Via Francigena

Categorie
news

“Cammini di Notte” in Emilia: una magica estate di passi…sotto le stelle

Da fine giugno a settembre decine di proposte in tutta l’Emilia-Romagna per scoprire i 20 Cammini per Viandanti e Pellegrini nella suggestiva ed inconsueta atmosfera del cielo notturno, tra “esplorazioni astrali” in compagnia di astronomi professionisti, picnic e cene immersi nella natura, trekking e camminate tra valli, calanchi, faggete, castelli dal tramonto a notte fonda e osservazione del firmamento da monumenti naturali quali la Pietra di Bismantova (RE)

Tutto il programma è consultabile sul sito ufficiale

A piedi alla ricerca delle erbe spontanee con cui preparare, la sera del 23 giugno, l’acqua di San Giovanni, camminare al tramonto tra valli e pittoreschi calanchi per poi sedersi a cena circondati da un antico uliveto; ammirare la luna e scoprire il firmamento da un osservatorio unico come la Pietra di Bismantova; accomodarsi sull’erba per un suggestivo picnic sotto le stelle con un sontuoso castello sullo sfondo.

Il tramonto che lascia spazio alla luna piena e alle stelle, fino all’alba del nuovo giorno, è il suggestivo contesto in cui scoprire, questa estate, i 20 Cammini per Viandanti e Pellegrini dell’Emilia Romagna, che diventano “Cammini di Notte”.

Un calendario regionale, realizzato per la prima volta, di oltre 30 esclusive proposte, dal 23 giugno al 18 settembre, grazie alle quali esplorare il cielo in compagnia di astronomi professionisti, osservare la natura al fianco di guide naturalistiche, camminare e scoprire profumi e sapori della terra con esperienze uniche, sempre circondati dal firmamento.

L’estate è per antonomasia il momento in cui vivere la notte. Grazie a questa nuova iniziativa promossa da Apt Servizi Regione Emilia-Romagna e Assessorato al Turismo Regione Emilia-Romagna in collaborazione con le Associazioni di gestione dei Cammini, gli operatori turistici territoriali e la Conferenza Episcopale dell’Emilia-Romagna, turisti e residenti potranno vivere il momento del cammino in un contesto magico.

Panorama al crepuscolo

Di seguito alcune delle tante proposte in programma.

  • Primo appuntamento, giovedì 23 giugno all’Oasi di Campotto (FE), alle 20.30, con un’escursione a piedi lungo un tratto della Via Romea Germanica alla ricerca delle erbe spontanee per la preparazione dell’acqua di San Giovanni. Il 23 giugno, la notte che precede la nascita di San Giovanni Battista, è da sempre considerata una notte magica, durante la quale si celebrano riti propiziatori e purificatori. La magia è legata al Solstizio d’estate, che segna l’inizio della nuova bella stagione. In questa occasione, si fanno riti propiziatori e si prepara l’acqua di San Giovanni che porta fortuna e prosperità grazie all’incredibile potenza dei fiori.
  • Sabato 25 giugno si sale sulla Pietra di Bismantova (RE), in compagnia di astrofili in possesso di tutti gli strumenti e le conoscenze necessarie, per imparare ad osservare il cielo e tutto ciò che sta sopra la nostra testa. Si Camminerà attraverso un facile itinerario ad anello di 8 km complessivi, per raggiungere il piatto sommitale della Pietra nel momento del tramonto. Da qui inizierà l’osservazione del firmamento per riconoscere le principali costellazioni e pianeti. Dal piatto sommitale, aiutati dalla luce delle torce, ci si sposterà subito dopo al Piazzale ai piedi della Pietra, per osservare più nel dettaglio, grazie all’uso di un telescopio, quanto già individuato ad occhio nudo.
  • Sabato 30 luglio ci si godrà il tramonto sul crinale appenninico reggiano dopo aver percorso un tratto del sentiero dei Ducati, tra valli e pittoreschi calanchi, fino alla storica chiesetta della Madonna della Battaglia, per poi tornare sui propri passi e godersi un suggestivo aperitivo e cena in uno splendido uliveto, assaporando i prodotti del territorio.
  • Da venerdì 29-sabato 30 luglio e per i primi tre weekend di agosto (assieme alle notti delle stelle cadenti 10-11) osservazione delle stelle e picnic en plein air con lo splendido castello di Torrechiara (PR) sullo sfondo. La serata trascorre tra un’occhiata al telescopio in compagnia di un astronomo e le pietanze del cestino da picnic (focacce farcite, tortini salati, ricche insalate, frittate rustiche e dolci di campagna) da scegliere dal menù al momento della prenotazione.
  • Mercoledì 10 agosto appuntamento nel Parco della Vena del Gesso Romagnola, con l’escursione serale per ammirare le stelle cadenti, partendo da Borgo Tossignano (BO) per raggiungere il Passo della Prè, balcone naturale della Vena da cui sarà possibile ammirare le costellazioni e le perseidi.
  • Il programma di Cammini di Notte 2022 si conclude sabato 18 settembre, con un’escursione nei dintorni di Bobbio (borgo dall’aspetto medievale nel cuore dell’Appennino piacentino e della Val Trebbia), per raggiungere un luogo naturale incontaminato e dall’aspetto magico: le Cascate del Carlone, nei pressi di San Cristoforo di Bobbio. Immersi in questo splendido contesto durante le ore pomeridiane che conducono al tramonto, si farà lentamente rientro a Bobbio quando saranno solo le luci del paese a indicare la via e a rendere tutto ancor più suggestivo.

