Via Francigena

Categorie
news

Infinito Cammino: un viaggio per promuovere l’accessibilità universale

Federica e Nico sono due camminatori innamorati del viaggio lento. L’8 giugno 2022 hanno iniziato la loro grande avventura e da allora stanno percorrendo l’intera Via Francigena da Canterbury (nel Regno Unito) a Santa Maria di Leuca (in Puglia) per 5 mesi consecutivi, osservando uno stile di vita vegano.

Con il loro progetto “Infinito Cammino”, la giovane coppia di volontari mira a promuovere i 3.200 km che compongono l’Itinerario Culturale, divulgando in ciascun territorio il tema dell’accessibilità universale, tappa dopo tappa, passo dopo passo.

Oggi noi abbiamo l’opportunità di camminare lungo la Via Francigena e di raccontarla, ma vorremmo che in un futuro tutti possano vivere questa meravigliosa esperienza”, raccontano Federica e Nico. “Nel cammino ognuno trova ciò di cui ha bisogno: noi abbiamo imparato a valorizzare le piccole cose che poi sono in realtà grandi, piccoli gesti e sorrisi”.

Per queste ragioni i due camminatori hanno lanciato un crowdfunding destinato all’associazione Free Wheels odv, fondata da Pietro Scidurlo e per la quale i due ragazzi sono volontari. In più occasioni l’associazione ha collaborato con AEVF per promuovere la Via Francigena come una destinazione accessibile a tutti.

L’iniziativa di Federica e Nico vuole si pone l’obiettivo di rilevare lungo l’itinerario i punti più critici per far si che un domani anche questo cammino possa essere l’oggetto di una progettualità che inserisca nella strategia di sviluppo l’aspetto dell’accessibilità. Questo è un primo, primissimo sguardo che l’associazione rivolge alla Via Francigena nella tua interezza. Seguiranno altri sopralluoghi da parte di altri volontari e per realizzarli servono nuovi strumenti. La soglia da raggiungere è di almeno 6.000 € per acquistare due e-bike che potranno facilitare il lavoro dei volontari di Free Wheelds odv  nella creazione di cammini destinati persone con esigenze specifiche legate a una ridotta mobilità.

Per contribuire alla raccolta fondi, clicca qui:

WITHOUT YOU WE CANNOT WALK. WAYS FOR ALL

Cammino accessibile

Tutti noi possiamo unirci al cammino di Federica e Nico per Free Wheels odv!

Ecco come possiamo partecipare:

  • Sostenendo la campagna di crowdfunding
  • Mettendo un like alla pagina Facebook e Instagram di Free Wheels odv
  • Condividendo il viaggio attraverso la vostra rete di amici, partner, soci etc.
  • Organizzando eventi il giorno del nostro arrivo nella nostra città
  • Diffondendo la notizia del viaggio attraverso i media e contatti con giornalisti e influencer
  • Offrendo una doccia e un pasto caldo ai ragazzi in cammino
  • Camminando con loro per una o più tappe ed invitando amici e familiari: ecco il calendario.
  • Collaborando nel promuovere uno stile di vita vegano
  • Attraverso qualsiasi altro tipo di collaborazione da proporre a info@freewheelsonlus.com

Per contattare Federica e Nico scrivi alla Pagina Facebook o Instagram.

Categorie
news

Valsusa Slow Fest: voci e luoghi per un turismo esperienziale

Sabato 9 e domenica 10 luglio AEVF parteciperà alla prima edizione del Valsusa Slow Fest: due giorni dedicati al turismo lento e di prossimità che coinvolgeranno numerosi partner anche transalpini.

L’evento è parte del progetto “La Via Francigena in Valle di Susa: voci e luoghi per un turismo esperienziale”, risultato tra i vincitori del bando “In luce. Valorizzare e raccontare le identità culturali dei territori”, promosso e finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo.

