Via Francigena

Categorie
news-fr-import

Le nouveau site de la Via Francigena en ligne

Le portail de l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF), www.viefrancigene.org est le point de référence en ligne pour toutes les informations sur la Via Francigena et son accessibilité depuis 2004.

En 2019, le site a reçu plus de 1 000 000 de visites d’utilisateurs intéressés par le parcours.

À partir d’aujourd’hui, un pas de plus est franchi pour se rapprocher de ceux qui recherchent toutes sortes d’informations sur l’itinéraire.

Sur le portail officiel de l’AEVF, un restyling graphique et fonctionnel a été réalisé, un nouveau design et une meilleure expérience utilisateur ont été adoptés pour aider ceux qui commencent à se déplacer sur la Via Francigena au niveau virtuel, facilitant la recherche en ligne d’informations, de notions, de contacts nécessaires pour faire le voyage ou pour entrer dans le réseau des différents acteurs actifs sur la Via Francigena.

Grâce à la refonte du site, il sera aujourd’hui encore plus immédiat et intuitif pour l’utilisateur de naviguer dans les différentes sections et d’identifier les domaines qui l’intéresse.

En termes de contenu, le portail restera une référence officielle trilingue (italien, français et anglais) pour tout ce qui concerne le parcours de la Via Francigena et sa préparation, des cartes officielles du parcours à pied et à vélo à la liste des hébergements, à l’accréditation, à tous les services utiles aux marcheurs et aux cyclistes, aux points critiques, à l’excellence culturelle le long du chemin, aux projets en cours et bien plus encore.

Il y a également des actualités générales hebdomadaires sur les principales mises à jour de la Via Francigena et sur les thèmes des itinéraires et du slow tourisme.

Enfin, la section consacrée aux voyages organisés le long du parcours sera enrichie d’indications et de propositions, grâce aussi à la collaboration croissante avec des associations et des partenaires privés. Cette orientation a été prise suite à la forte demande du public sur ce thème.

Un effort et un engagement essentiels qui témoignent concrètement de la volonté de l’Association de faire évoluer constamment son rôle, en le rendant toujours actuel et en phase avec les besoins de la communication digitale.

Categorie
news-import

Vandalismo nel viterbese, la denuncia di CAI e AEVF

Vengono segnalati all’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) atti di vandalismo sui cartelli indicatori della Via Francigena nel tratto viterbese laziale.

In alcuni casi sono stati divelti e non sono più presenti, in altri casi sui cartelli sono stati attaccati adesivi AEVF, con la freccia della direzione voltata in modo opposto a quella del cartello, generando così confusione sul percorso.

Il CAI di Viterbo constata che, rimuovendo gli adesivi, si stacca la vernice, danneggiando ulteriormente il cartello.

AEVF si dissocia da tali atti; nessuno è autorizzato a utilizzare così impropriamente gli adesivi AEVF.

L’unica associazione autorizzata per legge a posizionare e a modificare la segnaletica è il CAI.

AEVF e CAI Viterbo sono certi che chi ama la Via Francigena rispetta l’ambiente ed il lavoro dei volontari CAI.

Gli atti di vandalismo e di danno ambientale sono passibili di sanzioni e soprattutto deturpano il paesaggio e il sentiero della Via Francigena che sono bellissimi nel viterbese.

Categorie
news-import

Sinergia fra comune e associazioni per la Via Francigena a Campagnano di Roma

L’amministrazione comunale di Campagnano di Roma, ha concesso un patrocinio oneroso alla locale associazione Mediterraid per la valorizzazione della Via Francigena.

Da sempre si dibatte su quale può essere una formula efficace per la valorizzazione della Via Francigena nel Lazio. Le amministrazioni locali sono spesso oberate da impegni gravosi e dispongono normalmente di scarse disponibilità economiche. Le associazioni di appassionati svolgono compiti di valorizzazione del territorio ma sono prive di ufficialità e difficilmente controllabili.

L’amministrazione comunale di Campagnano di Roma, ha ritenuto di individuare nella locale associazione Mediterraid una riconosciuta competenza sul tema della Via Francigena e a essa ha concesso un patrocinio oneroso a fronte dell’impegno a monitorare e valorizzare il tratto di Via Francigena di pertinenza comunale.

L’associazione Mediterraid che opera in forma privata e tramite bandi pubblici nel settore dei Cammini, a fronte della sollecitazione dell’amministrazione comunale, si è impegnata a svolgere un lavoro di controllo, valorizzazione, promozione e manutenzione del tratto della Via Francigena che ricade nel territorio del comune di Campagnano nelle sue due varianti: la Salita di Santa Lucia e la Via Fontana Latrona.

