Via Francigena

Categorie
news

Transitare paesaggi culturali: Un progetto tra Berceto e Calendasco per la rigenerazione dei borghi lungo la Via Francigena in Emilia Romagna

Transitare paesaggi culturali (2022-2026) – Dal Guado del PO al Passo della CISA, rigenerazione dei borghi di Calendasco e Berceto lungo la Via Francigena in Emilia Romagna” è un progetto/processo triennale di riattivazione culturale dei territori, compresi fra il primo Calendasco (PC), e l’ ultimo, Berceto (PR), Comune emiliano localizzati lungo la Via Francigena, e finanziato dall’Unione Europea tramite i fondi del Next Generation EU, nell’ambito del Bando Borghi PNRR del Ministero della Cultura.  

Obiettivo primario è quello sviluppare, tramite la rigenerazione di questi territori, un turismo nuovo ed un’economia sociale. Nelle aree di interesse del progetto vi sono due tra i luoghi di transizione paesaggistica più straordinari in Italia e da riscoprire per le Comunità locali in ottica di turismo lento: il Guado di Sigerico sul fiume Po (Calendasco) ed il Passo della Cisa sugli Appennini (Berceto).  

Il progetto, oltre ai due Comuni, prevede la partecipazione di diversi enti: Educarte soc.coop, Cooperativa sociale per il turismo Berceto Nova, Associazione Appennino Ritrovato, Associazione Culturale Sentieri dell’Arte, Cooltour Soc.Cooperativa ARL, Associazione Arte e pensieri, Archivio di Stato di Piacenza, Frati e Livi Srl, tra i quali anche l’Associazione Europea delle Vie Francigene. 

All’interno delle attività progettuali sono previsti ben 11 interventi: 3 materiali (che consistono nella ristrutturazione di edifici pubblici) e 8 immateriali (come visite guidate e un ERASMUS per giovani pellegrini, volti ad innescare innovazione sociale), e co-progettati con le Associazioni e gli stakeholders coinvolti. 

Ogni intervento esplora una diversa dimensione della TRANSIZIONE (ecologica, culturale, economica, etc.) che caratterizza la contemporaneità.  

L’ avvio dei lavori è avvenuto nel weekend 8/9 luglio 2023, insieme al primo intervento immateriale (e culturale) previsto, ovvero la realizzazione di uno dei tre Festival sui due territori, la 6° edizione del Coscienza Festival che per il biennio 2023 /2024 è partner in questo progetto. 

Per maggiori informazioni contattare: 

Vito Redaelli  

Project Management del progetto e membro dello Studio SRSARCH  oppure visitare i canali del progetto: 

sito ufficiale del progetto 

pagina Instagram  

pagina Facebook

Categorie
news

Camminata Francigena Lenti alla Meta: Da Fidenza a Medesano

Il prossimo 3 settembre si svolgerà l’evento ludico-motorio Camminata Francigena “LENTI ALLA META” nel tratto della Via Francigena che collega Fidenza a Medesano 

Si tratta di una mezza maratona lungo la Via Francigena organizzata dal Comune di Fidenza e dal Gruppo Podistico il Quadrifoglio, che avrà inizio alle 8.30 e si svolgerà lungo un percorso misto asfalto-ghiaia-sterrato suddiviso in tre tappe. 

I primi 7 chilometri avranno come meta iniziale Siccomonte; seguirà una marcia di 12 chilometri verso Costamezzana, mentre la parte finale del percorso prevede un totale di 22 chilometri per raggiungere il traguardo di Medesano, previsto per le 15.30. 

Per affrontare questa camminata “lenta” si consigliano un equipaggiamento leggero, scarpe sportive adatte (per qualsiasi dubbio la redazione di AEVF ha stilato un vademecum sulla scelta delle scarpe in cui è anche possibile accedere a uno sconto esclusivo per l’acquisto di un modello Garmont), un abbigliamento comodo, scorte d’acqua sufficienti e un telo termico.  

È possibile iscriversi allo stand il 3 settembre a partire dalle 7.30 in Piazza Garibaldi a Fidenza, oppure inviando una mail all’indirizzo menzionato qui sotto.