In questa occasione, AEVF proietterà il docufilm dell’evento Road to Rome 2021 e presenterà il nuovo numero della Rivista ufficiale della Via Francigena, l’edizione numero 53, la cui copertina e un articolo speciale sono dedicati proprio all’itinerario che attraversa la Val di Susa. La rivista è infatti disponibile attraverso il sito web ufficiale della Rivista, che in questi mesi è stato rinnovato, messo a punto e rivisitato con una nuova grafica più user-friendly che richiama la grafica del sito ufficiale di AEVF.

Il programma del Valsusa Slow Fest sarà suddiviso in due giornate: il sabato sarà dedicato a eventi, incontri e attività nel centro storico di Susa, dove sarà anche allestito un village con stand legati alle attività outdoor, culturali e gastronomiche del territorio. La domenica verranno proposte attività esperienziali sul territorio della Valle di Susa sia in ambito outdoor sia di carattere culturale.

Sabato 9 luglio alle 9:30 in via Palazzo di Città prenderanno il via gli interventi dei relatori che affronteranno il macro-tema del turismo lento analizzandone i diversi aspetti: dopo l’apertura e la narrazione della governance locale sulle attività nel territorio, la mattina si parlerà de “Il turismo outdoor e lento nelle politiche locali, regionali e transfrontaliere” e “Le realtà territoriali in Italia attente ai cammini e il turismo slow”.

Dopo la pausa pranzo nei punti gastronomici dei produttori locali della Valle di Susa – Gusto ValSusa o nei ristoranti del territorio, si riprenderà alle 14:30 con “I Turismi lungo la Francigena – Voci ed esperienze di camminatori e pellegrini”. A seguire si approfondirà il tema de “La Via Francigena in Valle di Susa come traino turistico e culturale” per chiudere con “La Via Francigena e le arti...”.

Domenica 10 luglio per l’intera giornata si potrà partecipare ad attività sul territorio con gli accompagnatori e le guide turistiche che hanno approntato delle proposte ad hoc per l’occasione:

• Nel parco Gran Bosco di Salbertrand: ore 9:30 “L’anima del bosco”, facile escursione con Elena Bianco Chinto. Nella sede del Parco in via Fransuà Fontan 1 è visitabile il centro di documentazione Spazio Escartons. Inoltre, davanti alla sede del parco prosegue il lavoro degli scultori di “Istuara ‘d bo” che realizzano nuove sculture in legno per arricchire i sentieri del Parco e dell’Ecomuseo Colombano Romean. Prenotazione obbligatoria entro venerdì 8 luglio: tel. 3334244678 – erefbianchi@gmail.com

Cicloescursione “Da Avigliana all’Orrido di Foresto in Bici” con Duma c’Anduma. Info: https://www.dumacanduma.org/tour/da-avigliana-allorrido-di-foresto-in-bici/

• Ore 9:30 escursione “Lago Verde e Lago Lavoir” con Catia Pernigotto. Info e prenotazioni: tel. 3387243283 – catia.pernigotto@gmail.com

• Ore 9:00 escursione al rifugio Toesca “Prenditi il tempo!” con Chiara Bellando di Iocamminonaturalmente. Info e prenotazioni: tel. 3387799570 – info@iocamminonaturalmente.com

• Ore 10:30 visite all’ex Dinamitificio Nobel di Avigliana. Info e prenotazioni: ufficioiat@turismoavigliana.it – tel. 0119311873.

• Ore 15-18 apertura del Castrum Capriarium (castello del Conte Verde) a Condove. Info e prenotazioni: tel. 3496483719.

