Via Francigena

Categorie
news-import

Bitonto – Prima rappresentazione de “La Via del Sole””

Neri Marcorè ha interpretato, come protagonista unico, la piece teatrale “La Via del Sole. Storia e spiritualità delle Vie Francigene nel Sud”, scritta e diretta da Sandro Polci, lo scorso 11 ottobre 2008 al Teatro Comunale “Tommaso Traetta” di Bitonto (BA), uno scrigno ottocentesco recentemente restaurato.
Lo spettacolo, organizzato e realizzato dall’Associazione Civita, rientra fra le iniziative previste dal progetto Le Vie Francigene del Sud promosso dalla stessa Associazione Civita insieme al Ministero per i beni e le attività culturali, Finmeccanica e Banco di Napoli e volto alla promozione e alla valorizzazione degli itinerari medievali di pellegrinaggio nel Sud Italia verso la Terrasanta.
L’evento, patrocinato dal Comune di Bitonto, si è svolto in un luogo di grande significato per le Vie Francigene nel Sud, in quanto si tratta di una delle tappe principali del cammino, un luogo dove i fedeli si preparavano al pasagium ultramarinum verso la Terrasanta, dopo aver percorso in senso trasversale l’Italia a sud di Roma e dopo aver trovato riparo e conforto all’interno della Cattedrale della città.
L’idea, quindi, è stata quella di trasformare l’appuntamento in un evento urbano, proponendo ai partecipanti anche una visita guidata, promossa dal Comune, della splendida Cattedrale e una degustazione di pietanze preparate secondo ricettari medievali, creando in tal modo un evento ospitale articolato.
La piece teatrale intreccia momenti, luoghi di passaggio ed emozioni legate alle Vie Francigene nel Sud Italia e propone un monologo, interpretato dal versatile Neri Marcorè, che racconta di un gruppo di giovani alle prese con un concorso letterario sulla Via Francigena, per scritti o citazioni, organizzato quasi per gioco, in un piccolo centro dell’Appennino di cui nessuno parla e in cui nulla sembra accadere. Un dialogo che accresce una spiritualità primaria, quasi spontanea con una trama volutamente semplice, come la passione per la Via, con molteplici interazioni temporali e spirituali. Dall’incontro con Geremia a Pier Paolo Pasolini fino alle struggenti parole di Madre Teresa di Calcutta e la Sua semplicità fatta cammino. Ma lo spettacolo cita anche un aspetto particolare della Via che non è soltanto pauperismo, felicità del cammino e ricerca personale: come ci ricorda lo storico Renato Stopani, la Via è anche il manifesto delle radici europee.
Sarebbe bastato tutto ciò; ma Neri Marcorè, imprevedibile, ha suonato e cantato melodie lievi, che di nuovo ci hanno portato in strada, lungo la Via, verso la nostra personalissima meta.
Dopo il Convegno nazionale che si è svolto a Napoli lo scorso 4 luglio, al quale hanno partecipato, tra gli altri, illustri storici, storici dell’arte e studiosi della materia e in occasione del quale è stata presentata la pubblicazione “Roma-Gerusalemme. Lungo le Vie Francigene del Sud”, realizzata nell’ambito del progetto e che offre una ricostruzione storica, artistica e religiosa degli itinerari di pellegrinaggio nel Sud che conducevano, nel Medioevo, i pellegrini da Roma verso la Terrasanta (l’Appia Antica o Regina
Viarum, l’Appia Pedemontana, la Prenestina, la Latina-Casilina, l’Appia Traiana e la Micaelica), è stata ora la volta di un nuovo appuntamento, diverso e più “conviviale”. L’obiettivo è tuttavia sempre volto a far conoscere le antiche Vie Francigene nel Sud, nella convinzione degli Enti promotori che la creazione di nuovi itinerari costituisca una grande opportunità per la valorizzazione dei territori interessati in termini religiosi, culturali ma anche turistici e, quindi, una occasione importante di scoperta e riscoperta dei luoghi e del loro patrimonio storico, culturale e paesaggistico.

