Categorie
news

I love Francigena in Francia, quattro eventi in cammino per scoprire l’itinerario

Dopo il successo italiano delle edizioni italiane, I Love Francigena arriva per la prima volta in Francia con 4 giornate di cammino tra Champlitte e Bucey-lès-Gy (Haute-Saône), dal 18 maggio all’8 giugno 2019.

L’iniziativa, lanciata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), mira a migliorare il percorso, la consapevolezza del territorio e controllare la manutenzione e la segnaletica. Queste quattro passeggiate saranno anche l’occasione per scoprire il patrimonio culturale e naturale lungo il percorso.

L’inizio delle passeggiate è fissato alle 10 del mattino, con una cinquantina di partecipanti. Il numero di escursionisti è volutamente limitato perché questi giorni mirano a sensibilizzare i partecipanti e renderli ambasciatori del loro territorio e della Via Francigena. I sindaci dei comuni attraversati, entusiasti di questa iniziativa che anima i villaggi rurali e la campagna, sono impegnati nella valorizzazione del percorso culturale.

Questi quattro giorni di marcia sono supportati anche dal dipartimento di Haute-Saone e dalla Fédération Française de Randonnée. I Love Francigena è un’occasione per scoprire la storia e occuparsi della manutezione dell’itinerario: la gestione dei rifiuti, lo sviluppo sostenibile, il patrimonio e insiene ai volontari per occuparsi della pulizia e della raccolta dei rifiuti lungo il percorso.

Programma:

Sabato 18 maggio: Champlitte / Montot (13,5 km)

Sabato 25 maggio: Montot / Seveux (14,1 km)

Sabato 1 giugno: Seveux / Saint-Ghent (12,55 km)

Sabato 8 giugno: Saint-Ghent / Bucey-lès-Gy (12,6 km)

Partenza alle 10, pranzo al sacco, accoglienza con caffè e ristoro al termine della camminata (offerti). Bus al punto di arrivo per il rientro. Evento a pagamento: 10 € / passeggiata (bus, passaporto del pellegrino, t-shirt, guida della Via Francigena in Haute-Saône).

Informazioni e registrazione: posti limitati. Info e iscrizioni: 0688332329 email: viafrancigena.champlitte@gmail.com

Scarica la locandina e scheda di iscrizione in allegato.

Leggi di più

Categorie
news

I love Francigena, il format in cammino conquista l’Emilia Romagna

Grande successo per l’edizione 2018 di “I Love Francigena” in Emilia-Romagna. Il viaggio evento lungo il tratto emiliano dell’itinerario di Sigerico ha registrato il tutto esaurito.

Decine di appassionati camminatori hanno preso parte all’iniziativa organizzata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna, il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e dell’Associazione Fiorenzuola in Movimento.

L’8 e il 15 settembre, il gruppo di “I Love Francigena” ha percorso a passo lento due tappe dell’itinerario in provincia di Parma e Piacenza: Fidenza – Medesano e Fiorenzuola d’Arda – Fidenza per una media di 22 km di distanza. Tra piccole soste e un paesaggio da fotografare, la prima giornata di “I love Francigena” è terminata a Medesano con il buffet e il saluto di benvenuto dell’amministrazione, rappresentata dal vicesindaco Michele Giovanelli.

Il 15 settembre “I love Francigena” ha animato il tratto piacentino da Fiorenzuola d’Arda a Fidenza, partendo dalla Collegiata dedicata a San Fiorenzo di Tours. La camminata francigena è stata arricchita dal prezioso contributo dell’associazione Fiorenzuola in Movimento e si è conclusa con un rinfresco e il saluto dell’assessore alla Cultura del Comune di Fidenza, Maria Pia Bariggi.

I partecipanti, provenienti da tutta Italia e persino dall’Australia, hanno vissuto l’esperienza del cammino, condividendo le finalità del progetto ideato da AEVF. “I love Francigena” nasce infatti con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il percorso europeo coinvolgendo gli appassionati di cammini.

“I Love Francigena è un format esclusivo di AEVF che coinvolge le comunità, gli amministratori e le associazioni locali per valorizzare la Via Francigena con un’attenzione verso l’ambiente – sottolinea il presidente AEVF, Massimo Tedeschi – Dopo l’esperienza in Lombardia, quest’anno in collaborazione con l’APT Emilia-Romagna, abbiamo realizzato delle giornate di cammino in provincia di Parma e Piacenza registrando grandi consensi. Siamo molto soddisfatti perché questi risultati confermano che “I Love Francigena” è una iniziativa vincente dalle potenzialità internazionali, esportabile in tutti i territori attraversati dalla Via”.

