Categorie
news-import

Anno di record per la Via Francigena

Già passato il primo pellegrino, nel 2010 sono stati 210. Se il buongiorno si vede dal mattino, il nuovo anno si preannuncia da record: arrivato il 4 gennaio il primo pellegrino 2011 della via Francigena ospitato nella grangia benedettina ad Orio Litta. Il suo nome è Michele Bonelli ed è di Milano Porta Ticinese. «Volevo cominciare bene l’anno»: questa la spiegazione data al sindaco Pierluigi Cappelletti (pure presidente del “Comitato accoglienza pellegrini Via Francigena”). Di certo, Bonelli finora ha battuto tutti: lo scorso anno, il primo arrivo era stato quello del sagrestano Gerhard Bruchner di Monaco di Baviera, arrivato ad Orio il 14 gennaio, mentre nel 2009 fu la scrittrice Roberta Ferraris, coautrice di varie guida del Touring Club, ad arrivare nella Bassa “solo” il 22 gennaio. In attesa di sapere quanti pellegrini arriveranno quest’anno, Orio Litta si frega le mani: 210 in tutto i pellegrini ospitati in grangia nel 2010. Tanti gli incontri, molte le riflessioni lasciate dai pellegrini nel registro. Ecco il ricordo del francese Mathieu Gabarra, ospitato in grangia il 26 gennaio, diretto in Mongolia. «Gli stranieri sono stati molti, specie francesi e svizzeri», sottolinea Cappelletti. Il 21 maggio, ecco Henri Bretonniere, in cammino dalla Francia a Gerusalemme, quattro giorni dopo è la volta di una coppia australiana di Canberra, Helen e Graham, che si trovano in grangia con Mario Pozzolo di Lonate. «Da due anni è normale ospitare contemporaneamente pellegrini diversi, cosa mai accaduta prima», sottolinea Cappelletti. Tra le curiosità di quest’anno anche una di amarcord: la scrittrice Ferraris torna una seconda volta ad Orio e scrive sul registro, «Ero stata qui con temperature polari nel 2009 e oggi 7 luglio ci sono 30 gradi. Non ne azzecco una!». Solo a luglio i romei sono stati 29 (cinque di loro provenienti dalla Svezia), in agosto 37. Tra questi, ci sono anche Mariano e Daniele , arrivano da Canterbury e scrivono: «Posto magnifico, uno dei migliori che abbiamo mai visto, Santiago compreso». Ma tra i pellegrini ci sono americani, inglesi, spagnoli, olandesi e belgi. Il 30 settembre l’ospitalità per la prima volta è a due giovani luterani americani, Andrew e Sarah Wilson, ottobre è il mese dei francesi ma comincia con due scozzesi di Inverness. Tra i ricordi anche quello del 5 novembre, quando arriva il tedesco Patrick Steffan, spingendo una carriola con cui trasporta la sua roba. Scrive: «Some people talk, some people walk: I walk». L’ultimo pellegrino arriva il 28 dicembre, è Paolo Andrea Fantin da Vicenza , manager in libera uscita dallo stress con permesso di famiglia.

 

Fonte: FOMBIO.COM

Categorie
news-import

La Via Francigena: da Badia Isola a Badia di Coneo

Il tratto dell via Francigena che attraversa la Valdelsa è uno dei più suggestivi di tutto il pellegrinaggio. Il percorso di domenica 16 gennaio si svolge per intero attraverso boschi, campi e antichi borghi e ha come estremi due delle più interessanti emergenze storico-architettoniche della zona.
Il borgo di Badia a Isola eretto nella forma attuale intorno all’anno 1000 costituiva la sedicesima tappa di Sigerico. Quasi intatta la struttura originaria con la Badia avvolta dalle case del borgo e la vista aperta su Monteriggioni e Pian del Lago.
Il percorso prosegue con Castel Petraio, che ancora oggi mantiene la struttura di castellare, con Strove, borgo che conserva tutta la sua atmosfera medioevale, con il poggio alla Fame, dove facendo un salto temporale troviamo un’importante necropoli etrusca i cui resti sono conservati nel museo di Colle Valdelsa fino ad arrivare a Gracciano. Da qui si prosegue seguendo il corso dell’Elsa Vecchia e camminando su un sentiero lastricato dagli antichi fossili tanto abbondanti nella zona. Si supera Fabbrica, Quartaia, San Donato e dopo essersi addentrati nel suo famoso bosco, arriviamo a Badia Coneo, un impianto medioevale ancora ben conservato nel quale si ritrovano molti riferimenti all’architettura lombarda così tipica delle costruzioni lungo la via Francigena.