Categorie
news-import

4 Luglio 2008 – Convegno a Napoli

Il 4 luglio 2008 si è svolto a Napoli il Convegno “Roma-Gerusalemme. Lungo le Vie Francigene del Sud”, in occasione del quale è stato presentato il progetto promosso dall’Associazione Civita, insieme a Banco di Napoli S.p.A. e Finmeccanica S.p.A. che lo hanno reso possibile, volto alla valorizzazione e promozione degli itinerari medievali di pellegrinaggio che portavano i fedeli, nel Medioevo, da Roma verso i porti pugliesi di imbarco per la Terrasanta.
Oggi, l’operazione di ricostruzione storica degli itinerari di pellegrinaggio nel tratto meridionale della nostra Penisola, di monitoraggio dello stato attuale dei lavori, di indagine sulla percorribilità di alcuni tratti, fino alla pubblicazione del volume “Roma-Gerusalemme. Lungo le Vie Francigene del Sud” presentato anch’esso in occasione del Convegno, costituiscono le tappe di un progetto che, anche idealmente, intende ricongiungere il Sud e il Nord d’Italia, per affacciarsi insieme al Sud e al Nord del mondo.
All’appuntamento sono intervenuti, oltre ai rappresentanti degli Enti promotori, a Nicola Mazzocca, Assessore all’Università e alla Ricerca Scientifica della Regione Campania e alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania, anche esperti della materia, quali, tra gli altri, Sergio Valzania, Direttore dei Programmi Radio RAI, Padre Caesar Atuire, Amministratore Delegato Opera Romana Pellegrinaggi, Francesco Negri Arnoldi, storico dell’arte, Pietro Dalena, storico medievalista, Renato Stopani, Direttore Centro Studi Romei di Firenze, Massimo Tedeschi, Presidente Associazione Europea Vie Francigene. 
Gli interventi, moderati da Sandro Polci, hanno sottolineato le diverse valenze e peculiarità degli itinerari di pellegrinaggio che sono innanzitutto itinerari di cammino e occasione importante per ritrovare una dimensione spirituale, ma racchiudono in sé anche il linguaggio dell’arte, del territorio e della storia.
L’incontro si è concluso con gli interventi di quegli attori locali (associazioni di pellegrini, associazioni di escursionisti, G.A.L., etc.) che, con passione e tenacia, sono impegnati nei processi di promozione e valorizzazione dei diversi percorsi nel Sud Italia.

