Via Francigena

Categorie
news-import

Con pellegrini e trekker l’avventura è sulla Via Alta

Da più di mille anni accoglie le impronte dei pellegrini diretti a Roma sulla via Francigena o in Spagna sul Cammino di Santiago di Compostela. Oggi è conosciuto come Via Alta e sta diventando un itinerario (320 km) battuto non solo dai pellegrini, ma dagli appassionati di montagna, trekking e cicloturismo.  

La Via Alta parte dal Monginevro: nel versante italiano del valico si allaccia, in Val di Susa, alla Via Francigena; in Francia attraversa il dipartimento delle Hautes Alpes-Provence Côte d’Azur, scivolando dai 1860 metri del valico del Monginevro fino ai margini delle paludi della Camargue per confluire nel Cammino di Santiago. Lungo il percorso soste e deviazioni offrono spunti culturali, gastronomici e di svago.

La Via Alta si adagia infine sulla pianura per offrire altri scenari, sapori e spunti di svago e di cultura fino ad Arles, da cui parte il Cammino verso Santiago de Compostela. 

Visita il sito ufficiale della Via Alta

Fonte: La Stampa

Categorie
news-import

Al via la settimana dei “Camminitaliani.it”, il progetto dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia

Al via la settimana dei “Camminitaliani.it”, il progetto dell’ Unione Nazionale Pro Loco d’Italia che mira a promuovere tutti i Cammini storici, religiosi ma anche di forte significato territoriale presenti sul territorio italiano. L’iniziativa, supportata dalla rete capillare delle 6000 Pro Loco Italiane, punta alla riscoperta dei Cammini e alla valorizzazione di queste realtà in Italia e all’estero.

La gestione frammentata e dispersiva dell’ attuale offerta di servizio e di assistenza dei pellegrini lungo i questi antichissimi percorsi, è stata la molla che ha indotto le pro Loco italiane da parte ad intervenire progettando azioni mirate a garantire assistenza gratuita e informazione ai pellegrini. Protagonisti del progetto saranno, pertanto, i camminatori che sceglieranno di percorrere itinerari ricchi di storia, cultura e cristianità.

La presenza di luoghi sacri e perle d’arte nonché di bellezze ambientali che costellano tutto il percorso rappresentano un punto di forza per il turismo, come rilevato da studi di settore. In Italia, infatti, il turismo religioso conta l’1,5% sul totale dei flussi turistici per un totale di 5,6 milioni di presenze.

L’iniziativa, che prenderà il via l’ultima settimana di settembre e terminerà il 5 ottobre ad Assisi, verrà illustrata nel corso di un a conferenza stampa di apertura e il convegno che si terrà a San Gimigano (SI) nei giorni 20-21 settembre, presso il Teatro dei Leggieri. L’evento verrà illustrato dal Presidente dell’UNPLI Claudio Nardocci e dal Presidente dell’ Associazione Europea delle Vie Francigene, Massimo Tedeschi.

Si proseguirà nel fine settimana successivo, 27-28 settembre, presso uno dei luoghi simbolo dei cammini, Monte Sant’Angelo (FG), suggestiva location della manifestazione organizzata dall’Unpli, in collaborazione con i partner “VIE SACRE” e “Associazione Europea Vie Francigene”.

L’appuntamento conclusivo, ad Assisi (PG) dal 3 al 5 ottobre, inserito nel calendario delle celebrazioni Francescane, sarà l’occasione per fare il punto sui primi mesi di attività del progetto. Nel corso di questi tre giorni si terranno convegni, incontri sull’argomento.

Verrà infine allestita “PIAZZA ITALIA” con stand regionali che offriranno degustazioni enogastronomiche per la promozione del proprio territorio.

Al termine della manifestazione partirà la staffetta “da Francesco a Francesco” che approderà a Roma per recapitare al Santo Padre un messaggio.

Ufficio stampa Unpli – ufficiostampa@unpli.info

Categorie
news-import

Ciclovia Romea-Francigena. Al via 45 “ciclo-viandanti da Benevento a Roma

L’edizione 2014 consegnerà al progetto Bicitalia un tratto molto interessante della via Romea – Francigena rielaborato recentemente per superare alcune criticità ed inserendo il passaggio su “ciclabili di qualità”, come quella del Volturno e la Paliano – Fiuggi.

