Categorie
news-import

Progetto “Italia, Grecia, Turchia in cammino”: incontro di cooperazione internazionale in Turchia

Il 23 e 24 luglio 2019 la Via Francigena ha partecipato al meeting intermedio del progetto “Italia, Grecia e Turchia in cammino” (12 mesi), svoltosi nel villaggio turco di Misi a due passi da Bursa.
Il progetto, guidato dalla NGO turca “Culture Routes Society” in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e l’associazione greca “Trace Your Eco“, ha come obiettivo quello di sviluppare l’itinerario internazionale della Via Eurasia da Bari a Demre, attraverso Italia, Albania, Macedonia del Nord, Turchia.

Il meeting tecnico si è focalizzato sulla governance e le priorità degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa: sviluppo sostenibile, memoria, gioventù e discipline artistiche. Luca Bruschi, direttore AEVF, ha presentato le buone pratiche dell’itinerario e il lavoro di implementazione lungo la Via Francigena del sud.

La città di Nilufer ha ospitato l’evento mostrando lo sviluppo del percorso della Mysian Way (300km) ed il coinvolgimento delle comunità locali. All’interno di questa due giorni, AEVF, ha partecipato attivamente alla visita studio per scoprire la Mysian Way, itinerario legato all’antica civiltà della quale il cammino prende il nome. Il punto di partenza è nel pittoresco villaggio di Misi e la tappa di 10 km permette di raggiungere a piedi il lago Doganci Baraji lake. 

Durante la visita, i partecipanti hanno incontrato rappresentanti di istituzioni, associazioni e volontari locali. Hanno infine visitato un forno gestito da un’associazione locale di donne che opera sul territorio. La visita si è conclusa al Museo della migrazione di popolazioni che racconta storie di persone e manufatti artigianali.

Leggi di più:

Culture Routes Society: Turkey, Greece & Italy on Foot Project – Bursa Meeting

Municipality of Nilüfer: Türkiye İtalya ve Yunanistan’ın kültür rotaları Nilüfer’de birleşiyor

Il progetto è cofinanziato dall’Unione Europea.

Categorie
news-import

“CorreVoce” il silenzio prende voce sulla Via Francigena

Dopo aver attraversato in bicicletta mezza Europa e nel 2018 la via Francigena del Nord, da Canterbury ad Aosta, quest’anno Renato e Alessandro di ReAl Bike Experience saranno testimonial di AIMUSE, Associazione Italiana Mutismo Selettivo, percorrendo la Via Francigena italiana da Aosta a Roma.

La via Francigena è un percorso che da nord-ovest va verso sud, deve il suo nome alla pratica del pellegrinaggio verso Roma in epoca carolingia, nel periodo del Sacro Romano Impero di Carlo Magno, Re dei Franchi. “CorreVoce” è un importante progetto a sostegno di Aimuse che da 10 anni si adopera per informare e far conoscere il mutismo selettivo, atteggiamento di risposta a un forte stato emotivo legato all’ansia sociale che blocca la parola. 

Elisa Marchio, Presidente Nazionale di AIMUSE, afferma ”il mutismo selettivo è un disturbo ad oggi poco conosciuto, che colpisce i bambini impedendo loro di parlare con persone che non appartengono alla stretta cerchia famigliare.” L’associazione opera con i propri referenti regionali su tutto il territorio nazionale offrendo il proprio sostegno alle famiglie che vivono questo disagio. E ancora “Siamo punto di riferimento non solo per i genitori, ma anche per tutti gli insegnanti che si trovano ad affrontare tale problematica anche nel contesto scolastico.” 

Alessandro e Renato percorreranno più di 1.000 km con oltre 10.000 metri di dislivello, sulle orme di Sigerico il Sassone che nel 990 d.c. intraprese il viaggio di ritorno da Roma a Canterbury (del viaggio d’andata non vi è traccia), dopo aver ricevuto il “Pallium” l’investitura papale a primate della chiesa anglicana. 

