Categorie
news-import

Mettersi in cammino lungo la Via Francigena per curare le dipendenze

Pellegrini speciali sono arrivati ieri a Siena. L’Associazione “Rete passaggio chiave” si occupa della cura delle dipendenze,  uno dei modi in cui lo fanno è attraverso il cammino, la montagnoterapia e, questa volta, per la terapia, hanno scelto la Via Francigena.

Partiti da Altopascio oltre 50 pellegrini sono arrivati a Siena. Da Porta Camollia hanno raggiunto  la Fortezza Medicea dove sono stati  ricevuti dall’assessore al turismo Sonia Pallai.

Entusiasti del cammino e dell’esperienza, non solo di viaggio ma anche interiore, perché occasione per nuove amicizie e condivisine di conoscenze.

Imperdibile il passaggio in Piazza Duomo, al Complesso museale Santa Maria della Scala e Piazza del Campo per terminare come per il #SienaFrancigena con il o pranzo all’Orto de’ Pecci.

Fonte:
Ufficio stampa Comune Siena

Categorie
news-import

AEVF a Salonicco: Incontro sulla Via Egnatia il 13 e il 14 settembre

Il 13 e il 14 settembre si terrà a Salonicco, in Grecia, il secondo incontro di partenariato del progetto europeo “From Europe to Turkey on Foot (Preparation of a European cultural route between Europe and Turkey)”.

L’incontro esaminerà le possibilità di congiungere l’itinerario culturale del Consiglio d’Europa della Via Francigena  con la Turchia, attraverso la valorizzazione dell’antica direttrice di comunicazione romana della Via Egnatia e il coinvolgimento di attori territoriali in Albania, FYROM e Grecia, per incentivare un maggiore dialogo interculturale Euromediterraneo attraverso la valorizzazione del patrimonio storico e culturale comune.

Il progettoFrom Europe to Turkey on Foot (Preparation of a European cultural route between Europe and Turkey)” è cofinanziato dal Programma “Civil Society Dialogue IV – Regional Policy and coordination of Structural instruments”. AEVF vi partecipa in qualità di partner, insieme con l’Associazione “Turkey’s Culture Routes Society”, capofila di progetto. In tale contesto, AEVF è stata responsabile del trasferimento di buone pratiche europee lungo la Via Francigena sulla governance di rete, lo sviluppo, la promozione e l’animazione dell’itinerario culturale europeo.

Il programma delle due giornate è consultabile qui di seguito.

Categorie
news-import

Pernottamento a mInerva Domus B&B

Nel cuore del centro storico dell’antica Città di Cori, la grande casa ti accoglie con la sua vista mozzafiato che spazia da Monte Circeo ai Castelli Romani.

Le stanze comodissime e confortevoli.

La pace e la bellezza del terrazzo-solarium ti sollevano le fatiche del cammino.

Abbiamo la cultura del “cammino” e siamo a tua disposizione per le tue esigenze.

 

Minerva Domus B&B

Categorie
news-import

Nuova segnaletica lungo la Via Francigena nel Sud. Si parte con il tratto Castel Gandolfo – Nemi.

Il Comitato Via Francigena nel Sud continua la propria attività di sensibilizzazione dei territori perlo sviluppo della Via Francigena e si è fatto parte attiva per i lavori di rifacimento della segnaletica, in collaborazione con enti locali ed in accordo con Regione Lazio ed Associazione Europea delle Vie Francigene.

Il tema della segnaletica lungo il percorso ufficiale rappresenta un elemento molto importante per identificare il percorso e per dare ai viandanti la possibilità di seguire con continuità la Via Francigena, senza sovrapposizioni di cartelli (come purtroppo talvolta accade). L’iniziativa del Comitato Via Francigena nel Sud è iniziata nel Tratto Castel Gandolfo – Nemi, utilizzando la tipologia di cartellonista approvata dall’AEVF e seguendo il percorso approvato dalla Regione Lazio. La segnaletica, successivamente, potrà venir integrata con ulteriori pannelli generali recanti il logo del Consiglio d’Europa: questo passaggio potrà avvvenire solo dopo il riconoscimento ufficiale della Via Francigena nel Sud – Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa.

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Presidente del Comitato Via Francigena del Sud Marco Aguiari inviata ai territori lungo il cammino:

“Sono iniziati i primi lavori di rifacimento della segnaletica rurale per la Via Francigena del Sud. Come sapete il 14 aprile us. l’Istituto Europeo per gli Itinerari Culturali ha comunicato il suo nulla osta all’estensione alla VFS della certificazione di itinerario culturale europeo che è attualmente propria della Via Francigena nord (Canterbury – Roma).

La Regione Lazio ha da tempo aderito al progetto e definito i suoi percorsi con L.R.19/2006 (ed altri atti precedenti e successivi). La vecchia cartellonistica rurale dell’intero percorso da Roma ai confini meridionali del Lazio è praticamente scomparsa, spesso vicariata da segnaletica messa spontaneamente da alcuni volontari (non coordinata con le amministrazioni, non conforme agli standard internazionali dei cammini europei e a volte su percorsi diversi da quelli riportati sul sito di AEVF).