Le due giornate di cammino da Fidenza a Medesano e da Fiorenzuola d’Arda a Fidenza sono state raccontate con una campagna social con #ilovefrancigena #viafrancigena ed #emiliaromagnaslow sui siti istituzionali. Un’esperienza entusiasmante frutto di un lavoro di squadra che guarda già alle prossime edizioni.

Leggi di più

Guarda il video:  I Love Francigena 15 settembre e 8 settembre

Categorie
news

I love Francigena fa il pieno di iscritti, attesa per i due eventi in Emilia Romagna

L’8 settembre debutta in Emilia Romagna “I love Francigena”, la prima di due giornate di cammino lungo il tratto emiliano dell’itinerario di Sigerico.

L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna e con il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e Associazione Fiorenzuola in Movimento, nasce con l’obiettivo di animare, promuovere e valorizzare il percorso europeo coinvolgendo gli appassionati di cammini.

In poche settimane, le iscrizioni ai due eventi hanno registrato il tutto esaurito. Il numero dei posti disponibili era stato aumentato per soddisfare la crescente adesione di partecipanti. Un vero successo di prenotazioni arrivate sul sito https://camminiemiliaromagna.it che ha portato alla chiusura anticipata delle registrazioni.

Saranno infatti i camminatori, i protagonisti del viaggio evento che attraverserà due tappe della Francigena in provincia di Parma e Piacenza. L’8 settembre i partecipanti andranno alla scoperta del tratto da Fidenza a Medesano (22.4 km difficoltà media). La giornata prenderà il via dalla stazione ferroviaria alle 8.15 con una breve visita guidata al Duomo. Tra piccole soste, visite guidate e il paesaggio francigeno si arriverà nel pomeriggio a Medesano dove ci sarà un saluto di benvenuto dell’amministrazione e un aperitivo.

Il 15 settembre “I love Francigena” animerà il tratto piacentino da Fiorenzuola d’Arda a Fidenza (22.3 km difficoltà facile) proseguendo la sua mission per scoprire il percorso, coinvolgere associazioni e amministratori, sensibilizzare il territorio e verificare lo stato di manutenzione, integrando la segnaletica istituzionale. Si camminerà su facili strade campestri, ma con lo sguardo rivolto all’orizzonte dove si profila il rilievo delle colline che preannunciano l’Appennino.

Un evento da vivere e raccontare: le immagini scattate durante le passeggiate saranno rilanciate sui siti istituzionali di APT Emilia-Romagna e Associazione Europea delle Vie Francigene attraverso una campagna social con gli hashtag #EmiliaRomagnaSlow, #ViaFrancigena e #ILoveFrancigena.

I love Francigena è un bellissimo progetto sperimentato l’anno scorso in Lombardia. Quest’anno si svolge in Emilia-Romagna grazie alla collaborazione con l’APT – afferma il presidente AEVF, Massimo Tedeschi – E’ un evento che coinvolge le comunità, le autorità e le associazioni locali per valorizzare la Via Francigena con un’attenzione verso l’ambiente. Un format che raccoglie consensi e adesioni da condividere ed estendere a livello europeo nei territori attraversati dalla Francigena”.

I due appuntamenti di I Love Francigena sono organizzati in collaborazione e con il patrocinio dei Comuni di Fiorenzuola d’Arda, Fidenza e Medesano.

Leggi di più

© Riproduzione riservata

Categorie
news

I love Francigena, due giornate di cammino in Emilia Romagna

L’ 8 e il 15 settembre 2018 l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna, il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e l’Associazione Fiorenzuola in Movimento, organizza “I love Francigena”, un viaggio evento lungo la Via Francigena che ha l’obiettivo di coinvolgere gli appassionati di cammini.