Renato Martin sottolinea ”Nel 2018 abbiamo percorso tutta la via Francigena del Nord, dalla sua partenza Canterbury sino ad Aosta, attraversando il canale della Manica e l’intera Francia e parte della Svizzera, risalendo fino al passo del Gran San Bernardo a 2.450 metri. Con questa nuova avventura partiremo da dove abbiamo lasciato” 

Il progetto “CorreVoce” ha già ottenuto il patrocinio dall’AEVF – Associazione Europea Vie Francigene, che da subito ha sposato l’iniziativa e concesso l’uso del marchio, il pellegrino medievale con il Bordone o Bacelum, lungo bastone di legno utilizzato lungo il percorso per sostenersi e difendersi.  Alessandro Martin aggiunge “Quest’idea è nata dalla volontà di mettere in relazione la via Francigena, via d’incontri e condivisione, con AIMUSE, attraverso una serie di seminari e convegni, uno per regione lungo tutto il cammino dalla Valle D’Aosta al Piemonte e Lombardia, dal Emilia Romagna alla Toscana al Lazio” .

Tappe: verrà organizzata una campagna si sensibilizzazione e informazione sul mutismo selettivo attraverso un convegno/incontro di approfondimento: 30.09 Aosta Correvove Valle D’Aosta, 01.10 Ivrea/Biella CorreVoce Piemonte, 03.10 Pavia CorreVoce Lombardia, 04.10 Fidenza CorreVoce Emilia Romagna, 07.10 Lucca CorreVoce Toscana, 13.10 Roma tappa finale CorreVoce Lazio.

Tutto si realizzerà nelle prime due settimane di ottobre, con l’obiettivo di sensibilizzare e diffondere la conoscenza del mutismo selettivo. www.aimuse.it 

Fonte: comunicato stampa – La locandina in allegato scaricabile

Categorie
news-import

In cammino per il cancro, la storia di due pellegrine australiane

Il trekking in Europa è un sogno per la maggior parte degli australiani! Mia sorella, Sue McGann ed io abbiamo trasformato quei sogni in realtà – un viaggio globale per una nobile causa.

La nostra famiglia ha tragicamente perso molti cari a causa del cancro. Abbiamo perso due fratelli e due cognati, e ora un altro fratello e suo figlio stanno combattendo questa malattia. Con tanta motivazione, abbiamo iniziato a camminare per raccogliere fondi per il cancro. Abbiamo camminato in Irlanda, Inghilterra, Francia, Portogallo, Giappone e Australia. Poi per caso, mentre cercavo su Google, mi sono imbattuta nella Via Francigena e sono rimasta colpita all’istante. Sapevo che dovevo percorrerla!

Nel 2017 sono partita, sola con il mio zaino, lungo la via del pellegrino da Salisbury a Canterbury in Inghilterra. Sono diventata una pellegrino di un tempo e ho iniziato il mio viaggio a piedi per Roma. Non dimenticherò mai ciò che provai quando Clare mi diede la benedizione del pellegrino davanti all’altare nella Cattedrale di Canterbury. E prima che me ne rendessi conto, stavo ritornando sulla via del pellegrino diretta verso la Francia.

Camminare per la Francia, da sola, era un pensiero che mi intimoriva. Conoscevo solo una manciata di parole francesi dai tempi della scuola. E qui stavo per percorrere 1100 km fino a Besançon vicino al confine svizzero. Ho vissuto in un mix di gioie e dolori mentre attraversavo la Francia. A poco a poco ho iniziato a capire la cultura francese, mi sono persoa molte volte e ho incontrato persone fantastiche. (E’ possibile leggere le mie avventure nel mio libro ‘In the Footsteps of Pilgrims Past’ disponibile su Amazon).

Alla fine, sono arrivata a Besançon a novembre mentre il freddo stava calando e temevo davvero di riprendere il viaggio. All’inizio del 2018 ho deciso di continuare a camminare. Il mio cuore era incentrato sulla raccolta di fondi per il cancro. Il buon senso ha prevalso e ho cercato aiuto da Via Francigena Tours per guidare i miei passi fino al Grand-St-Bernard Pass. Ed eccomi lì, pronta per la grande camminata con mia sorella, Sue. Poi, un giorno, all’inizio di marzo, ho avuto una brutta infezione al torace e ulteriori test hanno rivelato che anch’io avevo la temuta malattia: il cancro alla tiroide!

Sono una persona molto determinata e non solo combatterò questa malattia, continuerò a camminare e raccogliere fondi per aiutare gli altri a combattere la malattia. Alla fine di agosto partiamo da Besançon e arriviamo al passo del Grand-St-Bernard a metà settembre. Sarà un grande piacere percorrere la Via Francigena attraverso la Svizzera, ma speriamo anche che il nostro sogno di camminare per aiutare a trovare una cura per il cancro sia realizzato.

