Via Francigena

Categorie
news-fr-import

Le parchemin de la Via Francigena, un témoignage de l’Histoire

Samedi 11 juillet au Musée de l’Abbaye d’Abbadia San Salvatore, la copie du parchemin du 4 mai 876 a été présentée, la plus antique attestation écrite connue à ce jour de la Via Francigena. L’inauguration de l’Abbaye Festival a attiré l’attention sur ce document, dont l’original est conservé à l’Archive d’Etat de Sienne et exposé pour l’occasion par le géographe de la région d’Amiata, Leonardo Porcelloni.

« Ce parchemin a été gardé par le fond diplomatique de la région d’Amiata de l’abbaye, avec 2500 autres parchemins. Le document témoigne le passage de la Via Francigena dans le sud de la Toscane, dans la vallée de la Paglia, permettant de monter vers l’abbaye de fondation lombarde à travers le parcours déjà connu en 2016 par l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) comme variante » explique M Porcelloni.

Le document a été transcrit dans les années 70 par le professeur allemand Wilhelm Kurze, disparu en 2002, auquel a été dédiée la première édition de l’Abbaye Festival. L’historien spécialisé dans le Moyen-âge a travaillé sur le fond du Diplomate de la région d’Amiata de San Salvatore contenant des milliers de parchemins datés entre 736 et 1198. « Grâce à ce travail, nous avons pu reconstruire une grande partie de l’histoire du territoire et de l’Abbaye – ajoute le géographe – et Mario Marrocchi a repris et continué ces études, comme chercheur à l’Institut Historique Allemand de Rome. Spécialement, pour ce projet sur le parchemin, il a réalisé une nouvelle transcription en latin et traduit en italien le parchemin avec un approfondissement historique ».

Regarder l’interview :

Le projet, soutenu par l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena, se poursuivra à travers la distribution de nouvelles copies dans d’autres étapes importantes de l’itinéraire européen : à Fidenza, siège de l’AEVF, Saint-Maurice en Suisse, à Champlitte, référence pour la Francigena en France et à Canterbury, km zéro de l’itinéraire.

« L’importance du parchemin – conclut M Porcelloni – ne se trouve pas seulement dans la valeur du document de presque 1200ans, mais c’est aussi une occasion pour concrétiser et affirmer l’identité d’une voie européenne très complexe et articulée, définie comme un faisceau de routes. En valorisant le patrimoine historique culturel, le projet devient une opportunité pour promouvoir le territoire de ces bourgs ruraux riches de nombreux aspects à découvrir à travers un tourisme lent et de qualité ».

 

Categorie
news-import

Gropello Cairoli sulla Via Francigena, una brochure per i pellegrini

Gropello Cairoli sulla Via Francigena” è il titolo della brochure turistica realizzata dal comune lombardo, socio dell‘Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e tappa del cammino in provincia di Pavia.
 
Il pieghevole fornisce indicazioni utili ai pellegrini in sosta nel paesino citato nel 990 da Sigerico di Canterbury di ritorno da Roma sulla Via Francigena. Dove dormire, cosa visitare, cenni storici: turisti e viandanti potranno trovare tante utili informazioni nel depliant realizzato dal comune di Gropello Cairoli. Tra i luoghi da non perdere ci sono il castello e il parco della Piacevolezza che si trovano proprio sulla Via Francigena.  La brochure sarà disponibile all’ingresso del palazzo municipale, in parrocchia, in biblioteca, nei B&B.
 
Il pieghevole, rientra nella serie di inziative attuate dal comune lombardo per la Via Francigena e l’accoglienza pellegrina. All’interno del paese è stato inoltre positizionato il pannello informativo istituzionale realizzato da AEVF in collaborazione con la Regione e gli altri comuni tappa della Lombardia.
 
La comunicazione è una parola chiave per la valorizzazione e conoscenza della Via Francigena. Il piccolo comune della Lomellina ha deciso di investire su questo aspetto attraverso i suoi canali, come con il giornalino “In Comune“. Il numero di aprile del periodico realizzato dal Municipio, presenta al suo interno uno speciale di diverse pagine dedicate all’itinerario di Sigerico.
 