Due giornate social a passo lento sul tratto emiliano della Via Francigena, da Fidenza a Medesano e da Fiorenzuola d’Arda a Fidenza per conoscere, scoprire e raccontare il percorso, documentandolo con foto e video.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, fino a un massimo di 25 partecipanti per ognuna delle camminate. L‘iscrizione è obbligatoria al seguente link: https://camminiemiliaromagna.it/it/ . Le giornate di “I Love Francigena” hanno l’obiettivo di promuovere e valorizzare il percorso europeo, coinvolgere appassionati e camminatori, sensibilizzare il territorio attraverso gli stakeholder locali (operatori turistici, associazioni, singoli appassionati), importanti promotori della Via stessa. Infine le camminate sono l’occasione per verificare lo stato di manutenzione e integrare la segnaletica istituzionale del percorso.

Le immagini scattate durante le passeggiate saranno rilanciate sui siti e social istituzionali dell’Emilia-Romagna, attraverso una campagna social con gli hashtag #emiliaromagnaslow e #ViaFrancigena #IloveFrancigena

Programma indicativo:

Sabato 8 settembre 2018

Fidenza a Medesano (22,4 km) – difficoltà: media.

Da Fidenza la grande pianura è definitivamente alle spalle e si comincia la lenta e graduale risalita all’Appennino. Si cammina veloci lungo strade campestri agevoli e prive di traffico. In questa tappa l’arte romanica, ben rappresentata dal Duomo di Fidenza, è ricca di riferimenti al pellegrinaggio Medievale”.

  • Ritrovo ore 8.15 presso la stazione ferroviaria di Fidenza (PR).

  • Breve visita al Duomo di Fidenza (con guida), capolavoro del romanico lombardo, e partenza del cammino.

  • Visita alla Pieve di Cabriolo (2,5 km da Fidenza), dedicata a San Tommaso Beckett e edificata tra il XII e il XIII secolo.

  • Sosta pranzo al sacco (a carico dei partecipanti) nei pressi della chiesa di Costamezzana (13 km da Fidenza). Punti acqua presenti lungo il tracciato: Siccomonte, Costamezzana e prima di arrivare a Medesano.
  • Arrivo a Medesano (PR) circa alle ore 17.00. Saluto di benvenuto dell’amministrazione e aperitivo.

  • Ritorno in bus gratuito a Fidenza (presso la stazione ferroviaria).

Sabato 15 settembre 2018

Fiorenzuola d’Arda a Fidenza (22,3 km)- difficoltà: facile.

Si cammina su facili strade campestri, ma con lo sguardo già rivolto all’orizzonte dove si profila il rilievo delle colline che preannunciano l’Appennino. La tappa è caratterizzata dall’abbazia di Chiaravalle della Colomba, dove i monaci cistercensi sono presenti da oltre 900 anni, e la città di Fidenza, dove sorge il Duomo, uno dei più significativi monumenti romanici della Francigena”.

  • Ritrovo ore 8.15 presso la stazione ferroviaria di Fiorenzuola d’Arda (PC).

  • Breve visita della Collegiata del XV secolo in stile gotico.

  • Partenza del cammino.

  • Visita all’abbazia di Chiaravalle della Colomba (5,5 km da Fiorenzuola d’Arda), edificata nel 1.135, per diretta iniziativa del fondatore dell’ordine cistercense, Bernardo di Chiaravalle.

  • Sosta pranzo al sacco (a carico dei partecipanti) a Castione Marchesi (14 km da Fiorenzuola d’Arda). Punti acqua presenti lungo il tracciato: Chiaravalle e Castione Marchesi.
  • Arrivo a Fidenza attorno alle 17.00 e benvenuto dell’amministrazione.

  • Ritorno in treno, biglietto a carico dei partecipanti.

Attrezzatura consigliata: abbigliamento da trekking (maglietta traspirante, pantaloncini corti, kway), scarpe da trekking con protezione della caviglia e zaino.

Vi consigliamo di prendere visione delle modalità di acquisto della credenziale ufficiale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene al link https://www.viefrancigene.org/it/credenziale/

Iscrizione obbligatoria al link: https://camminiemiliaromagna.it/it/. Per maggiori informazioni, scrivere alla ref. Progetto Cammini e Vie di Pellegrinaggio in Emilia-Romagna: m.valeri@aptservizi.com.

Leggi di più

Categorie
news

Aspettando “I love Francigena”, conclusi i sopralluoghi

Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e Fiorenzuola in Movimento hanno portato a termine le giornate di sopralluogo nel tratto piacentino e parmense della Via Francigena.