Per maggiori informazioni e iscrizioni è possibile scrivere una mail a: info@gpquadrifoglio.it 

Per consultare tutti gli eventi legati alla Via Francigena è possibile consultare il calendario AEVF e sottoscriversi alla newsletter mensile cliccando qui

Categorie
news

Via Francigena: in corso la valutazione quadriennale per la conferma della certificazione europea dell’itinerario

Come preannunciato nel corso dell’Assemblea generale di Calais del 26 maggio scorso, AEVF è sottoposta alla ordinaria valutazione quadriennale (2020-2023) da parte dell’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali (IEIC) di Lussemburgo per la conferma della certificazione della Via Francigena da Canterbury a Santa Maria di Leuca a “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa” e all’ abilitazione di AEVF a rete portante (réseau porteur) della Via Francigena. 

Il personale AEVF negli scorsi quattro mesi ha preparato e trasmesso in data 27.7.2023 il dossier di valutazione (in lingua francese) a Lussemburgo: “Mi preme sottolineare il grande valore ideale e strategico dell’appartenenza alla grande famiglia degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa per la promozione della pace, del dialogo fra culture e dei diritti dell’uomo” – ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Massimo Tedeschi. 

L’iter di valutazione prevede :  
  • nomina di un valutatore internazionale che predispone entro dicembre 2023 la relazione di valutazione su tutto il percorso europeo, riguardante: governance, management, network, attività, gestione percorso, segnaletica, accoglienza, utilizzo corretto del logo; il valutatore incaricato potrà prendere contatto diretto con i soci AEVF, fare sopralluoghi o richiedere la compilazione di questionari; 
  • IEIC e Bureau del Governing Board (dell’Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari culturali), esaminata la relazione del valutatore, formulano il proprio parere;  
  • il Governing Board si riunisce a Lussemburgo (aprile 2024) per il parere finale; in quella sede è prevista l’audizione di un rappresentante dell’Itinerario da valutare.  
Categorie
news

Ostelli POP in Puglia: l’accoglienza a portata di tutti 

Grazie al progetto europeo The Rout Net, finanziato dal programma Interreg Grecia-Italia 2014-2020, nasce in Puglia la prima rete di Ostelli POP. 

L’acronimo POP sta per Pubblici Ostelli di Puglia, una rete di ostelli pubblici collocati lungo la Via Francigena nel Sud in Puglia.

L’inaugurazione ufficiale del primo l’ostello di Minervino, che oggi conta 18 posti letto, è stata a Lecce il 19 Luglio.

L’Ostello di Minervino, infatti, insieme ad altri ostelli POP lungo i Cammini di Puglia rappresenta un’occasione per rilanciare un nuovo format di accoglienza dei pellegrini, all’insegna del turismo lento e sostenibile, in cui cultura e storia del territorio non passano in secondo piano. Anzi, coesistono esattamente come gli ostelli riqualificati, che si integrano perfettamente con il paesaggio circostante senza alterare la sua autenticità. 

La promozione turistica della Puglia punta per i prossimi anni a superare l’idea del turismo di massa, per prediligere un’accoglienza inclusiva e aperta alle esigenze dei pellegrini in ogni stagione. 

Categorie
news

Tra la Valle di Susa e Vercelli, l’autenticità è in cammino sulla Francigena con Visit Piemonte

Visit Piemonte e Via Francigena insieme per accompagnarti alla scoperta del Piemonte 

La Via Francigena si snoda per oltre 3.000 km, tra natura, storia, enogastronomia e culture che si incontrano; ogni suo tratto offre un patrimonio unico e inimitabile e i percorsi piemontesi compresi tra il confine francese e la Valle di Susa e tra Vercelli e Torino incrociano rotte classiche del turismo e non solo. Clicca qui per scoprire tutte le tappe. 

Pellegrinə amanti dell’archeologia possono imbattersi in borghi medioevali caratterizzati da edifici antichi, scoprendo al loro interno tesori ancora più unici e preziosi, come l’Urna di Sant’Eldrado conservata nella chiesa parrocchiale di Novalesa, ai piedi del Colle del Moncenisio, o gli affreschi cinquecenteschi della Parrocchiale di San Giovanni Battista e della Cappella di San Cristoforo nella frazione Oulme a Salbertrand.  