• Ore 10-13 e 15-18 apertura della Torre Delfinale a Oulx (anche il 9 luglio). Info: Ufficio Turistico di Oulx, https://turismo-oulx.it/

• Ore 16:00 visita guidata del Castello della Contessa Adelaide – Museo Civico a Susa. Info: castellosusa@gmail.com

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "Con patrocinio della città di Susa VALSUSA SLOW FEST Outdoor Heritage VIAFRANCIGENA voci luoghip turismo esperienzialein VALLE DIS Eventi Incontri Attività Prodotti tipici 9 LUGLIO 2022 Susa Centro Storico 10 LUGLIO 2022 Attività esperienziali sul territorio SCOPRI| PROGRAMMA Maggior sostenitore Fondazione CONEA Torino TPE"

Per maggiori informazioni:

https://www.vallesusa-tesori.it/it/stories/2022/05/11/slow-fest

Info: info@vallesusa-tesori.it

Visita la pagina Facebook

Visita la nostra pagina dedicata

Categorie
news

Siccità nel fiume Po: sospeso il traghetto di Danilo

Per la prima volta dal 1998 è stato sospeso il traghetto “Transitum Padi”, il trasporto dei pellegrini lungo la Via Francigena al guado di Sigerico sul fiume Po.

La mancanza di piogge delle scorse settimane ha causato un’estrema siccità del fiume che ha reso pericoloso il suo attraversamento, aumentato il rischio di rimanere incagliati o di danneggiare l’imbarcazione. Una decisione che non era mai stata presa negli oltre 20 anni di attività del servizio del ‘Caronte della Via Francigena’.

Il traghettatore Danilo Parisi ha deciso di sospendere il servizio nel weekend del 19 giungo, dopo aver accompagnato gli ultimi pellegrini dalla sponda lodigiana di Corte Sant’Andrea fino a Soprarivo, in arrivo a Piacenza. Una decisione inevitabile viste le condizioni del fiume: anche per una barca di pochi posti, schiavare i “sabbioni” sotto il pelo dell’acqua o evitare tronchi e detriti diventava sempre più pericoloso.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Caledasco Filippo Zangrandi, il quale ha spiegato che “per non mettere a repentaglio la barca, si è scelto di interrompere il guado sulla via Francigena”. L’Agenzia interregionale per il Fiume Po AIPO, infatti, ha sconsigliato fortemente la navigazione per motivi di sicurezza. Sottolineando come all’interno del canale navigabile siano presenti dei tratti con fondali al di sotto dei 50 centimetri.

La situazione del fiume più lungo d’Italia è preoccupante, e gli effetti del cambiamento climatico e dell’innalzamento delle temperature globali sono ormai evidenti ed innegabili. Sono molte le province d’Italia che in questi caldi mesi d’estate stanno prendendo provvedimenti per limitare lo spreco delle risorse d’acqua, e anche noi ci uniamo nel sollecitarvi a prestare attenzione ai consumi d’acqua: se da una parte è bene rimanere ben idratati durante il cammino, a casa possiamo evitare docce troppo lunghe e rubinetti aperti per troppo tempo, ad esempio quando spazzoliamo i denti o laviamo i piatti, ma anche limitare la quantità d’acqua che utilizziamo per innaffiare le piante. Insieme possiamo contribuire a prevenire grandi problemi di siccità che il clima torrido di questa estate ci pone davanti.

Water

Per aggiornamenti sulla sospensione e ripresa del servizio contattare Danilo Parisi: tel. 0523 771607

Categorie
news

Aggiornamenti sulla segnaletica lungo la Via Francigena in Regione Lazio

La segnaletica è un elemento di fondamentale importanza per i pellegrini che percorrono un itinerario come la Francigena a piedi o in bicicletta. AEVF, in tutti i quattro Paesi attraversati dalla Via Francigena, è in costante contatto con le istituzioni nazionali e locali preposte alla manutenzione dei percorsi affinché siano puliti, percorribili e sempre ben segnalati, soprattutto ai bivi.

Nel tratto italiano sono numerose le associazioni amiche di AEVF, così come i professionisti e i volontari che contribuiscono a questo grande lavoro: sulla Via Francigena in Lazio a nord di Roma, ad esempio, si recano fisicamente i membri e gli amici del CAI (Club Alpino Italiano) della sezione di Viterbo, mentre a sud di Roma è particolarmente attivo il Gruppo dei Dodici.