Un piccolo grande impegno per un’amministrazione impegnata per il cammino, un passo avanti per la Via Francigena.
 
Scarica in allegato la brochure completa.
 
Categorie
news

Aspettando “I love Francigena”, conclusi i sopralluoghi

Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e Fiorenzuola in Movimento hanno portato a termine le giornate di sopralluogo nel tratto piacentino e parmense della Via Francigena.

L’iniziativa, realizzata con il supporto di APT Emilia Romagna, ha permesso una verifica e gestione del percorso, dal Guado del Po al Passo della Cisa, due luoghi simbolo dell’itinerario di Sigerico.

Abbiamo verificato lo stato del percorso in Emilia Romagna e non sono emerse particolari problematiche – spiega Sami Tawfik, responsabile progetti AEVF – dove necessario siamo intervenuti potenziando la segnaletica adesiva. Queste giornante sono state anche un’occasione per incontrare gli uffici del turismo e i soggetti sul territorio deputati allo sviluppo della Via Francigena”. 

Siamo stati davvero felici e orgogliosi dell’importante compito che ci è stato affidato da AEVF: la segnaletica è un tassello fondamentale del cammino – aggiunge Daniela Ceresa per Fiorenzuola in Movimento – E’ stata una bellissima esperienza che ci ha portato a riscoprire i luoghi a noi vicini nel percorso tra Piacenza e Fidenza. Tra un adesivo e l’altro abbiamo attraversato la nostra campagna nel pieno del suo splendore e i paesi attraversati dal percorso”.

Passo dopo passo, tra adesivi e sorrisi, volontari e staff AEVF hanno incontrato numerosi pellegrini in cammino, entusiasti dell’iniziativa. “Queste giornate hanno consentito di preparare il terreno per le due camminate di settembre che saranno seguite da un ulteriore passaggio di verifica del percorso” aggiunge Tawfik.

L’8 e il 15 settembre si entrerà nel vivo del progetto “I Love Francigena in Emilia Romagna”. Il viaggio evento organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna, con il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e dell’Associazione Fiorenzuola in Movimento, vedrà protagonisti gli appassionati di cammini lungo il tratto emiliano della Francigena. Maggiori informazioni su programma e iscrizioni verranno rese note nei prossimi giorni sul sito www.viefrancigene.org,  https://camminiemiliaromagna.it e https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/

© Riproduzione riservata

Categorie
news-import

Aspettando ‘I Love Francigena’, conclusi i sopralluoghi

Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) e Fiorenzuola in Movimento hanno portato a termine le giornate di sopralluogo nel tratto piacentino e parmense della Via Francigena.

L’iniziativa, realizzata con il supporto di APT Emilia Romagna, ha permesso una verifica e gestione del percorso, dal Guado del Po al Passo della Cisa, due luoghi simbolo dell’itinerario di Sigerico.

Abbiamo verificato lo stato del percorso in Emilia Romagna e non sono emerse particolari problematiche – spiega Sami Tawfik, responsabile progetti AEVF – dove necessario siamo intervenuti potenziando la segnaletica adesiva. Queste giornante sono state anche un’occasione per incontrare gli uffici del turismo e i soggetti sul territorio deputati allo sviluppo della Via Francigena”. 

Siamo stati davvero felici e orgogliosi dell’importante compito che ci è stato affidato da AEVF: la segnaletica è un tassello fondamentale del cammino – aggiunge Daniela Ceresa per Fiorenzuola in Movimento – E’ stata una bellissima esperienza che ci ha portato a riscoprire i luoghi a noi vicini nel percorso tra Piacenza e Fidenza. Tra un adesivo e l’altro abbiamo attraversato la nostra campagna nel pieno del suo splendore e i paesi attraversati dal percorso”.

Passo dopo passo, tra adesivi e sorrisi, volontari e staff AEVF hanno incontrato numerosi pellegrini in cammino, entusiasti dell’iniziativa. “Queste giornate hanno consentito di preparare il terreno per le due camminate di settembre che saranno seguite da un ulteriore passaggio di verifica del percorso” aggiunge Tawfik.