Ufficio Stampa Apt Servizi Emilia Romagna tel. 0541/430190 www.aptservizi.com

Luna piena
Categorie
news

Esce il docufilm sul viaggio a piedi lungo la Via Francigena

In occasione del primo anniversario di “Via Francigena. Road to Rome 2021. Start Again!”, la staffetta di 3.200 km percorsa la scorsa estate diventa un docufilm con i racconti, i progetti di valorizzazione del territorio e le testimonianze di vita dei viaggiatori lungo l’epico itinerario da Canterbury a Roma, fino alla “Finibus terrae” di Santa Maria di Leuca, in Puglia. 

La marcia europea ha portato alla realizzazione di un docufilm che ha reso omaggio ai memorabili quattro mesi a piedi attraverso Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia lungo lo storico itinerario di Sigerico, in occasione dei 20 anni dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. 

Vuoi vedere il docufilm?

Registrati ora per guardalo subito CLICCANDO QUI

Se sei un ente pubblico o un’associazione e vorresti organizzare una proiezione del docufilm INVIA LA TUA RICHIESTA

Oltre 3.500 i viaggiatori che hanno seguito a piedi il Road to Rome insieme a 28 blogger, 11 videomaker e decine di giornalisti insieme influencer di Tik Tok, youtubers e Instagrammer. Oltre a 16 video regionali, 55 reels, 1000 fotografie in alta risoluzione, 117 articoli sul blog in inglese, italiano e francese, 117 podcast, una rivista interamente dedicata all’evento, 500 articoli pubblicati sulla stampa internazionale. 

“Lo scorso anno, con questa grande traversata di oltre 3000 chilometri – di cui due terzi in Italia – abbiamo scommesso sulla ripartenza del turismo lento: i dati ci confermano che quello ‘start again!’ – slogan dell’iniziativa – è stato di buon auspicio e i numeri delle persone in cammino sulla Via Francigena, in Italia e negli altri Paesi, lo confermano. Anche l’azione di supporto alla candidatura della Francigena a Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO ha ottenuto importanti risultati”, ha dichiarato Massimo Tedeschi. 