L’iniziativa, realizzata con il supporto di APT Emilia Romagna, ha permesso una verifica e gestione del percorso, dal Guado del Po al Passo della Cisa, due luoghi simbolo dell’itinerario di Sigerico.

Abbiamo verificato lo stato del percorso in Emilia Romagna e non sono emerse particolari problematiche – spiega Sami Tawfik, responsabile progetti AEVF – dove necessario siamo intervenuti potenziando la segnaletica adesiva. Queste giornante sono state anche un’occasione per incontrare gli uffici del turismo e i soggetti sul territorio deputati allo sviluppo della Via Francigena”. 

Siamo stati davvero felici e orgogliosi dell’importante compito che ci è stato affidato da AEVF: la segnaletica è un tassello fondamentale del cammino – aggiunge Daniela Ceresa per Fiorenzuola in Movimento – E’ stata una bellissima esperienza che ci ha portato a riscoprire i luoghi a noi vicini nel percorso tra Piacenza e Fidenza. Tra un adesivo e l’altro abbiamo attraversato la nostra campagna nel pieno del suo splendore e i paesi attraversati dal percorso”.

Passo dopo passo, tra adesivi e sorrisi, volontari e staff AEVF hanno incontrato numerosi pellegrini in cammino, entusiasti dell’iniziativa. “Queste giornate hanno consentito di preparare il terreno per le due camminate di settembre che saranno seguite da un ulteriore passaggio di verifica del percorso” aggiunge Tawfik.

L’8 e il 15 settembre si entrerà nel vivo del progetto “I Love Francigena in Emilia Romagna”. Il viaggio evento organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna, con il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e dell’Associazione Fiorenzuola in Movimento, vedrà protagonisti gli appassionati di cammini lungo il tratto emiliano della Francigena. Maggiori informazioni su programma e iscrizioni verranno rese note nei prossimi giorni sul sito www.viefrancigene.org,  https://camminiemiliaromagna.it e https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/

© Riproduzione riservata

Categorie
news

Aspettando ‘I love Francigena’ in Emilia Romagna

Si chiude con un bilancio più che positivo l’edizione 2019 di I love Francigena. L’evento ideato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha portato decine di camminatori alla scoperta dell’itinerario con due date: il 7 settembre lungo la tappa da Cassio a Berceto e il 14 settembre da Pontenure a Fiorenzuola d’Arda.

L’iniziativa, gratuita, quest’anno è stata inserita nel calendario eventi “I love cammini Emilia Romagna” il progetto promosso da APT Servizi Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Conferenza Episcopale dell’Emilia Romagna e l’associazione AIGAE per vivere i cammini storici dell’Emilia Romagna da Piacenza a Rimini.

La prima passeggiata si è svolta tra i boschi e le mulattiere da Cassio a Berceto, ultimo borgo storico prima del valico appenninico della Cisa verso la Toscana. L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione del comune di Berceto che ha accolto i partecipanti con un buffet, alla presenza del sindaco Luigi Lucchi.

La seconda uscita, nella campagna padana, si è svolta in collaborazione con l’associazione Fiorenzuola in Movimento, i comuni di Pontenure, Cadeo e Fiorenzuola d’Arda. I camminatori, accompagnati dallo staff AEVF, hanno potuto ammirare anche alcuni luoghi culturali e naturalistici come il castello di Paderna, il castello di Cerreto Landi, attraversare il guado del torrente Chiavenna e arrivare infine alla Collegiata di Fiorenzuola d’Arda. Quest’ultima camminata, ha visto la partecipazione di alcuni amministratori locali: Manola Gruppi, sindaco di Pontenure; Marco Bricconi, sindaco di Cadeo insieme a Toma Maria Lodovica, vicesindaco e Alessandro Genesi, assessore al Patrimonio Opere Pubbliche; Romeo Gandolfi sindaco di Fiorenzuola d’Arda.

Anche in questa occasione non è mancato il finale dedicato al gusto grazie alla collaborazione della Parrocchia di San Fiorenzo, dove, i partecipanti hanno potuto apprezzare la genuinità e il sapore della torta fritta cucinata al momento dai volontari.

I love Francigena rappresenta un’occasione di incontro, scoperta del territorio e valorizzazione del percorso. In quest’ottica, in particolare, i due sindaci, Marco Bricconi e Romeo Gandolfi hanno preso parte alla camminata, incontrandosi dopo il guado del Chiavenna. I partecipanti hanno inoltre aiutato lo staff AEVF nella manutenzione della segnaletica e nella raccolta di alcuni rifiuti.