Per contribuire e seguire il progetto: http://bit.ly/2Sxy5Zl
https://roamingroadsswitzerland.blogspot.com/

Categorie
news-import

Via Francigena, una comunità in crescita. I dati di AEVF

Cresce e si rafforza la comunità di appassionati attorno alla Via Francigena. Ad indicarlo sono anche i dati raccolti dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) con l’attività di coordinamento e sviluppo dell‘Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa.

L’associazione, ad oggi comprende 155 collettività territoriali europee ma si interfaccia quotidianamente con chi percorre il cammino o vive nei territori attraversati dal percorso. Si tratta di decine di migliaia di persone tra pellegrini, turisti o semplici cittadini interessati a conoscere e a valorizzare l’itinerario di Sigerico.

Il dato più significativo è quello delle credenziali. Il passaporto del pellegrino è il documento fondamentale per chi vuole percorrere la Francigena. Nel 2018, l’Associazione ha distribuito oltre 16.000 credenziali AEVF attraverso 90 punti distribuzione nei 4 Paesi europei attraversati dall’itinerario. Un segnale positivo che testimonia l’interesse da parte degli attori sul territorio nei confronti del cammino e di chi lo percorre.

Tra i nuovi punti distribuzione, troviamo in Francia tappe importanti come Calais e Arras, Orsières in Svizzera, l’Ufficio Regionale del Turismo ad Aosta per citare alcuni esempi. Oltre alla distribuzione attraverso il sito web ufficiale, i punti dove se ne distribuiscono maggiormente spaziano lungo tutto il percorso: dall’Ufficio di informazioni turistiche a Champlitte in Francia, all’Ospizio del Gran San Bernardo a Bourg-Saint-Pierre (Svizzera), dall’Associazione La Via Francigena di Sigerico (Ivrea), all’Ufficio IAT di Fidenza, dal Museo della Cattedrale di Lucca, all’Ufficio Turistico di Monteriggioni a Santa Maria alla Scala a Siena.

Non solo, il rapporto con gli utenti della Francigena è fatto anche di segnalazioni e richieste di informazioni che arrivano all’Associazione attraverso molteplici canali e in diverse lingue. Nel 2018, AEVF ha risposto ad oltre 700 contatti via mail o telefono pervenuti in segreteria e, nei primi sei mesi del 2019, sono state oltre 300 le segnalazioni ricevute all’indirizzo dedicato: percorso@viefrancigene.org.

Le domande più gettonate? Curiosità sul percorso a piedi e in bicicletta, segnalazioni sull’App AEVF, come ottenere le credenzali, accoglienza e infine anche l’aspetto commerciale. Il portale AEVF rappresenta infatti un’opportunità di visibilità per tour operator e gestori di attività di accoglienza e ristorazione attraverso la rete Visit Vie Francigene.

E poi c’è la parte virtuale dove la comunità Francigena non ha confini. Oltre al sito ufficiale di AEVF punto di riferimento internazionale, il traino sui social è rappresentato dalla pagina Facebook che oggi conta oltre 48.000 follower, seguita dal profilo Instagram con oltre 5 mila follower. Importanti anche i numeri relativi all’App per smartphone gratuita lanciata da AEVF a gennaio 2018. Nell’ultimo anno, sono state effettuate oltre 18 mila installazioni su dispositivi Android e iOS. E prosegue bene anche la distribuzione della guida ufficiale “Terre di Mezzo” del tratto italiano: le edizioni in italiano, inglese e francese sono state stampate in 25.000 copie negli ultimi 3 anni. 

Da chi è formata la comunità della Francigena? I dati pubblicati da Terre di Mezzo a marzo, hanno fornito una fotografia generale sul profilo del camminatore italiano, a mettersi in marcia sono soprattutto gli over 45 e per il 43% sono donne. Una tendenza confermata anche da un’analisi campione interna svolta da AEVF nel 2018 su 1000 moduli e credenziali. L’età media dei camminatori francigeni si attesta a 51 anni. I luoghi di partenza maggiormente scelti sono: Aosta, Siena, Fidenza. I tre Paesi con maggiore provenienza sono, oltre all’Italia: Francia, Germania, Svizzera. Il periodo più frequentato per mettersi in cammino: aprile, maggio, luglio, settembre. Il 70% ha percorso la Francigena a piedi e il 30% in bicicletta. Un cammino che non ha età: tra i dati raccolti è emerso che il pellegrino più giovane nel 2018 aveva 8 anni e la persona più anziana 87 anni.