Percorsi umani rivoluzionati all’interno del viaggio come racconta Myra Stals, il volto di Road to Rome, che ha percorso l’intero cammino, definendolo “un’esperienza che ha coinvolto tutto il corpo e la testa, perché camminare tutti i giorni attraverso 16 regioni e 638 comuni è stata un’esperienza fatta con il cuore. Invoco lo spirito d’iniziativa di tutti i giovani affinché possano trovare lo spazio e il desiderio di mettersi in cammino”

Rispetto al 2019, è in netto aumento il numero di giovani che decide di percorrere la Francigena: gli under 17 costituiscono il 5% (2% nel 2019) mentre il 13% è costituito dalla classe 18-24. La percentuale più elevata si registra nella classe 45-54 (21%). La presenza di giovani sul cammino è un elemento di grande importanza che testimonia l’attrattività di questo viaggio esperienziale e culturale, anche per un target che fino ad oggi era poco presente sulla Via Francigena. L’itinerario già oggi è frequentato da 80 Paesi in tutto il mondo: un successo in cui la crescente presenza femminile è stata determinante, con la marcia in più di un’inedita Staffetta Letteraria Pellegrina della community di Ilaria Canali “Ragazze in Gamba”.

Il docufilm “Road to Rome” presentato a Roma presso la sede ENIT – Agenzia Italiana del Turismo, ha visto la partecipazione del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, del Ad ENIT Roberta Garibaldi, della Direttrice Marketing e Promozione ENIT Maria Elena Rossi, insieme a Massimo Tedeschi, Presidente AEVF, Sergio Valzania, scrittore e storico e Myra Stals, social media manager AEVF. 

“Percorsi che fanno del viaggio un luogo diffuso. Un fil rouge che è uno storytelling fatto di persone che si incontrano lungo il cammino e che segna un ritorno alle esperienze reali, caricate di aspettative ed emozioni che sono state esaltate con l’arrivo in Italia della staffetta “Road to Rome” dall’impatto tangibile con una Penisola ed un modo di vivere è unico al mondo” dichiara l’Ad Enit Roberta Garibaldi. 

Anche Intesa Sanpaolo, main partner di progetto, ha fatto avere il suo sostegno alla presentazione. Intesa Sanpaolo ha sostenuto infatti con grande entusiasmo questo emozionante viaggio alla scoperta di luoghi e borghi incantevoli convinta che la promozione di un turismo culturale e sostenibile, che valorizza il patrimonio artistico-culturale dei diversi territori, possa avere anche importanti ritorni a favore di comunità e aree geografiche talvolta meno note al grande pubblico ma non per questo meno interessanti e ricche di opportunità. 

Il Road to Rome è stato possibile grazie ai main sponsor e partner come ENIT, Intesa Sanpaolo, SNAM e Puglia Promozione, oltre al prezioso supporto di regioni, amministrazioni, associazioni locali e numerosi partner gold, silver, bronze e partner tecnici. 

Consulta l’elenco dei partner ufficiali   

Categorie
news

AEVF partecipa alla Training Academy dedicata agli Itinerari Culturali

AEVF ha partecipato alla prima Training Academy sugli Itinerari Culturali dopo la pandemia, organizzata dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali e ospitata dagli Itinerari degli Impressionismi in collaborazione con il Distretto di Seine-et-Marne e il Ministero della Cultura francese. L’evento si è svolto dal 31 maggio al 3 giugno a Fontainebleau, in Francia, e ha riunito 37 itinerari culturali con rappresentanti provenienti da 17 paesi europei.

La 9° edizione di questo incontro era incentrata sul turismo culturale e ha esplorato le strategie emergenti nel contesto post-Covid.

Elena Dubinina e Jacques Chevin dell’AEVF hanno presentato l’iniziativa Road to Rome 2021 e il progetto europeo rurAllure durante l’evento., evidenziando l’importanza di azioni congiunte tra i percorsi e gli stakeholder locali per aumentare la visibilità dei percorsi culturali.

La regione di Fontainebleau è un crocevia di culture e percorsi, in quanto collega i percorsi degli Impressionismi, Stevenson, Napoleone e D’Artagnan, che i partecipanti hanno avuto la possibilità di sperimentare con visite guidate a Barbizon, escursione nella Foresta di Fontainebleau, visita al Castello e assistere a uno spettacolo di teatro locale.

