Via Francigena

Categorie
news-import

AEVF a scuola di formazione del Consiglio d’Europa

L’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) ha partecipato alla Scuola di Formazione del Consiglio d’Europa organizzata presso il Monastero Reale e Palazzo di Carlo V, a Cuacos de Yuste (Estremadura), in Spagna, dal 12 al 15 giugno.
 
La sessione di lavoro è stata introdotta da Stefano Dominioni, direttore dell’Istituto Europeo Itinerari Culturali di Lussemburgo, Eladio Fernandez Galiano, Capo Dipartimento Democrazia del Consiglio d’Europa, Marianne Berger Marjanovic, Presidente del Governing Board dell’Accordo Parziale Allargato sugli itinerari culturali europei.
 
Il tema principale di quest’anno si è focalizzato su “Innovazione e nuovi trend per gli itinerari culturali: (Re)interpretare il patrimonio culturale“. L’evento è stato seguito da 20 itinerari certificati e da 15 nuovi progetti. La scuola di formazione ha approfondito i trends emergenti in ambito di turismo, cultura e settori digitali condividendo esperienze pratiche fra gli itinerari stessi in questo settore. Luca Bruschi, direttore AEVF, ha presentato le attività dell’Associazione Europea delle Vie Francigene con particolare riferimento alle partnerships pubblico-privato e strumenti di comunicazione.
 
La Scuola di Formazione è stata ospitata dall’ Itinerario europeo di Carlo V in collaborazione con la Fondazione Europea e latino americana di Yuste, il governo regionale dell’Estremadura, la Provincia di Cáceres. L’evento ha offerto altresì l’opportunità di scoprire Yuste grazie and un ricco programma di attività sugli antichi sentieri dell’imperatore Carlo V. La Scuola di Formazione si è svolta infine all’interno delle iniziative dell’ Anno Europeo del Patrimonio Culturale
 
 
Categorie
news-en-import

EAVF at the Training Academy on Cultural Routes of the Council of Europe

European Association of the Via Francigena (EAVF) attended the Training Academy on Cultural Routes of the Council of Europe hosted in the Royal Monastry of Yuste and Palace of Charles V, in Cuacos de Yuste (Extremadura), Spain, from 12 to 15 June.

 
The working session was introduced by Stefano Dominioni, Director of the European Institute of Cultural Routes, Eladio Fernandez Galiano, head of Democratic Iniziatives Department of the Council of Europe, Marianne Berger Marjanovic, President of the Governing Board of the Enlarge Partuial Agreement on cultural routes
 
The theme of this year was “Innovation and new trend in cultural routes: (Re)interpreting European Cultural Heritage”. The event was attended by 20 certified Cultural Routes and 15 new projects. The training seminars explored innovative emerging trends in the cultural, tourism and digital sectors and gave insights on how cultural routes of the Council of Europe could seize opportunities in these domains. Luca Bruschi, EAVF Director, presented the good practices of the European Association of Via Francigena ways, especially focusing in public-private cooperation and innovative communication tools
 
The Training Academy was hosted by the European Routes of Charles V in partnership with the European and Ibero-American Academy of Yuste Foundation, the regional Government of Extremadura, the Provincial Government of Cáceres and the National Heritage of Spain. The event was also the opportunity to discover Yuste thanks to the rich social programme on the footsteps of Emperor Charles V. The Training Academy was organised in the framework of the  European Year of Cultural Heritage.
 
Categorie
news-fr-import

L’AEVF à l’école de formation du Conseil de l’Europe

L’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) a participé à l’Ecole de Formation du Conseil de l’Europe, organisée au Monastère Royal et au Palais de Charles V, à Cuacos de Yuste (Estremadura), en Espagne, du 12 au 15 juin.

La session de travail a été introduite par Stefano Dominioni, directeur de l’Institut Européen des Itinéraires Culturels du Luxembourg, Eladio Fernandez Galiano, chef du Département Démocratie du Conseil de l’Europe et Marianne Berger Marjanovic, présidente du Governing Board de l’Accord Partiel Elargi sur les itinéraires culturels européens.