Sapori antichi e nuovi si mescolano lungo il cammino grazie a sagre ed eventi folcloristici con radici antiche, come la Fiera Franca di Oulx – Fiera del Grand Escarton, la danza degli Spadonari di Venaus o la rievocazione della Battaglia delle Chiuse tra l’esercito di Carlomagno e quello Longobardo a S.Ambrogio di Torino, ai piedi dell’iconica Sacra di San Michele; e con il sovrapporsi della Via Francigena con la Strada Reale dei Vini Torinesi, dove per i suoi 600 km è possibile degustare ben 25 vini DOC prodotti dai locali vigneti: come il nobile e raro vino Carema, che nasce unicamente in questa località caratteristica per i suoi vigneti abbarbicati sui terrazzamenti creati dall’uomo sulle pendici della montagna. Senza contare l’opportunità di assaporare ovunque i piatti preparati secondo la tradizione e la stagionalità! 

Per poter godere a pieno di questo immenso patrimonio locale, cosa c’è di meglio che affidarsi all’esperienza locale di chi coltiva ogni giorno l’amore e la cura del territorio? Ecco quindi che Via Francigena e Visit Piemonte sono pronti a coinvolgerti in un viaggio autentico! 

Perché una partnerhsip tra Via Francigena e Visit Piemonte?  

Visit Piemonte DMO è una società in-house di Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte e rappresenta una realtà che lavora per la promozione del territorio della regione; un percorso partecipativo, perché come il cammino della Via Francigena è fatto di scambi tra territori e pellegrinə, così anche la società lavora in continua sinergia e dialogo per costruire e rafforzare costantemente una visione comune sulla strada da intraprendere per valorizzare la ricchezza del Piemonte agli occhi del mondo. 

Visit Piemonte opera per lo sviluppo di un turismo sostenibile di respiro europeo, grazie anche a progetti come M.I.T.O. – Modelli integrati per il turismo outdoor nello spazio ALCOTRA che ha lo scopo di creare un turismo internazionale basato sulle attività all’aperto, attraverso la promozione del patrimonio naturale e coinvolgendo soggetti pubblici e privati.

Visit Piemonte e Via Francigena: la collaborazione
La ricchezza di un cammino è più intensa se si percorre insieme 

Via Francigena e Visit Piemonte sono pronti a rendere il sentiero che attraversa il Piemonte un’esperienza nuova, accessibile e inclusiva, lontana dal classico itinerario enogastronomico o naturalistico dei circuiti più battuti e più vicina alla vera e autentica essenza di questa terra, la cui storia ancestrale ha lasciato evidenti segni nel terreno e nella pietra, come nelle usanze e nella lavorazione dei prodotti. Grazie all’esperienza pellegrina, questa essenza può essere colta in tutto e per tutto: poiché il cammino non è più una semplice visita di passaggio in un luogo, ma un incontro tra l’itinerario e le vie che vi si incrociano. 

Categorie
news tappe diario viaggio

Sulle tracce del re Olav, nella Norvegia più autentica

Sette giorni di cammino sui sentieri norvegesi di St. Olav, bellissimo itinerario nordico inaugurato alla fine degli anni ’90. Un percorso che è stato riconosciuto, al pari della Via Francigena, Itinerario Culturale dal Consiglio d’Europa nel 2010, questa è la Norvegia autentica verso Saint Olav.

Sono approdato a Trondheim a fine giugno in occasione del progetto europeo Horizon 2020 rurallure, progetto triennale che valorizza le principali vie di pellegrinaggio ed il loro patrimonio culturale. È stata quindi l’occasione di incontrare i referenti norvegesi dell’Association for the Route of St. Olav Way (ACSOW) che si occupano della gestione e della valorizzazione dell’itinerario di Sant’Olav, un sentiero di grande bellezza che ha tanti punti in comune con la Via Francigena: è infatti un itinerario lineare con indicazioni di percorso e segnaletica omogenei, c’è una meta finale con un numero crescente di camminatori che provengono da ogni parte del mondo, è presente un sistema di accoglienza pellegrina, ci sono una rete di comuni coinvolti lungo l’itinerario, è attiva una organizzazione europea che, su mandato del Consiglio d’Europa, valorizza e promuove l’itinerario. 

A fine conferenza, zaino in spalla e bastoncini, il 2 luglio mi sono così messo in cammino sulle tracce del re Olav insieme a Elena Dubinina, project manager dell’Associazione Europea delle Vie Francigene che sta coordinando per conto di AEVF il progetto “rurAllure”. Un’occasione quindi per conoscere direttamente sul campo il funzionamento e la gestione del cammino, verificare la sua accoglienza, segnaletica e per incontrare le comunità locali. 

Prima di iniziare il percorso della Norvegia autentica verso Saint Olav abbiamo recuperato la credenziale, altro elemento che accomuna l’itinerario di St. Olav con la Via Francigena. Il passaporto del pellegrino è uno strumento che ancora oggi ha un grande valore simbolico, in ogni pellegrinaggio. 

