Categorie
news-import

La Francigena Toscana, tappa per tappa

Il ricco patrimonio di paesaggi, storia e architettura lungo la Via Francigena interessa particolarmente il territorio della Toscana, regione che più di altre sta investendo nelle potenzialità di questo percorso di terra.

L’azione di supporto allo sviluppo della Francigena in Toscana sta dando ottimi risultati, visto che l’itinerario sta attirando un numero sempre maggiore di viaggiatori e pellegrini, con una media di oltre il 20% in più ogni anno. Ecco perché è stata inaugurata la Via Francigena della Toscana, l’itinerario di 380 chilometri suddiviso in 15 tappe che si possono intraprendere a piedi, in bicicletta o a cavallo, con percorsi messi completamente in sicurezza e con il supporto di oltre 1200 strutture ricettive.

L’itinerario toscano rappresenta il 20% del tratto europeo e il 40% di quello italiano, e vede via via mutare i paesaggi, che vanno dall’asprezza della Lunigiana al mare della Versilia, dalla piana lucchese alle crete senesi donando sempre nuove prospettive anche a chi questi luoghi già li conosce, perché cambiano i ritmi e le prospettive.

Fonte: Turismo.it

Categorie
news-import

Il cammino di Stevenson, un modello anche per la Via Francigena

Dieci giorni di cammino sulle orme di Robert Louis Stevenson, scrittore scozzese innamorato della Francia ancora oggi punto di riferimento della letteratura mondiale legata a viaggio, scoperta , avventura. L’organizzazione del cammino di Stevenson è un modello da applicare alla Via Francigena.


 Il percorso è ben organizzato attraverso una segnaletica puntuale (Federazione Francese della Randonée), messa in sicurezza, manutenzione ed ospitalità secondo le diverse esigenze degli escursionisti. Oggi il cammino gode di crescente popolarità, anche grazie ai molteplici servizi proposti ai camminatori: trasporto bagagli, cucina con prodotti tradizionali, visite guidate, pacchetti per famiglie e bambini

Il cammino di Stevenson, alias GR 70, passa per la catena delle Cevennes: lo scrittore-avventuriero attraversò a piedi (con un asino al giogo come compagno) un tratto dell’Alvernia e, soprattutto, le Cevennes, in direzione sud, per un totale di 252 km in 12 giorni. Questo percorso nel paese dei Camisardi (protestanti ribelli dei primi del ‘700, in seguito alla revoca dell’Editto di Nantes da parte di Luigi XIV), tra le-Puy-en-Velay e Alès, raggiunge le creste del Monte Lozère (a 1.699 m di altitudine).

Il Cammino di Stevenson e la Via Francigena
Diversi sono i punti in comune tra il cammino di  Stevenson e la Via Francigena: festeggiano entrambi quest’anno il ventesimo anniversario, la Via Francigena del riconoscimento del Consiglio d’Europa, il cammino di Stevenson della fondazione dell’omonima associazione; sono entrambi itinerari culturali legati alla storia europea; ogni anno migliaia sono i camminatori ed escursionisti sui due percorsi che fanno scoprire una Europa “minore” attraverso una forma di turismo sostenibile. Il cammino di Stevenson, nella interpretazione moderna, inizia dalla città di le-Puy en Velay, luogo di partenza anche di uno dei quattro cammini storici che conducono a Santiago di Compostela. 

Itinerari culturali europei
Il cammino di Stevenson è in procinto di essere riconosciuto itinerario culturale del Consiglio d’Europa, al pari della Francigena, del Cammino di Santiago, della via di Sant’Olav, dell’itinerario di San Martino e di altri.
Il cammino di Stevenson si trova al crocevia di altri itinerari culturali europei, da quello di “La Chaise Dieu” ai Cammini di Santiago, alle Città Storiche Termali, a quello di Le Courbusier. Si tratta di itinerari culturali che hanno molti punti di contatto e molte analogie, legate alla riscoperta delle radici, storia e tradizioni europee.

La storia legata al viaggio nelle Cevennes e la nascita di una letteratura di viaggio
Nel  1878, a 28 anni, lo scozzese Robert Louis Stevenson arriva ad un momento cruciale della sua esistenza ed esperienza di scrittore. Il 22 settembre di quell’anno decide di partire a piedi da Monastier-sur-Gazeille (Alta Loira) con l’asina Modestine: 12 giorni di viaggio e tante avventure lungo il percorso, prima di arrivare a Saint-Jean-du-Gard. Una esperienza ripresa con il celebre libro pubblicato nel 1879 “Viaggio con un asino nelle Cevennes”. Altre celebri opere letterarie dello scrittore: L’Isola del tesoro, Dr. Jeckill e Mr. Hyde, Le avventure di David Balfour, I racconti di mille e una notte, Nei mari del sud. Stevenson diventa in poco tempo uno dei punti di riferimento a livello mondiale della letteratura di viaggio e d’avventura.