È un percorso molto suggestivo che, partendo dalla sannitica città di Benevento, seguirà il corso dell’antica via Latina e del più grande fiume del Mezzogiorno, attraversando fertili campagne tappezzate di vitigni ed ulivi. A Venafro si apre uno dei più cruenti teatri di guerra del secondo conflitto mondiale – di cui quest’anno ricorre il 70° anniversario – che vide il suo epilogo nella distruzione di Cassino e della sua celebre abbazia. Successivamente si entra nel vivo dell’Appennino attraverso uno dei suoi varchi più belli, la ridente Val Comino, costeggiando luoghi millenari di spiritualità, come la badia di Casamari. Si imbocca infine l’antica e panoramica Prenestina che ci condurrà a Roma non prima di aver goduto un bagno di relax nelle celebri terme di Fiuggi.

Il prologo a Napoli, inoltre, consentirà di conoscere la ciclabile urbana parte integrante della Ciclovia del Sole. In merito a quest’ultima, si coglierà l’occasione per presentare lo stato dell’arte della ciclovia nel tratto Firenze – Roma – Napoli anche alla luce dei riscontri della Bicistaffetta dello scorso anno.


 

Il calendario

Martedì 9 settembre 2014

prologo a Napoli:

sistemazione in ostello a partire dalle 14.00
17:00 pedalata sulla ciclopista urbana e presentazione progetto Bicitalia in villa comunale
20.00 pizza sul lungomare Partenope
21.30 Napoli di notte in bicicletta

Mercoledì 10

Trasferimento in bus da Napoli. Benevento – Faicchio in bici,40 km circa:

8:00 colazione, carico bici e trasferimento in bus a Benevento
11:00 giro in città ed incontro con amministratori comunali
12.30 pasto sulla pista ciclabile “paesaggi sanniti”
17.00 arrivo in hotel a Faicchio, sistemazione e cena
19.00 serata Bicitalia nel Sud presso il castello medievale

Giovedì 11

Telese terme – Alife – Cassino, 85 km circa:

9:00 partenza per Alife, saluti delle autorità
10.00 imbocchiamo la Ciclovia del Volturno
12.00 pausa pasto a Venafro ed incontro con le autorità
15.30 Parco della Memoria di San Pietro Infine
18.00 arrivo a Cassino, sistemazione in hotel e cena
in serata incontro con autorità e visita dell’Historiale

Venerdì 12

Cassino – Casamari – Fiuggi, 80 km circa:

9:00 si parte per la valle di Comino
12:00 pasto libero a Isola del Liri e visita all’Abbazia di Casamari
14.30 prosieguo per Alatri ed il lago di Canterno
arrivo a Fiuggi, sistemazione in hotel e cena
in serata presentazione del progetto Bicitalia con autorità locali
Sabato 13:

Fiuggi – Ciclabile di Paliano – Roma, 75 km circa:

9:00 si parte seguendo la ciclabile Fiuggi – Paliano
pasto libero a Palestrina
arrivo nel pomeriggio a Roma e cerimonia di fine BS
sistemazione in hotel per chi resta e cena

Fonte: Eco dalle Città

Scarica il programma

Maggiori info

Categorie
news-import

Francigena del Sud, alcune immagini

Dodici scatti per raccontare il percorso della Via Francigena del Sud, fatti dall’amico pellegrino Francesco Scomazzon.

Una bella serie di foto che vengono condivise con AEVF e la community francigena. Dopo aver completato l’anno scorso il tratto italiano fino a Roma (“con molta soddisfazione anche per le buone segnalazioni lungo il percorso”), quest’estate il viaggio è proseguito in bicicletta fino a Santa Maria di Leuca.

Grazie a Francesco per la condivisione!

Guarda le foto
Categorie
news-import

Pontremoli, antico borgo da scoprire lungo la Francigena

Una città, quella di Pontremoli, sempre più legata alla Francigena e consapevole dell’importanza che questo percorso culturale può avere per lo sviluppo di un territorio.

“Una lunga salita, dopo aver attraversato i borghi di Groppodalosio, Casalina e Topelecca, porta al Passo della Crocetta. Da qui una mulattiera scende fino ad Arzengio ed in breve si raggiunge l’affascinante Pontremoli, sorta tra due corsi d’acqua e caratterizzata dal gran numero di ponti”

Una guida pratica della città, per scoprire tutti i segreti e le bellezze di Pontemoli. E come non dare spazio alla Francigena ed agli itinerari culturali?