Le conclusioni della Training Academy incentrate sul miglioramento della cooperazione e della visibilità del marchio nonché sulla creazione di gruppi di lavoro nazionali sugli itinerari culturali saranno presentate al forum annuale sugli itinerari culturali, che si terrà a Creta dal 5 al 7 ottobre 2022.

Categorie
news

Firma del Memorandum tra Via Francigena e Cammino dei Ss. Cirillo e Metodio

Il 6 giugno 2022 presso l’Ambasciata della Repubblica Ceca a Roma, i rappresentanti dell’Associazione Europea Via Francigena e dell’Itinerario Culturale Europeo di Ss. Cirillo e Metodio hanno firmato un Memorandum di cooperazione tra i due itinerari.

La cerimonia è avvenuta alla presenza dell’Ambasciatrice S. E. Hana Hubáčková; dell’Assessore alle Politiche della Mobilità del Comune di Roma Eugenio Patanè e dei rappresentati delle due associazioni, del Comune di Roma, della Regione di Zlín e di Silvio Marino per la Regione Lazio.

Il Memorandum di collaborazione nasce per offrire alternative di turismo culturale lungo entrambe le rotte, sviluppando al contempo progetti di sviluppo e marketing. Sono in corso anche programmi mirati per segnalare i tratti paralleli di entrambi i percorsi, ad esempio tra la Toscana e Roma, dove si trova la tomba di San Cirillo. Entrambi i cammini fanno parte degli oltre 40 itinerari culturali certificati dal Consiglio d’Europa, il cui programma coinvolge attualmente 36 Paesi europei.

“La Via Francigena serve a sviluppare il dialogo tra l’Europa anglosassone e quella Mediterranea. Con questo atto integriamo l’Europa dell’ovest con quella dell’Est. Così possiamo sviluppare un dialogo in tutta Europa, per questo ha un valore così importante questa firma”, ha dichiarato il Presidente di AEVF Massimo Tedeschi.

“Roma si avvicina ad un appuntamento molto importante perché nel 2025 celebreremo il giubileo. Dunque, i cammini di fede, quell’anno avranno un significato ancora più importante di quello che hanno adesso”, ha aggiunto l’Assessore Patané. “Ecco perché noi puntiamo molto su questo asset poiché è un asset culturale, religioso, storico e anche economico. Dunque, siamo molto contenti di lavorare con voi nei prossimi anni per rendere concreto questo accordo che abbiamo trovato, per rendere effettivo quello che oggi è stata una firma”.  

L’Itinerario Cirillo e Metodio si basa su una tradizione culturale millenaria, legata in particolare alla cultura dei paesi slavi. Il cammino collega i luoghi in cui operarono i Santi Cirillo e Metodio, compatroni d’Europa,  dove la loro eredità è stata diffusa dai loro seguaci. Nella Repubblica Ceca e in Slovacchia sono già stati creati più di 1.000 km di sentieri segnalati utilizzando i percorsi dei club escursionistici cechi e slovacchi.

Categorie
news

Francigena Romea Marathon nel Lazio: in cammino anche il Ministro al Turismo Garavaglia

Oltre 1.400 persone sono tornate ad invadere con allegria il cammino della Via Francigena e Via Romea da Acquapendente a Bagnoregio per la Francigena Romea Marathon, con tappe da 10, 20 o 42km.

Giornata quasi estiva, di sole e caldo, oltre i 30 gradi. Giornata di grande festa, che è coincisa con l’anniversario della Repubblica italiana. La Francigena Romea Marathon quest’anno si è pregiata di un camminatore e ospite illustre, il Ministro al Turismo Massimo Garavaglia che ha percorso a piedi il tratto Acquapendente – Bolsena (25 km): un segnale importante di vicinanza del Governo italiano alla Via Francigena e al turismo lento, settore che è in forte crescita ed espansione con importanti ricadute turistico-economiche sui territori. In questa fase post pandemia c’è ancora più voglia di Via Francigena, di cammini all’aria aperta e di outdoor, a piedi o in bicicletta.