Lunghezza: 18 Km circa
Ore di cammino: 5 circa
Dislivello: 200 mt circa
Impegno: medio (per lunghezza itinerario)

Quota di partecipazione: € 12,00 per persona (gruppo minimo 10 partecipanti)

Per prenotazioni e maggiori informazioni:
Guida Escursionistica: Claudia Papini claudia@ufficioguide.it 328 75 24 940

 

Categorie
news-import

Fiaccolata lungo i sentieri della Via Francigena

Itinerario natalizio lungo i sentieri di campagna della Via Francigena. Come ormai da tradizione la sezione senese del Cai ed il Comune di Monteriggioni organizzano per il 24 dicembre una suggestiva passeggiata illuminata solo dal chiarore delle torce che dal castello di Monteriggioni – Siena – arriva fino alla chiesa romanica di Abbadia a Isola.

Monteriggioni Fiaccolata Via FrancigenaIl ritrovo è fissato al castello di Monteriggioni verso le 21. Dopo la consegna delle torce si uscirà dalla porta senese del Castello, imboccando un itinerario di circa 4 chilometri, corrispondente al tracciato ufficiale della Via Francigena approvato dal Ministero dei Beni Culturali. Il festoso corteo approderà fino al borgo medievale di Abbadia a Isola, la chiesa romanica fondata dalla contessa Ava nel 1001, dove verrà celebrata la Messa di Natale. Ad attendere gli escursionisti ad Abbadia a Isola ci saranno come sempre i membri dell’ABBI, la locale Associazione di volontariato, che offriranno ai partecipanti uno spuntino di benvenuto.

Il percorso, di 4 Km. ca., si snoda lungo sentieri di campagna: si consigliano calzature e abbigliamento adeguati. Funzionerà un servizio navetta gratuito da Abbadia a Isola a Monteriggioni.

La partecipazione è gratuita.

Per maggiori informazioni:
Ufficio Cultura Comune di Monteriggioni (SI)
Tel.: 0577 306659/27/02
Ufficio turistico di Monteriggioni (SI)
Tel.: 0577 304834

Categorie
news-import

Camminando sulla Via Francigena…on line!

Siamo un gruppo di pellegrini che dopo aver tanto ricevuto dal nostro camminare sulle vie d’Europa abbiamo deciso di incontrarci e lavorare ad un progetto che possa aiutare nello sviluppo e nella promozione della nostra meravigliosa Via Francigena.

Da oggi possiamo camminare assieme, anche on-line, collegandoci all’indirizzo www.camminandosullaviafrancigena.com. Questo nuovo canale, che oggi nasce per essere un punto di incontro e di scambio di informazioni, consigli, esperienze, riflessioni, tra tutti i camminatori che hanno percorso o desiderano camminare sulla Via Francigena, vuole trasformarsi in una vera propria Community, il cui protagonista sarà il Pellegrino con il proprio sentire, le proprie emozioni e necessità nel suo viaggio verso Roma.

Oltre a tutte le informazioni ed i consigli su come compiere il Cammino, già disponibili sul sito, da gennaio sarà attiva anche la sezione interattiva: forum, rubriche, chat, sondaggi, video, diari di viaggio, che vedranno attivamente partecipi tutti coloro che vogliano contribuire.

Il progetto prevede anche un lavoro attivo su tutto il territorio, con l’organizzazione di incontri, eventi, camminate, attività didattiche in collaborazione con gli enti locali, associazioni e privati che vorranno aderidere alle nostre proposte, oltre ad un’azione di monitoraggio continuo del tracciato e di aiuto al pellegrino in difficoltà, integrando così l’importante opera che già svolgono i gruppi di volontari e gli enti interessati attivi nelle diverse province.