Sono quindi le nostre associazioni amiche, che ringraziamo di cuore, a rendere possibile questo servizio fondamentale per pellegrini ed escursionisti. L’attività di manutenzione e di segnaletica sul percorso si svolge in stretta collaborazione con le amministrazioni comunali (in Italia sono i soggetti preposti per operare in questo ambito) e con il coordinamento delle regioni, seguendo le linee guida del Vademecum AEVF sul percorso pubblicato nel 2016 e aggiornato ogni anno.

Questa primavera, un gruppo tecnico guidato da AEVF, in stretta sinergia con Regione Lazio, ha percorso tutte le tappe della Francigena laziale sia a nord che a sud di Roma per posizionare la segnaletica leggera aggiuntiva in più di 1.200 punti che attraversano la Regione. Questi segnavia adesivi – color bianco e rosso per il percorso a piedi e bianco e blu per quello in bici – costituiscono un sistema integrativo pratico e veloce che indica ai pellegrini la direzione lungo i percorsi fuoristrada e sulle strade asfaltate, laddove non sia possibile posizionare altri tipi di segnaletica o cartellonistica.

Regione Lazio rappresenta una best practice, un esempio da perseguire per la manutenzione del percorso francigeno, dove la collaborazione tra più enti assicura sentieri praticabili e ben segnalati.

Categorie
news

Scienza Servizievole in Cammino: educazione e cammino vanno di pari passo

Scienza Servizievole in Cammino è un progetto itinerante che nasce dall’idea della professoressa Daniela Lucangeli di diffondere una scienza vissuta, condivisa e messa al servizio della comunità.

Da giugno a settembre, infatti, i partecipanti al progetto, guidati da Giuseppe Giorato, attraverseranno la Via Francigena italiana coinvolgendo esperti del mondo della scienza, della pedagogia, della cultura e professionisti della comunità scientifica. Le loro conoscenze verranno così messe al servizio di educatori, insegnanti, operatori, ricercatori, specialisti ma anche di famiglie e curiosi che vorranno unirsi in cammino.

Il cammino è organizzato in collaborazione con Mind4Children dell’Università di Padova, Heart4Children APS e l’Associazione per il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e la Ricerca sulle Situazioni di Handicap (CNIS), di cui Lucangeli è Presidente. Il viaggio si snoderà per 1800 km distribuiti in 90 tappe, partendo dalla Valle D’Aosta fino ad arrivare in Basilicata, a Matera. Di pari passo al cammino, verranno proposte conferenze, congressi e spettacoli proprio sui temi oggetto di studio.

Il primissimo appuntamento è l’11 giugno a Torino, in cui si terrà la presentazione ufficiale del progetto e Daniela Lucangeli e Alessandro D’Avenia terranno la conferenza “Passo dopo passo verso la Scuola che vorrei: dialogo su una scuola possibile”.

Subito dopo partirà il viaggio: il 13 giugno avrà inizio al Colle del Gran San Bernardo in Valle d’Aosta, per arrivare il 14 settembre a Matera, attraversando Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, Campania e Puglia.

Resta aggiornato sulle tappe e gli eventi in programma seguendo la pagina Facebook “Scienza Servizievole in Cammino”.

Categorie
news

Via Francigena nel Sud: la nuova guida di Terre di Mezzo

La guida dedicata alla Via Francigena nel Sud è in vendita in tutte le librerie italiane, oltre che sul sito ufficiale dell’editore Terre di Mezzo

La guida è stata presentata e messa in vendita in anteprima presso la fiera Fa’ la cosa giusta! 2022 a FieraMilanoCity, dove l’associazione ha partecipato dal 29 aprile al 1 maggio 2022: la fiera, giunta alla sua XVIII edizione, dedica grande attenzione agli stili di vita sostenibili e al consumo critico e consapevole, con un intero reparto pensato proprio per i grandi cammini d’Italia.  