© Riproduzione riservata   

Categorie
news-import

Ambiente, valori e sostenibilità: prosegue la collaborazione tra AEVF e Banca Generali Private

Prosegue, all’insegna della sostenibilità, la collaborazione tra Banca Generali Private e Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF). La Banca Private rinnova l’impegno con AEVF per la valorizzazione del territorio e la promozione dell’Itinerario culturale del Consiglio d’Europa.

“Crediamo fortemente nel valore della sostenibilità tanto da averla inserita perfino all’interno della nostra mission aziendale – conferma Alessandro Mauri, Area Manager Emilia-Romagna e Toscana di Banca Generali Private – e questo, l’abbiamo declinato con una serie di azioni concrete come, ad esempio, la nuova piattaforma di consulenza alla clientela, BG Esg. Insieme alla londinese MainStreet Partners, abbiamo sviluppato una piattaforma che consente ai nostri private banker e wealth manager di affiancare le famiglie nella costruzione di portafogli di investimento personalizzati che rispondano concretamente ai 17 SDGs dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite. Il vero valore aggiunto è la possibilità di misurare in maniera concreta l’investimento, valutando il reale impatto. Siamo i primi a portare in Italia un progetto del genere e ne siamo particolarmente orgogliosi”.

Un’attenzione verso il tema della sostenibilità che, Banca Generali Private, attua anche a livello culturale e territoriale attraverso il sostegno a numerose iniziative: “Collaboriamo con il mondo culturale con mostre e concerti: penso all’evento da noi organizzato all’Auditurium Paganini a Parma a fine maggio oppure all’iniziativa itinerante “Banca Generali – Un campione per amico” con i ragazzi delle scuole e i campioni dello sport. Abbiamo inoltre sponsorizzato le Giornate di Primavera FAI, consentendo di visitare alcuni siti tra i quali anche la nostra sede di Milano. Ci sono infine altre iniziative come l’accordo con AEVF. Con l’Associazione Europea delle Vie Francigene andiamo nel territorio per valorizzare chi cammina ma sopratutto le persone che vivo- no nelle realtà attraversate dalla Francigena”.

Tra i progetti messi in campo da AEVF, sostenuti da Banca Generali Private, c’è sicuramente “I Love Francigena”. Il format esclusivo di AEVF coinvolge le comunità locali, gli amministratori e le associazioni locali per valorizzare la Via Francigena con un focus sull’ambiente. Ed è proprio questo il filo conduttore della collaborazione tra AEVF e Banca Generali Private che, in questa fase collaborativa, si concentra in particolare sulle regioni dell’Emilia-Romagna e della Toscana.

“Come Area Manager di Banca Generali Private, ho voluto coinvolgere i colleghi sul territorio che hanno aderito con entusiasmo al progetto di AEVF – racconta Mauri – sono due regioni dove siamo presenti come Banca e con ottimi risultati. Sono regioni importanti per noi, ci fa piacere reinvestire sul territorio”.

L’articolo è tratto dall’ultimo numero della rivista ufficiale AEVF “Via Francigena”. La rivista, edita dallo Studio Guidotti è consultabile gratuitamente online al sito www.rivistaviafrancigena.it. Tante notizie, informazioni e testimonianze da leggere a passo lento in inglese, francese e italiano.

 

Categorie
news-import

Arredi francigeni, sei comuni lanciano un concorso di idee

E’ stato pubblicato il concorso di progettazione per la realizzazione di arredi urbani dedicati al turista – pellegrino – cittadino lungo la Via Francigena e il cammino di San Colombano.

Finalità del concorso, bandito dai 6 Comuni localizzati lungo i cammini storici in provincia di Piacenza (Pontenure, Alseno, Cadeo, Calendasco, Fiorenzuola d’Arda, Gragnano Trebbiense), è individuare un progetto pilota di “arredi francigeni” capace di raccontare il territorio e fare dialogare il turista/pellegrino con il cittadino; la cui ripetizione, nelle diverse aree progetto dei 6 Comuni, rafforzerà il segno unitario di “Francigena in Comune” strategia di rigenerazione urbana co-finanziata da Regione Emilia-Romagna; con la possibilità nel futuro di essere replicabile in altri Comuni lungo i cammini storici.