L’8 e il 15 settembre si entrerà nel vivo del progetto “I Love Francigena in Emilia Romagna”. Il viaggio evento organizzato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), in collaborazione con APT Emilia-Romagna, con il supporto tecnico di ItinerAria S.r.l. e dell’Associazione Fiorenzuola in Movimento, vedrà protagonisti gli appassionati di cammini lungo il tratto emiliano della Francigena. Maggiori informazioni su programma e iscrizioni verranno rese note nei prossimi giorni sul sito www.viefrancigene.org,  https://camminiemiliaromagna.it e https://www.viefrancigene.org/it/I-love-francigena/

© Riproduzione riservata

Categorie
news-en-import

Awaiting ‘I Love Francigena’, inspections concluded

The European Association of the Via Francigena Ways (EAVF) and Fiorenzuola in Movimento have completed their inspections in the Piacenza and Parma areas of ​​the Via Francigena.

The initiative, realised with the support of APT Emilia Romagna, has permitted verification and management of the route, from the Guado del Po to the Passo della Cisa, two landmarks of Sigeric’s route.

“We have verified the status of the route in Emilia Romagna and no particular problems have emerged – explains Sami Tawfik, EAVF project manager – where necessary we intervened by strengthening the adhesive signs. These days were also an opportunity to meet with the tourist information offices and people of the territory dedicated to the development of the Via Francigena”.

“We were really happy and proud of the important task that has been entrusted to us by the EAVF: the signage is a fundamental step of the journey – adds Daniela Ceresa for Fiorenzuola in Motion – It was a wonderful experience that led us to rediscover the places between Piacenza and Fidenza. From one sticker to another we crossed our countryside in full splendour and the town crossed by the route”.

Step by step, between stickers and smiles, volunteers and EAVF staff members met many pilgrims on the road, enthusiastic about the initiative. “These days have allowed us to prepare the ground for the two walks in September which will be followed by a further verification of the route,” adds Tawfik.

On 8th and 15th September the “I Love Francigena in Emilia Romagna” project will be brought to life. The travel event organised by the European Association of the Via Francigena Ways (EAVF), in collaboration with APT Emilia-Romagna, with the technical support of ItinerAria S.r.l. and Fiorenzuola in Movimento, will see the walkers along the Emilia-Romagna stretch of the Francigena. More information on the programme and registration will be announced in the next few days on the website www.viefrancigene.org, https://camminiemiliaromagna.it and https://www.viefrancigene.org/en/I-love-francigena/

© Copyright

Categorie
news-fr-import

En attendant « I Love Francigena », l’inspection se conclut

L’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF) et Fiorenzuola in Movimento ont terminé l’inspection du tronçon des régions de Plaisance et Parme de la Via Francigena.

L’initiative, réalisée avec le soutien de l’APT Emilie-Romagne, a permis une vérification et une meilleure gestion du parcours, du gué du Pô au Col de la Cisa, deux lieux symboliques de l’itinéraire de Sigéric.

« Nous avons vérifié l’état du parcours en Emilie-Romagne et aucune problématique particulière n’est apparue – explique Sami Tawfik, responsable projets de l’AEVF – nous avons ajouté la signalisation adhésive là où cela était nécessaire. Ces journées ont été aussi l’occasion pour rencontrer les offices du tourisme et les personnes sur le territoire nommées au développement de la Via Francigena ».

« Nous avons été très heureux et fiers du travail important qui nous a été confié par l’AEVF : la signalisation est un élément fondamental du chemin – ajoute Daniela Ceresa pour Fiorenzuola in Movimento – Cela a été une très belle expérience qui nous a amené à redécouvrir des lieux proches sur le parcours entre Plaisance et Fidenza. Entre un adhésif et l’autre, nous avons traversé notre campagne au milieu de ses splendeurs et des villages/villes traversés par le parcours ».

Pas après pas, entre adhésifs et sourires, les bénévoles et l’équipe de l’AEVF ont rencontré de nombreux pèlerins en chemin, enthousiastes de l’initiative. « Ces journées ont permis de préparer le terrain pour les deux marches de septembre qui seront suivi par un ultérieur passage de vérification du parcours » ajoute M Tawfik.