Angelofabio Attolico, rappresentante dell’AEVF per il tratto francigeno a sud di Roma e uno degli autori della guida, in compagnia di Gianfranco Lopane, assessore al Turismo della Regione Puglia, Roberto Battista, dall’Agenzia del Turismo di Regione Lazio, Rosanna Romano e Felice Casucci da Regione Campania, e il Presidente AEVF Massimo Tedeschi, ha mostrato la guida al pubblico in sala, con la moderazione di Andrea Mattei, giornalista della Gazzetta dello Sport

Si tratta della prima guida cartacea dedicata ai 930 km del tratto francigeno che collega Roma alla Finis Terrae pugliese, Santa Maria di Leuca, attraversando territori del Lazio, della Campania, della Basilicata e tutta la lunghezza della Puglia. Partendo dal Parco dell’Appia Antica, si continua a Terracina, Gaeta, Sessa Aurunca e a Benevento, snodo strategico tra la Via Appia e la Via Traiana. 

Avvicinandosi al tratto pugliese, il pellegrino può intraprendere vari percorsi, percorrendo il cammino materano; arrivando a Monte Sant’Angelo nel Gargano e il sentiero litoraneo che la collega a Bari; dirigendosi verso Brindisi per giungere ai porti che collegano l’Italia alla Terra Santa e da lì, forse, continuare il cammino fino a Gerusalemme; oppure può continuare il viaggio lungo la costa e verso il Salento per arrivare a Santa Maria di Leuca, raggiungendo la fine del tacco italiano laddove i mari Adriatico e Ionio si incontrano. 

Per ogni tappa sono presenti la cartografia dettagliata, le altimetrie, i punti in cui fare scorta d’acqua, indicazioni sul tipo di terreno su cui si cammina (sterrato o asfalto), informazioni su dove dormire e cosa visitare. Vi sono in più suggerimenti per alcuni viaggi brevi e le informazioni principali per la direttrice Bradanica che porta a Matera. 

La guida è al momento disponibile solamente in lingua italiana ed è dedicata al percorso a piedi, anche se la maggior parte del tracciato, così come descritto nella guida, può essere percorso anche in bicicletta. 

Clicca qui per sapere di più sulla nuova guida o per acquistarne una copia 

Categorie
news

La Via Francigena ti aspetta alla fiera Fa’ La Cosa Giusta! 2022 a Milano

Anche quest’anno l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) sarà presente a Fa’ la Cosa Giusta!, la grande fiera dedicata al consumo critico e agli stili di vita sostenibili che si svolgerà a Milano dal 29 aprile al 1 maggio 2022 nei padiglioni 3 e 4 di Fieramilanocity. L’obiettivo dell’evento? Diffondere “buone pratiche” di consumo e produzione e valorizzare le eccellenze del territorio.

Dal 2004 la fiera è un luogo di incontro per appassionati e addetti ai lavori del mondo dei cammini e del movimento lento e ogni anno ospita in media più di 80.000 visitatori. Alla base del progetto, la casa editrice Terre di Mezzo, che peraltro ha pubblicato molte guide ufficiali della Via Francigena per la sua collana ‘Percorsi’, tra cui questa.

Non vediamo l’ora di prendere parte a questo appuntamento!

Vi aspettiamo al nostro stand: Padiglione 3, numero QB2

Per l’occasione, abbiamo preparato tantissime soprese!

Continua a leggere

  1. Proiezione in anteprima del docu-film

In occasione della fiera proietteremo in prima visione il docufilm ufficiale della grande camminata-evento “Via Francigena. Road to Rome 2021. Start again!”. Un docufilm che racconta la staffetta compiuta lo scorso anno da migliaia di pellegrini lungo i 3200 km della Via Francigena. Quattro mesi a piedi e in bici lungo i 5 stati che attraversano lo storico cammino per festeggiare i 20 anni dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e per (ri)scoprire la sua ricchezza paesaggistica, culturale e gastronomica. Dopo la proiezione del docufilm incontreremo alcuni dei protagonisti che hanno partecipato al viaggio-evento, per rivivere questa straordinaria avventura attraverso i loro racconti.