Per questi motivi, anche in relazione ad eventi di particolare rilevanza (es. Italian Wonder Ways), alcune amministrazioni si sono attivate per un miglioramento della segnaletica. La prima amministrazione ad operare concretamente è stato l’Ente Parco dei Castelli romani (d’intesa con i Comuni) che ha autoprodotto la segnaletica necessaria e la sta già posizionando nel tratto Castel Gandolfo – Nemi. Va sottolineato che l’Ente ha operato con proprie risorse, costi molto contenuti e la propria falegnameria. E’ da notare che anche i Parchi Aurunci e Simbruini hanno proprie falegnamerie alle quali si possono rivolgere le Pubbliche Amministrazioni.

Va rimarcato il fatto che, essendo il logo del pellegrino un marchio registrato di proprietà di AEVF, non è lecito apporre segnaletica di qualunque tipo con questo marchio al di fuori del percorso ufficiale senza apposita autorizzazione. “

Categorie
news-import

Terremoto Centro Italia, come rendersi utili

Nella notte tra martedì 23 e mercoledì 24 agosto 2016 in centro Italia si è scatenato un violentissimo terremoto (magnitudo 6.0), che ha avuto epicentro nei pressi di Accumoli (RI) e che ha devastato anche la vicina Amatrice. Le scosse sono state percepite da Rimini fino a Napoli. Ad oggi (25/08/2016) le vittime sono, purtroppo, ancora in aumento, mentre diminuiscono le speranze di recuperi sotto le macerie. Le città limitrofe alla zona di epicentro hanno subìto danni gravissimi. Non ci sono parole. 

Il nostro cuore è ad Accumoli, ad Amatrice, a Norcia, nel ricordo felice dei cammini in cui abbiamo attraversato le zone colpite. Siamo vicini alle famiglie delle vittime e a chi ha subìto danni nel terremoto, ma siamo certi che sapranno riprendersi e ripartire, e noi non smetteremo nemmeno nei prossimi giorni di camminare sui loro bellissimi sentieri, per testimoniare la nostra vicinanza. 

Ognuno di noi può fare qualcosa per rendersi utile in questo momento: c’è ancora scarsità di sangue, quindi vi invitiamo a recarvi presso il punto AVIS a voi più vicino e donare il sangue, potrebbe salvare la vita di qualcuno meno fortunato. Inoltre sono attive diverse campagne di raccolta fondi per le zone colpite. Ci sentiamo particolarmente vicini a due di queste: 

– l’Ostello Capisterium di Norcia, punto di riferimento per tutti i pellegrini del Cammino di San Benedetto, che è stato irrimediabilmente compromesso dal sisma. Per fare ripartire al più presto questa struttura, gli Amici del Cammino di San Benedetto hanno lanciato una raccolta fondi destinata a coprire le spese, al momento non quantificabili ma certamente ingenti, che si dovranno sostenere per ritornare alla normalità. Di seguito le coordinate bancarie per effettuare le donazioni: 

Associazione Amici del Cammino di San Benedetto
IBAN: IT69 D076 0103 2000 0101 8336 519
Conto Bancoposta 101 8336 519
Causale: Ostello Capisterium

– Il CAI Italiano ed i sottogruppi delle Regioni coinvolte (Lazio, Marche e Umbria) pur nella convinzione che le popolazioni colpite sapranno reagire con le capacità e la determinazione che le contraddistinguono lancia un appello a tutti i soci (e non) per una solidarietà concreta ed una vicinanza, per quanto possibile, anche operativa. Anche in questo caso è stato aperto un conto che vuole essere una prima risposta a favore del territorio e delle vittime. Di seguito le coordinate: 

Conto corrente “IL CAI PER IL SISMA DELL’ITALIA CENTRALE (LAZIO, MARCHE E UMBRIA)”
Banca Popolare di Sondrio – Agenzia Milano 21
IBAN IT06 D056 9601 6200 0001 0373 X15

Ognuno dia se e quanto può, anche un piccolo “mattoncino” può essere utile.

Categorie
news-import

Una pausa al Caffè Costagli a Fucecchio

Questo caffè si trova nel centro storico, situato nella parte alta del paese, che una volta era il castello di Fucecchio. Il locale è adiacente all’ ospedale San Pietro Igneo, accanto alla Fondazione Bassi-Montanelli che raccoglie la bibliotecae gli studi di Roma e Milano del giornalista e scrittore Indro Montanelli e a 100mt dal convento della clausura delle suore clarisse. Inoltre nlla piazza sottostante troviamo il Museo e l’accesso al Parco della fattoria Corsini.

Caffè Costagli

Categorie
news-import

Pernottamento al B&B La Sosta a Santhià

Situato in centro città, lungo il percorso della Via Francigena, la Sosta dispone di una spaziosa e luminosa stanza mansardata con tre posti letto e bagno privato situata al quinto piano di un elegante palazzo in centro città. 
Dispone di tv satellitare, wifi gratis , minibar, asciugacapelli, macchina per caffè, lavatrice e set da stiro. Colazione continentale a buffet, su richiesta colazione senza glutine. Biciclette a disposizione per escursioni in zona.