Il concorso è stato presentato il 15 luglio presso la sede dell’Ordine Architetti PPC di Piacenza da Vito Redaelli, project manager della strategia per conto delle amministrazioni locali, alla presenza sei rappresentanti dei comuni coinvolti, partner del progetto e dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.

La chiusura delle iscrizioni e il contestuale invio degli elaborati e della documentazione amministrativa è fissata entro le ore 12 del 1 ottobre 2019 e sarà gestito in forma completamente anonima on line grazie alla piattaforma dell‘Ordine Architetti PPC di Bologna Verrà garantito l’incarico professionale al primo classificato con un premio di 7mila euro, ma ci saranno premi anche per il secondo e il terzo posto, oltre a menzioni speciali. Qui il bando e le informazioni: https://www.concorsiarchibo.eu/arredifrancigeni/home

Il concorso ricerca la soluzione più innovativa per tali “arredi francigeni”:

  • dal punto di vista della qualità del design proposto;

  • per la coerenza del progetto con i valori culturali e geografici della Via Francigena e dell’inserimento nei diversi contesti paesaggistici;

  • per riflettere i caratteri di essenzialità, sobrietà, solidità, flessibilità e replicabilità in altri luoghi;

  • per rispondere alle funzionalità specifiche richieste del bando (dialogo, orientamento, rinfresco, riposo, energia, interattività);

  • per incorporare contenuti multimediali, di realtà aumentata e un progetto di comunicazione al fine di attivare “users experiences” sul territorio. L’attrattività dei luoghi deriva sempre più dalla capacità di comunicare le proprie specificità socio-culturali, mettendo in grado i diversi target (sia cittadini locali che turisti o city users) di vivere in modo autentico queste esperienze.

Il concorso è aperto agli Architetti e agli Ingegneri iscritti nei rispettivi Ordini professionali o Registri professionali dei paesi di appartenenza, abilitati all’esercizio della professione alla data di pubblicazione del presente Bando di Concorso, in possesso di idonea copertura assicurativa e che non incorrano nei motivi di esclusione di cui all’art. 80 del D.lgs 50/2016.

La giuria sarà presieduta da Marco Ferreri, architetto e designer, dalla direttrice della rivista internazionale “Abitare” oltre a membri nominati dal Politecnico di Milano (Polo di Piacenza), dall’Ordine Architetti di Piacenza, dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e dal Comune capofila Pontenure.

IL VIDEOSERVIZIO DI TELELIBERTA’ PIACENZA

 

Categorie
news-import

Via Francigena, il progetto di Confesercenti per Parma 2020

Il 14 luglio, presso la sede di Confesercenti Parma, è stato presentato il progetto di ricerca storica e valorizzazione turistica “La Via Francigena, via spirituale poi via dei commerci e dell’ospitalità” che si inserisce nell’ambito delle progettualità collegate alle iniziative in corso per “Parma 2020, Capitale della Cultura Italiana”.

La ricerca riguarderà il tracciato dell’antica via, nel tratto di territorio compreso tra le province di Parma e Piacenza ed ha ricevuto ad oggi il patrocinio ufficiale del Comune di Parma, del Comune di Piacenza, del Comune di Berceto e dell’Associazione Europea delle Vie Francigene che ha sede a Fidenza. Sono in corso inoltre i contatti con tutti i comuni compresi tra il Guado di Sigerico di Calendasco sul fiume Po, per arrivare al passo della Cisa in Appennino. Di fatto la ricerca storica lungo la Via Francigena è oggi diventata un progetto integrato di marketing culturale dal territorio piacentino fino alla Lunigiana.

A descrivere nei dettagli il progetto erano presenti il dott. Graziano Tonelli, direttore Archivio di Stato di Parma, la dott.ssa Elena Pastorino, ricercatrice, laureata in beni culturali e archivistica, incaricata del progetto di ricerca e Stefano Cantoni, coordinatore del progetto di ricerca per Confesercenti. Presenti anche Nicolò Maserati, Presidente Confesercenti Piacenza,  Francesca Chittolini , Presidente Confesercenti Parma, Claudio Antolini, presidente Confesercenti Fidenza, Massimo Tedeschi, Presidente Associazione Europea delle Vie Francigene, Alfredo Alessandrini per il comitato soci Emil Banca e Caterina Siliprandi per la Fondazione Borri oltre a Natalia Maramotti per Destinazione Turistica Emilia e Andrea Zanlari, presidente CCIAA Parma.