L’Associazione“Sui cammini di Robert Louis Stevenson”
L’Associazione è nata a Florac 20 anni fa con l’intento di promuovere e valorizzare il cammino e costruire una solida rete con gli altri paesi interessati dall’eredità culturale dello scrittore. E proprio quest’anno si festeggia l’importante traguardo raggiunto. Dal 7 all’11 novembre sono previsti a Florac diversi incontri che coinvolgeranno la rete europea “Sulle tracce di R.L. Stevenson”: stand, festival, film, video, esposizioni, camminate, fiera della randonnée, seminari.

L’Itinerario ed il percorso
L’itinerario è interamente percorribile a piedi e completamente segnalato dalla Federazione Francese della Randonnée, che offre ad escursionisti e camminatori la possibilità di rivivere la straordinaria esperienza del viaggio dello scrittore scozzese. La via è percorribile anche in bicicletta, a cavallo o accompagnati dagli asini, spesso prediletti da famiglie con bambini. Il percorso inizia a le-Puy-en-Velay, a 650 metri di altitudine, e finisce ad Alès a 100 m sul livello del mare attraversando quattro diverse aree territoriali, anche paesaggisticamente: Velay, Gévaudan, Mont Lozére, Cévennes.  La vetta più alta è Finiels, a quasi 1.700 m di altezza.
Per facilitare la proposta culturale ed escursionistica, l’Associazione propone il cammino da le-Puy en Velay ad Alès di circa 250km e sono circa 6.000 gli escursionisti che ogni anno lo percorrono.

Budget e info pratiche
Lungo tutto il percorso si trovano Gite d’étapes, strutture convenzionate, camping i cui prezzi (Gites d’Etape) variano da 13 a 18 euro; per il trattamento MP i prezzi variano da 39 a 50 euro al giorno. Si trovano inoltre hotel e strutture che accolgono gli escursionisti a prezzi contenuti.
Non trattandosi di una via di pellegrinaggio, non è richiesta la credenziale. E’ possibile richiedere il carnet di viaggio tascabile, da far timbrare nelle varie tappe.
Attraverso la Malle Postale è possibile usufruire del servizio di trasporto bagaglio lungo tutto il percorso. Diverse associazioni ed agenzie propongono pacchetti turistici organizzati con formula “famiglia”, “escursionismo in libertà”, “accompagnati da guida”.
Infine, possibile in loco la possibilità di “affittare” asini per essere accompagnati durante il cammino e rivivere lo stesso viaggio di Stevenson.

Un percorso modulato su 10-12 giorni, modello da esportare sulla Francigena. Il trend del turismo legato all’escursionismo, a piedi o in bicicletta, rappresenta una crescente opportunità per i territori cosiddetti “minori”. L’esperienza delle “randonnée” ci mostra “offerte”  di cammino di 10/14 giorni con possibilità di organizzare autonomamente il viaggio oppure di costruirlo su misura con agenzie di viaggio specializzate nel turismo slow. Oltre al modello vincente del Cammino di Stevenson, ve ne sono altri: vari cammini di Santiago in Spagna, GR 65 Le Puy en Velay/Conques (10 tappe, 210 km) sulla Via Podense oppure GR 35 sulla Via dei Catari, tra castelli e abbazie catare.

Si tratta di modelli perfettamente applicabili alla Via Francigena, proponendo itinerari di 200-250km che si aggiungono al percorso tradizionale che i pellegrini possono affrontare autonomamente. La Francigena, in abbinamento con castelli, pievi, terme, personaggi storici, cibi DOP e IGP, rappresenterebbe una offerta in grado di integrare egregiamente, per qualità e quantità, l’offerta turistica sulla base delle parole chiave autenticità e scoperta.

Esempi concreti in cui la Francigena può essere proposta attraverso “pacchetti” di 10/14 giorni sono innumerevoli: Canterbury-Reims (due splendide città “gemelle”, entrambe patrimonio UNESCO); Saint-Maurice-Ivrea; Fidenza-Lucca; Acquapendente-Roma; ecc.
Il punto di partenza rimane sempre la completa fruibilità del percorso, dall’accoglienza alla segnaletica alla sicurezza, oltre alla emozionalità che il percorso è in grado di offrire.