Le tappe del viaggio da Oppdal a Trondheim

PARTENZA CON LA CREDENZIALE DA OPPDAL

Eccoci pronti per i giorni di cammino lungo 170km, con partenza da Oppdal facilmente raggiungibile in treno da Trondheim. Abbiamo percorso tappe da 21 e 28 km, ma spesso le numerose pendenze in salita o in discesa sembrano dilatare il numero di chilometri che si percorrono, Il primo impatto che abbiamo avuto è stato quello con il clima: nella prima giornata ecco con noi pioggia, vento, freddo, sole e caldo. Tutto concentrato in poche ore di distanza! 

VILLAGGI E NATURA

I villaggi che si attraversano sono spesso piccoli agglomerati di case oppure si incontrano singole fattorie con animali al pascolo. È la natura in tutta la sua bellezza ad essere protagonista del viaggio fin dai primi km. Tratti di pianure e dolci colline si alternano a laghi, ma ci sono anche numerose salite irte e luoghi paludosi che mettono a prova la resistenza dei pellegrini. Quello che colpisce sono anche i profumi che accompagnano i passi dei viandanti, in modo costante. Incontriamo pochi pellegrini a piedi, mentre sono in tanti a sorpassarci in bicicletta. Non si è comunque mai soli: si è in compagnia di rapaci, pecore, cavalli, mucche in tanti punti del cammino. Gli animali non mancano di certo!

L’ACCOGLIENZA

L’accoglienza nei punti tappa con il calore delle persone che ospitano è un punto forte del cammino. Abbiamo iniziato con la fattoria di Langklopp che ospita anche un maneggio di cavalli. Il secondo giorno presso la fattoria di Meslo dove la cena preparata dalla proprietaria Inger è difficile scordare. La terza notte eccoci giunti a A (come la prima lettera dell’alfabeto, ma con un puntino sulla “a”), in una piccola fattoria pittoresca con tutte le pareti in legno. È stato necessario accendere anche il camino viste le temperature poco mediterranee. Un altro bel ricordo. Si prosegue a Lokken Vert, località dall’antica storia di estrazione mineraria dove si trova un piccolo hotel che ospita i pellegrini. Poi è la volta di Skaun, nella sede parrocchiale a fianco della bella chiesa protestante, ben conservata. Accoglienza spartana, ma essenziale. Il sesto giorno eccoci nella piccola località di Sundet che si raggiunge dopo aver traghettato il fiume Gaula con una barca a remi con il “caronte” John Wanvik che trasporta i pellegrini da una riva all’altra. I viandanti si possono poi fermare a dormire nella sua splendida fattoria che risale al 1100.  

L’ARRIVO

L’arrivo e l’accoglienza a Trondheim l’accoglienza ha invece un sapore particolare: qui si trova il bellissimo Pilgrim Center, uno dei dodici presenti sul percorso. Ci accolgono Ingeborg Collin, direttrice del centro e poi due gentili volontari che ci consegnano il certificato di pellegrinaggio, da conservare con cura. Prima di arrivare nella struttura che accoglie i pellegrini, ci siamo diretti verso la Cattedrale di Trondheim. Gli ultimi km sono anche scaldati dal sole che rendono ancora più bello questo finale dove si incontra finalmente la pietra che indica il km zero del percorso! L’arrivo è sempre un momento che, almeno personalmente, porta con sé tante emozioni, tonalità di colore e vibrazioni contrastanti. Da una parte c’è un velo di tristezza perché il cammino finisce, dall’altra c’è una gioia immensa legata all’esperienza appena vissuta. Il cammino nella sua semplicità mi rende davvero felice. 

La mattina del giorno dopo, al risveglio, il mio corpo ha sempre qualche attimo di straniamento perché si ero ormai abituato allo zaino in spalla. E’ invece ora tempo di far riposare lo zaino, pronto per partire. Un bellissimo viaggio. 

9 Consigli per affrontare il cammino di Saint Olav

UN PO’ DI STORIA 
Chi era Olav Haraldson, vissuto tra il 995 e il 1030 e divenuto quasi subito santo dopo la sua morte?  
Durante la sua vita avventurosa, Olav fu un personaggio importante per la Norvegia, considerato una sorta di eroe dell’indipendenza nazionale fondatore del regno. Impose nel 1016 la fede cristiana alla popolazione e cadde in battaglie a Stiklestad. Subito dopo la sua fama crebbe in modo esponenziale grazie alla devozione a lui riservata dai fedeli che contribuirono a favorirne la canonizzazione.  
 