Saremmo grati a tutti coloro che vorranno partecipare attivamente a questa iniziativa e ringraziamo gli amici che vorranno scriverci a camminandosullaviafrancigena@gmail.com per eventuali suggerimenti o idee. Solo camminando insieme e collaborando possiamo far vivere la nostra Via Francigena.

 

Categorie
news-import

“Alla scoperta della Via Francigena” – 2°incontro tra pellegrini

Nella meravigliosa cornice dell’Appenino Tosco-Emiliano, Sabato 11 e domenica 12 Dicembre ad Aulla si svolgerà il secondo di una serie di incontri tra pellegrini con tema “Alla scoperta della Via Francigena”.

Se avete camminato o desiderate camminare sulla nostra bellissima Via, ci incontriamo per conoscerci, “passeggiare” un pò insieme e scambiarci le nostre esperienze ma soprattutto trovare soluzioni valide ed immediate per migliorarne la sua percorribilità.  

L’ intenzione è quella di mettere in atto una massiccia opera di promozione della Via Francigena su tutto il territorio italiano ed europeo, con lo scopo di sensibilizzare il popolo italiano e tutte le autorità che ancora se ne disinteressano, sul tema del Cammino, secondo i valori che lo contraddistinguono e che Lui stesso ci ha insegnato durante il nostro peregrinare: il contatto con la natura, il suo rispetto, la condivisione con le altre persone, l’attenzione verso se stessi e gli altri.

Durante l’incontro sono così previste un paio di passeggiate la cui partecipazione è aperta anche a tutti i cittadini, e alle quali sono caldamente invitati i rappresentanti delle autorità locali, in particolare quelli dei comuni che la Via Francigena attraversa in tutto il territorio appenninico, oltre a tutti gli enti ed associazioni interessate. Si svolgeranno poi alcuni momenti di condivisione di opinioni ed esperienze il cui programma verrà presto divulgato. Tra i pellegrini presenti, ci saranno Cristina Menghini che ha appena concluso il suo viaggio a piedi sull’intero percorso della Via Francigena da Canterbury a Roma e Alessandro Ghisellini, che questa estate ha percorso il tratto Ivrea – Roma, che faranno un resoconto complessivo sulla situazione attuale della Via dal punto di vista di chi ci cammina. 

Vogliamo così porre le basi per creare un forte gruppo di persone che creda nei valori del Cammino e che agisca in collaborazione con gli enti interessati affinchè la Via Francigena diventi a tutti gli effetti e nel più breve tempo possibile, l’Itinerario culturale più bello ed organizzato d’Europa!

Cristina ed Alessandro hanno da poco dato il “via” al sito internet www.camminandosullaviafrancigena.com, nato per essere un punto di incontro e di scambio di informazioni, consigli, esperienze, riflessioni, tra tutti i camminatori che hanno percorso o desiderano camminare sulla Via Francigena. Il nuovo canale vuole trasformarsi in una vera propria Community, il cui protagonista sarà il Pellegrino con il proprio sentire, le proprie emozioni e necessità nel suo viaggio verso Roma. [Vai alla presentazione del sito]

“….quanti passi abbiamo fatto sui Cammini del mondo, quanti occhi abbiamo incrociato e quanti sorrisi abbiamo scambiato …ma soprattutto quanta vita ci ha insegnato e regalato il nostro peregrinare…

Il Cammino ci ha dato e aiutato molto ed ora siamo noi che vogliamo aiutare il Cammino ….

Passeggiate, fotografie, racconti e scambio di idee, con spirito e cuore pellegrino, saranno solo l’inizio di un nuovo bellissimo viaggio sulla Via Francigena … e per la Via Francigena!”

