Categorie
news-import

Il Cammino di S. Agostino raggiunge il Nordafrica

Il Cammino di S. Agostino, il pellegrinaggio che porta i pellegrini dalla Brianza a Genova passando per Pavia (città ove sono venerate le reliquie del Santo), si arricchisce di un ultimo – fondamentale – tassello: la possibilità di eseguire a piedi il tratto finale di percorso da Tunisi a Ippona, la città vescovile di Agostino, in Algeria.

Con questa aggiunta si rende quindi disponibile alla “comunità pellegrina” una nuovissima opportunità di cammino dall’Europa all’Africa: 600 km a piedi in terra africana, che sommati agli oltre 700 italiani rendono questo percorso una eccezionale e inedita opportunità di fede e di itinerario lento e sostenibile, a cavallo di due continenti.

Il tutto è reso possibile dalla stretta sinergia operativa realizzatasi nei giorni scorsi a Pavia – nell’ambito della manifestazione “Crossroads of Europe” patrocinata dal Consiglio d’Europa – tra due associazioni culturali: l’italiana Cammino di Sant’Agostino e la franco-tunisina Via Augustina.

Renato Ornaghi, Presidente dell’Associazione Cammino di S. Agostino (che coordina il tratto italiano del percorso – dalla Brianza a Milano, Pavia e Genova) e Dominique Martinet, Presidente dell’Associazione Via Augustina che segue un omologo percorso a piedi in Nordafrica (da Tunisi a Tagaste e Ippona, le due città agostiniane) hanno in quella sede avuto un primo positivo incontro operativo per giungere a una più stretta integrazione dei due percorsi – italiano e africano – con l’obiettivo di pervenire a una proposta unitaria e coordinata di pellegrinaggio dalla Brianza a Ippona: oltre 1300 km a piedi e due mesi di cammino, dall’Europa all’Africa.
Il percorso italiano (da Monza / Brianza a Pavia, e infine a Genova) è stato completato proprio quest’anno grazie a un “collaudo sul campo” di tutto il tratto appenninico, coordinato dall’inverighese Luca Boschini. In parallelo, il nuovo tratto africano rappresenta una fondamentale e definitiva aggiunta, che davvero rende il Cammino di S. Agostino – Via Augustina un pellegrinaggio completo. In ambito nordafricano (Tunisia e Algeria) il nuovo percorso offre due opzioni: una di andata, costiera, da Tunisi all’algerina Ippona – la città vescovile di Agostino ove questi visse, scrisse e morì – e una di ritorno da Ippona a Tunisi passando per Tagaste, città natale del Santo.

E’ questa in assoluto la prima proposta di pellegrinaggio euro-africana, favorita da una soluzione low-cost per l’indispensabile tragitto di navigazione Genova-Tunisi, frutto di una convenzione con la compagnia di navigazione Navi Veloci che, per il viaggio di andata/ritorno (circa 24 ore a tratta) è offerta ai pellegrini a un costo di poco superiore ai 100 euro. Una nuovissima opportunità dunque per gli amanti dei cammini a pellegrinare per due continenti, dall’Europa all’Africa e/o viceversa.

Sia Ornaghi che Martinet ritengono che il consentire ai pellegrini di camminare dall’Europa all’Africa nel nome di Agostino sia un risultato fondamentale, un segnale importante per fare in modo che questi due continenti separati dal mare si conoscano e comprendano sempre di più. Grazie ad Agostino ovviamente, nato a Tagaste, convertitosi in Brianza, battezzato a Milano, fatto Vescovo a Ippona, venerato Santo a Pavia: una vita a cavallo tra due continenti, riavvicinati grazie a un cammino di pellegrinaggio che porta il suo nome.