Le thème principal de cette année a traité de « l’innovation et des nouvelles tendances pour les itinéraires culturels : (ré)interpréter le patrimoine culturel ». L’évènement a été suivi par 20 itinéraires certifiés et par 15 nouveaux projets. L’école de formation a approfondi les tendances émergentes dans le cadre du tourisme, de la culture et des secteurs digitaux, en partageant les expériences pratiques entre les itinéraires dans ce secteur. Luca Bruschi, directeur de l’AEVF, a présenté les activités de l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena avec une référence particulière aux partenariats entre le secteur public et privé et aux instruments de communication.

L’Ecole de Formation a été accueillie par l’Itinéraire européen de Charles V en collaboration avec la Fondation européenne et latine américaine de Yuste, le gouvernement régional de l’Estremadura et la Province de Cáceres. L’évènement a offert l’opportunité de découvrir Yuste grâce au riche programme d’activité sur les antiques sentiers de l’empereur Charles V. L’Ecole de Formation s’est déroulée durant les initiatives comprises durant l’Année européenne du Patrimoine Culturel.

Categorie
news-import

Aspettando ‘I Love Francigena’ in Emilia Romagna

Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e APT Emilia Romagna camminano insieme per la Via Francigena.

Tra giugno e luglio, sono in programma quattro giornate di sopralluogo e messa a punto della segnaletica nel tratto piacentino e parmense dell’itinerario. L’iniziativa, realizzata con il supporto di APT Emilia Romagna e in collaborazione con l’Associazione Fiorenzuola in Movimento, si articolerà nella verifica e gestione del percorso, dal Guado del Po al Passo della Cisa, due luoghi simbolici della Via Francigena. Le giornate vedranno la presenza sul campo ed il coordinamento delle attività dello staff AEVF.

L’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, anticipa “I Love Francigena”, il format ideato da AEVF con il supporto tecnico di Itineraria, che, a settembre, coinvolgerà il pubblico e gli appassionati con due giornate di valorizzazione e scoperta di alcune tappe del grande percorso europeo.

Una festa itinerante, con l’obiettivo di coinvolgere appassionati di cammini, operatori turistici e associazioni nella promozione e valorizzazione dell’itinerario culturale. Un viaggio evento “social” a cui sarà possibile iscriversi a breve e che AEVF racconterà con immagini e video interviste sulla pagina Facebook ufficiale Via Francigena, sul sito https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/ oltre al sito istituzionale regionale camminiemiliaromagna.it

© Riproduzione riservata

 

Categorie
news-en-import

Awaiting ‘I Love Francigena’ in Emilia Romagna

The European Association of Via Francigena Ways (EAVF) and APT Emilia Romagna walk together for the Via Francigena.

Between June and July four days of inspection and fine tuning are planned in the Piacenza and Parma section of the route. The initiative, realised with the support of APT Emilia Romagna and in collaboration with the Fiorenzuola in Movimento Association, will consist of the checking and management of the route, from the Guado del Po to the Cisa Pass, two symbolic places of the Via Francigena. The days will be out in the field and activities will be coordinated by the EAVF staff.

The appointment, free and open to all, awaits “I Love Francigena“, the format devised by the EAVF with the technical support of Itineraria, which, in September, will involve the public and fans in two days of checking and discovery of some stages of the great European path.

A traveling celebration, with the aim of involving walking enthusiasts, tour operators and associations involved in the promotion and enhancement of the cultural route. A “social” event trip to which you can register shortly. The EAVF will narrate it with images and video interviews on the official Via Francigena Facebook page, on the site https://www.viefrancigene.org/en/I-love-francigena/, in addition to the regional institutional website camminiemiliaromagna.it.

© Copyright

Categorie
news-fr-import

En attendant « I love Francigena » en Emilie-Romagne

L’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) et APT Emilie-Romagne marchent ensemble pour la Via Francigena.

Entre juin et juillet, 4 journées de repérage et de mise au point de la signalisation sur le tronçon de l’itinéraire des provinces de Plaisance et Parme sont prévues. L’initiative, réalisée avec le soutien de l’APT Emilie-Romagne et en collaboration avec l’Association Fiorenzuola in Movimento, consistera en la vérification et la gestion du parcours du Gué du Pô au Col de la Cisa, deux lieux symboliques de la Via Francigena. L’équipe de l’AEVF sera présente sur place et coordonnera les activités.