Categorie
news-import

3 Maggio 2009, 1^ Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni

L’Italia: un reticolo di itinerari storici, ancora fruibili, molti dei quali legati a millenarie tradizioni di pellegrinaggio. Vie della fede, ma anche vie della mobilità sostenibile, dell’approccio lento e attento ai luoghi e alla storia. Una dimensione ancora poco nota, tutta da scoprire e da valorizzare. 
La Rete dei Cammini, coordinamento delle associazioni italiane (e non solo) di pellegrinaggio costituitosi nel maggio 2008, ha promosso una nuova iniziativa di valorizzazione di tali percorsi che si svolgerà domenica 3 maggio 2009 e sarà la prima Giornata nazionale dei Cammini Francigeni: per la prima volta, tutti insieme, nello stesso giorno, su antichi itinerari culturali e religiosi con iniziative semplici e concrete basate sulla pratica del percorrere a piedi i sentieri e i luoghi in modo da riuscire a coglierne meglio la loro identità. 
Le Associazioni della Rete (sei promotrici e moltissime “aderenti”, rappresentative di tutto il territorio nazionale) che condividono la gratuità del loro impegno e l’esperienza concreta del cammino sulle vie di pellegrinaggio, sono animate da una precisa comune convinzione: se si vuole che lo sviluppo sostenibile non sia una nozione astratta, occorre fare delle cose congeniali al nostro territorio e alle nostre Comunità, anche le più piccole, senza svilirne la identità con iniziative eminentemente mercantili, ma promuovendone una fruizione intelligente e rispettosa degli aspetti culturali e naturali. L’escursionismo su vie di pellegrinaggio, specie se praticato a piedi, sembra una delle forme più appropriate di rapporto con il territorio e con le comunità che lo abitano; per questo la Rete dei Cammini, con l’iniziativa della prima Giornata nazionale dei Cammini Francigeni, lo propone a tutti, perché tutti dal camminare possono trarre sicuro giovamento. L’importante, per la Rete, è educare al cammino; l’importante è tutelare le antiche vie e i loro viandanti; l’importante è far conoscere quei luoghi che solo a chi li scopre a piedi rivelano il fascino segreto della loro storia. 
La manifestazione, alla cui organizzazione l’Associazione Civita collabora con la Rete promuovendo l’evento, coinvolgerà l’intero territorio nazionale. Le iniziative, liberamente e spontaneamente organizzate da Associazioni, Organizzazioni, enti pubblici, singoli cittadini, spesso in reciproca sinergia, si svolgeranno non solo lungo la Via Francigena “tradizionale”, secondo l’itinerario di Sigerico, ma anche sui numerosissimi percorsi che recano memorie di antichi pellegrini. La Rete, a sua volta, ha creato linee di azioni comuni e condivise e sta creando la “vetrina” dell’evento, il nuovo sitowww.retecamminifrancigeni.eu
Infine, non solo cammini, ma anche assaggi, mostre itineranti, spuntini, aperitivi, concerti, cori e convegni. Un media partner d’eccezione: Radio Rai Tre, che seguirà gli eventi attraverso la trasmissione “Speciale Percorsi”. Vari patrocini autorevoli, fra cui quello dell’Associazione Europea delle Vie Francigene; saranno realizzate presentazioni ufficiali diffuse per la penisola, fra cui una condotta da Sergio Valzania, direttore generale dei programmi Radiorai.

Categorie
blog-import

Alberto Conte – Hic sunt leones

mercoledì 11 marzo 2009

L’antico pellegrino che viaggiava verso Gerusalemme doveva difendersi dalla ferocia dei briganti, dall’aggressività delle fiere, dagli osti senza scrupoli; quello moderno deve fare i conti con l’intolleranza degli automobilisti, con l’isteria dei cani da guardia, e con la scomparsa delle strutture di accoglienza, tale da far rimpiangere i pochi scrupoli degli osti medievali. 
La via Appia, filo conduttore del viaggio dall’Urbe verso il sud, dimostra non solo la perizia degli ingegneri romani, ma anche una lungimiranza e un’attenzione verso le varie categorie di viaggiatori sconosciuta ai moderni progettisti. Camminando lungo lo spettacolare basolato della consolare lungo la Gola di Sant’Andrea, nel basso Lazio, si nota la presenza di due marciapiedi ai lati della strada. Quindi gli antichi romani separavano il traffico “veloce” dei carri e dei cavalli da quello “lento” dei pedoni, che evidentemente erano piuttosto numerosi anche lungo le strade “extraurbane”. La modernità ha cancellato le antiche attenzioni per gli utenti deboli della strada, e il marciapiedi termina alla periferia dei villaggi, spesso in corrispondenza del camposanto: quasi un monito per i temerari che volessero spingersi oltre. 
Hic sunt leones, recitava la scritta che appariva sulle carte geografiche dell’antica Roma, in corrispondenza delle zone inesplorate dell’Africa e dell’Asia. La stessa scritta oggi dovrebbe essere posta sui cartelli che indicano la fine dei centri abitati. Forse non a caso i pochi che osano camminare lungo le moderne strade extraurbane sono spesso migranti, provenienti proprio dalle terre un tempo sconosciute. E l’automobilista guarda con diffidenza a questo popolo in cammino: gente strana, o stranieri, appunto.