Per informazioni:
www.camminodiagostino.it
info@camminodiagostino.it
www.via-augustina.org
contact@via-augustina.org

Categorie
news-import

Il materiale didattico dei seminari sulla Via Francigena

Si è concluso con l’incontro di Fidenza il ciclo di seminari formativi “La Via Francigena – Istruzioni per l’uso”. I sette incontri hanno visto la partecipazione di più di duecento operatori, che si sono dimostrati molto interessati al taglio concreto dell’incontro, orientato all’approfondimento degli aspetti pratici dell’organizzazione e dell’accoglienza lungo la Via Francigena, soprattutto in relazione al Cammino di Santiago.

Uno degli aspetti più utili dei seminari è stato l’incontro tra i diversi operatori della stessa zona, che ha gettato le basi per la costrzione di una rete di operatori motivati e competenti, interessati all’accoglienza ai viandanti.

Le presentazioni utilizzate per il corso sono disponibili qui sotto in formato pdf.

Particolare interesse ha suscitato la video-intervista ad Anai Barreda Sanchez, coordinatrice dei 4300 volontari che in Spagna gestiscono gli ostelli lungo il Cammino di Santiago, che ci ha raccontato il suo punto di vista sul successo del Cammino spagnolo.

 

 

Categorie
news-import

Via Francigena Collective Project 2012 – 2° Edizione

L’Associazione Europea Vie Francigene e l’Associazione Civita promuovono la seconda edizione del Festival Europeo “Via Francigena Collective Project” che si svolgerà dal 1 giugno al 30 settembre 2012 e che rappresenta un ulteriore passo in avanti nella valorizzazione dell’Itinerario Culturale della Via Francigena.
L’edizione di quest’anno è dedicata al tema dell’accoglienza dei luoghi, con l’obiettivo di sensibilizzare la promozione di nuovi spazi di ospitalità per pellegrini, la cura delle architetture, i borghi e i paesaggi attraversati, le realtà integrate di accoglienza, il dialogo interculturale e interreligioso, la coesione sociale intergenerazionale e tra aree rurali ed urbane.
Il Festival, interesserà l’intero percorso francigeno di Sigerico, da Canterbury – dove si svolgerà l’evento conclusivo a fine settembre – fino a Roma, le cosiddette “Vie Francigene del Sud“, da Roma fino a Gerusalemme e, da quest’anno, anche le Vie Romee, grazie al sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze attraverso il progetto dedicato a questi storici percorsi di pellegrinaggio anch’essi diretti a Roma. Inoltre, l’iniziativa coinvolgerà anche Francia, Inghilterra e Svizzera.
Gli eventi in programma, tutti ad accesso gratuito e all’insegna di natura, spiritualità,  identità locali, cultura ed enogastronomia, sono delle più diverse tipologie: riletture, in chiave artistico-culturale, del cammino francigeno nelle mansio dell’itinerario di Sigerico; rievocazioni storiche con momenti teatrali di guerra, socialità e vita quotidiana; giornate di cammino, di cicloturismo o a cavallo; escursioni guidate alla scoperta dei numerosi siti di interesse archeologico, storico, artistico e religioso; animazioni nei centri storici con corteggi e giochi di strada, spesso in occasioni di rilievo religioso e identitario, quali le feste patronali; degustazioni di cibi della tradizione negli ospitali medievali; spettacoli di teatro, danza e musica; presentazione di iniziative editoriali; forum aperti a singoli pellegrini e a qualificati festival e rassegne che hanno volentieri aderito all’iniziativa con i loro eventi.
 
Punto di forza della rassegna è quello di poter offrire risonanza e visibilità alle numerose iniziative “francigene” proposte ed organizzate dagli Enti locali, mettendole “a fattor comune” e garantendone una comunicazione coordinata nel rispetto delle peculiarità di ciascun territorio.
 