Le due camminate sono state realizzate con il sostegno di Banca Generali Private nell’ambito della collaborazione con AEVF per la promozione dell’Itinerario culturale della Francigena. Banca Generali Private è infatti attiva sul tema sostenibilità ambientale e della valorizzazione delle eccellenze culturali e il progetto “I Love Francigena” può definirsi la perfetta esemplificazione di questo approccio.

Leggi di più

Riproduzione riservata

Categorie
news

I love Francigena. L’impegno del pellegrino

“Il pellegrino ha molti diritti ed altrettante responsabilità” Questo lo hanno dimostrato concretamente le venti persone che, a passo lento ma costante, hanno percorso la Via Francigena da Santa Cristina ad Orio Litta ed hanno proseguito verso Piacenza, nelle giornate del 10 e 11 giugno con un progetto utile e coinvolgente: “I Love Francigena“.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene ed Itineraria hanno organizzato questo progetto: viaggio evento atto a sensibilizzare gli appassionati di cammini nella pulizia del percorso e nella manutenzione della segnaletica. I venti pellegrini, guidati dai rappresentanti delle due associazioni e armati di guanti e sacchi, hanno camminato lungo l’Itinerario Culturale Europeo rendendosi fruitori e al contempo primi responsabili dello stesso.

Le due tappe lombarde, preludio dell’entrata nella regione emiliana, si avvicinano lentamente al fiume Po, sempre visibile dall’alto del percorso sull’argine, che scorre pigramente lungo la Pianura Padana. Il cammino offre una vista panoramica sui paesaggi padani che mai si arresta: le cascine ed i vari colori dei campi coltivati si susseguono e si alternano in una policromia affascinante che accompagna il pellegrino lungo il suo tragitto e lo rende parte della stesso.

Gli incontri sono stati diversi, non solo le strutture lungo il tratto francigeno che hanno accolto i viaggiatori con amicizia ed ospitalità, ma anche pellegrini che conducevano il loro viaggio da soli o in coppia e subito si è creato quel desiderio di conoscenza che nasce immediatamente condividendo tali esperienze.

Le due giornate si sono concluse positivamente e con ottimi risultati. Un secondo incontro è già  in programma per il 24 e 25 di giugno, in cui vige il medesimo obiettivo. Leggi qui le informazioni e come partecipare.

Luca Faravelli

 

Visualizza il video di questo evento!

Categorie
news

I love Francigena

A giugno due weekend di cammino – gratuiti e aperti a tutti – sul tratto lombardo della Via Francigena per collaborare alla pulizia e manutenzione del grande itinerario italiano.

Il 10 e 11 giugno e il 24 e 25 giugno 2017 l’Associazione Europea delle Vie Francigene, con il supporto tecnico di ItinerAriaorganizza “I love Francigena”, un viaggio evento, una festa itinerante , con l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere gli appassionati di cammini nella pulizia del percorso e nella manutenzione della segnaletica.
Il 16 e 17 settembre, percorreremo, invece, il tratto tra Gropello Cairoli e Belgioioso, facendo tappa a Pavia. Seguiranno ulteriori informazioni.
Saranno 6 giorni di cammino alla scoperta di un antico itinerario ormai entrato nell’immaginario collettivo al pari del Cammino di Santiago di Compostela, 6 giorni per scoprire le bellezze della nostra regione, 6 giorni per avvicinarsi al cammino e imparare le tecniche di manutenzione dei sentieri e della segnaletica.
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. I primi 20 iscritti riceveranno in omaggio la maglietta “I love Francigena”.

Programma

Primo weekend: 10-11 giugno, da Santa Cristina a Piacenza
Sabato 10 giugno
Da Santa Cristina a Orio Litta (16 km)

Ore 9.45: ritrovo alla stazione ferroviaria di Santa Cristina e Bissone. Partenza del cammino. Costeggiando i bassi rilievi punteggiati di vigneti della collina di S. Colombano si giunge a Miradolo Terme e poi all’antico castello longobardo di Chignolo Po.
Pranzo al sacco nelle vicinanze del castello e si riprende il cammino; attraversato il Lambro si entra in territorio Lodigiano, dove il percorso segue dapprima l’argine del fiume e poi le “arginelle” delle risaie fino a Orio Litta.
Cena e pernottamento presso l’antica Grangia Benedettina di età medievale.