Le 8 et le 15 septembre, on entrera dans le vif du projet « I Love Francigena en Emilie-Romagne ». Le voyage évènement organisé par l’Association Européenne des Chemins de la Via Francigena (AEVF), en collaboration avec l’APT Emilie-Romagne, avec le soutien technique d’ItinerAria srl et de l’Association Fiorenzuola in Movimento, mettra en premier plan les passionnés de chemin le long du tronçon émilien de la Francigena. Plus d’informations sur le programme et l’inscription seront publiés dans les prochains jours sur le site www.viefrancigene.orghttps://camminiemiliaromagna.it e https://www.viefrancigene.org/fr/I-love-francigena/

Categorie
news-import

Intanto parto..Racconti e parole in cammino

E’ stata presentata in Consiglio Regionale a Firenze la seconda edizione di “Intanto parto..Racconti e parole in cammino” il premio letterario sul viaggio lento e il racconto dei cammini della Betti Editrice.

L’iniziativa, che ha come main partner della Regione Toscana e l’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF), nasce dal desiderio di dar spazio ad autori emergenti che, partendo dalla Via Francigena, sappiano raccontare il viaggiare lentamente, facendo scoprire al lettore luoghi e tradizioni dei territori italiani.

Alla conferenza di presentazione erano presenti: il Presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani, il Consigliere regionale Francesco Gazzetti, l’Assessore al Turismo della Regione Toscana, Stefano Ciuoffo, il Sindaco di Monteriggioni Raffaella Senesi, il Sindaco di Pontremoli e vicepresidente AEVF Lucia Baracchini, l’Editore Luca Betti e la giornalista Selin Sanli.

L’editore Betti ha introdotto il premio illustrando il progetto nel suo complesso e le sue potenzialità; i rappresentanti dei differenti partner hanno sottolineato come iniziative del genere abbiano un’elevata importanza culturale e divulgativa, nonché rappresentino un’ottima opportunità di valorizzare il territorio e di rendere partecipe la popolazione. Infine, la giornalista Selin Sanli ha presentato la giuria del premio di cui essa stessa è membro. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche alcuni rappresentanti del comuni di Lucca e Fucecchio e giornalisti di differenti testate.

Il premio, lanciato in anteprima al Salone del Libro di Torino, apre quest’anno una specifica sezione ai giovani under 25. Potranno partecipare al premio autori, esordienti e non, scritti in lingua italiana, che sappiano presentare (attraverso la forma del racconto) il tema del viaggio lungo i percorsi dell’antica Via Francigena e degli altri cammini  nelle più diverse accezioni. Gli autori dovranno indicare la loro data di nascita che li assegnerà automaticamente a una delle due categorie (under 25 /over 25).

Viaggiare lentamente alla scoperta di luoghi e tradizioni è oggi occasione per raccontare un percorso che va oltre il pellegrinaggio, e che si allarga all’esplorazione dei territori, della gente, della Storia che si cela dietro le storie dei singoli individui. La seconda edizione del premio letterario, si propone di cercare autori che riescano a leggere e presentare al pubblico questi percorsi attraverso una prospettiva nuova e originale, narrando il territorio attraverso inedite chiavi di lettura. I primi 10 racconti per ciascuna delle due categorie saranno pubblicati dalla Betti Editrice, promossi e distribuiti sul territorio locale e nazionale.

Le cerimonie di premiazione si terranno a Monteriggioni (SI) e Pontremoli (LU) a inizio 2019, in data da definire. Premi aggiuntivi per menzioni speciali saranno comunicati nei prossimi mesi. La scadenza per partecipare al premio è il 15 ottobre. Il premio sarà realizzato con il contributo dei Comuni capofila della Via Francigena in Toscana (Pontremoli, Lucca, Fucecchio, Siena), in rappresentanza di tutti e 39 i Comuni delle Vie Francigene, e in collaborazione con le amministrazioni di Pontremoli e Monteriggioni, che ospiteranno le cerimonie di premiazione.

Scarica il bando completo e la scheda di partecipazione in allegato.

Per informazioni, visita il sito http://www.betti.it/premio-francigena/