Non pensavo di fare così poca fatica a fare 24 km“, ha commentato il Ministro Garavaglia, “è talmente bello camminare in mezzo a boschi e panorami stupendi, chiaccherando con tante persone e in diverse lingue. Era la mia prima esperienza e non sarà certo l’ultima“.

La Via Francigena Marathon compie ormai dieci anni, visto che la prima edizione svolse nel 2013. Fin da subito si scelse la formula che permetteva di camminare 10, 21 o 42 km, distanza che coincide appunto con la lunghezza di una maratona.

L’evento si è consolidato anno dopo anno, diventando un momento di festa per tutto il territorio attraversato ma anche un esempio da seguire, tanto che negli anni successivi sono state lanciate due iniziative “sorelle” come la Francigena Tuscany Marathon e la Via Francigena Marathon Val Susa.

I motivi di successo della Francigena Marathon laziale sono molteplici: in primis si tratta di una grande sinergia fra istituzioni (Acquapendente, San Lorenzo, Bolsena, Bagnoregio), associazioni (CAI sezione Viterbo e associazioni locali) e operatori privati che in armonia collaborano tra di loro. E poi c’è la passione, tanta. Dietro le quinte fin dalla prima edizione c’è un grande amico della Via Francigena e amante dello sport, Sergio Pieri, allora funzionario del Comune di Acquapendente. Insieme a lui anche tanti altri appassionati che hanno sempre collaborato con lo spirito di condivisione francigeno. Non a caso, quindi, questo evento di successo che porta a camminare famiglie, giovani e anziani, podisti, sportivi si è poi esteso in altre regioni, divenendo un appuntamento fisso inserito anche nel calendario delle iniziative annuali alle quali partecipa l’Associazione Europea delle Vie Francigene che ha partecipato fin dalla prima edizione.

La presenza del Ministro Garavaglia è stata affiancata da altre due persone del Ministero del Turismo: Palmiero Perconti, consigliere per gli eventi giubilari e Stefano Mantella, capo unità PNRR. Ho avuto il piacere di condividere con loro questo affasciante tratto di cammino e sono rimasto sorpreso dal ritmo sostenuto del loro passo a quasi 6 km/h! Ma chi lo dice allora che al Ministero e al Governo non camminano? Non solo lo fanno, regolarmente, ma sono anche ben allenati! Nonostante il ritmo spedito, c’è stato tutto il tempo per godere di un paesaggio mozzafiato, di incontrare le persone e di ringraziare le amministrazioni comunali di Acquapendente e San Lorenzo, nonché le associazioni, che ci hanno accolto a braccia aperte. E’ questo il bellissimo spirito del cammino.

Durante e a fine tappa, c’è stato tutto il tempo per riflettere sul futuro della Via Francigena, anche in vista del Giubileo 2025, con riferimento ai servizi che in maniera crescente vengono richiesti dai viandanti. Il Ministro Garavaglia ha sottolineato, come già ripreso in altre occasioni, che “quello della Via Francigena e dei cammini è un turismo autentico fatto di persone e di straordinarie eccellenze in grado di promuovere la rinascita economica di tanti territori. Un turismo che sta prendendo sempre più quota e che da fenomeno di nicchia sta diventando un vero e proprio fenomeno di massa che potrà dare impulso alla ripartenza del turismo di qualità”.

E’ stata una festa italiana della Repubblica celebrata sulla Via Francigena, con una giornata di allegria e condivisione, ritrovando il tempo e il piacere di incontrarsi.

Categorie
news

Trenitalia – Via Francigena: rinnovata la partnership per un’esperienza sostenibile

Unire il treno ai percorsi della Via Francigena per un’esperienza sostenibile e di scoperta del territorio: è questo l’obiettivo della partnership fra Trenitalia (Gruppo FS Italiane) e l’Associazione Europea delle Vie Francigene, promuovendo insieme il turismo e la sostenibilità sociale e ambientale.

