Via Francigena

Categorie
news

Fondi per i cammini religiosi italiani: l’asse del turismo lento

Il Ministero del Turismo ha pubblicato l’avviso per lo sviluppo dell’offerta turistica dei cammini religiosi italiani. L’uscita di questo importante bando è stata annunciata dalla Ministra italiana del turismo Daniela Santanchè agli “Stati Generali sul cammino e turismo sostenibile” di Pavia lo scorso 19 ottobre, evento organizzato dal comune in collaborazione con l’Associazione europea delle Vie Francigene. 

La Via Francigena ed il sistema dei cammini in Italia si confermano come asse significativo per lo sviluppo del turismo lento. 
Disponibile una dotazione complessiva di 4.320.000 euro, progetti finalizzati a: 
– la valorizzazione degli immobili pubblici presenti sui cammini religiosi; 
– il miglioramento della fruibilità dei percorsi; 
– la promozione turistica dei cammini. 
 
L’avviso si rivolge a enti pubblici territoriali, nonché ad associazioni, fondazioni ed enti ecclesiastici civilmente riconosciuti che rispondono ai requisiti richiesti dall’avviso. 
 
Le domande si possono presentare a partire dal 26 ottobre al 13 novembre 2023. Maggiori info e bando sono disponibili al link.

Categorie
news

Pavia, crocevia di itinerari, ha ospitato l’Assemblea Generale AEVF  

Entrano nella rete 8 nuovi soci, per un totale di 239. Si accendono i riflettori sulla Via Francigena in vista delle celebrazioni del 30° anniversario della certificazione europea.

La splendida aula Magna del Collegio Ghislieri di Pavia ha fatto da cornice lo scorso 20 ottobre alla sessione autunnale dell’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. La partecipazione di soci e associazioni “amiche” provenienti dai quattro Paesi attraversati (Italia, Svizzera, Francia, Inghilterra) è stata ampia, a dimostrazione dell’importanza di un momento associativo che dà spazio al dialogo, al confronto, alla partecipazione. L’Assemblea ha accolto 8 nuovi soci (raggiungendo così un totale di 239 comuni, province e regioni), e una nuova associazione “amica” (93 in totale).

È stato dato il benvenuto ai comuni di Blessy (Pas-de-Calais, Hauts-de-France) e d’Auchy-au-Bois (Pas-de-Calais, Hauts-de-France), alla Communauté des Monts de Gy (Haute-Saône, Bourgogne-Franche-Comté), ai comuni di Corteolona e Genzone (Pavia, Lombardia), Busseto (Parma, Emilia-Romagna), Foggia (Puglia) e alla Provincia di Foggia (Puglia). Infine, è stata accolta l’associazione San Giovanni Rotondo Francigena APS (Foggia, Puglia). Il network AEVF rafforza così la sua vocazione internazionale.

Tra i punti dell’ordine del giorno è stato evidenziato quello su attività e progetti in vista del 30° anniversario della certificazione della Via Francigena quale “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa” (1994-2024). Un’occasione importante per riflettere sul passato e sul futuro della Via Francigena. Durante l’assemblea è stato presentato in anteprima il logo appositamente creato per questo anniversario.

“In questi 30 anni il mondo si è radicalmente trasformato, ma la Via Francigena risponde bene ai segnali di cambiamento: è sostenibile, mette in rete le persone e le comunità locali, valorizza il patrimonio culturale, genera economia. Le celebrazioni dei 30 anni vogliono quindi rappresentare al meglio le varie sfaccettature che rendono la VF una sintesi perfetta di tante anime diverse, che concorrono a realizzare un unico grande progetto culturale, sociale e di turismo sostenibile, un grande progetto di pace” ha detto il Presidente Massimo Tedeschi nel suo messaggio introduttivo.

Sabato 21 ottobre mattina si è svolta la passeggiata sulla Francigena percorrendo insieme a soci e amici un tratto di cammino pavese, fino ad arrivare allo splendido Ponte coperto che ha accolto la manifestazione locale “Storie di vino”.  Un viaggio alla scoperta dei sapori del territorio.

La prossima assemblea AEVF è prevista a Vevey (Canton Vaud, Svizzera) sul lago Lemano il 26 aprile 2024.