Per ulteriori informazioni sul Festival “Via Francigena Collective Project 2012“:
www.viafrancigena.eu
www.civita.it

 

Categorie
news-import

Progetto Cammino Micaelico

Michele Del Giudice, presidente Sezione CAI di Foggia partirà lunedì 11 giugno da Mont Saint Michel in Francia e, seguendo l’antico cammino micaelico, percorrerà duemilacinquecento chilometri, per giungere il 29 settembre a Monte Sant’Angelo in Puglia, in una immaginaria e ideale direttrice con Gerusalemme.

Il progetto intende infatti unire, attraverso un Cammino eseguito “in solitaria“, i tre grandi Santuari micaelici: Mont Saint Michel, Sacra di San Michele e Monte Sant’Angelo.
Un Cammino attraverso l’Europa delle culture e delle genti, una sfida ambiziosa, non ancora affrontata con questa metodologia nel nostro tempo, vissuta però con grande semplicità, contraddistinta da un senso del viaggio che è pervaso dallo spirito del Pellegrino che già mille anni fa attraversava il continente per raggiungere la Sacra Grotta del Gargano, chiedendo cibo e alloggio ai cristiani di buon cuore oppure presso qualche “hospitale” in grado di offrire accoglienza e cura ai viandanti.
Un itinerario antico e insieme moderno il cui percorso sarà documentato sia con un diario giornaliero consultabile attraverso un web blog (www.camminacammini.com) tradotto anche in lingua inglese, sia tramite registrazione GPS, in modo che possa diventare una buona prassi replicabile autonomamente da altri camminatori.
La raccolta dei punti georeferenziati potrà inoltre consentire la creazione di mappe, tradizionali e anche consultabili con strumenti informatici e tecnologia mobile, con applicazioni dedicate.

L’intero cammino, oltre alla diretta web e social media delle tappe, prevede l’impegno di una agenzia di comunicazione specializzata con il compito di diffondere notizie e aggiornamenti, materiale video e fotografico, comunicati stampa. I materiali cartografici e fotografici prodotti, saranno invece raccolti da una Casa Editrice che si è impegnata a produrre un “diario di viaggio“, ovvero una pubblicazione che stimoli nuovi pellegrini e turisti ad avviarsi lungo la Via Micaelica/Francigena.

Il percorso è stato individuato mediante ricerche sugli itinerari storici.
In particolare sulla base degli studi promossi dal Prof. Renzo Infante, Docente di Storia del Cristianesimo presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Foggia, con il sussidio indispensabile dell’Associazione ” es Chemins de St. Michel” per il tratto francese e – non da ultimo – sulla base delle esperienze dei camminatori moderni.
Nel percorso italiano si seguirà la via Francigena in tutta la sua estensione inaugurando così la “Via Francigena del Sud” da Roma a Monte Sant’Angelo.

Il percorso si snoderà per un totale di 101 tappe così divise:

  • Mont Saint Michel – Sacra di San Michele – n. 38 tappe (in territorio francese) per 1096 km
  • Sacra di San Michele – Roma – n. 35 tappe (Via Francigena) per 784 km
  • Roma – Monte Sant’Angelo – n. 24 tappe (Via Francigena del Sud), per 532 km

per un totale di 2.412 km. Sono previsti n. 14 giorni di riposo.

Il giorno di arrivo nella Sacra spelonca garganica è previsto – non casualmente – per sabato 29 settembre 2012 solenne festività di San Michele Arcangelo. Ovvero quando, ogni anno, vari gruppi di pellegrini provenienti da diversi centri d’ Italia convergono al Santuario micaelico e si svolge la festa patronale.

Questo lungo cammino che Michele Del Giudice si appresta a percorrere trova in numerosi soggetti, pubblici e privati, territoriali e internazionali, un solido partenariato. Anzitutto il CAI, Club Alpino Italiano, di cui il camminatore è dirigente. Quindi l’Associazione Europea Vie Francigene e la Rete Nazionale dei Cammini. Sul territorio pugliese, oltre alla Regione Puglia e alla Provincia di Foggia, le Associazioni ACT Monti Dauni e comunicARTurismo. Sono già numerosi i Comuni italiani e francesi che attendono il suo passaggio.