B&B La Sosta 

Categorie
news-import

Le Vie Francigene in Puglia, da vision a opportunità di sviluppo territoriale sostenibile

“Le Vie Francigene in Puglia, da vision a opportunità di sviluppo territoriale sostenibile” è il titolo della tesi discussa da Alessandro Caterino nel mese di luglio, presso l’università di Bologna. La tesi si focalizza sulla Via Francigena in Puglia e sulla governance del progetto: un esempio di buon pratica che vede la Puglia, attraverso la Via Francigena, al centro di un progetto di dimensione internazionale e legata allo sviluppo sostenibile dei territori.

Abstract

La Via Francigena, Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa, è l’antica via che nel Medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia, dove pellegrini, milizie crociate, mercanti e uomini di chiesa s’imbarcavano verso la Terra Santa. Recentemente è stata riscoperta e resa interamente percorribile nei 1800 km da Canterbury a Roma e nell’anno nazionale dei cammini, la prospettiva di valorizzarla e renderla fruibile sino alle terre salentine sta divenendo sempre più rilevante.

Tra le regioni dell’Italia meridionale, la Puglia in primis è attraversata da oltre 400 km di Via Francigena che si sviluppano intorno a due antiche strade romane, la Regina Viarum Appia Antica e la successiva Appia Traiana, creando un fascio di vie declinabile al plurale in Vie Francigene. Si tratta di un reticolo di strade, un sistema viario che mette in comunicazione tra loro i territori delle Puglie, dal subappennino dauno alla penisola salentina, e la Puglia nella sua interezza con il resto d’Italia via terra da una parte e con Albania, Grecia, Turchia e bacino mediterraneo sino alla Terra Santa via mare dall’altra.

Per comprendere se e come lo sviluppo del cammino francigeno, in un’ottica di collaborazione tra soggetti pubblici e privati, possa costituire anche in Puglia un volano di sviluppo territoriale all’interno dei territori attraversati e per indagare la percezione dei territori stessi rispetto al potenziale della Via Francigena è stata posta in essere un analisi empirica su due fronti. Da un lato sono stati chiamati a contribuire gli amministratori dei comuni pugliesi attraversati dalla Francigena, cui è stato chiesto di esprimere la propria visione del cammino e la percezione rispetto a esso; dall’altro lato, sono state interrogate le strutture ricettive che insistono sul percorso o nelle immediate vicinanze per indagare la disponibilità di queste ultime ad aprirsi al segmento dei camminatori e dei viandanti predisponendo un’offerta loro dedicata.

Biografia

Alessandro Caterino è un giovane studente andriese laureatosi con lode, nel luglio 2016, in Economia del Turismo, presso l’Università di Bologna – Campus di Rimini. Durante i suoi studi ha compiuto un periodo di tirocinio presso l’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali di Lussemburgo (EICR) e un altro periodo di tirocinio presso EHTTA, l’Associazione Europea delle Città Termali Storiche, all’interno dell’Assessorato al Turismo e Termalismo del Comune di Ourense in Galizia. Ha inoltre svolto un periodo di collaborazione part-time all’interno della vicepresidenza di Rimini della scuola di economia e dal dicembre 2015 collabora con lo staff dell’Associazione Europea delle Vie Francigene che ha supportato nell’organizzazione del convegno internazionale “Via Francigena, Via di Pace”.

Maggiori info: alessandro.caterino@viefrancigene.org

Categorie
news-import

Firmato l’accordo tra AEVF e Champlitte

Champlitte aderisce all’Associazione Europea delle Vie Francigene. Nel 2012, in occasione della marcia popolare “Pas à Pas” la Via Francigena è diventato un itinerario molto conosciuto in questo dipartimento della Haute-Saone, in Franche-Comté. .

Pellegrini, camminatori, escursionisti, ogni anno transitano in questa bella località sulla via Francigena dove il percorso è ben segnalato ed in sicurezza. Ampia è anche l’accoglienza, sia in camping, in ostello pubblico e privato o strutture ricettive tradizionali.

L’impegno dell’amministrazione comunale ha dato un segnale tangibile per lo sviluppo e valorizzazione della Via Francigena: il consiglio municipale ha deciso di aderire ad AEVF e di promuovere il progetto europeo, a partire dal tratto francese. L’11 agosto, a Champlitte, è stata sottoscritta una convenzione tra AEVF ed il comune per svolgere azioni comuni finalizzate alla crescita della via Francigena a sostegno della Francigena.  Personale dedicato viene messo a disposizione del progetto.

Categorie
news-import

30 anni di amicizia franco-messicana a Champlitte

Dal novembre 1986, il dipartimento della Haute-Saône,Champlitte e la città di San Rafael in Messico sono gemellate. Si sono creati forti legatmi tra queste realtà territoriali. In occasione di questi scambi legati al gemellaggio, pevisti a Chamlitte incontri, concerti, momenti di riflessione e cammino