Scarica la guida in pdf

Categorie
news-import

Via Francigena: il cammino nel cuore dell’Europa

Un viaggio sui passi degli itinerari medievali. Da Canterbury e Santiago de Campostela fino a Roma. E ora si pensa anche alla Liguria, con un percorso dai colori del mare.Perché il tratto italiano sia veramente completo si sta puntando anche sulla Liguria. «Vorremmo far rientrare sotto la Francigena anche la Via della Costaafferma Tedeschi. Per ora, infatti, l’unica tappa prevista dal percorso in provincia di La Spezia coinvolge i comuni di Sarzana, Ortonovo, Castelnuovo e Santo Stefano Magra. La Via della Costa, invece, copre circa i 335 km che da Mentone, in Francia, arrivano fino a Sarzana, il punto di congiunzione con la via Francigena che prosegue verso sud. Una via, quella che percorre la Liguria, che fungeva da anello di congiunzione tra la Spagna, Santiago de Campostela, e Roma. Potremmo offrire così anche un intero percorso sul mare, un’altra tipologia di paesaggio che andrebbe ad aggiungersi alla grande varietà di bellezze che si incontrano percorrendo questi itinerari. Molta gente oggi cammina, per le più svariate ragioni, che vanno dalle motivazioni spirituali al voler immergersi nella natura. Creare la Francigena della Costa è, inoltre, un investimento anche dal punto di vista turistico e consentirebbe al viaggiatore la sicurezza di un percorso completo».

Fonte: La Spezia Mente Locale.it

Categorie
news-import

Una mostra in occasione del ventesimo anniversario della Francigena come Itinerario culturale europeo

Una mostra presso l’Abbazia di Clairvaux che ripercorre le tracce della storia dei cammini verso Roma ed evoca la magia, la leggenda e l’intercedere lento del cammino.  Essa vuole mettere in evidenza il singolare patrimonio europeo legato alla Francigena.

Jean-François LEROUX, Presidente dell’Associazione Renaissance dell’Abbazia di Clairvaux e Charles MYBER, Presidente dell’Associazione Renaissance della Via Francigena in France, in presenza di Massimo TEDESCHI, Presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e Roger VACHE, Presidene dell’’Associazione Via Francigena France sono lieti di invitare al vernissage della mostra  :

 La Via Francigena, rinascita di una cammino di pellegrinaggio


Informazioni:

HOSTELLERIE DES DAMES, presso l’Abbazia di Clairvaux
Domenica 5 ottobre 2014 alle ore 12:00     
Un aperitivo farà seguito alla mostra
RSVP : 03-25-27-52-55

Categorie
news-import

Trekking nelle Terre di Siena, in un nuovo sito tutti gli itinerari per scoprire il territorio

Un nuovo portale che va ad affiancare tutti gli altri siti turistici tematici prodotti dalla Provincia, per dare risposte puntali e anche “emozionali” alle numerose richieste di tanti appassionati delle Terre di Siena.

Oltre a tantissimi percorsi (al momento ne sono presenti oltre 100) individuabili con una ricerca per comune o per area, il sito si apre con una piccola vetrina su quelli che potrebbero essere definiti i tracciati “must” per il loro particolare significato storico o per la particolare rappresentatività dei territori attraversati. Ecco quindi La Via Francigena, la Via delle Grance (fattorie e magazzini fortificati), la Montagna, il Sentiero della Bonifica, la Transumanza e il Trekking Urbano a Siena

È on line il sito www.trekking.terresiena.it, un nuovo portale interamente dedicato ai cultori del turismo a piedi, agli escursionisti, a tutti coloro che, contando solo sulle loro forze e sulla voglia di conoscere nei particolari il nostro territorio, vogliono scoprire palmo a palmo le strade e i sentieri delle Terre di Siena. Il sito – da considerare in continuo aggiornamento, sulla base delle informazioni che i comuni e le associazioni del territorio potranno fornire senza limiti di tempo – è strutturato in itinerari, percorsi, indicazioni, cartine, immagini accattivanti e anche qualche consiglio: un vero patrimonio di informazioni per camminatori appassionati, ma anche un veicolo di promozione rivolto a tutti colori che amano muoversi green, vogliono uscire dai soliti itinerari e avventurarsi per strade meno battute ma certamente molto più suggestive ed emozionanti. Oltre a tantissimi percorsi (al momento ne sono presenti oltre 100) individuabili con una ricerca per comune o per area, il sito si apre con una piccola vetrina su quelli che potrebbero essere definiti i tracciati “must” per il loro particolare significato storico o per la particolare rappresentatività dei territori attraversati. Ecco quindi La Via Francigena, la Via delle Grance (fattorie e magazzini fortificati), la Montagna, il Sentiero della Bonifica, la Transumanza e il Trekking Urbano a Siena.