Maggiori info sul Cammino di Stevenson e sul programma del ventennale: www.chemin-stevenson.org
Speciale Via di Stevenson su ARTE (durata 43 minuti): http://www.arte.tv/guide/fr/048157-001/un-kilometre-a-pied

Categorie
news-import

Tutte le strade portano a Roma, anche in bici.

Al via “Bicistaffetta”, un percorso su due ruote da Benevento a Roma lungo la “Ciclovia Romea Francigena”, organizzato dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta per promuovere la rete ciclabile nazionale e il cicloturismo.

Si terrà dal 9 al 13 settembre la 14^ edizione di “Bicistaffetta”, importante evento organizzato da FIAB – Federazione Italiana Amici della Bicicletta per promuovere lo sviluppo della rete ciclabile nazionale e il cicloturismo. La manifestazione quest’anno prevede un percorso in bicicletta lungo la “Ciclovia Romea Francigena” che, dopo un prologo a Napoli, toccherà le città di BeneventoCassinoFiuggi e Roma. La pedalata sarà intervallata da incontri con cittadini, amministrazioni pubbliche e organi di informazione in cui i partecipanti porteranno esempi concreti dei territori attraversati con l’intento di sensibilizzare i vari attori sociali sull’uso della bici e sulle risorse da promuovere e sviluppare in materia di cicloturismo, in molte aree del Mezzogiorno sicuramente meno organizzato rispetto ad altre regioni italiane. 

La tappa napoletana, prevista per martedì 9 settembre, sarà un’occasione per percorrere la ciclabile urbana, parte integrante della Ciclovia del Sole, a sua volta grande arteria ciclabile del Paese che porta fino a Firenze.

ll percorso di Bicistaffetta 2014 si muove su circa 300 km di strada e contempla scorci e passaggi suggestivi, molti dei quali inusitati, con lo scopo di “esplorare” il territorio e consolidare la fruibilità del percorso. Si parte dalla sannitica Benevento e si segue il corso dell’antica via Latina, che attraversa le fertili campagne di vitigni e ulivi bagnate dal Volturno. A Venafro si apre uno dei più cruenti teatri di guerra del secondo conflitto mondiale che vide il suo epilogo nella battaglia dell’abbazia di Cassino, di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario. Ci si inoltra, poi, nel cuore dell’Appennino attraverso i luoghi di millenaria spiritualità della valle di Comino, come l’abbazia di Casamari. La via che conduce infine alla Capitale è l’antica Prenestina che transita per Fiuggi dove, per chi lo desiderasse, è possibile godersi una sosta rilassante nelle celebri terme prima di riprendere il cammino. L’arrivo a Roma è previsto per il pomeriggio di sabato 13, coronato dalla cerimonia di chiusura di Bicistaffetta 2014.

La Ciclovia Romea Francigena – presa stavolta in direzione opposta rispetto al percorso che scende dal nord verso la capitale della cristianità – corrisponde all’itinerario n°3 del grande progetto Bicitalia, la prima mappa della rete cicloturistica nazionale realizzata da FIAB e dal Ministero dell’Ambiente. In realtà, questo tratto di Bicitalia (1500 km) è il segmento italiano dell’itinerario “Eurovelo 5” che, come la Via Francigena originale, da Canterbury arriva fino a Brindisi, transitando, ovviamente, per la Città Eterna.

In occasione di Bicistaffetta il percorso sarà completamente dotato di segnaletica leggera – con la presenza di adesivi sui cui è riportato il logo Eurovelo – che consentirà ai partecipanti di mantenere agevolmente il contatto con il gruppo e di verificare con riferimenti sicuri, da vere “sentinelle dell’ambiente”, lo stato delle vie ciclabili. I pernottamenti saranno in hotel che aderiscono ad Albergabici, il circuito nazionale creato da FIAB per identificare hotel, bed & breakfast, campeggi, agriturismi, rifugi montani che offrono accoglienza ai turisti sulle due ruote con strutture e servizi dedicati.

Il percorso di Bicistaffetta 2014
, non particolarmente lungo né impegnativo, è adatto a tutti. Si può scegliere di partire da Napoli (9 settembre) o direttamente da Benevento (10 settembre) e, lungo tutto il tragitto, è possibile effettuare soste ed escursioni libere, sfruttando poi la segnaletica per raggiungere il gruppo e le guide nei punti di ritrovo previsti. La quota di partecipazione per 5 giorni e 4 notti, trattamento di mezza pensione e furgone per spostamento bagagli, è di 290 euro a persona. 

