Categorie
news-import

Cammino di Santiago e Via Francigena, itinerari di pellegrinaggio europei

Cammino di Santiago e Via Francigena sono ormai riconosciute come le principali vie di pellegrinaggio europe. Un viaggio autentico lungo la storia, la sua identità e cultura, il paesaggio e gli incontri.

Su viagginews alcuni consigli pratici per intraprendere il viaggio verso Santiago de Compostela, attarverso i luoghi emblematici da visitare e vivere secondo le proprie motivazioni, siano esse di natura religiosa, culturale, spirituale, turistica o di ricerca.

Un viaggo slow, con lo zaino sulle spalle ed un itinerario da scoprire, giorno dopo giorno.
Un’esperienza che da sempre lascia un segno indelebile addosso, anche se si è camminato per alcune tratte.
Un luogo privilegiato di incontri che spesso rimangono sul nostro cammino.
Un modo autentico per scoprire l’Europa di provincia.

Categorie
news-import

In bicicletta sulla Via Francigena, dal Passo della Cisa a Pontremoli

Una delle tratti più affascinanti della Via Francigena, soprattutto per chi va in biciletta, è quella che sale verso il Passo della Cisa e da lì discende verso a Pontremoli fino a Sarzana: Emilia, Toscana, e un tratto di Liguria. “E’ terra boschiva e selvatica, cioè splendida; stretta tra gli Appennini che vedono il mare e sentono il clima mediterraneo. E’alta Lunigiana, con il Magra che è ancora un torrente, con l’entusiasmo di buttarsi verso valle”.

Il racconto di questo emozionante tratto, attaraverso le difficoltà e bellezze del percorso, passando per monumenti millenari, luoghi antropizzati natura e incontri con la storia.

Alessandro Avalli racconta la sua esperienza.

Fonte: Viaggi in bici

Categorie
news-import

Ristrutturazione dell’Abbazia e messa in sicurezza del percorso francigeno: lavoro in corso ad Altopascio

E’ stato reso eseutivo il progetto per la messa in sicurezza del percorso e la ristrutturazione della antica Abbazia di Badia Pozzeveri, ad Altopascio, lungo la Via Francigena.

Un progetto significativo che rientra all’interno delle strategie della Regione Toscana e dell’amministrazione comunale con l’obiettivo di potenziare la sicurezza del percorso e per rendere fruibili i monumenti storici che si trovano sull’itinerario.

Fonte: Il Tirreno

Categorie
news-import

La Via Francigena europea si estende verso la Puglia, nella rete degli Itinerari Culturali europei

Nell’ultima presentazione europea degli itinerari culturali, avvenuta a Strasburgo al Parlamento Europeo, riflettori accesi sulla Via la Francigena, il tratto verso la Puglia e le vie di pellegrinaggio europee intorno alle quali cresce in modo esponenziale l’attenzione dei camminatori.

Il turismo lento e sostenibile della Via viene considerato sempre più strumento di rinascita e rilancio di estesi territori rurali e numerosi piccoli centri urbani, di grandi potenzialità ambientali e culturali.

Oggi questo progetto di rilancio delle vie storiche di pellegrinaggio vive una fase di grande rilanco grazie all’attenzione delle istitutuzioni, università, micro imprese ecentinaia di associazioni di pellegrini e camminatori che ogni giorno animano il percorso, rendendolo vivo e pieno di significati spirituali.

Per lo sviluppo delle infrastutture, fondamentali per la messa in sicurezza e fruizione del percorso, molti enti locali potranno far riferimento al nuovo decreto “destinazione Italia” il quale mette a disposizione ai territori finanziamenti europei per promuovere la valorizzazione di specifiche aree territoriali e migliorarne la capacità di attivazione della dotazione di beni storici, culturali e ambientali.

Fonte: Avenire

Leggi tutto l’articolo

 

Categorie
news-import

Casa del Boia, nuovo museo multimediale sulla Via Francigena a Lucca

Il progetto di progettazione e riqualificazione del nuovo museo multimediale dedicato alla Francigena procede ed è stato approvato nelle sue linee guida con delibera di giunta. Un luogo “deputato all’accoglienza dei visitatori e pellegrini e alla divulgazione culturale del percorso attarverso vera e propria stazione di sosta polifunzionale.