Il sito è una vera e propria mappa virtuale che raccoglie e presenta, in modo chiaro ed esauriente, lo straordinario patrimonio di percorsi, itinerari e sentieri che rendono le Terre di Siena un punto di riferimento unico per gli amanti del turismo “lento e consapevole”. Un territorio da scoprire a “passo d’uomo”, lungo tutto il corso dell’anno, e da oggi ancora più fruibile grazie al sito www.trekking.terresiena.it, un nuovo portale ricco di notizie e informazioni utili per chi volesse mettersi “in cammino” in questo affascinante angolo di Toscana. Questo sito è una sorta di vademecum on line pensato per tutti: dall’esperto di trekking all’appassionato di passeggiate all’area aperta, alle famiglie con bambini, rispecchiando così anche in rete la versatilità di un territorio che affascina turisti da tutto il mondo anche per una spiccata vocazione al green. Una vocazione che si è concretizzata con il pieno raggiungimento di un obiettivo prefissato neanche tanto tempo fa: quello di essere la prima area vasta carbon free, diventando così un territorio ideale per un turismo sostenibile, con una rete di operatori (strutture ricettive, aziende agricole, ristoranti, negozi, ecc.) che condividono l’impegno per il rispetto dell’ambiente, la valorizzazione del patrimonio culturale e la qualità dell’alimentazione con una ricca offerta di prodotti di filiera corta.

D’altra parte, le Terre di Siena nel raggio di poche decine di chilometri presentano opportunità praticamente infinite di “viaggio”, tra natura e storia. Si può camminare seguendo gli itinerari definiti o intersecare i percorsi fino a “perdersi” piacevolmente nella campagna, ripercorrendo i passi di antichi pellegrini, immersi nella natura così come nel cuore delle città. Un viaggio, di un giorno come di una settimana, che è prima di tutto un’esperienza unica e totalizzante e che permette di “respirare” la storia e i saperi di chi ha vissuto per secoli questi territori. 

 

Per maggiori approfondimenti:  www.trekking.terresiena.it

Per informazioni e prenotazioni: www.terresiena.it

Terre di Siena IAT Piazza Duomo 1 – Siena – Tel. 0577 280551 – incoming@terresiena.it

Terre di Siena IAT Piazza Italia 67 – Chianciano Terme – Tel. 0578 671122/3 – prenota@terresiena.it

Ufficio IAT Terre di Siena Amiata, Via Adua 21- Abbadia San Salvatore – tel. 0577.775811 – infoamiata@terresiena.it

 

Categorie
news-import

Via Francigena di Mazara, in Sicilia

La Via Francigena di Mazara, un articolo pubblicato da Giuseppe Arlotta sulla rivista online “Dialoghi Mediterranei”

Uno studio approfondito del fascio di strade francigene in Sicilia, con riferimento all’area di Mazara. Pesaggio, toponimi, strade, luoghi storici. Una opportunità per rivisitare il territorio ora descritto, con l’aiuto di antichi documenti medievali, della cartografia del Settecento e, in particolare, prendendo in esame la ricostruzione del sistema viario della Sicilia antiqua.

Il tema del pellegrinaggio cristiano nella Sicilia medievale merita di essere approfondito coinvolgendo le Università e le Istituzioni culturali dell’isola in un Convegno internazionale in cui poter invitare i massimi esperti delle peregrinationes maiores così come avvenne nel Convegno “Santiago e la Sicilia” tenutosi presso l’Università degli Studi di Messina nel Maggio del 2003.

Leggi l’articolo e l’approfondimento storico

Categorie
news-import

Segnalazione Bando Comunitario “Prodotti turistici culturali transnazionali e turismo accessibile per tutti”

La Commissione Europea ha pubblicato l’Invito a presentare proposte “Prodotti turistici culturali transnazionali e turismo accessibile per tutti”, nell’ambito del Programma COSME, il nuovo Programma UE per la competitività delle imprese e delle PMI (COSME 2014-2020) – codice  127-G-ENT-PPA-14-7722.