Per ulteriori informazioni: www.camminacammini.com

 

Categorie
news-import

Pellegrini per un giorno

Domenica 10 giugno, in occasione del Festival della Via Francigena sarà organizzata una passeggiata a piedi lungo la Via Francigena sul tratto dal passo della Cisa a Casalina in compagnia di alcuni figuranti in abiti da pellegrini.

Partenza h.8,30 da piazza S. Francesco con un pulmino, h. 13 a Casalina piccolo ristoro con prodotti cotti nei tipici testi di ghisa, h.15 rientro a Pontremoli con il pulmino,  a cura dell’’Amministrazione Comunale e Pro loco in collaborazione con: C.A.I., Ass. di Operatori Turistici Benvenuti in Lunigiana, Slow Food, Riserva della Val Dantena, Ass. Lunigiana Outdoor, Gruppo storico Compagnia del Piagnaro.

E’ gradita la prenotazione entro venerdì 08-06 al numero 0187 830134 oppure cell. 360 700369

Categorie
news-import

Itinerando sulla Via Francigena 2012

L’Associazione “Le Limentre” organizza nelle giornate di sabato 2 e domenica 3 giugno 2012, la 4° edizione della manifestazione “Itinerando sulla Via Francigena. Una edizione anticipata per offrire a chi partecipa gli odori ed i colori della primavera.

L’escursione completa lungo tutto il percorso tra Pistoia e Porretta Terme si svolgerà con partenza il sabato pomeriggio da Porretta Terme verso Pistoia o viceversa. Gli escursionisti saranno accompagnati da esperti conoscitori del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il costo dell’escursione è di 25 € e prevede:

Pernottamento in ostello o bivacco, su brandina, con sacco a pelo personale
Cena del sabato
Colazione della domenica
La prenotazione è obbligatoria. I posti sono limitati.

Per maggiori informazioni: www.limentre.it/#Itinerando

Categorie
news-import

Crossroads of Europe – Itinerari di fede e di cultura

L’Assessorato al Turismo, Cultura, Marketing territoriale e Promozione della città del Comune di Pavia, forte del riconoscimento della sua unicità come “Carrefour d’Europe“, organizzerà dal 6 al 10 giugno 2012 la Giornata europea degli itinerari religiosi e culturali.

Pavia, città millenaria, ricca di storia e orgogliosa delle sue bellezze architettoniche. Città d’arte, di cultura e terra di santi, Pavia si colloca a giusto titolo tra le destinazioni turistiche di grande interesse, in grado di rispondere alle numerose sollecitazioni di visite che arrivano da più parti.

Per quattro giorni la città sarà la capitale europea dei cammini di fede e di cultura: un titolo che Pavia non vuole meritarsi solo sulla carta. La manifestazione, fortemente voluta e sostenuta dalla Commissione Europea, in particolar modo dall’Ufficio del Commissario Tajani, dal Consiglio d’Europa e dalla Regione Lombardia DG Istruzione, Formazione e Cultura che ha dato un importante contributo nel coordinare alcuni momenti dell’iniziativa, sarà l’occasione per Pavia di proporsi agli occhi dei visitatori mostrando quanto di più bello possiede: le sue chiese, i suoi monumenti, la sua università, il suo fiume, i suoi boschi, tutto quanto diventa motivo d’orgoglio per non sentirsi seconda a nessuna città ma fiera di tutto quanto fa la sua storia.

La manifestazione tratterà principalmente il tema degli itinerari religiosi e culturali europei; l’incontro di Pavia si preannuncia come un grande evento, sottolinea Gian Marco Centinaio, Assessore al Turismo. Pavia continua a suscitare grande curiosità in quanto si trova ad essere crocevia di tre cammini di pellegrinaggio che rivestono una grande importanza per l’Europa: la Via Francigena, il Cammino di San Martino di Tours e quello di Sant’Agostino.