Il progetto, finanziato dalla Regione Toscana e realizzato dalla Promo Pa su incarico della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, prevede due obiettivi principali che permettono di valorizzazione l’area dell’ex Casa del Boia: da un lato si vuole rendere fuirbile la stazione di sosta come luogo preposto alla conoscenza della via Francigena e tutte le opportunità che consentono di scoprire il territorio e, dall’altro, dare un servizio a tutti i pellegrini che la percorrono, rendendo unica la loro esperienza, affinché possano esserne il primo testimone e promotore.

Info: Lucca in diretta
Info: Di Lucca TV

 

Categorie
news-import

Il Comune di Camaiore promuove la Via Francigena

Il Comune di Camaiore, tappa toscana della Via Francigena, punta sulla promozione e la riqualificazione della via Francigena come patrimonio culturale. L’Amminsitrazione plaude al progetto del nuovo sito Visit Francigena, opportunità per far conoscere i territori, informare, promuovere il turismo slow a favorire le reti di impresa.

La Via Francigena è un grande volano per l’economia e lo sviluppo turistico dei territori attraversati – commenta l’assessore al Turismo Carlo Alberto Carrai – Come Comune puntiamo molto su questa risorsa e le recenti iniziative di successo come il Palio Francigeno, il premio all’olio francigeno durante la manifestazione Prim’olio Primovino e altri appuntamenti turistico-sportivi dimostrano la bontà di questa direzione.

Info: Versilia Today

Categorie
news-import

Sugli Itinerari culturali, l’Europa si mette in cammino

Sugli itinerari culturali, l’Europa si rimette in cammino” – con questo messaggio hanno siglato la partecipazione del 25 febbraio all’apertura della mostra “Come & Support your European Cultural Route” l’eurodeputata PD/S&D Silvia Costa, promotrice del’iniziativa insieme al Commissario al Turismo Antonio Tajani e a Gabriella Battaini Dragoni, vice segretaria del Consiglio d’Europa.

Protagonisti dell’evento i 26 itinerari culturali del Consiglio d’Europei, fra i quali sono emersi la Via Francigena, la Hansa e l’Itinerario delle città della Ceramica.
Un incontro importante per sensibilizzare le Istituzioni europeee verso questi importanti itinerari culturali, matrice si sviluppo integrata per i territori.

Il Progetto delgli Itinerari Culturali si inserisce oggi all’interno dell’Accordo Parziale Allargato, cui aderiscono 23 Paesi Europei. L’obiettivo è quello di creare una sinergia sempre più forte fra Commissione Europea, Parlamento Europeo e Consiglio d’Europa, in streto contatto con i governi nazionali, le regioni e le associazioni che sostengono con entusiasmo questi itinerari europei.

La Via Francigena viene presa oggi come un importante modelo di riferimento per lo sviluppo di questi progetti transfrontalieri. Si tratta di un itinerario europeo in grado di far dialogare istituzioni, associazioni, reti di imprese e università, con la prospettiva di creare un concreto sviluppo sociale, culturale ed occupazionale sui territori.

Come ha ricordato il Presidente AEVF Tedeschi, citando il medievista Jacques Le Goff Oggi ci rendiamo conto che, se consideriamo la realtà e guardiamo con attenzione alla Storia, che c’è qualcosa di più importante che non i soldati e le merci che transitano lungo le strade: questo qualcosa sono le culture. Ecco introdotta la Via Francigena, che io penso possa essere considerata, essenzialmente, come una via di culture.

Se si sta cercando di costruire una Europa economica, è altrettanto necessario che si costruisca l’Europa delle culture; uso di proposito il termine culture al plurale. Impegnarsi per dare alla Via Francigena una dimensione ed un valore europeo, significa impegnarsi per la realizzazione della Europa delle culture.”