L’invito individua due distinti temi:

  • tema A: Progetti di cooperazione a sostegno del turismo transnazionale basato sul patrimonio culturale e industriale (Turismo culturale);

  • tema B: Incoraggiare una imprenditoria e una gestione turistica accessibile (Turismo accessibile a tutti).

     

    Beneficiari

     

  • Le organizzazioni che presenteranno domanda dovranno rientrare nella definizione di una delle seguenti categorie di organizzazione e dovranno essere attive nel campo del turismo, cultura, sviluppo regionale, programmazione territoriale o in ogni altro campo che sia strettamente correlato all’oggetto della proposta:

  • autorità governative pubbliche nazionali regionali o locali (ministeri, regioni, province, comuni, dipartimenti ecc) oppure un loro network o associazione o altre organizzazioni che agiscono per conto di una public authority;

  • istituzioni di formazione accademica e di istruzione, fornitori di formazione professionale in ambito turistico o centri di ricerca;

  • organizzazioni che operano nell’ambito del destination management e loro network/associazioni;

  • agenzie di viaggio e tour operator e loro associazioni ombrello;

  • camere di commercio e industria, camere dell’artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello;

  • organizzazioni non governative o non lucrative, organizzazioni della società civile, fondazioni, organizzazioni di disabili e organizzazioni di beneficienza/fondazioni;

  • organizzazioni/associazioni internazionali, europee e nazionali attive nel campo del turismo o in campi ad esso correlati;

  • PMI pubbliche o private.

           Iniziative ammissibili

  1. Tema A: Progetti di cooperazione a sostegno del turismo transnazionale basato sul patrimonio culturale e industriale (Turismo culturale)

    L’invito sosterrà la cooperazione transnazionale e partenariati pubblico/privati nel campo del patrimonio culturale o industriale in relazione ai prodotti turistici; inoltre, l’invito si concentra sullo sviluppo del prodotto e/o le fasi promozionali.

    I candidati sono liberi di proporre ogni tipo di azione che sia in linea con gli obiettivi della call come: analisi di mercato che portino all’identificazione di un tema comune correlato al patrimonio culturale o industriale; mappatura delle attrattività/siti/destinazioni e servizi turistici e culturali che potrebbero essere correlati al tema identificato; identificazione di partner addizionali, stakeholder chiave e sponsor; business plan basati sull’analisi delle capacità di sostenere per il prodotto turistico transnazionale identificato le attività di rete (networking), la sensibilizzazione etc.

    Saranno particolarmente gradite le proposte che riguardano i seguenti elementi: combinazione di patrimonio industriale e di vita in azienda (visita a imprese e ai loro musei) a condizione che la proposta sia conforme al principio previsto dalla call del non-profit; prodotti costruiti intorno a personaggi storici di fama mondiale (europei o che hanno vissuto in Europa) o eventi europei (turismo della memoria/del ricordo, ad esempio intorno a guerre mondiali, fasi dell’integrazione europea, … in particolare rivolto ai giovani); prodotti sul patrimonio costiero e marittimo; prodotti basati sulle migrazioni (ad esempio, visitare i luoghi dei propri antenati); itinerari “spirituali”; percorsi gastronomici con un andamento narrativo europeo (ad esempio dove è stato introdotto un alimento, come si è diffuso attraverso l’Europa, la descrizione delle rotte commerciali e dei diversi modi per prepararlo … etc); strade che partono o che terminano al di fuori dell’Europa; turismo basato sull’esperienza (quando ad esempio i turisti vivono per un momento la vita della comunità di accoglienza (pescatori) o sono invitati a realizzare dei prodotti in ceramica dopo la visita a un museo e una fabbrica).

    L’invito prevede che ogni progetto debba rispondere alle seguenti caratteristiche:

  • essere tematico (cioè il prodotto turistico transnazionale deve essere concepito e strutturato attorno a un tema comune; il tema deve essere correlato al patrimonio culturale, o industriale,  europeo e deve essere chiaramente identificabile);

  • essere tecnicamente e finanziariamente sostenibile;

  • creare effetti misurabili;

  • essere transnazionale: il prodotto turistico deve avere una dimensione europea intesa sia nel senso di copertura geografica di almeno 5 diversi Stati UE, sia nel senso di essererappresentativa del patrimonio culturale comune europeo e dei suoi valori;

  • essere realizzato da un partenariato/consorzio la cui compagine sia costituita da almeno 5 partner con sede legale in almeno 5 diversi Stati [dovrà trattarsi di un partenariato pubblico/privato (almeno 2 PMI ed enti pubblici)];

  • dare visibilità al coinvolgimento dell’Unione europea nel progetto.