L’accordo permette ai tanti pellegrini di poter alternare alle camminate il viaggio in treno offrendo a ogni viaggiatore la formula migliore, in base alle proprie tempistiche ed esigenze. Proprio per questo motivo Trenitalia ha previsto uno sconto del 10% sui biglietti acquistati dai pellegrini della Via Francigena.

Questa possibilità è legata alle caratteristiche della Via Francigena che si interseca con con oltre 200 stazioni situate direttamente lungo il sentiero e collegate a loro volta con fermate dei bus e altri mezzi pubblici locali. In questo modo i pellegrini possono raggiungere il tracciato francigeno con assoluta facilità utilizzando i mezzi pubblici.

Sui treni regionali, dal 29 maggio al 26 settembre 2022, è possibile usufruire dell’offerta Junior con cui i bambini fino a 15 anni non compiuti viaggiano gratis tutti i giorni della settimana se accompagnati da un adulto over 25. Sempre nello stesso periodo è disponibile l’offerta Estate Insieme a 39 € per viaggiare ovunque e illimitatamente a bordo dei treni regionali dalle 12 di venerdì alle 12 del lunedì successivo per 4 weekend consecutivi. 

Per chi, invece, desidera scoprire le meraviglie della Penisola a bordo dei treni regionali, è disponibile l’offerta Italia in Tour: viaggi illimitati per 3 giorni a 29 € (15 € per i bambini e ragazzi da 4 ai 12 anni) o per 5 giorni a 49 € (25 € per i bambini e ragazzi da 4 ai 12 anni).

SCOPRI TUTTI I DETTAGLI

Lo sconto è valido sui treni regionali, con salita e discesa nelle stazioni elencate nel regolamento.

*Clicca qui per maggiori informazioni*

*Segui le istruzioni per usufruire dello sconto*

*Consulta il regolamento*

Grazie alla partnership con Trenitalia, la Via Francigena diventa accessibile a tutti, anche a chi è poco allenato o non ha molto tempo a disposizione, assicurando la possibilità di godersi il cammino, stare all’aria aperta ed esplorare il territorio!

Scopri le agevolazioni per chi è in possesso della credenziale del pellegrino

Acquista subito il tuo biglietto Trenitalia

Categorie
news

I Love Via Francigena Termale in Toscana: in viaggio con rurAllure

Sabato 28 e domenica 29 maggio più di 50 persone si sono riunite grazie a rurAllure per percorrere le tappe n. 31 e 36 della Via Francigena in Toscana per esplorare i tesori noti e meno noti di questi territori. 

Il progetto Europeo rurAllure, di cui l’Associazione Europea delle Vie Francigene fa parte, ha tra gli obiettivi fondanti la valorizzazione del patrimonio termale lungo gli itinerari ‘romei’, ovvero quelli che da tutta Europa conducono verso Roma. E proprio in quest’ottica ha organizzato due eventi aperti al pubblico e a partecipazione gratuita per la promozione dei territori termali lungo la Francigena in Toscana.

Via Francigena Toscana

Come si legge sul comunicato stampa di rurAllure, sono stati ‘due giorni all’insegna della bellezza, tra storia, natura, cultura e degustazioni eno-gastronomiche per assaporare con tutti e 5 i sensi la ricchezza delle tappe che uniscono San Quirico a Castiglione d’Orcia e quella che collega Gambassi Terme a San Gimignano’.

Terme Bagno Vignoni

AEVF si è unita al gruppo per tutto il weekend, visitando il Parco dei Mulini, la piazza acquatica di Bagno Vignoni e la sorgente Ipotermale de I Bollori e Putizza sul greto del Rio Casciani, nei pressi di Gambassi Terme. Ma oltre a noi, al gruppo si sono unite istituzioni, sindaci e assessori locali ma anche giornalisti e blogger che hanno condiviso il racconto di queste due escursioni attraverso i loro canali di comunicazione. 

Le due camminate sono state organizzate in collaborazione con i Comuni di Castiglione d’Orcia, Gambassi Terme, San Gimignano e San Quirico d’Orcia, ma anche con il prezioso supporto di Proloco Gambassi Terme e The Gambassi Experience.