Clicca qui per visualizzare le foto dell’Assemblea Generale di Pavia.

Categorie
news

La Via Francigena al Forum sugli Itinerari Culturali di Łódź, Polonia

Dal 20 al 23 settembre AEVF ha partecipato al Forum consultivo annuale sugli itinerari culturali, organizzato dal Consiglio d’Europa in collaborazione con il Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale della Repubblica di Polonia.  

L’evento, condotto in polacco a Łódź, è stato un occasione per lo scambio culturale e la cooperazione tra i vari attori del patrimonio e degli itinerari culturali, raccogliendo in particolare oltre 250 partecipanti – rappresentanti dei 47 itinerari culturali, dei ministeri e di 40 Stati membri, attori del settore del turismo e della cultura e organizzazioni internazionali.   

Il forum, incentrato sul ruolo del patrimonio culturale nella costruzione di una società pacifica e democratica, ha esplorato il patrimonio post-industriale con diverse visite di studio a Łódź, ex centro dell’industria tessile.   

La Via Francigena, uno dei più antichi itinerari culturali certificati nel 1994, è stata protagonista di una tavola rotonda incentrata sulle industrie creative con la presentazione del project manager di AEVF Sami Tawfik, che ha illustrato le migliori pratiche dell’associazione – il progetto europeo “rurAllure” e il concorso fotografico in corso “Share your Route 2023”. “rurAllure”, il progetto di Horizon 2020, è dedicato alla mappatura digitale del patrimonio, alla ricerca e alla cooperazione tra i cammini, mentre il concorso fotografico consente l’interazione con i camminatori e crea una raccolta visiva dinamica del percorso dal punto di vista di un pellegrino.   

L’ultimo giorno dell’evento, Elena Dubinina, responsabile dei progetti europei, ha presentato la prossima Accademia di formazione sugli itinerari culturali, che sarà ospitata dal 4 al 7 giugno 2024 nella città italiana di Brindisi lungo la Via Francigena dalla Regione Puglia in collaborazione con AEVF.  

Partecipando a questo forum, l’Associazione ha riaffermato il suo impegno a preservare e celebrare il ricco arazzo culturale dell’Europa, facendo passi avanti verso un continente più connesso e culturalmente arricchito.   

Per maggiori informazioni clicca qui.

Categorie
news

I Dipartimenti francesi a lavoro sulla Via Francigena

L’Associazione Europea delle Vie Francigene ha partecipato giovedì 28 settembre alla giornata di lavoro e di concertazione sulla Via Francigena con i Dipartimenti francesi che sono attraversati dalla Via Francigena. 

Presenti i rappresentanti di Haute-Saône, Haute-Marne, Doubs, Aube, Cabbalr e della FFR. 

L’incontro è stato organizzato dalla Haute-Saône su impulso del suo presidente Yves Krattinger e si è svolto a Champlitte, comune che dal 2017 ospita la sede Associazione Europea delle Vie Francigene in Francia. 

Dopo i saluti iniziali del Sindaco Patrice Colinet e l’introduzione del Presidente Krattinger che ha aperto i lavori, sono intervenuti Martine Gautheron, vicepresidente AEVF, Jacques Chevin, responsabile AEVF per lo sviluppo della VF in Francia, Didier Depauw e Christophe Bolot, rispettivamente Consigliere e Direttore della Communauté d’Agglomération Béthune-Bruay, Artois-Lys Romane, infine Jean-Jacques Sombsthay, vicepresidente della Haute-Saône. 

I dipartimenti francesi, su iniziativa di quello della Haute-Saône e in collaborazione con AEVF, si sono messi al lavoro per strutturare un “Comitato d’itinerario” permanente (sull’esempio dell’itinerario ciclabile “Voie Bleue”) finalizzato a coordinare le attività per sviluppo e animare il percorso da Calais a Jougne. Tra gli obiettivi ci sono anche quelli di migliorare l’ospitalità per i pellegrini, realizzare la nuova guida FFR, rinforzare la segnaletica e la manutenzione, investire nella promozione dell’itinerario in vista del 2024 che celebra i 30 anni della certificazione europea della Via Francigena. Senza dimenticare il patrimonio e la candidatura UNESCO. 

