Via Francigena

Educational Tour in Tuscia: un ottimo esempio di valorizzazione territoriale

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

Nelle giornate del 21, 22 e 23 giugno si è svolto l’Educational Tour nel territorio della Tuscia Viterbese. L’iniziativa è stata finanziata dalla Camera di Commercio di Viterbo e da Unioncamere Lazio, organizzato da Francigena Service S.r.l. con il supporto operativo di Sloways expert partner dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF).
Il press trip ha visto la presenza dei giornalisti: Giulia Armeni (Il Giornale di Vicenza) Dario Bordet (italiadagustare – Milano 24orenews –  Roma 24orenews), Lorenza Cerbini (Corriere della Sera) e dei blogger: Alessandro Bertini e Sara Dutto (Girovagate), Patrizia Ferlini (Saporiinviaggio). Presenti durante le tre giornate anche: Anna Maria Olivieri (Responsabile Servizio Placement Servizi alle Imprese Internazionalizzazione e Marketing Camera di Commercio di Viterbo), Marika Massotti (Social Media Manager AEVF), Tullia Caballero (CEO di SloWays) e Agostino Cecchini, guida turistico-escursionistica.

L’evento è stato fondamentale per far conoscere a giornalisti e blogger il territorio della Tuscia e la Via Francigena, l’antica via di pellegrini, che ancora oggi viene percorsa da migliaia di camminatori, e attraversa i comuni del viterbese. I partecipanti hanno potuto camminare nei boschi tra la natura verdeggiante, visitare grazie borghi ricchi di storia e conoscere le persone, che mantengono viva l’imprenditorialità locale, con passione ed originalità.

Il gruppo ha iniziato il tour con una camminata sulla Via Francigena, in direzione di Bolsena ed ha permesso di giungere all’area archeologica di Poggio Moscini. Per poi passare a percorrere le vie del centro storico di Bolsena, la Città dei Miracoli, ed infine al laboratorio di ceramica colorate Terre di Rasenna. La giornata si è conclusa poi al Bio Agriturismo Olistico “Valle dei Calanchi”, che pratica agricoltura omeodinamica. Un’esperienza che ha affascinato ed incuriosito tutti i partecipanti.

La seconda giornata è partita con la visita del centro storico di Montefiascone (Comune socio AEVF), con visita alla Basilica di San Flaviano. Prima di iniziare la camminata sulla Via Francigena è stato il momento di una piccola sosta al punto panoramico della città che si affaccia sul lago di Bolsena.  Successivamente, il gruppo ha percorso uno dei punti più famosi ed amati, ovvero la Via Cassia Antica, caratterizzata dal basolato romano. I partecipanti hanno poi raggiunto l’Azienda Agricola il Molino, dove Annalisa e Mauro hanno accolto il gruppo in casali elegantemente ristrutturati, con il momento della degustazione di olio e di un pranzo ricco di prodotti locali di qualità. In chiusura il gruppo è stato raggiunto dai rappresentanti della Camera di Commercio di Viterbo.

Nel pomeriggio l’Educational Tour ha visto protagonista la città di Viterbo (Comune socio AEVF). La passeggiata nel centro città, con visita alla Cattedrale di San Lorenzo, è proseguita verso il quartiere del Pellegrino. Nel tardo pomeriggio è stato il momento di un’esperienza senza tempo. Lucia e Hans hanno parlato ai partecipanti dell’antica pratica della rilegatura dei libri, guidando successivamente i partecipanti nella creazione di un piccolo quadernino di appunti prodotto artigianalmente.

L’ultimo giorno del tour è iniziato con la camminata da Capranica alla città di Sutri (Comune socio AEVF). I partecipanti hanno così potuto camminare nel bosco, tra piccole cascate e ponti di legno nella fitta vegetazione è stato possibile scoprire la spada nella roccia. Il gruppo, dopo circa 6 km di cammino, attraversando il Parco Naturale Antichissima Città di Sutri, è giunto alla zona archeologica. Il tour si è concluso con un pranzo nel borgo di Caprarola, lungo la salita che porta al famoso Palazzo Farnese. Un’esperienza ricca di sapori locali e piatti tradizionali.

Questo progetto condiviso si è rivelato un ottimo strumento per valorizzare il territorio, attraverso la collaborazione tra Enti ed imprese attive nella Tuscia Viterbese, favorendo così la promozione e la fruizione dei servizi, delle risorse e delle eccellenze del territorio.