La sfida, lanciata dal coordinatore del progetto Confesercenti, Stefano Cantoni, è ambiziosa: entro 3/5 anni riuscire a portare l’intero tracciato da Piacenza a Fidenza e poi verso Berceto, su un percorso interamente riservato ai pellegrini, ai camminatori e per quanto possibile ai ciclisti, eliminando tutte le tratte su strada. Fatto questo, potremo davvero valorizzare al massimo il prodotto turistico e le attività di servizio e supporto potranno emergere e crescere con i flussi di viaggiatori, comunque già ad oggi in crescita palese.

La ricerca sulle fonti archivistiche e bibliografiche sarà infatti finalizzata alla valorizzazione del territorio parmense e piacentino attraversati dalla Via Francigena e dai tracciati alternativi di collegamento con essa, tramite la costruzione di una mostra itinerante (pannelli esemplificativi), di un convegno ed alla redazione di una pubblicazione a schede identificative dei luoghi più significativi e della loro storia, anche attraverso la produzione di importante e rilevante documentazione storica. 

Sezioni tematiche del progetto:

  1. Il Viaggio
    Il tema del viaggio verrà affrontato seguendo come filo conduttore la rilettura dei diari e le testimonianze di viaggio di visitatori stranieri ed italiani, che hanno avuto l’occasione di attraversare, in particolare in età farnesiana e borbonica, il territorio parmense e piacentino.
  2. Non solo Francigena
    Spesso i pellegrini, nel medioevo, per mancanza di infrastrutture complete erano obbligate a spostarsi da una via all’altra. La sezione intende identificare e analizzare anche i tracciati alternativi di collegamento tra la pianura parmense e piacentina e il mare, anche con lo studio della cartografia storica.
  3. Luoghi di preghiera, di sosta e di ospitalità
    Nei vari momenti storici le fortune e le avversità di paesi e borghi posti lungo il tragitto, erano determinate e condizionate da un fascio di strade che, nel corso dei decenni e dei secoli, hanno conosciuto destini molto variabili e diversi. La ricerca intende identificare i luoghi dove si svolgevano i mercati, dove si trovavano le principali frontiere e le barriere doganali, ma anche i siti e gli edifici, non solo religiosi, che davano ospitalità a viandanti, commercianti e pellegrini.

LE VIDEOINTERVISTE NEL SERVIZIO  DI CONFESERCENTI PARMA

 

A testimoniare l’importanza per i comuni lungo la via, di questo tipo di iniziative erano presenti all’incontro: il Sindaco di Berceto (Luigi Lucchi), di Collecchio (Maristella Galli), di Terenzo (Bonardi Ornella), di Fidenza (Pia Bariggi), di Castel San Giovanni (Wendalina Cesario), e l’assessore alla Cultura del Comune di Piacenza (Jonathan Papamarenghi). Per la Diocesi di Fidenza-Beni culturali: don Alessandro Frati e Belforti Luca. Nutrita partecipazione anche dei rappresentanti dell’associazione produttori di olio extra vergine di Spezia e Lunigiana, della Cantina Sociale di Gualtieri, e della Pasticceria Quagliotti di Fornovo che ha offerto ai partecipanti la Torta del Pellegrino.

Per la realizzazione della parte culturale e strettamente scientifica del progetto si attingerà dalle informazioni che ci sono pervenute nei diari e nelle cronache dei viaggiatori, nei carteggi e negli scambi epistolari, nella corrispondenza di tipo commerciale e mercantile e dalle testimonianze orali e scritte di viandanti, pellegrini e religiosi, commercianti e uomini di affari, ma anche dagli attestati dei diplomatici, che condivideranno con i mercanti l’uso della scrittura.

Nei documenti storici, nei diari e nelle cronache si ritrovano, oltre che importanti testimonianze sullo svolgersi della vita in antichità, anche gli aspetti più propriamente agro alimentari e gastronomici (es: elementi mappali e cartografici dell’organizzazione delle colture), quelli di corte o di palazzo (disposizioni di principi e nobili in merito alle coltivazioni), quelli delle istituzioni assistenzialistiche (ricoveri, collegi, scuole, ospedali), quelli di associazioni di arti e mestieri (statuti) e, soprattutto, quelli delle corporazioni religiose, che ci hanno lasciato una tradizione ineguagliabile di menù e ricette.