 



Per informazioni ed iscrizioni:

Email: camminandosullaviafrancigena@gmail.com

Oppure contattare direttamente gli organizzatori:

Cristina Menghini – tel. 347 9924830  email: globetrotterlife76@gmail.com

Alessandro Ghisellini – tel. 393 9916398  email: alessandro.ghisellini@gmail.com

Categorie
news-import

Monteriggioni: progetto di accoglienza povera sulla Via Francigena

Una delle condizioni essenziali affinchè possa definitivamente decollare il progetto della Via Francigena in Italia, e quindi attrarre quel grande numero di persone che da tutto il mondo attendono la possibilità di percorrere a piedi, in bici od a cavallo l’antica strada medievale, è la disponibilità di accoglienza “povera”

Ossia un’accoglienza  low cost, magari spartana e con poche comodità, accessibile a prezzi bassi, adatti per chi vorrà trascorrere molti notti in posti diversi lungo un itinerario molto lungo.  Le numerose associazioni che in tutta Italia si dedicano a valorizzare e promuovere itinerari storici, com’è emerso anche recentemente nel’assemblea nazionale della Rete dei Cammini svoltasi a Roma col patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, lamentano la mancanza di una ricettività adeguata, per numero di strutture, qualità e prezzo.

Questo tipo di turismo “lento”, in fortissima ascesa in Europa, richiede di disporre di strutture ricettive diverse da quelle tradizionali perché non è compatibile con i costi ordinari dell’ospitalità alberghiera. E non si tratta nemmeno di “concorrenza sleale” perché questo tipo di domanda di pernottamento ben difficilmente si rivolgerebbe agli alberghi tre o quattro stelle, preferendo piuttosto rivolgersi verso altri territori, fuori d’Italia.

Inoltre l’affermazione di questo genere di turismo alternativo diventerebbe esso stesso prodotto turistico, attirando interesse e curiosità, come avviene in Spagna da anni ed in particolare in Galizia, la regione che accoglie la tappa finale del cammino di Santiago di Compostela, dove il flusso di centinaia di migliaia di “pellegrini” lungo il Cammino attrae altri milioni di turisti, che si distribuiscono nelle ricettività ordinaria e portano con sé grandi opportunità economiche e culturali. “Proprio durante l’assemblea nazionale di Roma della Rete dei Cammini  -dice il sindaco di Monteriggioni, Bruno Valentini – ho avvertito il monito che viene da chi conosce meglio di altri questo mondo e che si rivolge alle istituzioni  ed agli enti che si stanno adoperando affinchè il progetto-Francigena spicchi il volo. Prima od almeno in contemporanea all’impegno su convegni, pubblicazioni, mostre, ricerche storiche, ecc.

Dobbiamo preoccuparci di come la gente si muove sul territorio e di dove può dormire a prezzi accessibili per tutti. Lungo i mille km della Francigena “italiana” gli ostelli non bastano. Per questo il Comune di Monteriggioni ha deciso di ristrutturare una porzione della vecchia scuola di Strove, dove già funziona un emporio polifunzionale-ristorante e cioè un negozio multi servizi che mette a disposizione di una comunità altrimenti isolata servizi importanti come ad esempio generi alimentari a costi da supermercato”. 

L’intervento, del costo di circa 80mila euro,  prevede la ristrutturazione di  una porzione immobiliare per creare un dormitorio a servizio dei pellegrini che percorrono la Via Francigena . Si prevede pertanto di suddividere la struttura in due unità immobiliari distinte. Una  rimarrà adibita a bar, negozio alimentari e magazzino, l’altra a dormitorio povero per i pellegrini, attraverso la realizzazione di una nuova parete in muratura lungo il corridoio esistente. Per la precisione si prevede di realizzare due servizi igienici (distinti uomini – donne), entrambi dotati di lavabo, water e box. doccia, mentre il salone esistente rimarrà inalterato.

Una piccola foresteria da 8-10 posti letto. “In questa primavera, in collaborazione con l’associazione Itineraria di Alberto Conte,  abbiamo accolto – continua Valentini – il primo corso italiano per hospitaleros laici e cioè uno stage di formazione per volontari che intendono, sul modello di Santiago, prestare gratuitamente una parte del proprio tempo per tenere aperti gli ostelli lungo la Via Francigena. Ci piacerebbe sperimentare un modello nuovo di accoglienza, ispirata agli antichi ospitali, che consenta agli escursionisti di lunghi tragitti, ai moderni pellegrini, di pernottare in modo confortevole e socializzante, a costi bassi, semplicemente esibendo le credenziali delle tappe percorse.