Fonti:
Consiglio d’Europa
Silvia Costa

 

Categorie
news-import

Da Fidenza alla Cisa lungo la Via Francigena, in bici sull’Appennino

E’ una delle zone più caratteristiche del percorso francigeno, in provincia di Parma. Da Fidenza, per arrivare a Fornovo di Taro ci vogliono circa trenta di chilometri di sterrati, provinciale e curve, tornanti e pendd che via via se fanno meno dolci per lasciare spazio alla Cisa.

Per chi viaggia in bicicletta è meglio caricare una borsa, oppure due, sul portapacchi dietro; una terza davanti se proprio si deve, e nessuna sulle spalle, se si riesce. Bici da strada e mountain bike vanno bene, con il cambio è meglio.”

Un bel racconto di viaggio, ideale per chi vuole conoscere questa tratta di percorso e percorrerla in bici.

Fonte: viaggi in bici

Categorie
news-import

Primo ‘Incontro di Primavera’ della Rete dei Cammini

L’Associazione RETE DEI CAMMINI, di cui l’associazione comasca IUBILANTES è cofondatrice ed Ente presidente, tiene per la prima volta il proprio “Incontro di Primavera”.
L’incontro avverrà a Como sabato 1 marzo alle 15 presso la Sala Barelli del Museo Civico Archeologico “P. Giovio” con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Como e con la collaborazione degli stessi Musei Civici.

La RETE DEI CAMMINI, nata nel 2009, aggrega ad oggi 25 associazioni italiane che condividono l’impegno di tutelare e valorizzare i cammini storici italiani, i loro utenti e i i loro monumenti e, tramite le sue consociate, è attiva in ben 12 regioni italiane, Sicilia e Sardegna comprese.

L’incontro non solo darà modo di conoscere l’attività della Rete dei Cammini e delle sue Consociate, ma metterà anche in luce il ruolo nodale di Como come “polo” francigeno di respiro internazionale; un ruolo dimenticato, al cui recupero sta dando un valido contributo la consociata IUBILANTES con il progetto transnazionale  ‘I cammini della Regina’.
Si parlerà anche delle grandi iniziative nazionale della RETE: la sesta ‘Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni‘ del 4 maggio e l’ONDADICAMMINI, grande evento di cammini a catena che coinvolgeranno da maggio a ottobre tutto il territorio nazionale e i principali cammini storici italiani, in occasione del ventesimo “compleanno” della Via Francigena come Itinerario Culturale del Consiglio Europeo. Anche il territorio lariano e lombardo saranno fortemente coinvolti, con iniziative speciali di cui si farà una breve presentazione.

Infine la RETE DEI CAMMINI terrà la propria Assemblea ordinaria.
L’incontro è libero ed aperto a tutti. I lavori dell’Assemblea sono aperti a tutti ma le votazioni riservate ai Soci. 

Scarcate qui l’invito dell’Incontro di Primavera
Sito web: http://www.retecamminifrancigeni.eu

Categorie
news-import

La nuova accoglienza pellegrina: Formello inaugura MANSIO

Lunedì 3 marzo 2014 alle ore 17.00 il Comune di Formello inaugura MANSIO, un sistema integrato di accoglienza per i pellegrini, un esempio innovativo di ospitalità lungo la Via Francigena e di promozione del territorio delle Terre di Veio, alla presenza del Sindaco Sergio Celestino, Lidia Ravera, Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, Giovanni Bastianelli, Direttore dell’Agenzia Regionale del Turismo della Regione Lazio, Silvia Costa, Parlamentare europeo e Massimo Tedeschi, Presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Presentato dal Comune di Formello in occasione della tavola rotonda “L’accoglienza sulla Via Francigena: l’innovazione di Formello”, che si è tenuta a Roma lo scorso 13 febbraio, MANSIO intende porre al centro dell’attenzione il pellegrino moderno e il viaggiatore che attraversano quel territorio, offrendo loro ospitalità e servizi, e valorizzare, al contempo, i “tesori” culturali e paesaggistici di Formello, cuore del Parco Naturale Regionale di Veio e ultima tappa della Via Francigena prima dell’arrivo a Roma.