Quando? Domenica 1 maggio, ore 15:00, Sala Rossa

2. Aperitivi a tema

Ogni giorno dalle ore 17:00 vi aspettiamo al nostro stand per un “aperitivo francigeno” con prodotti provenienti dai territori attraversati dall’itinerario. I prodotti sono forniti da partner che collaborano con noi ai progetti Sosta & Gusta e rurAllure. Calici in alto, ti aspettiamo!

Quando? Tutti i giorni, dalle ore 17:00, Stand QB2, Padiglione 3

3. La Sfida dei Timbri

Non è tutto, anzi, manca la parte migliore! I visitatori della fiera, in tutte e tre le giornate, potranno partecipare alla Sfida dei Timbri, un gioco interattivo ed itinerante sul tema Via Francigena. Partecipando al gioco potrai percorrere l’intera Via Francigena in un solo giorno! Impossibile? Vieni a scoprire come!

Per partecipare alla sfida, segui questi 3 semplici step:

  • Iscriviti tramite il google form di partecipazione
  • Quando arrivi alla fiera, recati presso il nostro stand (Codice stand: QB2 Padiglione: 3)
  • Ricevi la tua “credenziale della fiera”, con cui collezionare timbri all’interno della fiera.

Più timbri raccoglierai sulla tua credenziale, partecipando a quiz e a varie attività in loco, più possibilità avrai di ricevere una sorpresa da parte dei nostri partner: al gioco, infatti, contribuiranno alcuni dei nostri storici partner come SloWays, Garmont, Ferrino, Free Wheels e proprio Terre di Mezzo.

Visita la pagina dedicata per scoprire tutti i dettagli e, per rimanere sempre aggiornato/a, iscriviti alla nostra newsletter e seguici sui nostri canali social Facebook e Instagram.

NB: FLCG ha ingresso gratuito ma è necessario pre-registrarsi qui.

Categorie
news

A Canterbury, km zero della Francigena, si svolge per la prima volta l’Assemblea AEVF

Mercoledì 27 aprile 2022 i soci dell’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) si incontreranno a Canterbury (Kent County, Inghilterra), km 0 della Via Francigena.

Per la prima volta nella storia AEVF, fondata nel 2001 a Fidenza (Italia), l’assemblea viene ospitata in Inghilterra a Canterbury presso la prestigiosa sede del Cathedral Lodge. L’evento è ospitato da Canterbury City Council ed è organizzato con la collaborazione della Confraternity of Pilgrims to Rome e di North Downs Way. All’incontro parteciperanno rappresentanti di Comuni, Province, Dipartimenti e Regioni provenienti dai quattro Paesi attraversati dalla Francigena, oltre alla presenza di numerose associazioni di camminatori e volontari.

Canterbury Cathedral

All’ordine del giorno punti significativi come l’approvazione del bilancio e la rendicontazione delle attività svolte, l’aggiornamento sulla fase di candidatura della Via Francigena a Patrimonio dell’Umanità Unesco e il rinnovo delle cariche associative. In questa occasione verrà presentato in anteprima il docufilm sul viaggio epico dello scorso anno denominato “Via Francigena. Road to Rome 2021. Start again!” realizzato in occasione delle celebrazioni dei vent’anni AEVF. Una lunga staffetta durata 127 giorni e lunga 3.200 km che ha messo in rete 658 comuni ed ha contribuito a consolidare l’unità fra i popoli e le culture sulla Via Francigena.