Le rendez-vous, gratuit et ouvert à tous, anticipe « I Love Francigena », le format créé par l’AEVF avec le soutien technique d’Itineraria, qui, en septembre, impliquera le public et les passionnés avec deux journées de valorisation à la découverte de certaines étapes du grand parcours européen.

Une fête itinérante qui a pour objectif d’engager les passionnés de chemin, les opérateurs touristiques et les associations dans la promotion et la valorisation de l’itinéraire culturel. Un voyage-évènement « social » auquel vous pourrez vous inscrire bientôt et que l’AEVF racontera en images et vidéos interviews sur la page Facebook officielle de la Via Francigena, sur le site https://www.viefrancigene.org/fr/I-love-francigena/ ainsi que sur le site institutionnel régional camminiemiliaromagna.it.

 

Categorie
news-import

Benessere in cammino, il progetto Via Francigena termale

Ampliare l’esperienza del cammino attraverso una proposta dedicata al benessere. E’ questa l’idea alla base di “Via Francigena termale” il progetto lanciato dal comune di Gambassi Terme, in collaborazione con Regione Toscana, Associazione Europea delle Vie Francigena (AEVF) e FEDERTERME.

L’incontro è stato presentato a Firenze nel Palazzo della Regione Toscana. La Via Francigena è un itinerario legato ad un turismo lento ed esperienziale. Da settembre, chi è in viaggio potrà abbinare al cammino, il relax del fisico con l’acqua termale. Nei mesi scorsi è infatti stato predisposto un progetto pilota nel tratto toscano del cammino con l’obiettivo di offrire un servizio agevolato a chi percorre la Via Francigena, a piedi o in bicicletta. Le strutture termali si impegnano ad accogliere il pellegrino con un’offerta adeguata legata al trasporto, all’accoglienza e alla cura del corpo con momenti di benessere termale e tariffe agevolate per chi viaggia con la credenziale dell’AEVF. Ad oggi sono sei le realtà termali, tra le quali Montecatini e Chianciano, che hanno aderito al disciplinare ma il progetto è in fase di espansione.

La Toscana è una terra fortemente caratterizzata da risorse termali, molte delle quali sono sulla Via Francigena stessa oppure in un raggio ridotto, entro 15 chilometri.  L’acqua termale si abbina alla sosta ed un momento importante di recupero psico-fisico dopo le fatiche del cammino. Da numerosi secoli rappresenta  una fonte per rigenerare il proprio corpo. Acqua termale, dunque, come ristoro, purezza, benessere per il corpo dei pellegrini: una risorsa preziosa e benefica che si affianca al cammino.

Le Terme della Via Francigena ci aiuteranno a far scoprire i valori della regione Toscana con un tempo ancora più lento che ci permette di entrare in contatto con il territorio – afferma Stefano Romagnoli per la Regione Toscana – Il progetto verrà avviato a metà settembre con le offerte termali per i pellegrini, un sistema di accoglienza adeguata alle esigenza dei viaggiatori slow, una comunicazione integrata e tariffe agevolate per chi è interessato ad usufruire di questo servizio”.

Il Sindaco di Gambassi Terme, Paolo Campinoti, esprime soddisfazione per questo nuovo progetto nato dal basso in collaborazione con il territorio. “Le Terme di Gambassi – afferma – sono state appositamente dedicate alla Via Francigena ed ogni anno attirano numerosi visitatori, turisti e viandanti che qui giungono attraverso la Via Francigena. Le nostre terme diventa un luogo di benessere non solo fisico, ma anche culturale”.

Il Presidente AEVF, Massimo Tedeschi auspica di poter estendere il progetto ad altri territori. “Via Francigena Termale interessa tutta la via Francigena su scala europea – spiega Tedeschi – Entra nella filosofia del cammino, cioè promuovere e sviluppare l’itinerario in tutte le sue dimensioni. Dal dialogo, alla coesione sociale allo sviluppo del territorio, così come ci invita a fare il Consiglio d’Europa a cui la Via Francigena e gli itinerari culturali si riferiscono”.