Questa eredità della storia offre quindi l’occasione per rilanciare definitivamente la città come destinazione turistica di grande interesse sia culturale sia religioso, oltre al ricco patrimonio monumentale: ancora visibili in città le chiese che hanno ospitato i pellegrini che percorrevano la Via Francigena; tutta la zona del Borgo Ticino, fino ad arrivare al confinante Comune di San Martino Siccomario, teatro d’infanzia di Saint Martin de Tours e nella chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro dove riposa il corpo di Sant’Agostino.

Oltre ad essere crocevia degli itinerari già citati, Pavia è anche terra di santi con la presenza sul suo territorio di Papa Pio V Ghislieri, San Siro, patrono della città, Sant’Epifanio, San Boezio, San Lanfranco e altri ancora.

L’importanza di Pavia si legge anche attraverso la sua Università e il suo ricco patrimonio storico architettonico che fanno della città un interessante mosaico dove ad ogni passo corrisponde un’immensa scelta culturale. A volte si è parlato della città come un museo a cielo aperto.

Per partecipare al Convegno Europeo “Crossroads of Europe. Cultural and religious routes“, in programma il 7 giugno al Teatro Fraschini di Pavia, è necessario registrarsi seguendo le indicazioni a questo indirizzo:

http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/tourism/cultural-routes/pavia-2012/index_en.htm
 

Per info:
Comune di Pavia – Assessorato al Turismo
I.A.T. – Ufficio Informazione e Accoglienza Turistica
Piazza della Vittoria, 14/h – Palazzo del Broletto
Tel. +39 0382 079943 – email: turismo@comune.pv.it

 

Categorie
news-import

Radio RAI da Roma a Gerusalemme lungo un percorso preparato da itinerAria

Sergio Valzania e la troupe di Radio RAI sono in viaggio tra Roma e Gerusalemme lungo un percorso preparato da itinerAria, che ha studiato il percorso e fornito un GPS Garmin al gruppo in viaggio lungo la Via Francigena del Sud.
Non essendo il percorso segnalato, l’uso del navigatore satellitare si sta rivelando determinante per l’orientamento del radiopellegrini.
Ascoltate le puntate in podcast.

Categorie
news-import

Inaugurazione del punto di arrivo dei pellegrini a Roma

L’Opera Romana Pellegrinaggi invita a partecipare giovedì 24 maggio alle ore 18.30, nella Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini, all’inaugurazione del punto di arrivo dei pellegrini francigeni a Roma, in occasione della traslazione della reliquia di Santa Maria Maddalena.

 

Alla presenza di Sua Eminenza il Cardinale Carlo Caffarra, Arcivescovo Metropolita di Bologna e Titolare della Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini, prenderà vita un evento che per l’Opera Romana Pellegrinaggi, rappresenta una tappa fondamentale nella lunga, e non priva di ostacoli, opera di promozione delle antiche vie di pellegrinaggio e dei territori da esse attraversati.

Il 24 maggio verrà tagliato il nastro di questo nuovo e moderno punto di arrivo dei pellegrini nella Capitale, che si collocherà nella splendida Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini situata nella zona dove storicamente arrivavano a Roma prima di giungere sulla tomba dell’apostolo Pietro, i “peregrini” di cui Dante parla nella “Vita Nova”.

Per maggiori informazioni: www.josp.com

 

Categorie
news-import

Troia: inaugurato l'”Hospital del Cammino”, tappa della via Francigena

Due ampi locali con mura spesse, volte altissime, stanze freschissime, dotate di 28 posti-letto a Castello, servite da 4 bagni e uno attrezzato per disabili, 5 docce, un locale anticamera dove depositare scarpe, stivali e attrezzi vari, una postazione internet e connessione wi-fi, questa la dotazione del primo ‘Hospital del cammino, centro di accoglienza dei pellegrini e camminatori della ‘Via francigena del Sud‘, inaugurato sabato sera, a Troia, dal sindaco Edoardo Beccia.