Per iscrizioni e ulteriori dettagli su Bicistaffetta 2014:
www.bicistaffetta.it

Categorie
news-import

La Via Francigena incontra il Ministro

Mercoledì scorso 30 luglio, convocato direttamente dal Ministro Franceschini tramite il consigliere per il turismo Stefano Ceci, si è svolto un importante incontro sul tema della Via Francigena cui hanno partecipato rappresentanti politici, dirigenti, funzionari ministeriali e regionali.

Il Ministro ha impartito chiara e netta direttiva di attuazione della Francigena in tutta Italia sulla falsariga dell’esperienza toscana, prevedendo l’utilizzo delle risorse della programmazione europea 2014-2020, cui si auspica potranno aggiungersi, almeno in parte, quelle della legge n. 9/2014 “Destinazione Italia” concernenti i fondi 2007-2013. Si tratta in sostanza della parte italiana dell’Euro Master Plan (EMP) della Via Francigena, lanciato il 13 dicembre 2013 a Bruxelles in occasione di Euromeeting organizzato dalla Regione Toscana, che si intende presentare ad Expo Milano 2015.

A settembre verrà costituito il coordinamento operativo fra Ministero, Regioni ed AEVF (quest’ultima in quanto “reseau porteur” della Francigena per mandato del Consiglio d’Europa – comunicazione del 9.2.2007; titolare dell’Accordo di Valorizzazione con la Direzione Generale delle Biblioteche, Istituti Culturali e Diritto d’Autore di MiBACT – stipulato il 31.5.2014 nel corso dell’assemblea generale di Acquapendente – e del Protocollo di collaborazione con Regione Lombardia, Provincia di Lodi, Provincia di Pavia – sottoscritto il 27.11.2013 a Milano).

Il Ministro era accompagnato da Giampaolo D’Andrea, capo di gabinetto; Stefano Ceci consigliere per il turismo; Vania Virgili, consigliere per i fondi strutturali europei; Antonia Recchia, segretario generale MiBACT; Anna Maria Buzzi DG della Valorizzazione; Onofrio Cutaia, DG Turismo; Cristiano Radaelli, commissario straordinario ENIT; Manuel Guido; Simonetta Bonito e diversi altri.

Per le Regioni erano presenti: presidente Roberto Maroni (Lombardia); assessore Antonella Parigi (Piemonte); assessore Silvia Godelli (Puglia); assessore Maurizio Melucci (Emilia-Romagna); direttore turismo regionale Bastianelli (Lazio); Patrizia Minardi (dirigente Regione Basilicata); assessore Nocentini con i dirigenti Paolo Bongini e Giovanni D’Agliano (Toscana), funzionari della Regione Molise e diversi altri.

Categorie
news-import

Nasce l’Archivio Storico Multimediale della Via Francigena

L’Archivio Storico Multimediale raccoglie le riproduzione digitali di importanti fonti documentali relative alla storia della via Francigena: testi, mappe, incisioni e altre tipologie materiali che testimoniano, in maniera diretta e indiretta, la memoria di un itinerario che è parte integrante del nostro patrimonio culturale. L’Archivio permette di consultare on-line preziosi documenti multimediali, selezionati dalle banche dati del Ministero per i beni e le attività culturali o digitalizzati appositamente per le esigenze di questo progetto, i cui originali sono conservati in importanti biblioteche, archivi e istituti culturali italiani. Varie modalità di ricerca permettono all’utente di individuare un particolare documento, di orientarsi all’interno di specifiche aree tematiche, di navigare tra i contenuti di un archivio in continua espansione.

Per approfondire e visitare l’archivio

Categorie
news-import

La Via Francigena del Sud: continua l’azione di adesione delle realtà territoriali nel sud Italia

“L’Associazione Europea delle Vie Francigene, incaricata dal Consiglio d’Europa di tutela e promozione dell’itinerario della Via Francigena, sta portando avanti un’azione di adesione delle realtà territoriali ed istituzionali della Via Francigena nel sud.
 
Oltre all’adesione delle Regioni Puglia, Basilicata, Molise, stanno manifestando interesse all’adesione ad un progetto condiviso, coordinato e sviluppato nella sua dimensione europea comuni e GAL territoriali.
Sono infatti pervenute le adesioni formali dei comuni di Molfetta (BA), Corato (BA), Barletta (BT), San Salvatore Telesino (BN), GAL Colline Joniche (TA). Numerose le richieste di altri enti locali, a testimonianza del fermento attorno all’itinerario.