Un forte sostegno arriva anche da Federterme e dal mondo delle aziende termali, come quelle di Chianciano rappresentate da Mauro Della Lena che ha sottolineato l’importanza del binomio tra benessere fisico e turismo esperienziale dei cammini.

Il progetto troverà ampio spazio e visibilità sul sito dell’Associazione Europea delle Vie Francigene dove sarà possibile trovare informazioni, proposte, offerte per i pellegrini in cerca di momenti di ristoro termale lungo la Via Francigena.

© Riproduzione riservata

 

Categorie
news-en-import

Well-being on the road, the Via Francigena Terme project

To expand the experience of a journey through a proposal dedicated to well-being. This is the idea behind “Via Francigena Terme” the project launched by the municipality of Gambassi Terme, in collaboration with Regione Toscana, the European Association of Via Francigena Ways (AEVF) and FEDERTERME.

The meeting was presented in Florence in the Palazzo della Regione Toscana. The Via Francigena is a route linked to slow and experiential tourism. From September, those traveling will be able to combine the walk with relaxation of the body using thermal water. In recent months, a pilot project has been set up in the Tuscan stretch of the route with the aim of offering a facilitated service to those who follow the Via Francigena on foot or by bicycle. The spa facilities are committed to welcoming pilgrims with an appropriate offer related to transportation, reception and care of the body with moments of thermal well-being and reduced rates for those traveling with the EAVF Pilgrim Passport. To date there are six thermal establishments, including Montecatini and Chianciano, which have joined the still expanding project.

Tuscany is a land strongly characterised by thermal resources, many of which are along the Via Francigena itself or within a short radius, within 15 kilometres. The thermal water is combined with a pause and an important moment of psycho-physical recovery after the efforts of the journey. For many centuries it has been a source for regenerating one’s body. Thermal water, therefore, as a refreshment, purity, well-being for the pilgrims’ bodies, is a precious and beneficial resource that joins the path.

The Terme della Via Francigena will help us to discover the values ​​of the region of Tuscany with an even slower time that allows us to get in touch with the territory – says Stefano Romagnoli for the region – The project will start in mid-September with the spa offers for pilgrims, a reception system adapted to the needs of slow travellers, integrated communication and special rates for those interested in using this service“.

The Mayor of Gambassi Terme, Paolo Campinoti, expresses satisfaction for this new project born from collaboration with the territory. “The Baths of Gambassi – he says – have been specially dedicated to the Via Francigena and attract many visitors every year, tourists and travellers who come here via the Via Francigena. Our spa becomes a place of wellbeing, not only physical but also cultural“.

The EAVF President, Massimo Tedeschi, hopes to be able to extend the project to other territories. “Via Francigena Termale affects all the Via Francigena on a European scale – explains Tedeschi – It enters the philosophy of the journey, that is to promote and develop the route in all its dimensions. From dialogue, to social cohesion, to the development of the territory, it invites us to be a part of the Council of Europe to which the Via Francigena and the cultural routes refer themselves“.

Dedicated support also comes from Federterme and the world of spa companies, such as those of Chianciano, represented by Mauro Della Lena, who stressed the importance of the combination of physical well-being and experiential tourism along the paths.

The project will find ample space and visibility on the European Association of Via Francigena Ways website, which supplies information, proposals, and offers for pilgrims looking for moments of thermal refreshment along the Via Francigena.

© Copyright

Categorie
news-fr-import

Bien-être en chemin, le projet Via Francigena Thermale

Elargir l’expérience du chemin à travers une proposition consacrée au bien-être. Voilà l’idée de départ de « Via Francigena Thermale », le projet lancé par la commune de Gambassi Terme, en collaboration avec la Région Toscane, l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) et FEDERTERME. La rencontre s’est déroulée à Florence, au palais de la Région Toscane.