Questa sinergia virtuosa tra pubblico e privato, frutto di una reciproca volontà di valorizzazione del territorio, potrà dare buoni risultati a fronte di un impegno pubblico molto limitato e potrà essere presa ad esempio da altre amministrazione nel Lazio e nelle altre regioni interessate al Turismo dei Cammini attualmente in forte crescita.

Categorie
news-import

Nasce l’associazione Amici della Via Francigena di Viterbo

Per rispondere a un sempre maggiore aumento dei pellegrini che percorrono la via Francigena e attraversano la città, la parrocchia Santa Maria Nuova, nel centro storico di Viterbo, ha fondato l’associazione Amici della via Francigena di Viterbo.
Si tratta di un’associazione di promozione sociale e culturale senza scopo di lucro, a utilità sociale in favore dei pellegrini che percorrono la Via Francigena. Diversi sono gli scopi e i fini dell’associazione, come indicati dallo statuto, tra questi i principali sono: accogliere i pellegrini nella struttura operativa ospitale del Pellegrino, fornire loro assistenza spirituale (come il rito della benedizione del pellegrino), assistenza materiale e informativa per poter meglio vivere il pellegrinaggio sulla Via Francigena.

In particolare, possono essere fornite informazioni riguardanti gli ultimi cento chilometri (o poco più), della via Francigena, che separano Viterbo dalla tomba dell’apostolo Pietro, meta di numerosi pellegrini ogni anno o anche informazioni riguardanti il proseguio del percorso, denominato Via Francigena del sud.

L’associazione Amici della Via Francigena, in breve, vuole valorizzare il pellegrinaggio non solo come fenomeno umano universale nel tempo e nello spazio, ma anche valorizzarlo come approccio culturale, sociale e soprattutto religioso.

L’idea di formare un’associazione per i pellegrini è venuta ad alcuni volontari dell’ospitale del Pellegrino ed essa si è sviluppata nel tempo fino a concretizzarsi con la nascita di uno statuto e un atto costitutivo.

Il giorno 11 febbraio 2020 si sono riuniti nella parrocchia di Santa Maria Nuova i soci fondatori e hanno approvato lo statuto sociale. Nella stessa riunione si è costituito il consiglio direttivo formato dal presidente che, a norma dello stesso statuto, è la carica ricoperta dal parroco della parrocchia di santa Maria Nuova, don Mario Brizi, dal vicepresidente il diacono Vincenzo Mirto responsabile dell’ospitale del Pellegrino e dal tesoriere Mario Mancini, presidente provinciale dell’Unione cattolica stampa Italiana.

Durante gli incontri che hanno preparato la creazione dell’associazione, hanno preso forma molte idee, già poste in cantiere, a favore dei pellegrini che giungeranno a Viterbo nei prossimi mesi, questo con l’intento di dare loro un ricordo indelebile, nonostante la breve permanenza, della  stupenda città.

Il primo appuntamento dell’associazione Amici della via Francigena Viterbo,  è stato il 20 febbraio 2020 nei locali di San Pellegrino. Nell’occasione si sono riuniti i soci fondatori, i volontari e gli aspiranti volontari per organizzare la prossima apertura dell’ospitale del Pellegrino che avverrà il 01 marzo 2020.

L’ospitale del Pellegrino, nell’anno 2019, ha accolto centinaia di pellegrini provenienti da oltre 30 Paesi, fornendo loro assistenza spirituale e materiale, indicazioni logistiche per arrivare a Roma e, per chi lo desiderava, anche fino a santa Maria di Leuca (finibus terrae), termine italiano della via Francigena.

L’associazione Amici della via Francigena si ripromette di fornire assistenza e informazioni a tutti i pellegrini che vi si rivolgeranno, per consentire loro di vivere al meglio l’esperienza del pellegrinaggio.

Fonte: TusciaWeb

Categorie
news-en-import

A new association Amici della via Francigena di Viterbo is established

To respond to an ever increasing number of pilgrims along the Via Francigena in the area, the parish of Santa Maria Nuova from historic center of Viterbo, founded a friends association Amici della via Francigena di Viterbo.

It is a non-profit social and cultural association with a social utility in favor of Via Francigena pilgrims. Aims and objectives of the association, as indicated by the statute, include welcome in the Pilgrim’s hostel, spiritual assistance and pilgrim’s blessing ritual, information materials for better pilgrimage experience on the Via Francigena. The idea of ​​forming an association for pilgrims comes from pilgrims’ hostel volunteers, which over time evolved with a statute and a foundation.

In particular, the association will provide information regarding the last hundred kilometers (or slightly more) on the Via Francigena, which separate Viterbo from the tomb of the apostle Peter – a destination of numerous pilgrims every year – as well as information regarding the continuation of the route along the Via Francigena in the South.