 

 Fonte: Comune di Monteriggioni

Categorie
news-import

Ricordi dalla Via Francigena

Segnaliamo un interessante blog che racconta il viaggio di Tarver, architetto di Atlanta che spinto dalla voglia di fare qualcosa di nuovo ed emozionante ha deciso, tra maggio e luglio del 2010, di camminare lungo la Via Francigena da Ronchamp (Francia) a Roma.

“For a couple of months before my semester teaching Interior Design ended, I knew I would have the summer free and I wanted to use that chunk of time to do something upon which I could look back with pride. I wanted to use the three months without paying work to make an investment in the rest of life…”

Finito il lungo itinerario ha deciso di rivivere i momenti e le emozioni vissute lungo la Via Francigena condividendoli nel suo blog.

Vai al Blog di Tarver

Categorie
news-import

La Via Francigena incontra il Cammino di Santiago

Cultura, eventi e spettacolo! Sabato 4 dicembre Fidenza ospiterà l’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. La seduta permetterà agli Associati – un centinaio di Enti pubblici tra Comuni, Province, Regioni e Comunità Montane – di fare il punto sull’attività associativa condotta da AEVF nel suo decimo anno di vita. Associazione Europea delle Vie FrancigeneL’Associazione, come noto, si è costituita a Fidenza il 22 aprile 2001 per impulso di 34 Enti Locali, guidati dal Comune di Fidenza.

Alla luce dell’importanza dell’avvenimento, l’Amministrazione Comunale ha inteso costruire un programma collaterale di iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza su un tema di fondamentale valore identitario per la Città. La Via Francigena – Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa, cammino fisico e spirituale – connette Fidenza alla fitta trama di strade che si intersecano nel Sabato Vecchio Continente, lungo le quali si è intessuta la Storia della città e dell’Europa.
 
 

In fondo al cammino c’è Qualcuno che ti aspetta. Lo splendore della speranza nel Portico della Gloria – 

Inaugurazione della mostra fotografica

 
Alle ore 16.00 di sabato 4, presso l’Auditorium delle Orsoline, verrà inaugurata la straordinaria ricostruzione fotografica dedicata alla Cattedrale di Santiago Compostela, realizzata in occasione dell’Anno Giubilare Giacobeo a cura di Félix Carbó, Miguel Angel Blazquez, con la collaborazione di Enrique Bican, Rafael Gonzalez.
Il Portico della Gloria, posto sulla facciata occidentale della Cattedrale di Santiago di Compostela, è una pietra miliare dell’arte fra i capolavori artistici più celebri. La bellezza e il mistero delle oltre 200 figure presenti hanno conquistato i pellegrini di ogni epoca, diventando oggetto di diversi studi.
La genialità del Maestro Mateo, autore dell’opera tra il 1175 e il 1188, si fa portatrice di un messaggio di speranza per tutti gli uomini. Cristo Re sta aspettando i pellegrini, ed è proprio attraverso lo sguardo dell’Apostolo Giacomo, posto ai piedi del Cristo, che il viandante viene introdotto alla figura di Gesù, seduto sul trono della Gloria.
 

Progetto editoriale “Via Francigena” – Presentazione del dodicesimo numero della rivista

                                                                   
All’inaugurazione della mostra dedicata al Portico della Gloria della Cattedrale di Santiago seguirà la presentazione del nuovo numero del semestrale “Via Francigena”, strumento ufficiale di divulgazione del progetto di valorizzazione della Via Francigena. Pubblicata in una duplice versione italiano-inglese, corredata da un ricco apparato di immagini, la rivista “Via Francigena” (www.rivistaviafrancigena.it) unisce all’approfondimento storico-culturale l’informazione sull’attività dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, calandola nel più ampio contesto degli Itinerari del Consiglio d’Europa.
Questo dodicesimo numero di “Via Francigena” rende omaggio all’Anno Santo Compostellano grazie ad uno speciale dedicato alla grande staffetta “Europa-Compostela 2010”, della quale Fidenza è stata tappa lo scorso mese di maggio. I protagonisti italiani racconteranno la loro avventura sabato 18 dicembre alle ore 17.00, presso l’Auditorium delle Orsoline.
La presentazione dello strumento editoriale si concluderà con una degustazione di prodotti enogastronomici del territorio, tra cui spiccherà il Re dei Formaggi, partner storico della rivista.
 