La Via Francigena est un itinéraire lié au tourisme lent et d’expérience. A partir de septembre, ceux qui sont en voyage pourront associer le chemin à la détente physique avec l’eau thermale. Ces derniers mois, un projet pilote sur le tronçon toscan du chemin a été lancé avec l’objectif d’offrir un service facilité à ceux qui parcourent la Via Francigena à pied ou en vélo. Les structures thermales s’engagent à accueillir le pèlerin avec une offre adéquate liée au transport, à l’accueil et au soin du corps avec des moments de bien-être thermal et des tarifs réduits pour ceux qui voyagent avec la crédenciale de l’AEVF. Aujourd’hui, il y a déjà 6 centres thermaux en fonctionnement, dont Montecatini et Chianciano, qui ont adhéré au règlement, mais le projet est encore en phase d’expansion.

La Toscane est une terre caractérisée par les ressources thermales, nombreuses d’entre elles se trouvent sur la Via Francigena ou bien dans un rayon de 15 km. L’eau thermale associée à la pause est un moment important de récupération psycho-physique après la fatigue du chemin. Depuis plusieurs siècles, elle représente une source pour se regénérer. L’eau thermale donc, comme restauration, pureté, bien-être pour le corps des pèlerins : une ressource précieuse et bénéfique qui s’ajoute au chemin.

« Les Thermes de la Via Francigena nous aident à faire découvrir les valeurs de la région Toscane avec une cadence encore plus lente qui nous permet d’entrer en contact avec le territoire – affirme Stefano Romagnoli pour la Région Toscane – Le projet sera lancé mi-septembre avec les offres thermales pour les pèlerins, un système d’accueil adéquat aux exigences des voyageurs lents, une communication intégrée et des tarifs réduits pour ceux qui sont intéressés à ce service ».

Le maire de Gambassi Terme, Paolo Campinoti, exprime sa satisfaction pour ce projet né du bas en collaboration avec le territoire. « Les Thermes de Gambassi – affirme-t-il – ont été spécifiquement consacrés à la Via Francigena et chaque année, ils attirent de nombreux visiteurs, touristes et voyageurs qui arrivent jusqu’ici grâce à la Via Francigena. Nos thermes deviennent un lieu de bien-être pas seulement physique, mais aussi culturel ».

Le Président de l’AEVF, Massimo Tedeschi, souhaite pouvoir étendre ce projet à d’autres territoires. « Via Francigena Thermale concerne toute la Via Francigena sur l’échelle européenne – explique M Tedeschi – Elle entre dans la philosophie du chemin, c’est-à-dire promouvoir et développer l’itinéraire dans toutes ses dimensions. Du dialogue à la cohésion sociale, au développement du territoire, comme nous invite à le faire le Conseil de l’Europe auquel la Via Francigena et les itinéraires culturels se réfèrent ».

Un fort soutien arrive aussi de Federterme et du monde des entreprises thermales, comme celles de Chianciano représentées par Mauro Della Lena qui a souligné l‘importance du binôme entre bien-être physique et tourisme d’expérience des chemins.

Le projet aura une place importante et une grande visibilité sur le site de l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena où vous pourrez trouver des informations, des propositions, des offres pour les pèlerins à la recherche de moments de restauration thermale le long de la Via Francigena.

Categorie
news-import

European Festival Vie Francigene, presentata a Roma l’edizione 2018

Il 13 giugno a Roma, nella Sala Imperatori dell’ Associazione Civita onlus, si è svolta la presentazione dell’8° edizione del Festival delle Vie Francigene che quest’anno è diventato lo “European Festival Vie Francigene, Cammini, Ways e Chemins 2018”. 

Il Festival è promosso dall’Associazione Europea delle Vie Francigene con la collaborazione della stessa Associazione CIVITA.

“Dal 2011, anno di avvio, all’interno dell’organizzazione del Festival si è aggiunta la creatività e l’organizzazione di tanti altri accreditati cammini – ha spiegato il presidente dell’ Associazione Europea delle Vie Francigene, Massimo Tedeschi  – dunque non si tratta più solo del festival  della Via Francigena, ma dei tanti cammini europei.  Un fatto – ha sottolineato Tedeschi – di significato filosofico e anche politico: il coinvolgimento quasi completo delle zone rurali, infatti, accende una luce su i piccoli borghi e le aree più interne e sconosciute”.