Durante l’incontro, per AEVF sono intervenuti anche il direttore Luca Bruschi e la responsabile progetti europei Elena Dubinina. 

Categorie
news Senza categoria

La Via Francigena alla fiera TTG Rimini con il progetto “Le vie per Roma by rurAllure” 

La Via Francigena parteciperà alla 60ª edizione di TTG Travel Experience, uno dei maggiori eventi d’Europa dedicati al turismo B2B, che si tiene ogni anno a Rimini.  

Dall’11 al 13 ottobre, l’Associazione AEVF attende pubblico, partner tecnici e addetti ai lavori del settore al padiglione C4/121 presso lo stand “Le vie verso Roma”: si tratta di un’iniziativa organizzata da rurAllure, il progetto europeo Horizon2020, al quale partecipa AEVF, incentrato sulla valorizzazione del patrimonio culturale lungo le principali vie di pellegrinaggio in Europa. La Francigena prenderà parte a questa importante manifestazione insieme ai team della Romea Germanica e della Romea Strata, le altre due vie Romee che si concludono a Roma. 

Durante l’evento fieristico, rurAllure ha organizzato due incontri, entrambi previsti per la giornata di giovedì 12 ottobre: 

– dalle 10:00 alle 11:30 si terrà l’incontro “Ways to Rome – scaling up pilgrimage and slow tourism experiences across EU regions” presso la Sala Diotallevi 2 – Aula Sud; 

– dalle 13.30 alle 14.30 si terrà la conferenza “Beyond overtourism| Digital tools and innovative methodologies for the valorisation of pilgrimages” presso l’Arena Be Active del padiglione 54. 

Previsti altri appuntamenti dove interverrà AEVF:

-mercoledì 11 ottobre è previsto l’intervento di AEVF presso lo stand di Regione Lazio sul tema “La Francigena direzione Giubileo”.

– giovedì 12 ottobre dalle 14.30 alle 15.30 si terrà l’incontro con Confartigianato per presentare l’accordo di cooperazione allo stand 301 – Confartigianato Imprese Cluster Turismo presso il padiglione A7.

La presenza di AEVF al TTG sarà un’importante occasione per far conoscere la Via Francigena a livello internazionale e rappresenta un utile momento di confronto sullo sviluppo di strategie digitali innovative per promuovere il turismo lento e sostenibile – tema su cui peraltro rurAllure si è appena classificato tra i finalisti del premio internazionale promosso da ECTN – European Cultural Tourism Network (è possibile votare il progetto rurAllure cliccando qui), così come un momento di riflessione sulla valorizzazione del patrimonio culturale lungo le principali vie che portano a Roma. 

L’indirizzo della fiera è: Via Emilia 155, Rimini: scopri come arrivare.

È possibile seguire la diretta del TTG registrandosi a questo link.

L’ingresso è gratuito previa registrazione qui.

Categorie
news

Inaugurati nuovi ostelli lungo la Via Francigena tosco-emiliana

Per un pellegrino, gli ostelli sono molto di più che semplici strutture ricettive. Rappresentano, infatti, un luogo di accoglienza e ristoro dopo le tappe del cammino, ma non solo: nel tempo hanno assunto un significato più profondo grazie alle storie dei viandanti che si intrecciano con quelle di chi ospita, in uno scambio di idee e opinioni. 

Inoltre, l’inaugurazione di nuovi ostelli lungo la Via Francigena dà spazio a diverse opportunità e cooperazioni tra realtà locali. In senso stretto, migliora l’accoglienza pellegrina e i servizi a disposizione accessibili a tutti. In secondo luogo, permette di valorizzare ogni singolo territorio dove passa l’antico cammino da Canterbury a Roma. Tutto questo in un’ottica di arricchimento culturale, paesaggistico e economico di ogni singolo luogo. 

Per questo, richiedono una menzione particolare gli ostelli della Via Francigena nell’area tosco-emiliana che sono stati recentemente inaugurati.