Domenica 11 giugno
Da Orio Litta a Piacenza (26 km)

Ore 9.15: ritrovo alla stazione ferroviaria di Orio Litta. Partenza del cammino.
Lasciata Orio Litta si giunge in breve al Guado di Sigerico, il “Transitum Padi”. Da qui si segue l’argine del Po fino a Piacenza. Arrivo nella bella città emiliana, sosta ristoratrice e rientro a casa nel tardo pomeriggio.

Secondo weekend: 24-25 Giugno, da Palestro a Garlasco

Sabato 24 giugno
Da Palestro a Mortara (24 km)

Ore 9.15: ritrovo alla stazione ferroviaria di Palestro. Partenza del cammino.
Dall’antica cittadina lombarda, sede di una famosa battaglia ottocentesca, si cammina tra risaie e campi di granturco, per dirigersi verso Mortara , importante città della Lomellina.
Cena e pernottamento presso l’abbazia di Sant’Albino, fondata nel IV secolo da Gaudenzio, vescovo di Novara, e ricostruita forse da Carlo Magno per dare degna sepoltura ai Franchi caduti nella battaglia di Pulchra Silvia.

Domenica 25 giugno
Da Mortara a Garlasco (22 km)

Ore 9.30: ritrovo alla stazione ferroviaria di Mortara. Partenza del cammino.
Un percorso tra campi coltivati porta a Remondò e Tromello, tappa dell’itinerario di Sigerico.
Il percorso si svolge prevalentemente su comode strade campestri, si percorrono tratti di asfalto solamente nelle cittadine. Arrivo alla stazione FS di Garlasco.

Sabato e domenica 7 e 8 ottobre
Da Groppello Cairoli a Belgioioso

A breve, tutte le informazioni necessarie!

 

Altre informazioni
Attrezzatura e kit pulizia
È necessario portare un paio di guanti da giardinaggio o da lavoro. L’organizzazione fornirà gli strumenti necessari per la pulizia e la manutenzione. È consigliato un abbigliamento tecnico adeguato a una facile camminata su sentiero (scarpe da trekking, zaino, borracce per l’acqua, occhiali da sole, cappello, crema protettiva).

– Pernottamento 10 giugno
Presso l’ostello comunale nella grangia benedettina (offerta libera)

– Pernottamento 24 giugno
Presso l’abbazia di Sant’Albino (offerta libera)

Informazioni e iscrizioni
L’evento è gratuito e aperto a tutti i partecipanti.
È possibile partecipare anche alle singole giornate senza effettuare i pernottamenti.

Per informazioni e iscrizioni:
webmaster@viefrancigene.org e https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/

Categorie
news

EUROVELO 5 – VIA ROMEA FRANCIGENA : A CANTERBURY IL LANCIO DI UN NUOVO PROGETTO EUROPEO PER L’ITINERARIO IN BICI

A fine mese di maggio si è svolto a Canterbury il primo incontro di partenariato del progetto europeo Eurovelo 5 – Via Romea Francigena, di cui l’Associazione Europea delle Vie Francigene è partner e che riunisce undici organismi pubblici e privati di cinque Paesi europei, con l’obiettivo di sviluppare l’itinerario ciclabile europeo della Via Romea Francigena.

Un progetto perfettamente in linea con il crescente numero di ciclisti che percorrono la via Francigena.

Il progetto europeo EV5-Via Romea Francigena è stato selezionato dall’Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) ed è cofinanziato dal Programma europeo COSME che punta alla diversificazione dei prodotti turistico culturali in Europa.

Il progetto EV5 – Via Romea Francigena è coordinato dall’Università di Lancashire in partenariato con organizzazioni responsabili delle reti ciclistiche nazionali, comuni, dipartimenti, reti europee e imprese turistiche specializzate. Iniziato il 1 aprile, terminerà il 30 settembre 2017 per una durata di 18 mesi. L’Associazione Europea delle Vie Francigene, avrà il compito di coordinare il Work Package 2, destinato allo sviluppo del prodotto, in collaborazione con la Federazione Ciclistica Europea – che trasferirà le metodologie di ottenimento degli standard per la certificazione europea Eurovelo – e con i partner che si occuperanno della mappatura della Via Francigena ciclabile nei rispettivi territori e dello sviluppo di piani di azione locali e del piano di azione  transnazionale. Il progetto Eurovelo 5 VRF porterà, inoltre, alla ideazione di alcuni pacchetti turistici e allo sviluppo di una promozione congiunta.