Terme in Toscana Putizza

“Il Comune di San Gimignano continua a credere nella Via Francigena che rappresenta la nostra storia e che ci permette di incoraggiare un turismo sano, fatto di persone che camminano e svolgono attività all’aria aperta per conoscere il nostro passato e la nostra cultura”, ha commentato Carolina Taddei, Assessore alla Cultura e formazione, valorizzazione e promozione del territorio, Accoglienza turistica, Rapporti internazionali, Tutela dell’immagine, Gemellaggi.

Paolo Campinoti, Sindaco di Gambassi Terme, sottolinea l’importanza della Via Francigena, definendola una “grande occasione per tutti i territori non noti al turismo di massa per offrire alternative nell’ambito del turismo lento e sostenibile”, mentre Claudio Galletti, Sindaco di Castiglione d’Orcia, segnala come la Francigena rappresenti “uno straordinario veicolo di promozione turistica, che negli ultimi anni ha contribuito ad accrescere la visibilità di Castiglione d’Orcia, giocando un ruolo importante nell’aumento delle presenze turistiche”.

rurAllure

Il progetto rurAllure ha sviluppato una piattaforma che offre ai pellegrini una panoramica delle migliori tappe culturali lungo il cammino, incluse quelle che prevedono una breve deviazione e che i camminatori avrebbero altrimenti ignorato.

Clicca qui per scoprire tutte le tappe e pianificare le visite

Categorie
news

Scienza Servizievole in Cammino: educazione e cammino vanno di pari passo

Scienza Servizievole in Cammino è un progetto itinerante che nasce dall’idea della professoressa Daniela Lucangeli di diffondere una scienza vissuta, condivisa e messa al servizio della comunità.

Da giugno a settembre, infatti, i partecipanti al progetto, guidati da Giuseppe Giorato, attraverseranno la Via Francigena italiana coinvolgendo esperti del mondo della scienza, della pedagogia, della cultura e professionisti della comunità scientifica. Le loro conoscenze verranno così messe al servizio di educatori, insegnanti, operatori, ricercatori, specialisti ma anche di famiglie e curiosi che vorranno unirsi in cammino.

Il cammino è organizzato in collaborazione con Mind4Children dell’Università di Padova, Heart4Children APS e l’Associazione per il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e la Ricerca sulle Situazioni di Handicap (CNIS), di cui Lucangeli è Presidente. Il viaggio si snoderà per 1800 km distribuiti in 90 tappe, partendo dalla Valle D’Aosta fino ad arrivare in Basilicata, a Matera. Di pari passo al cammino, verranno proposte conferenze, congressi e spettacoli proprio sui temi oggetto di studio.

Il primissimo appuntamento è l’11 giugno a Torino, in cui si terrà la presentazione ufficiale del progetto e Daniela Lucangeli e Alessandro D’Avenia terranno la conferenza “Passo dopo passo verso la Scuola che vorrei: dialogo su una scuola possibile”.

Subito dopo partirà il viaggio: il 13 giugno avrà inizio al Colle del Gran San Bernardo in Valle d’Aosta, per arrivare il 14 settembre a Matera, attraversando Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, Campania e Puglia.

Resta aggiornato sulle tappe e gli eventi in programma seguendo la pagina Facebook “Scienza Servizievole in Cammino”.

Categorie
news

Nel 2022 si festeggiano i 900 anni della Cattedrale di Piacenza

La Via Francigena è il percorso di un pellegrinaggio che da Canterbury portava a Roma e costituiva una delle più importanti vie di comunicazione europee in epoca medioevalePiacenza, per i pellegrini, fu e resta luogo importante di sosta dove trovare assistenza e ristoro.

Dal 1122 i pellegrini in transito in queste terre emiliane da ogni parte del mondo, hanno potuto ammirare la splendida Cattedrale, esempio di romanico, la cui costruzione si è conclusa nel 1341. 