Non potendo intervenire alla conferenza stampa, l’eurodeputata Silvia Costa, storica “madrina” della Francigena, ha inviato un saluto in video sottolineando “l’importanza dell’iniziativa nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale”. Anche Nicola Maccanico, neo segretario di Civita ha voluto ricordare la cornice europea del festival. “Sono iniziative come queste – ha detto – che ci fanno capire che l’Unione Europea ha un senso, anche come opportunità per tutti i paesi che ne fanno parte. Condividere la ricchezza delle proprie culture e dei propri itinerari da attraversare  a piedi, evita il pericolo di mettere anche soltanto in discussione il fatto di stare insieme. Associare, poi, il turismo all’agricoltura, al cibo, come fa quest’anno il festival dedicato al “Cammino Cibo dell’anima” – ha concluso Maccanico –  può generare un indotto importante anche per i beni culturali”.

Sandro Polci, mente e “braccio” del Festival, ha passato in rassegna i progetti più significativi segnalati nel calendario del festival o realizzati in collaborazione con realtà che hanno come minimo comun denominatore il cammino e la tutela dell’ambiente. Come il progetto pilota Fitwalking/Walkin della Fondazione Di Liegro, dedicato a utenti con disturbi psichiatrici che, nel “camminare bene”, porgono attenzione anche all’idea di farlo correttamente evitando infortuni, problemi di postura e cattivo utilizzo dell’esercizio, guidati da un allenatore esperto. La sperimentazione del cammino, che ora sarà implementato dalla Fondazione, “ha portato i componenti del gruppo “pilota” verso la progressiva acquisizione di una maggiore concentrazione, influendo in termini positivi sul miglioramento della propria autostima e della percezione e padronanza di sé e del proprio corpo, oltre a incrementare le relazioni sociali”.  Sempre in tema di disabilità, il festival quest’anno – ha detto Polci – segnala come ogni anno un film “I’ll push you”, in uscita a ottobre per la regia di Chris Karcher e Terry Parish . “Si tratta di un documentario sul viaggio di 500 miglia compiuto da due amici che affrontano insieme il Cammino di Santiago, nonostante la grave malattia neurologica di Patrick, costretto in una carrozzella”.

La ricerca Borghi e Cibo condivisa dall’ Associazione Nazionale Borghi Autentici  tra gli altri dati statistici raccolti, ha riferito il direttore del Festival – ha messo in rilievo come il cibo sia emancipazione. Le imprese agricole nei piccoli comuni – si legge nella ricerca – supportano la filiera alimentare grazie alla partecipazione di donne, giovani e stranieri. Le aziende agricole al femminile sono pari al 30,2% delle 448mila totali: un patrimonio culturale in espansione, sia nel recente passato che in previsione; I giovani gestiscono il 15% delle 215mila imprese giovanili, in espansione rispetto agli altri settori economici; gli stranieri sono al 6,5% mentre nei comuni più grandi a 1,5%, con un differenziale di oltre 4 volte che delinea il valore sociale e di integrazione della «piccola Italia»”.

La lunga marcia nelle Terre mutate – ha proseguito Polci nella sua carrellata – è un viaggio /evento che partirà da Fabriano il 27 giugno per arrivare all’Aquila l’8 luglio. Dodici giorni di marcia, oltre 200 km di cammino attraverso le terre “mutate” dal terremoto, per promuovere un turismo sostenibile e contribuire al rilancio economico e sociale dei territori attraversati. L’itinerario si snoda attraverso dodici comuni delle regioni del Cuore d’Italia (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) e percorre i sentieri escursionistici di due importanti Parchi Nazionali (Parco Nazionale dei Monti Sibillini e Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.

Polci ha ricordato il grande lavoro dei campi estivi di volontariato di Legambiente, al tavolo della presentazione con il Presidente nazionale Stefano Ciafani, organizzati dall’associazione ambientalista in Italia e all’estero. Nuova anche la collaborazione firmata con il Consiglio Nazionale degli Architetti sulla tematica degli: “Architetti in cammino” alla quale è stata dedicata anche la V° edizione del premio Raffaele Sirica che ha richiesto la progettazione di un ostello circolare, ovvero un “modulo ospitale mobile, eco sostenibile e di uso provvisorio, in aree senza infrastrutture ricettive o di servizio”che potrà colmare le lacune di alcuni siti sprovvisti attualmente di infrastrutture per l’accoglienza, lungo la via.