L’incontro del 18 maggio ha inteso impostare la metodologia, gli strumenti gestionali e il calendario di attività. Hanno partecipato per AEVF, Velia Coffey, Vice Presidente AEVF e Vice Direttrice Generale del Comune di Canterbury e Silvia Lecci, Responsabile di progetto per AEVF.

Il tema dell’itinerario culturale europeo della Via Francigena contribuirà a incrementare l’attrattività culturale dei territori interessati, avvalendosi di una pratica turistica sostenibile, quale il turismo ciclabile che secondo uno studio del Parlamento Europeo genera circa 40 miliardi di euro l’anno nei Paesi dell’Unione Europea.

Partner di progetto: 

  • University of Central Lancashire (United Kingdom) Lead partner
  • Saddle Skedaddle (UK)
  • Verde Natura (Italy)
  • Regione Puglia (Italy)
  • European Cyclists´ Federation (Belgium)
  • Brussels Mobility, Brussels Region (Belgium)
  • Luxembourg Cycling Initiative (Luxembourg)
  • Conseil General du Bas-Rhin (France)
  • Federazione Italiana Amici della Bicicletta (Italy)
  • Associazione Europea delle Vie Francigene (Italy)
  • ItinerAria (Italy)

Partner associati

  • SwitzerlandMobility Foundation (Switzerland)
  • Regione Puglia (Italy)
  • DIRECCTE Alsace (France)
  • Toerisme Vlaanderen (Belgium)
  • Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Italy)
  • Tourism South East (UK)
  • Visit England (UK)
  • Ministère de l’Economie (Luxembourg)
  • Agenzia Nazionale del Turismo –ENIT (Italy)
Categorie
news

Abbazia di Saint Maurice in Svizzera: 1500 di esistenza ininterrotta

Situata nel cuore delle Alpi svizzere, non lontano dal Gran San Bernardo, l’Abbazia di Saint Maurice è stata fondata da Sigismondo nel 515, un re dei Burgundi. Alla caduta dell’impero romano, la Chiesa avrebbe potuto crollare con lui. Cosa succede invece? Si converte verso i Barbari!

Sigismondo è uno di quei re, dai modi rudi, che si è lasciato toccare dalla grazie ed è venuto a piangere i propri peccati sulle tombe dei soldati tebani, Maurizio ed i suo Compagni, martiri in questo territorio alla fine del III secolo.

Altri monasteri in Europa sono stati fondati prima di quello di Saint Maurice, ma ognuno di essi ha cessato la propria attività per diverse motivazioni. All’Abbazia di Saint Maurice, dopo il 22 settembre 2015, ogni giorno voluto da Dio, una preghiera monasica si è elevata al cielo senza mai una interruzione.

Per celebrare questi 1500 anni, l’Abbazia organiza un anno Giubilare da settembre 2014 a settembre 2015. Importanti lavori archeologici sono stati ripristinati cosi come molte chiese dal IV al XVII esimo secolo.

Un grande lavoro archivistico ha poi permesso di catalogare circa 170.000 pagine di manoscritti. Ma soprattutto, questo anniversario ha favorito la riscoperta del prestigioso Tesoro, all’interno del quale sono custoditi un centinaio di oggetti di arte sacra dal periodo merovingio ai giorni nostri.

Realizzata da alcuni monaci nei primi secoli, questa Abbazia ha preso la forma canonica al tempo di Carlo Magno: i monaci hanno cosi iniziato a rendere servzio anche nelle parrocchie del territorio. Dopo il 1128, si insedia la regola di Sant’Agostino ed essa governa gli ordini canonici regolari e quelli del Gran San Bernardo.

Il passaggio della Via Francigena attraverso la Svizzera permette di visitare due tra i luoghi più significativi d’Europa: l’Abbazia di Saint Maurice con il suo antico monastero e l’Ospizio del Gran San Bernardo, il punto più alto dove il camminatore o il pellegrino possa camminare nel suo percorso da Roma a Canterbury, cioè a 2.500 m di altezza!

Benvenuti a Saint Maurice!

+ Joseph Roduit, Abate