A tal fine, il Comune di Formello ha voluto integrare il modello di accoglienza e promozione turistica – già avviato attraverso la sistemazione del percorso (circa 10 km di itinerario inaugurato dal Comune nel 2010), la consegna delle credenziali al pellegrino, la possibilità di dormire presso l’Ostello della Gioventù “Maripara” (inaugurato di recente all’interno di Palazzo Chigi) e usufruire di menù “pellegrini” – con il progetto “Mansio, l’accoglienza per il turismo consapevole”, reso possibile grazie al supporto di Regione Lazio – Assessorato per lo Sviluppo Economico e le Attività produttive, e alla cui progettazione e realizzazione hanno partecipato rispettivamente l’Associazione Civita e il Consorzio Stabile Glossa.

Dal carattere fortemente tecnologico, il progetto ha visto, all’interno di Palazzo Chigi, la realizzazione di: un centro info-documentale che raccoglie ed elabora informazioni e dati sul patrimonio culturale e paesaggistico del territorio veientano, consentendone la consultazione ad esperti e non solo; alcuni pannelli interattivi (in italiano, inglese, francese), collocati all’interno dell’Infopoint, che offrono informazioni di tipo culturale e storico e notizie sul medesimo territorio, una sezione specificatamente dedicata alla Via Francigena, eventi in corso e futuri, oltre a un ricco apparato iconografico; un’applicazione multimediale (in italiano e in inglese), denominata “il Viario”, che offre la possibilità di registrare brevi video-messaggi con cui raccontare il cammino intrapreso o trasferire una emozione o una riflessione: un modo originale ed innovativo per condividere una esperienza unica, prima del raggiungimento della meta finale.

All’interno della Torre di Palazzo Chigi, inoltre, è stato allestito un “percorso emozionale”, audiovisivo e materico, sulla Via Francigena e Formello. Curato dall’Arch. Sandro Polci, sarà periodicamente innovabile, secondo un principio di condivisione creativa. Esso si snoda lungo i gradini della grande scala sospesa, già realizzata in cristallo e acciaio: gradini che diventano tappe “simboliche” del cammino, fino alla cima della torre, raffigurazione anch’essa simbolica dell’arrivo a Roma.

Completa l’offerta il sito web “Terre di Veio” (in italiano, inglese, francese e on-line all’indirizzo www.terrediveio.eu a partire dal giorno di inaugurazione) da cui è possibile scaricare, oltre alle tipologie di contenuti presenti nei pannelli interattivi, anche informazioni su prodotti tipici e produzioni artigianali, e sui servizi presenti sul territorio (strutture ricettive e ristorative, servizi di trasporto pubblico, etc.), nonché accedere alla banca dati del centro info-documentale.

L’apertura di MANSIO all’interno di Palazzo Chigi rappresenta un impegno concreto, assunto dal Comune di Formello, non solo nei confronti di pellegrini e turisti ma anche verso tutti gli utenti del territorio al fine di garantire loro un “turismo consapevole”, sia in termini di qualità dell’ospitalità che di completezza informativa.

PROGRAMMA
Il Sindaco del Comune di Formello inaugura MANSIO alla presenza di:

Lidia Ravera

Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili – Regione Lazio

Giovanni Bastianelli

Direttore Agenzia Regionale del Turismo – Regione Lazio

Silvia Costa

Parlamentare europeo

Massimo Tedeschi

Presidente Associazione Europea delle Vie Francigene

Seguiranno visita del “percorso emozionale” della Torre di Palazzo Chigi e presentazione degli strumenti interattivi dell’Infopoint.

Al termine verrà offerta una degustazione di prodotti tipici dell’ Agriturismo La Fattoria di Pacifico.

Ufficio Stampa Associazione Civita
Rachele Mannocchi
tel. 06 692050307 e-mail mannocchi@civita.it
Barbara Izzo-Arianna Diana, tel. 06 692050220-258 e-mail izzo@civita.it ; www.civita.it 

Potete scaricare qui l’invito