 

Il Giullare Pellegrino – Spettacolo a cura di Jobel Teatro

 
Alle ore 21.00, il Teatro Magnani farà da cornice allo spettacolo che narra e ricostruisce un ipotetico pellegrinaggio medievale da Roma fino a Santiago de Compostela, prendendo spunto da testimonianze dell’epoca (i manoscritti dei pellegrini medievali, le cronache e le novelle di più autori del XII – XIII secolo, tra cui in particolare Gonzalo De Berceo, con il suo “Il Pellegrino di Santiago”). Narratrice della storia è una giullaressa che, affrontando il cammino in prima persona, rivive tappa dopo tappa il lungo viaggio che, attraverso i percorsi della Via Francigena, della Via Podense e del Cammino di Santiago, attraversa l’Italia, la Francia e la Spagna. Un pellegrinaggio dell’anima che alterna quadri storici, usanze tradizionali, episodi buffi, racconti spirituali, canti e grammelot, in un’emozione unica che cresce ad ogni passo fino all’arrivo alla sacra meta agognata.
Lo spettacolo, realizzato da Jobel Teatro in collaborazione con l’Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport e l’Associazione Europea delle Vie Francigene, debutta a Roma nel 2007, presso il Teatro Argentina.
Ingresso gratuito. Per maggiori informazioni: 0524/517510 – 0524/517411

 

Vai al programma completo della giornata sulla pagina web dell’ Associazione Europea delle Vie Francigene

 

Fonte: Associazione Europea delle Vie Francigene

Categorie
news-import

Via Francigena, fuori i mercanti!

Franco Cardini, storico e saggista italiano, in un suo recente articolo contesta il fatto che il percorso della Via Francigena partisse da Canterbury, e rivendica la centralità del pellegrino rispetto alla gestione “turistica” del percorso. Leggete l’articolo completo su Avvenire.it.

Vai all’articolo di Franco Cardini su www.avvenire.it

Categorie
news-import

Presentazione del volume “Via Francigena” di Fabrizio Ardito

Venerdì 26 novembre, ore 18.00, presso la Libreria Touring Club Italiano di Roma in Viale Giulio Cesare 98/100 sarà presentato il nuovo volume di Fabrizio Ardito “Via Francigena” (Touring Editore). Intervengono con l’autore: Sergio Valzania, giornalista e camminatore, Toni Mira, giornalista di Avvenire, e Alessandro Cardinali, presidente di Cammini d’Europa-GEIE. Ingresso libero. Info: 0636005281

Nel 990 Sigerico, arcivescovo di Canterbury, raggiunse Roma per ricevere la sua ordinazione in San Pietro. Il suo lungo itinerario a piedi, la cui descrizione è giunta fino a noi con le sue 79 tappe dal Vaticano fino alla Manica, rappresentò l’ufficializzazione di una via che, nei secoli, sarebbe stata percorsa da milioni di pellegrini, mercanti, soldati e cavalieri.
Conosciuto con il nome di via Francigena, questo percorso divenne una delle grandi direttrici di viaggio del medioevo. E oggi, grazie alla sua riscoperta, sta diventando una suggestione aperta a tutti: pellegrini e camminatori, escursionisti e curiosi iniziano a fare la loro comparsa lungo il tratto italiano della via che, dal Gran San Bernardo a Roma, attraversa la Val d’Aosta e il Piemonte, la Lombardia e l’Emilia Romagna, la Toscana e il Lazio.

Direttrice ricca d’arte, di storia e immersa in un paesaggio che conserva tratti di grande bellezza, la via Francigena sta diventando un imponente monumento nazionale, molto particolare. Filiforme e composto di strade, tratturi e sentieri che si snodano per più di 800 chilometri, trae il suo senso e il suo fascino anche dal vario pinto mondo dei pellegrini che lo percorrono, senza i quali non potrebbe esistere.

Ingresso libero. Info: 0636005281

Ufficio stampa: Silvia Ferrari
tel 02 57547453, 348 0807859 – email s.ferrari@giunti.it – fax 02 57547503