Cattedrale Piacenza

Proprio Piacenza con la sua cattedrale è al centro di un progetto culturale e di sviluppo territoriale che riguarda in primis la Diocesi di Piacenza, attiva nel promuovere la Via Francigena su scala locale e provinciale, con un ottica proiettata all’Europa. L’Associazione Europea delle Vie Francigene aderisce convintamente al protocollo di collaborazione, il quale fa seguito ad una precedente intesa (aprile 2021) fra le parti che si pongono l’obiettivo di accrescere insieme l’offerta dell’accoglienza.

Interno Cattedrale di Piacenza

La Via Francigena è un progetto culturale e inclusivo che nasce dalla riscoperta dei pellegrinaggi nell’epoca medievale. Si tratta di un Itinerario laico certificato dal Consiglio d’Europa, ma ne sono evidenti la radice religiosa ed il valore spirituale. Formulo l’auspicio che le celebrazioni per i 900 anni della Cattedrale di Piacenza possano diventare esempio anche per altre realtà e Diocesi lungo il Cammino, per accrescere e qualificare il sistema dell’accoglienza pellegrina, essendo le Vie Francigene cammini connotati anche da tale forte vocazione spirituale” ha dichiarato il Presidente Massimo Tedeschi.

Scopri il programma degli eventi che celebrano i 900 anni della Cattedrale di Piacenza

Categorie
news

Il patrimonio termale della Francigena toscana, una sfida da cogliere

Il 19 maggio mattina si è svolto a Firenze, presso la sede di regione Toscana, un incontro tecnico informale per discutere sul progetto di candidatura della Via Francigena a Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Si è trattato di una riunione operativa organizzata da AEVF per pianificare le future azioni a seguito dello studio tematico europeo già realizzato. 

La giornata è poi proseguita con una tavola rotonda, sempre organizzata da AEVF, focalizzata sul progetto della Francigena Termale e sulla condivisione delle attività all’interno del progetto europeo rurAllure. Una delle aree di ricerca di rurAllure pone al centro delle attività proprio il patrimonio termale toccato dalla Francigena toscana a cui contribuiscono attivamente, insieme a AEVF, i partner Università degli Studi di Bologna, Università degli Studi di Padova, Iuav Venezia, UAM Universidad Autonoma de Madrid e la Fondazione Homo Viator. Nella presentazione sono intervenute Elena Dubinina, responsabile relazioni internazionali, Simona Spinola, responsabile comunicazione, Nicole Franciolini, assistente di progetto. 

L’incontro ha costituito un’importante occasione per parlare anche di educazione ambientale, turismo sostenibile, coinvolgimento delle comunità locali, controllo del percorso e la sua fruibilità attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici e, non ultimo, l’aspetto legato alla promozione del cammino. 

Alla tavola rotonda hanno preso parte Federico Eligi, Consigliere presso l’Ufficio di gabinetto della Regione Toscana, Carolina Taddei, Assessora alla Cultura di San Gimignano, Marco Bartoli, Vice Sindaco di San Quirico d’Orcia; Erica Formichi, Consigliera comunale di Castiglione d’Orcia; Paolo Campinotti, Sindaco di Gambassi Terme. Per AEVF erano presenti il Presidente Massimo Tedeschi e il direttore Luca Bruschi. 

“Le fonti termali si trasformano nella ricchezza dell’offerta turistica e per questo rendono più interessante la Via Francigena, che offre di più ai suoi pellegrini. La Francigena è quindi più forte se collegata al turismo termale. Questo è esattamente l’obiettivo del progetto rurAllure”, ha sottolineato il Presidente di AEVF Massimo Tedeschi.  

Tra le idee proposte, c’è l’evento “I love Francigena Termale by rurAllure”, una due giorni in cammino (28 e 29 maggio) in cui si scoprirà a piedi il patrimonio termale e culturale localizzato lungo le tappe che collegano San Quirico a Castiglione d’Orcia e San Gimignano a Gambassi Terme. Si tratta di un’iniziativa gratuita e aperta a tutti: la prima di una lunga serie per potenziare al meglio un’area ricca di opportunità. 

Compila il form per partecipare