Fonte: comunicato Confesercenti Parma

Categorie
news-import

Conclusi i lavori di Gargano Doc, la scuola del documentario sui cammini e gli Itinerari Culturali

Si sono conclusi nella giornata di domenica 14 luglio i lavori di “Gargano DOC”, la “Scuola del documentario sui Cammini e gli Itinerari Culturali” che anticipa ed è parte integrante delle attività previste per la seconda edizione di “Mònde – Festa del Cinema sui Cammini” – una produzione Apulia Film Commission con il finanziamento della Regione Puglia nell’ambito dell’intervento Apulia Cinefestival Network, Ente Parco Nazionale del Gargano e Comune di Monte Sant’Angelo per la direzione artistica di Luciano Toriello – che questo autunno, dal 10 al 13 ottobre, animerà la cittadina di Monte Sant’Angelo.

La Scuola, che dall’11 al 14 luglio ha portato sul Gargano dodici giovani aspiranti documentaristi, è stata ideata e organizzata dalla società di produzione foggiana “MAD – Memorie Audiovisive della Daunia”, che a sua volta ha voluto affidare le attività formative ai professionisti e agli autori di Istituto Luce-Cinecittà. L’iniziativa ha goduto inoltre della preziosa collaborazione dell’Associazione “Monte Sant’Angelo Francigena” e del patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. Nel corso dei quattro giorni di Scuola, l’ex Caserma Sansone – struttura incastonata nel cuore della Foresta Umbra – si è letteralmente trasformata in una cittadella del cinema documentario.

All’ombra della vetusta faggeta, Sito patrimonio UNESCO, i giovani partecipanti alla Scuola si sono infatti potuti confrontare con i quattro moduli didattici previsti dalla Scuola e dedicati rispettivamente alla regia del documentario (a cura del regista David di Donatello nonché direttore responsabile del sito dell’Archivio Storico Luce, Roland Sejko), al montaggio (affidato a Luca Onorati, (montatore dei documentari di Istituto Luce-Cinecittà), alla produzione del documentario (con un approfondimento condotto da Maura Cosenza, responsabile delle produzioni dei documentari di Istituto Luce-Cinecittà) ed infine alla ricerca e all’uso del materiale di repertorio dell’Archivio Storico Luce (a cura di Cristiano Migliorelli, che dell’Archivio è il responsabile commerciale).

A questi, è da aggiungere un quinto modulo, che gli organizzatori della Scuola hanno voluto denominare “Costruttori di Cammini” e che ha avuto luogo, sotto forma di un’informale conversazione, sul prato nei pressi del suggestivo laghetto della Foresta Umbra. Per l’occasione, i ragazzi hanno avuto modo di dialogare sul tema del viaggio e del cammino con Angelofabio Attolico (responsabile tecnico della Via Francigena del Sud e del Cammino Materano), Gianni Sportelli (direttore artistico “Viandanti Festival: Mediterraneo in cammino”) e con Laura Marchetti, docente UniFG e coordinatrice scientifica del visionario progetto promosso dalla Regione Puglia denominato “Le strade della Fiaba”.

Nel corso delle quattro giornate non sono inoltre mancate le uscite e le attività pratiche: gli aspiranti registi hanno infatti visitato il centro storico di Monte Sant’Angelo, di Vico del Gargano – tra i Borghi più belli d’Italia” – e l’area di archeologia industriale dell’ex idroscalo militare “Ivo Monti” posto nell’area del Comune di Cagnano Varano, esercitandosi contestualmente nelle riprese e nella realizzazione di interviste ad esperti di storia locale e abitanti del posto.

Le suggestioni, gli incontri ed il materiale girato nelle quattro giornate appena concluse saranno il punto di partenza per la realizzazione di tre documentari brevi – dedicati rispettivamente al tema dell’amore nell’antica realtà dei paesi del Gargano e ambientato a Vico del Gargano, alla fiaba e alla storia del sito abbandonato dell’ex idroscalo di Cagnano – che i ragazzi, organizzati in altrettanti gruppi, avranno modo di realizzare nel corso dell’estate sotto la supervisione in remoto dei docenti della Scuola. Gli stessi avranno inoltre la possibilità, per l’occasione, di attingere gratuitamente al repertorio dell’Archivio Storico Istituto Luce, con l’obiettivo di realizzare tre racconti che possano creare un dialogo tra passato e presente.