Pilgrim's staff

A fianco dell’assemblea si svolgono momenti culturali importanti. Il giorno 26 pomeriggio è prevista una celebrazione religiosa presso la Cattedrale alla presenza del gruppo di pellegrini della Confraternity Pilgrims to Rome, guidati dal loro presidente Giancarlo Laurenzi, che percorreranno a piedi il tratto storico Londra-Canterbury ed arriveranno proprio il giorno prima dell’Assemblea per incontrare i rappresentanti AEVF. In questa occasione, i presenti visiteranno quindi la Cattedrale di Canterbury nella cui cripta verrà benedetto il bordone del pellegrino – realizzato dall’artigiano irlandese Michael Walsh – che l’estate scorsa ha accompagnato il gruppo dei camminatori durante l’intero percorso del Road to Rome. Il giorno 27 mattina è prevista la visita guidata nel centro storico, mentre il giorno 28 aprile viene organizzata una camminata di 10 km nel tratto Canterbury-Dover per far conoscere e scoprire il primo tratto di cammino, la cui manutenzione e segnaletica sono ben curate dalla North Down Ways. Lo staff AEVF percorrerà interamente i 32 km della prima tappa con il bordone per chiudere simbolicamente la staffetta iniziata lo scorso 17 giugno da Calais.

Categorie
news

Un cammino per ricominciare a vivere: 2000 km lungo la Francigena

Il provvedimento imposto da un giudice diventa una grande esperienza di vita per un ragazzo che così sceglie di riprendere in mano la propria vita.

Da Aosta a Santa Maria di Leuca a piedi per un lungo viaggio di riscatto che durerà complessivamente tre mesi. Dallo scorso 21 febbraio, infatti, Francesco Barletta, accompagnatore dell’associazione di volontariato Lunghi Cammini, attiva nel dare riscatto ai minorenni vulnerabili, e G. , un giovane che sta percorrendo il cammino come prova alternativa alla pena.

L’associazione Lunghi Cammini si costituisce formalmente il 13 novembre 2016, da un gruppo di lavoro nato intorno all’idea di realizzare anche in Italia, come già da tanti anni in Belgio e in Francia, dei lunghi cammini educativi, di “rottura”, per permettere ad adolescenti e giovani in situazione di disagio sociale o autori di reati di “staccare”, mettersi alla prova, affrontare una grande sfida e ripensare a un progetto di vita.

Francesco Barletta e G.: una prova di riscatto

Macinare a piedi migliaia di km diventa quindi una sorta di riscatto e redenzione dalla pena, trasformandosi in una esperienza catartica, capace di instillare in giovani in situazioni di fragilità una nuova consapevolezza della propria esistenza. E’ questo l’obiettivo del cammino in corso lungo la Via Francigena italiana. Si tratta di una esperienza supportata dalla legge italiana che prevede, nei casi della normativa vigente, la possibilità che vengano stabilite pene alternative per aiutare il condannato ad intraprendere un nuovo percorso formativo.

Categorie
news

‘Sul Sentiero Blu’: il film sulla Via Francigena riempie le sale italiane

Il progetto CON-TATTO, organizzato dal Rotary 2031 e dall’Asl Città di Torino, ha visto 12 pellegrini affetti da autismo vincere una grande sfida: arrivare a Roma a piedi ed incontrare il Papa. Il progetto affronta più tematiche: l’impresa sportiva e salutare della camminata, la ricerca scientifica condotta dal Dott. Keller, applicando i social skill training che solitamente vengono fatti negli ambulatori in un contesto itinerante e in continuo mutamento, e il racconto della Via Francigena, valorizzando la sua storia, i luoghi visitati e i bellissimi panorami.

Il racconto è presentato nel docufilm “Sul Sentiero Blu”, diretto da Gabriele Vacis e prodotto da Indyca di Michele Fornasero, e alla fine di febbraio è andato in rassegna nei grandi cinema italiani. I registi sono diventati parte del team per costruire un film in cui il pubblico può al tempo stesso sensibilizzarsi sull’autismo e godersi i paesaggi incantevoli della Francigena.

Vivere il cammino guardando il mondo con gli occhi dei nostri ragazzi, credo sia stata l’emozione più grande di questa esperienza, perché non camminavo per me, ma per loro, io e gli altri accompagnatori abbiamo dedicato a loro tutta la nostra esperienza, vederli crescere e guadagnare ognuno le proprie vittorie personali non ha davvero eguali’ ha commentato Luca Rivoira, volontario che ha accompagnato il gruppo a piedi.

Watch the trailer of ‘Sul Sentiero Blu’: