Grande successo per la prima edizione

Sara Louise Costa
Sara Louise Costa
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Fidenza oggi è la “capitale culturale” della Via Francigena, il laboratorio a servizio di una crescita corale dei Cammini italiani ed europei che ha saputo chiamare intorno a sé protagonisti, idee, proposte e confronti. Per questo è nato il Francigena Fidenza Festival, la cui prima edizione si è conclusa domenica scorsa 19 settembre.

Come ha ricordato più volte il sindaco di Fidenza, Andrea Massari, “la Via Francigena è un bene comune per il quale è necessario lavorare insieme. Oggi possiamo confermare che la Francigena è una priorità per il sistema Italia. Visto il successo di questa edizione è d’obbligo annunciare che avremo il Festival nel 2022”.

I giorni del festival sono stati l’occasione per presentare a un pubblico vasto i tesori di Fidenza e del suo territorio e l’intero itinerario europeo della Via Francigena, con un focus particolare sul tratto emiliano. Il Festival si è poi posto l’obiettivo di dialogare con i grandi cammini internazionali e italiani; per questo motivo gli itinerari ospiti sono stati il Cammino di Santiago di Compostela ed il Cammino nelle Terre Mutate, un itinerario di solidarietà che attraversa le terre dell’Appennino colpite e “mutate” dagli eventi sismici tra il 2009 e il 2017. Tanti i camminatori che sono arrivati a Fidenza in occasione del Festival e che hanno preso parte alle camminate organizzate da IAT-Informazione e accoglienza turistica, da Al tuo passo, e dall’associazione Fiorenzuola in Movimento.

26 gli incontri programmati oltre a 15 tra camminate e visite guidate che hanno permesso di conoscere il patrimonio paesaggistico e culturale di Fidenza e di alcune tappe della Via Francigena. Gli eventi, dai più tecnici a quelli che hanno coinvolto personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, hanno registrato il “tutto esaurito”.
Tra gli incontri con più partecipati quelli con il filosofo Umberto Galimberti e con l’editorialista del Corriere della Sera Beppe Severgnini, quelli con la conduttrice e scrittrice Serena Dandini e con la firma di Repubblica Michele Serra. E ancora, gli storici Franco Cardini e Renato Stopani, i camminatori Anna Rastello, Simone Frignani, Roberta Ferraris, Jacopo Caucci von Saucken, Enrico Sgarella, Paolo Piacentini, Pietro Scidurlo, Ilaria Canali, Alberto Pugnetti, Marco Gambaro, Monica Nanetti, Sandro Polci, Lucio Luca, Ermanno Ghiozzi, Graziano Tonelli, Carlotta Taddei, Alessandro Cannavò, Luchi Bruschi, Eugenio Caggiati, Umberto Gallo, Enrico Sgarella. Il Francigena Fidenza Festival è stato raccontato anche attraverso lo streaming sul sito e le pagine social ufficiali dell’evento affiancate dalle pagine social del Comune di Fidenza e di Fidenza al centro.

LE GRANDI MOSTRE A FIDENZA APERTE FINO AL 7 NOVEMBRE
Di grande valore l’incontro con l’architetto Mario Botta, sul palco insieme ad Aldo Colonetti e a don Sergio Massironi: una lectio magistralis sul valore dell’architettura in relazione al sacro e ai luoghi di culto. Molto affollata anche l’inaugurazione delle due mostre (che, per questo, è stata spostata all’aperto): la prima mostra dedicata alla progettazione di spazi sacri (che sono spesso la meta dei Cammini storici) con tre plastici di edifici di culto progettati proprio da Mario Botta, e la seconda con le spettacolari fotografie di Riccardo Carnovalini che raccontano un anno intero di cammino per l’Europa.
Entrambe le mostre restano aperte fino al 7 novembre.

Il Francigena Fidenza Festival è stato organizzato dal Comune di Fidenza con la collaborazione di Terre di mezzo Editore e di AEVF-Associazione Europea delle Vie Francigene e realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna, Destinazione Turistica Emilia, Parma 2021 e Fondazione Cariparma.
Partner: Mismaonda e Terre di Verdi. Media partner: Radio Francigena.

Fonte: Ufficio stampa Francigena Fidenza Festival