TRONDHEIM, LA META 
La maestosa Cattedrale gotica di Nidaros, o Nidaros Domkirke, è stata proprio costruita a partire dal 1070 sulla tomba di Sant’Olav. È oggi il punto finale, il km zero di questo bellissimo itinerario culturale europeo.  
I pellegrini possono oggi scegliere numerose alternative tra i numerosi percorsi dedicati a St. Olav che attraversano la Norvegia, anche se il tracciato principale è quello che collega Oslo a Trondheim per 650 km, da percorrere in 28/30 tappe. 
Nella tappa finale di Trondheim i pellegrini ricevono il loro attestato di pellegrinaggio. 

 
QUALE DIFFICOLTÀ PRESENTA IL CAMMINO? 
E’ un cammino costellato di bellezze naturali, foreste, paesaggi autentici, a volte selvaggi e incontaminati. Ma attenzione, servono anche impegno e fatica poiché diversi tratti richiedono un minimo di esperienza e allenamento. Una variabile da gestire bene è il clima, per il quale occorre essere preparati a pioggia, vento, freddo, sole e caldo. Il suggerimento è quello di avere una buona attrezzatura tecnica. 
Il periodo ideale per percorrerlo è giugno, luglio e agosto, dove tra l’altro si gode di una esplosione di luce che avvolge i viaggiatori praticamente 24h/24.  


GUIDE E SEGNALETICA 
Il cammino è nel suo complesso ben segnalato, anche se in qualche bivio si può perdere il sentiero. Non c’è una app ufficiale, ma si possono seguire le tracce del sito che sono utilizzabili anche in remoto. 

Tuttavia è possibile ricorrere all’ App AllTrails, che contiene più di 100.000 percorsi escursionistici a livello mondiale, e che riserva in questo periodo uno sconto sulla versione premium. L’app, una volta indicata la località, mostra i “trails” ovvero i percorsi nell’area, ordinabili per difficoltà e altre caratteristiche; inoltre consente di registrare il proprio tracciato e ricevere delle segnalazioni mirate. Si tratta di funzionalità che consentono di percorrere in sicurezza sia a piedi che in bici il proprio itinerario grazie al localizzatore di attività GPS. Da precisare che la versione premium consente di scaricare le mappe per consultarle offline.


Ci sono in circolazione diverse guide in diverse lingue. Per la lingua italiana ne è stata recentemente pubblicata una dalla casa editrice Terre di Mezzo, a firma di Roberto Montella. Una guida che è allo stesso tempo anche un racconto, molto coinvolgente.


ACCOGLIENZA  
Si dorme in strutture molto differenti: dai Pilgrims Center (ce ne sono 12 lungo il cammino principale), alle fattorie gestite da famiglie private, strutture religiose, alberghi e B&B. I prezzi variano molto, in media da 15 euro per le strutture spartane a 35 euro per quelle con maggiori servizi. Spesso è possibile prendere un pacchetto completo con colazione, cena e box lunch per il giorno successivo ad un prezzo che varia dai 50 a 90 euro al giorno. È comunque possibile cucinare autonomamente in molte accoglienze.  
 
La tenda? Tante persone utilizzano questo mezzo per dormire fuori la notte. Si può campeggiare in mezzo alla natura, piantando la tenda dove si vuole. Lungo il percorso si trovano anche numerosi Gapahuker (ripari aperti e tettoie) dove ci si può fermare per mangiare, riposare, dormire.  

ATTREZATURA 
Suggerisco uno zaino di 40-50 litri, anche perché le temperature obbligo ad attrezzarsi bene. Cosa mettere nello zaino: Al di là di tutto quegli indumenti tradizionali che si possono portare con sé percorrendo la Via Francigena, oltre al kit medico essenziale di primo soccorso, non devono mancare una giacca anti vento (da considerare anche temperatura fredde) e un buon impermeabile garantito sotto la pioggia per almeno 4-5 ore. Meglio anche le ghette per coprire le caviglie quando piove. Sicuramente scarpe impermeabili Gorotex, alte o medie, ma anche basse a mio avviso vanno bene. Un paio di pantaloni impermeabili sono certamente utili. Infine, da non dimenticare i bastoncini da trekking. 
 