Amici della Via Francigena association wants to enhance the pilgrimage not only as a universal human phenomenon, but also as a cultural, social and spiritual experience.

The Friends of the Via Francigena association intends to provide assistance and information to all the pilgrims to allow them to better enjoy the pilgrimage experience.

Source:  TusciaWeb

Categorie
news-import

Misure precauzionali contenimento Coronavirus nel lodigiano

L’Associazione Europea delle Vie Francigene diffonde le misure assunte da Regione Lombardia in data 21 Febbraio 2020 in relazione al problema “Coronavirus”, nell’area del lodigiano, dove sono stati individuati alcuni casi di positività al virus. 

Sono dieci i comuni lodigiani nei quali Regione Lombardia invita a non soggiornare: Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Maleo, Fombio, Bertonico, Castelgerundo, Terranova dei Passerini, Somaglia, San Fiorano.

In via precauzionale si consiglia pertanto di non percorrere le due tappe della Via Francigena Santa Cristina/Orio Litta e Orio Litta/Piacenza incluse in tale perimetro, adottando in ogni caso tutte le precauzioni suggerite dall’autorità sanitaria.

Si ricordano le seguenti accortezze al fine di limitare quanto più possibile il rischio di contagio:

  • il mantenimento dell’igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso;
  • utilizzare una mascherina e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l’uso e lavare le mani;
  • pratiche alimentari sicure: evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate;
  • evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.

Si informa inoltre che chi dovesse riscontrare sintomi influenzali e/o problemi respiratori l’indicazione perentoria è di non recarsi in pronto soccorso, ma di contattare direttamente il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i test necessari.

Il presidente della Regione, Attilio Fontana, ha sottolineato che “Il Tavolo di coordinamento regionale è sempre aperto, siamo pronti a reagire a qualunque evenienza. Abbiamo assunto provvedimenti che non devono essere intesi come qualcosa che possa spaventare ma come qualcosa che può bloccare l’epidemia”.

“Le misure che assumiamo – ha continuato il presidente – sono gli unici mezzi per evitare diffusione del contagio e non devono essere viste come qualcosa di drammatico e preoccupante. È dimostrato che questo sistema contribuisce in modo stanziale a bloccare la diffusione. Non dobbiamo diffondere il panico ma le misure, che potremo rivalutare dopo la riunione con il ministro Speranza, che sta arrivando, sono fondamentali per il bene della comunità”.

Categorie
news-en-import

Precautionary Measures against Coronavirus in Lodigiano

The European Association of the Via Francigena ways EAVF disseminates information concerning the precautionary measures taken by the Lombardy Region on 21 February 2020 in relation to the Coronavirus cases in the area of Lodi, where a few persons have been tested virus positive.

There are ten Lodi municipalities which the Lombardy Region invites you to avoid: Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Maleo, Fombio, Bertonico, Castelgerundo, Terranova dei Passerini, Somaglia, San Fiorano.

As a precaution, it is therefore advisable not to travel the two stages of the Via Francigena: 1. Santa Cristina  –  Orio Litta; 2. Orio Litta  – Piacenza, as they are included in the quarantine perimeter for the precautions suggested by the health authorities.

Please note the following precautions to limit the risk of contagion as much as possible:

  • maintenance of hand hygiene: wash your hands often with soap and water or alcoholic solutions;
  • maintenance of respiratory tract: sneeze or cough in a handkerchief or with your elbow flexed;
  • use a mask and throw the used tissues into a closed basket immediately after use and wash your hands;
  • safe food practices: avoid raw or undercooked meat, unwashed fruit or vegetables and unwrapped drinks;
  • avoid close contact whenever possible with anyone showing symptoms of respiratory diseases such as coughing and sneezing.

We also inform you that anyone experiencing flu symptoms and / or respiratory problems, the indication is not to go to the emergency room, but to contact the 112 number directly, who will evaluate each situation and activate specific protocol for transport to the healthcare facilities in charge or to possibly carry out the necessary tests.

The President of the Region, Attilio Fontana, underlined that “The regional coordination table is always open, we are ready to react to any eventuality. We have taken measures that should not be understood as something that can frighten but as something that can block the epidemic“.

The measures we take – continued the president – are the only means to avoid spreading the infection and should not be seen as something dramatic and worrying. It has been shown that this system contributes in a permanent way to blocking the spread. We must not spread the panic, however, the measures, which we will be able to re-evaluate after the meeting with Minister Speranza, are fundamental for the good of the community “.

Categorie
news-fr-import

Mesures de précautions contre le Coronavirus dans la zone de Lodi

L’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena diffuse les mesures prises par la Région Lombardie le 21 février 2020 concernant le problème du “Coronavirus”, dans la zone de Lodi, où certains cas positifs au virus ont été identifiés.