Tra la lunga lista (più di 500) eventi dedicati al tema del Cibo e l’Anima, i due che si ripetono negli anni: la staffetta “da Francesco a Francesco” presentata dal presidente Unpli, Antonino La Spina, che partirà da Roma il 14 settembre per concludersi ad Assisi il 4 ottobre ripercorrendo nel tragitto i luoghi vissuti da San Francesco e lo Slow travel Fest di Monteriggioni dal 21 al 23 settembre : tre giorni tra arte, musica e  incontri nello splendido complesso monumentale di Abbadia a Isola, con un ricco programma di escursioni per vivere appieno il territorio della Francigena senese a piedi, a cavallo, in bici e in grotta.

Simonetta Giordani vicepresidente di Civita e responsabile Sostenibilità e Institutional Affairs di Atlantia Spa, società di Autostrade Spa, ha affermato che “come settore delle infrastrutture abbiamo voluto sostenere l’organizzazione del festival delle vie Francigene e dei cammini che ha un indotto molto importante sul territorio, in un momento propizio perché l’industria dell’ospitalità e il turismo in generale,  diventino una centralità nell’agenda del governo”. Poi il Presidente della Via Romea GermanicaRodolfo Valentini, ha parlato di “una realtà iniziata quasi per scherzo, che oggi misura 2200 chilometri completamente attrezzati per la fruizione dei pellegrini e ben documentata nelle guide di Terra di Mezzo”.

Una reazione positiva al sisma è  ​stata quella narrata dal Presidente dell’Unione Montana dei monti Azzurri, Giampiero Feliciotti, che ha ​parlato  dei progetti, del lavoro e della forte resilienza delle genti di Appennino, dal “taxi volontario per chi è senza automobile” al grande disegno della “Quadriciclo” rete di percorsi rurali ciclo-pedonali per oltre 400 km”.  L’opera di street art realizzata a Macerata, all’insegna del cammino, è stata raccontata  dal vice Stefania Monteverde che ha definito un “miracolo politico” il fatto che 51 comuni abbiano deciso tutti uniti, di superare con uno stratagemma la resistenza dei cittadini a servirsi dei  tunnel di accesso agli ascensori per la città storica perché ritenuti insicuri e comunque non accoglienti. “L’idea – ha detto la Monteverde – è stata quella di pitturare le pareti con la tecnica dell’anamorfosi, che risale al 1600 e che obbliga chi guarda a spostarsi, cioè a camminare,  per vedere le figure, altrimenti distorte, nella loro reale dimensione e forma”.

Infine l’assessore al Turismo della Regione Puglia, Aldo Patruno ha parlato della Via Francigena nel Sud, finalmente pronta a partire dal punto di vista amministrativo. ”Siamo coscienti di una parziale debolezza infrastrutturale. Ma la Francigena, struttura immateriale quanto reale, è, insieme alla Via Appia,  il nostro elemento identitario per la programmazione strategica del turismo, su una rete, parte di un unico cammino nel quale l’Europa si ritrova”.

Le conclusioni sono state del presidente dell’Associazione Nazionale Borghi Autentici e sindaco di Melpignano, Ivan Stomeo: “camminare – ha detto – vuol dire soprattutto presidiare il territorio, controllare il territorio. Il rispetto dei paesaggi agrari è un dovere: se il suolo è tutelato il cibo sarà buono e anche l’anima” sociale e condivisiva potrà esprimersi al meglio”.

Sul sito www.festival.viefrancigene.org è possibile organizzare il proprio viaggio consultando le mappe degli itinerari, ma anche il calendario degli eventi a seconda del periodo che ognuno avrà a disposizione per le proprie vacanze: breve o lungo che sia. Basta scegliere gli eventi o gli itinerari sui “bottoni” dove, quando, quale. Segui l’evento anche su Facebook attraverso la pagina ufficiale “Via Francigena”. 

Fonte: comunicato stampa ufficiale