I lavori, una volta chiusi, saranno presentati in ottobre nel corso delle giornate della prossima edizione di “Mònde – Festa del Cinema sui Cammini”. Gargano DOC, che dai giovani filmaker partecipanti è stata vissuta come un’esperienza altamente formativa ma anche dal profondo valore aggregante, ha saputo concretizzare le intenzioni dei suoi ideatori e organizzatori: porsi come un’iniziativa che stimolasse la creazione di una nuova leva di professionisti del documentario e al contempo animare e valorizzare il territorio del Parco Nazionale del Gargano ed il suo straordinario potenziale storico, antropologico e paesaggistico.

Fonte: comunicato stampa

Categorie
news-import

Settembre con “I love cammini Emilia Romagna”, le passeggiate in programma

Prosegue a settembre con un calendario ricco di escursioni, l’iniziativa “I Love Cammini Emilia-Romagna”.Dopo le uscite alla scoperta della Via della Lana e della Seta, il Cammino di Sant’Antonio, la della Via degli Dei e dell’Alta dei Parchi, riprendono le passeggiate facili e gratuite insieme alle guide AIGAE (Associazione italiana guide escursionistiche) per vivere i cammini storici dell’Emilia Romagna da Piacenza a Rimini.

L’iniziativa, alla sua prima edizione, propone delle passeggiate nei weekend per conoscere i paesaggi e i percorsi naturalistici del territorio, con tanto di merenda dedicata ai prodotti tipici e soste nei luoghi di fede più affascinanti: dalla Basilica di San Luca, al Convento delle Clarisse nel Montefeltro, dall’Eremo di Tizzano, all’Abbazia di Galeata in Romagna.

Si ricomincia il 1 settembre con la Via Romea Germanica lungo la tappa 26 fra Cusercoli e Santa Sofia, l’8 settembre è la volta della Via degli Abati per una camminata ad anello di 9 km a Bardi in provincia di Parma (EVENTO ANNULLATO A CAUSA DEL MALTEMPO PREVISTO ndr).

Il 15 settembre ci si immergerà nell’atmosfera medievale di Matilde di Canossa con una passeggiata che copre un tratto della Via Matildica del Volto Santo.

Il 21 settembre spazio al trekking urbano a Parma lungo una parte dell’antica Via di Linari. Il 22 settembre passeggiata alla scoperta della Via Germanica Imperiale da Pavullo a Montecreto e il 28 settembre passeggiata lungo il Cammino di San Francesco nell’entroterra riminese da Torricella di Novafeltria a Sant’Agata Feltria. Previste anche due date dedicate alla Via Francigena: sabato 7 settembre sarà possibile percorrere 10,4 km dell’itinerario culturale del Consiglio d’Europa fra boschi e mulattiere da Cassio a Berceto, ultimo borgo storico prima del valico appenninico della Cisa verso la Toscana. Il 14 settembre “I Love Cammini Emilia Romagna” porterà alla scoperta della Via Francigena nella campagna padana da Pontenure a Fiorenzuola. 

Come partecipare? Bastano un paio di scarpe da ginnastica, meglio se con una suola rigida e a carrarmato, un cappellino, uno zainetto e si è già pronti per prenotarsi a uno dei weekend gratuiti della prima edizione di “I love Cammini Emilia Romagna 2019”. I percorsi non superano quasi mai i 10 km – la maggior parte anzi si limita a 7 o 8 km – e sono adatti a tutti. Si parte verso le 9.30 del mattino e si rientra nel pomeriggio. Ogni rientro è stato calcolato in modo da permettere di prendere (se si vuole) i mezzi pubblici per tornare a casa. Unico obbligo per i partecipanti: prenotarsi sul sito camminiemiliaromagna.it

I Love Cammini Emilia Romagna è promossa da APT Servizi Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Conferenza Episcopale dell’Emilia Romagna. Le escursioni sono organizzate dai singoli Cammini in collaborazione con l’Associazione AIGAE.

Tutti i dettagli delle proposte sono consultabili sul sito: www.camminiemiliaromagna.it e https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/

Categorie
news-import

Valle d’Aosta: tratto interrotto a Etroubles, il percorso alternativo

La pista poderale lungo la via Francigena, nei pressi del cimitero di Etroubles che conduce alla località les Aguettes è stata chiusa al transito sia pedonale che veicolare a causa di una frana che si è verificata domenica 7 luglio.

Il percorso alternativo è stato individuato lungo l’asse della S.S. 27 nel tratto dalla stazione di pompaggio all’intersezione con rue Saint Roch.