CUCINA 
In questo viaggio si entra anche in stretto contatto con la cucina locale.  
Le specialità norvegesi spaziano dalla selvaggina, ai formaggi al pesce, il tutto da accompagnare con birre artigianali locali.


COMUNITA’ LOCALI 
Le comunità locali, spesso raccolte in piccoli villaggi tra valli e montagne, iniziano ad accogliere con entusiasmo l’arrivo di viandanti che provengono da ogni parte del mondo. Gli abitanti sono anche le prime persone alle quali chiedere di riempire la borraccia con l’acqua se c’è necessità.  
È stato particolarmente bello fermarsi a parlare con gli abitanti o con i proprietari delle strutture.

Per maggiori info sull’itinerario, è possibile andare sul sito della Association for the Route of St. Olav Way (ACSOW) 
https://www.acsow.org/en/frontpage/ 

Autore: Luca Bruschi, Direttore AEVF

 

Categorie
news

Idee originali per un tour fai da te lungo la Francigena Sud nel Lazio

Si può pensare alla Via Francigena come a una destinazione per le proprie vacanze? 

L’associazione DMO “Francigena Sud nel Lazio”, nata per promuovere e valorizzare i borghi e gli altri luoghi di interesse presenti lungo questo tratto della Via Francigena, offre l’opportunità di immergersi nella realtà locale creando pacchetti ad hoc in base alle esigenze di ognuno. Basta dare un’occhiata alle tappe attraversate da questa zona per viver giornate sempre nuove e ricche di scoperte. 

Tra visite a luoghi storici dal passato antico che si perde nel mito, degustazioni di piatti e prodotti tipici e la suggestione di paesaggi unici e pittoreschi, non c’è che l’imbarazzo della scelta per vivere giornate indimenticabili all’insegna di cultura, gastronomia, storia e natura: tante esperienze e momenti di svago da unire ad attività sportive all’aperto, oltre all’esperienza stessa del cammino. 

A spasso nel tempo e nello spazio 

Se si desidera partire con un gruppo di amici con cui si condivide per esempio la passione per gli sport estremi o per la buona cucina, quale migliore soluzione se non un’esperienza di parapendio sull’Agro Pontino o di arrampicata nel Golfo di Gaeta…rigorosamente a picco sul mare! Si potrà visitare il mercato del pesce e acquistare le prelibatezze locali. Una volta ultimati gli acquisti, si avrà quindi la possibilità di preparare il piatto “marino” preferito, sotto la guida esperta di uno chef professionista presso il suo ristorante, per poi degustare il risultato del proprio lavoro. 

Per chi fosse interessato all’arte e alla storia, in questo tratto della via Francigena ci sono moltissimi borghi antichi dal sapore ancestrale, come i paesini di Nemi, Fondi e Cori. Tuttavia, cultura significa anche fare esperienza di folclore e gusto…. in queste zone è infatti possibile immergersi nelle tradizioni locali, partecipando a giornate di vendemmia, a delle “olive experience” con degustazioni mirate o a delle masterclass musicali, per imparare a suonare gli antichi strumenti dei pastori. Sul sito è possibile consultare i principali punti di interesse della Francigena Sud nel Lazio per strutturare al meglio il proprio itinerario. 

È tempo di natura e relax 

La Via Francigena è un itinerario culturale in cui la natura rimane tra le protagoniste indiscusse: percorrerne a piedi o in bicicletta qualche tappa permette di staccare dalla frenesia della vita quotidiana e di ritrovare sé stessi. La Francigena a sud nel Lazio risponde perfettamente a queste esigenze, grazie all’ampia presenza di parchi, sentieri da percorrere in bici o a cavallo, laghi in cui fare SUP o gite in barca e attività di birdwatching alla scoperta della fauna locale. A tutte queste attività, DMO affianca momenti unici, in grado di arricchire l’esperienza francigena come lezioni di yoga in vigna e la raccolta di erbe aromatiche in loco, solo per citarne alcune. Sul sito è possibile consultare eventi e proposte in programma tutto l’anno, oltre a contattare lo staff per richiedere pacchetti ad hoc per un’immersione a 5 sensi in una delle parti più belle della francigena.

 

Contatti: 

LANUVIUM VIAGGI , Genzano di Roma 

commercialerm@dmofrancigenasudlazio.it 

 SPIRIT OF THE TRAVEL, Formia

 commercialelt@dmofrancigenasudlazio.it