Suggestivo l’inno d’Italia musicato, per l’occasione, dal ‘Nuovo Concerto Bandistico Città di Troia‘.

Definito “uno degli ostelli più belli del Sud“, inserito nel palazzo monumentale dell’ex Convento di San Domenico, alle porte della città del Rosone, l’Hospital è destinato a diventare essenziale punto di riferimento nella ‘costruzione’ della Via Francigena del Sud, il Cammino che ha visto innumerevoli pellegrini muoversi attraverso l’Europa avendo come meta la Terra Santa, Roma o Monte Sant’Angelo.

Come il grande Cammino di Santiago de Compostela (Spagna), anche la Via Francigena ha bisogno di essere infrastrutturata con punti di accoglienza ‘povera’ per i suoi camminatori. La città di Troia, in ogni periodo storico, è sempre stato uno snodo principale di questo percorso che il C.A.I., ‘Club Alpino Italiano – Sezione di Foggia’, ha individuato come il tratto dauno del tracciato che dal confine con la Campania giunge fino alla Sacra Grotta dell’Arcangelo Michele sul Gargano.

I locali, concessi in comodato dall’Amministrazione comunale di Troia, sono stati ristrutturati e adattati dalla cooperativa sociale ‘Start Up’ di foggia che si occupa di attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone anche svantaggiate.
“Ed è proprio questo uno degli obiettivi raggiunti”, ha dichiarato il presidente del Cai Foggia, Michele Del Giudice, che nella serata augurale, sottolineando questo aspetto, ha ricordato tutte le fasi che hanno portato alla realizzazione di questa struttura di accoglienza e lo scopo cui è dedicata.

“I ‘Pellegrini dello spirito’ faranno tappa nell’ostello utilizzando il loro sacco a pelo per riposare, i bagni e le docce per rinfrancarsi della fatica giornaliera affrontata e recuperare così le forze in un ambiente tranquillo. Allo stesso tempo avranno la possibilità di conoscere il luogo che li ospita e riprendere il proprio cammino alle 7.00 della mattina successiva”.

I lavori, svolti in economia, sono stati seguiti in ogni sua fase dal consigliere comunale delegato Urbano De Lorenzis e resi possibili anche grazie alla disponibilità e all’opera di Federico Croce, che ha fornito i materiali necessari alla ristrutturazione dei locali.
I fondi utilizzati, 60.000 euro, sono stati ottenuti grazie alla raccolta del cinque per mille.

Tanti gli aspetti, collegati all’opera realizzata, messi in evidenza dal sindaco Edoardo Beccia che ha sottolineato la vocazione all’accoglienza e lo sguardo al futuro della città di Troia, il vice sindaco Matteo Cuttano, che ha sottolineato la concretezza dell’iniziativa, l’assessore Urbano De Lorenzis, che ha parlato dei lavori realizzati nella massima economia, con l’ausilio di diversi volontari del Progetto ‘Pulintegra’.

Tra i partner dell’iniziativa è da annoverare la APG ‘Associazione Problemi Giovanili’ di Troia che, a messo a disposizione la propria struttura organizzativa, poiché la Cooperativa ‘Startup’ è partner nell’ambito del progetto ‘Raddoppio strada facendo – Bollenti Spiriti’ della Regione Puglia.

Tra gli ospiti dell’evento, l’attore, autore e regista teatrale lucerino Germano Benincaso che ha introdotto la rappresentazione teatrale di due atti unici pirandelliani messi in scena, al termine della serata, dall’ Attrice Stefania Benincaso dell’Associazione ‘Apulia, arte, turismo e cultura’ di Lucera.
Nel corso della serata sono stati offerti e degustati i prodotti del ‘Duetto’ e del laboratorio ‘Buongusto e Ospitalità’ del progetto Bollenti Spiriti della Regione Puglia.