    Tema B: Incoraggiare una imprenditoria e una gestione turistica accessibile (Turismo accessibile a tutti)

    Con riferimento a questo tema l’invito intende testare l’attuazione di programmi di capacity building per cui manager, gestori delle destinazioni, imprenditori, possono imparare da operatori “accessibili” esperienze di successo, creare nuove sinergie con altri operatori, esplorare nuove opportunità di mercato e scoprire un nuovo modo di fare business.

    Perciò, gli obiettivi specifici, con riferimento al tema B, sono i seguenti: consentire a manager e imprenditori delle imprese turistiche, ai potenziali imprenditori turistici, a autorità nazionali, regionali o locali competenti nell’ambito dello sviluppo del turismo e della sua promozione, di inserire il tema dell’accessibilità e della “progettazione universale” (Universal design) nella loro attività di gestione, di pianificazione, di investimento, nelle strategie, nelle attività quotidiane delle loro imprese; coinvolgere altri operatori della filiera turistica, favorendo così la creazione di nuove imprese e la cooperazione anche transfrontaliera nel settore del turismo accessibile; favorire la condivisione di esperienze e di informazioni tra imprenditori sugli ostacoli, le sfide e i benefici derivanti dal rendere la loro impresa più accessibile; facilitare gli scambi di buone pratiche, lo sviluppo di reti e di piattaforme di discussione tra i decisori pubblici, il settore privato, le scuole e il mondo accademico nel settore del turismo accessibile; rafforzare le competenze manageriali di enti pubblici o privati nel trattare i problemi relativi all’accessibilità.

    Il presente invito si concentra sullo “sviluppo e implementazione di programmi di capacity building.

    I programmi di capacity building dovrebbero avere un forte approccio pratico, come ad esempio: analisi di scenari di casi reali, la partecipazione di figure di primo piano e di imprenditori di successo, guida e strumenti di supporto, tra cui strumenti ITC, ecc. Il programma di capacity building dovrebbe anche mirare a costruire nuove relazioni e network per gli imprenditori e decisori politici partecipanti. La proposta dovrebbe quindi spiegare chiaramente come attivare la rete e come implementarla e valutarla. Verrà valutato in modo più favorevole il fatto che le proposte siano focalizzate su micro e PMI.

    L’invito prevede che ogni proposta progettuale debba soddisfare le seguenti caratteristiche:

  • essere tecnicamente e finanziariamente sostenibile;

  • creare effetti misurabili;

  • essere realizzato da un partenariato/consorzio [dovrà trattarsi di un partenariato pubblico/privato] composto da un minimo di 3 partner (indipendenti), di cui almeno un partner deve essere un ente pubblico (public authority), almeno un partner deve essere un ente che eroga formazione (università, business scholl, istituti di formazione professionale), almeno un partner deve essere una associazione di imprese/camera di commercio, industria artigianato o organismi analoghi e loro associazioni ombrello;

  • il consorzio può essere transnazionale (cioè composto da entità giuridiche indipendenti con sede legale in almeno 3 paesi diversi); tale requisito non è obbligatorio.

  • dare visibilità alla partecipazione dell’Unione europea al progetto.

    Contributi

    L’invito ha una dotazione finanziaria complessiva pari a € 1.650.000,00 di cui € 1.000.000,00 destinati a finanziare le progettualità ricadenti nell’ambito del tema A (Turismo culturale/industriale), con la previsione indicativa della Commissione di finanziare 4/5 progetti e € 650.000,00 destinati a finanziare le progettualità

    ricadenti nell’ambito del tema B (Turismo accessibile per tutti), con la previsione indicativa della Commissione di finanziare 3/4 progetti.

    La sovvenzione non potrà superare il 75% dei costi ammissibili con un massimale di € 250.000,00 per i progetti presentati sul tema A e di € 180.000,00 per i progetti presentati sul Tema B.

    Procedure e termini

    Le candidature devono essere presentate utilizzando il Servizio elettronico di presentazione delle proposte che verrà reso disponibile sul sito http://ec.europa.eu/enterprise/index_en.htm.

    Le candidature complete della documentazione prescritta dovranno pervenire alla Commissione, con le modalità dettagliate nel manuale operativo entro e non oltre il giorno 21 ottobre 2014 ore 17.00 (ora di Bruxelles).

     

    Riferimenti normativi