Via Francigena

Decreto “Destinazione Italia”, AEVF chiede che i temi dell’accoglienza e turismo sostenibile della Francigena siano tra le priorità

Redazione AEVF
Redazione AEVF
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

AEVF sostiene il decreto “Destinazione Italia” e propone che i temi dell’accoglienza e del turismo sostenibile della Via Francigena costituiscano assi prioritari per valorizzare i territori

Il decreto legge n. 145/2013 “Destinazione Italia” convertito con legge n. 9/2014 recupera 500 milioni di euro provenienti da risorse europee destinate all’Italia per progetti di nuove realizzazioni o di straordinaria manutenzione di strutture di valorizzazione turistica, culturale, ambientale presentati da comuni o aggregazioni di comuni da 5 mila a 150 mila abitanti.

Alla luce delle recenti ed importanti modifiche relative al Decreto, il  Presidente AEVF, Massimo Tedeschi scrive agli enti soci: 

La Commissione Cultura della Camera, che sta esaminando il decreto legge n. 83 del 31 maggio 2014 del Ministro Franceschini sul turismo culturale, ha inserito, come informa Silvia Costa, importanti modifiche al “Destinazione Italia”:
1. il decreto attuativo previsto in carico al Ministro degli Affari regionali è stato affidato al Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, sentito il Ministro degli Affari regionali, da emanarsi entro il 31 dicembre 2014;
2. l’approvazione del piano finanziario dei progetti e delle straordinarie manutenzioni è stato posticipato al 31 ottobre 2014 (dal 30 giugno 2014).

Restiamo in attesa del testo definitivo del decreto legge che dovrà essere convertito, pena decadenza, entro 60 giorni, cioè entro il prossimo 30 luglio.
Dovrebbero restare invariati i termini di ultimazione dei lavori in quanto vincolati dalla Unione Europea.

I comuni sono invitati a predisporre per tempo i progetti da sottoporre al Ministero;
la richiesta formulata da AEVF è che i temi dell’accoglienza e del turismo sostenibile della Via Francigena costituiscano criteri prioritari.