Le attività in corso coordinate da AEVF sono le seguenti:

1)Portale web e animazione: è in fase di implementazione il sito web della Francigena nel sud, direttamente collegato a www.viefrancigene.org.

2)Tavolo di coordinamento delle Regioni: è stato avviato  un tavolo tecnico con le Regioni Lazio, Campania, Molise, Basilicata, Puglia, in collaborazione con Società Geografica Italiana, per la presentazione del dossier di candidatura ad itinerario culturale europeo. Il gruppo di lavoro vedrà il necessario coinvolgimento delle associazioni.
I primi tre incontri si sono svolti a San salvatore Telesino (8 maggio 2014), Acquapendente (30 maggio 2014), Milano (27 giugno 2014).

3) Il Festival europeo “Via Francigena Collective Project 2014” in corso di svolgimento si concluderà in Puglia, alla fine di una cartellone di ben 350 eventi.

 
Categorie
news-import

L’ingresso a Roma per i pellegrini della Via Francigena diventerà verde!

L’ingresso a Roma, che fino a oggi costringeva i pellegrini in arrivo dalla Via Francigena a percorrere le trafficate via Cassia e via Trionfale, passa ora attraverso la Riserva Naturale dell’Insugherata entrando dal 1081 di via Cassia. Un’area che, sebbene acquisita dal Comune di Roma nel 1995, è stata finora interdetta all’accesso da lunghi contenziosi causati da alcune opere abusive.

Partono a settembre e durano 30-40 giorno i lavori che consentiranno ai pellegrini, ai turisti e ai camminatori di ogni genere (con particolare attenzione rivolta alle persone con disabilità), di arrivare a Roma.

I lavori consistono nella messa in sicurezza del percorso, allestimento di cartellonistica e segnaletica e arredi per le aree sosta (alcuni dei quali realizzati con il legno ricavato dagli alberi di Natale utilizzati in Vaticano e in piazza San Pietro durante le festività).

Fonte: adnkronos

Categorie
news-import

Francigena, boom di presenze nei primi sei mesi dell’anno

Sempre in crescita il numero dei camminatori francigeni, cosi come il numero di fruitori del portale web e di coloro che partecipano attivamente agli eventi del Festival Europeo della Via Francigena

Il numero di viandanti in forte aumento rispetto lo scorso anno accende i riflettori sulla Via Francigena, antico percorso che da Canterbury arriva fino a Roma, per poi proseguire verso la Puglia in direzione Gerusalemme.

Un percorso che tocca luoghi di grande fascino, borghi e paesaggi con ricchezze storiche inestimabili e di cui purtroppo si parla troppo poco, come la parte laziale “del nord” che comprende Acquapendente, Sutri, Nepi, Ronciglione, Caprarola, Bolsena. E oggi per gli amanti del turismo slow arriva in soccorso anche la tecnologia. Per conoscere tutti gli eventi in programmazione nel festival via Francigena 2014 basta andare su www.festival.viefrancigene.org, consultabile anche dal proprio smartphone. Se poi la ricerca riguarderà la costruzione del viaggio, l’indirizzo web giusto è www.viefrancigene

Fonte: luanarodriquez

Categorie
news-import

Un nuovo percorso verde della Via Francigena all’ingresso di Roma

Finalmente la via Francigena potrà avere un ingresso ‘Verde‘ a Roma, anziché in mezzo al traffico caotico e poco edificante per i pellegrini che camminano. Domani si presenta la nuova proposta, per dare una risposta concreta ai caminatori

La novità, a beneficio di chi percorre a piedi l’antico itinerario della fede, ma anche dei cittadini romani e degli amanti della natura (con particolare attenzione per le persone con disabilità) verrà illustrata in una Conferenza stampa, domani 23 luglio alle 11.30, presso la Sala Paolina di Castel Sant’Angelo, da: Francesco Rutelli, Presidente dell’Associazione Priorità Cultura (e promotore delle iniziative di valorizzazione delle vie storiche e religiose), Maurizio Gubbiotti, Commissario Straordinario dell’Ente Regionale RomaNatura (sotto la cui responsabilità ricadono il Parco dell’Insugherata e quello di Monte Mario) e Giuseppe Signoriello, Presidente della Fondazione Giovan Battista Baroni Onlus, che ha deciso di finanziare l’intervento.
AEVF partecipa all’incontro di presentazione.

La conferenza stampa, in cui saranno presentate le tappe del progetto, si svolgerà presso la Sala Paolina di Castel Sant’Angelo, ovvero in un fondamentale luogo simbolico di arrivo, da oltre mille anni, degli itinerari francigeni.