Il y a dix communes dans lesquelles la Région de Lombardie invite à ne pas séjourner : Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Maleo, Fombio, Bertonico, Castelgerundo, Terranova dei Passerini, Somaglia, San Fiorano.

Par mesure de précaution, il est donc conseillé de ne pas parcourir les deux étapes de la Via Francigena Santa Cristina/Orio Litta et Orio Litta/Piacenza comprises dans ce périmètre, en prenant en tout état de cause toutes les précautions suggérées par l’autorité sanitaire.

Voici un rappel des précautions suivantes afin de limiter autant que possible le risque de contagion :

  • le maintien de l’hygiène des mains (se laver souvent les mains à l’eau et au savon ou avec des solutions alcoolisées) et des voies respiratoires (éternuer ou tousser dans un mouchoir ou avec le coude fléchi) ;
  • utiliser un masque et jeter les mouchoirs utilisés dans un panier fermé immédiatement après usage et se laver les mains ;
  • des pratiques alimentaires sûres : éviter la viande crue ou insuffisamment cuite, les fruits ou légumes non lavés et les boissons non embouteillées ;
  • éviter, si possible, les contacts étroits avec toute personne présentant des symptômes de maladies respiratoires comme la toux et les éternuements.

Nous vous informons également que si vous présentez des symptômes de grippe et/ou des problèmes respiratoires, l’indication impérative est de ne pas vous rendre aux urgences, mais de contacter directement le numéro 112, qui évaluera chaque situation et activera des moyens de transport spécifiques vers les établissements de santé appropriés ou pour effectuer les tests nécessaires si besoin.

 

Le président de la Région Lombardie, Attilio Fontana, a souligné que “la Table de coordination régionale est toujours ouverte, nous sommes prêts à réagir à toute éventualité. Nous avons pris des mesures qui ne doivent pas être comprises comme quelque chose qui peut effrayer mais comme quelque chose qui peut arrêter l’épidémie”.

 

“Les mesures que nous prenons – a poursuivi le président – sont le seul moyen d’empêcher la propagation de la contagion et ne doivent pas être considérées comme quelque chose de dramatique et d’inquiétant. Il a été démontré que ce système contribue de manière permanente à enrayer la propagation. Nous ne devons pas semer la panique mais les mesures, que nous pourrons réévaluer après la rencontre avec le ministre Speranza, qui se déroulera prochainement, sont fondamentales pour le bien de la communauté”.

Categorie
news-import

Trenitalia, Trenord e AEVF ancora insieme per un turismo sempre più sostenibile

Gli accordi fra l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e Trenitalia si rinnovano per tutto il 2021 e Trenord prosegue per tutto il 2020 la partnership con l’Associazione.


Si estende dunque la possibilità di viaggiare a tariffe convenzionate per tutti i camminatori e i ciclisti sulla Via Francigena muniti di credenziale ufficiale AEVF, nel tratto italiano dalla Valle d’Aosta a Roma.

Oltre al 10% di sconto sulle tratte regionali, sono state concordate ulteriori agevolazioni per i pellegrini francigeni.

Un’intesa significativa per la promozione di una fruizione sostenibile dei territori.

Più di 200 stazioni ferroviarie si trovano lungo l’itinerario francigeno, l’obiettivo è dunque sostenere una mobilità attenta all’impatto ambientale anche per raggiungere le diverse tappe sulla Via.

Il rinnovo della collaborazione già in atto rappresenta una conferma forte della volontà di perseguire la promozione di un turismo sempre più consapevole dei territori su cui impatta.

Tutte le informazioni sono disponibili qui: https://www.viefrancigene.org/it/trenitalia/

Categorie
news-en-import

Trenitalia, Trenord and EAVF work together for sustainable tourism development

The agreements between the European Association of Via Francigena ways (EAVF) and Trenitalia have been renewed till 2021, while Trenord confirmed the partnership with the Association throughout the year of 2020.

Therefore, a possibility of discounted travel by train for all walkers and cyclists along the Via Francigena upon presentation of an official EAVF credentials extends from Valle d’Aosta to Rome along the Italian stretch.

In addition to 10% discount on regional routes, supplementary concessions have been agreed for Francigena pilgrims, representing a significant step for promotion of sustainable use of territories.

More than 200 railway stations are located along the Via Francigena itinerary. The goal is therefore to support mobility along the Sigeric’s route sensitive to the environmental impact.

The renewal of the collaboration with railways represents a strong confirmation to pursue promotion of sustainable tourism along the territories of the Via Francigena.

More information available here: https://www.viefrancigene.org/it/trenitalia/