  • L’Ostello del Pellegrino di Camaiore, in provincia di Lucca, sorge dentro il complesso monastico della Badia di San Pietro di Camaiore e conta 24 posti letto divisi in camere da 4,6 e 8 persone. Rappresenta un unicum in tutta la Versilia ed è un modello per nuovi ostelli in tutta la Regione Toscana. Viene gestito dalla Società Coop Consortile Promozione Turistica Versilia che ha organizzato l’inaugurazione lo scorso 9 settembre. Per l’occasione è stata allestita una mostra degli artisti Adolfo Saporetti, Pietro Paladini e Luciano Regattieri e ogni pellegrino ha avuto la possibilità di scoprire le tradizioni di Camaiore e condividere memorie di viaggio. 
  • “Il pane e la rosa” è la casa del pellegrino che è stato inaugurato a Montignoso in provincia di Massa-Carrara lo scorso 25 giugno. L’ostello, che si compone di otto posti letto, una cucina e servizi igienici comuni, è stato riaperto dopo molti anni grazie alla sinergia tra l’Associazione Accoglienza pellegrina, il Comune e la parrocchia Santa Maria. Infatti, “Il pane e la rosa” oggi rappresenta un motivo di orgoglio e di socializzazione per i cittadini e i pellegrini. 
  • Tra gli ostelli di recente ristrutturazione, invece, troviamo l’Ostello di Costamezzana, una frazione del comune di Noceto in provincia di Parma e l’Ostello di Felegara, nel tratto parmense vicino a Medesano

Il primo, che in passato era una scuola, a seguito degli investimenti del Giubileo del 2000 è una struttura ricettiva che offre 22 posti letto e un ascensore. È aperto tutto l’anno e accoglie pellegrini anche con disabilità. 

Il secondo è stato inaugurato lo scorso giugno e sarà aperto al pubblico a partire dal 2024; è il risultato di un progetto di riqualificazione urbana e recupero di immobili dismessi, volti ad avere una seconda occasione e offrire servizi per i pellegrini che percorrono la Via Francigena in Italia. 

Il tutto è stato reso possibile con l’aiuto dei fondi regionali Por-Fesr e la cooperazione tra Comune di Medesano, aziende locali e Diocesi di Parma e Cariparma. 

Ridisegnare gli ostelli e l’accoglienza è molto più che offrire un posto dove dormire. La posta in gioco è molto alta e riguarda lo sviluppo dei cammini e il futuro della Via Francigena. 

Categorie
news

Accordo tra la Via Francigena e la Via Romea Germanica per promuovere i cammini che portano a Roma

Firmato l’accordo di cooperazione tra Via Francigena e Via Romea Germanica 

Lo scorso 26 luglio 2023 è stato firmato l’accordo di cooperazione fra le due vie romee Via Francigena, rappresentate dall’Associazione Europea Vie Francigene (AEVF) e Via Romea Germanica, rappresentata dall’Associazione Europea della Via Romea Germanica (AEVRG).  

I rispettivi presidenti Massimo Tedeschi e Thomas Dahms si sono incontrati a Venezia presso lo storico Caffè Florian, membro dell’itinerario culturale del Consiglio d’Europa dei caffè storici, con l’obiettivo di attuare una serie di azioni e provvedimenti per implementare e promuovere i cammini che portano a Roma. 

Un importante passo in vista del trentesimo anniversario della certificazione europea della Via Francigena, che è stata riconosciuta ufficialmente come Cultural Route nel 1994, considerato anche l’imminente Giubileo 2025. 

In questa occasione, a cui hanno partecipato anche la vice presidente EAVRG, Liviana Zanetti e la collaboratrice Isabella Mavellia, si è considerato il coinvolgimento dell’altra Via Romea, ovvero l’Associazione Europea Romea Strata (AERS) perché possa in futuro prendere parte all’accordo. Al termine di questo incontro, AEVF e AEVRG hanno stabilito che il comitato di coordinamento tecnico si riunirà quanto prima per programmare le prossime attività comuni e dare così inizio ai lavori. 

Le tre associazioni romee collaborano dal 2021 per la mappatura del patrimonio culturale dei cammini diretti a Roma nell’ambito del progetto europeo triennale rurAllure per il progetto pilota Thermal Heritage.

Categorie
news

Berceto: effettuata l’importante rigenerazione del percorso

Il 3 Agosto si è svolta a Berceto, luogo fortemente simbolico della Via Francigena a livello europeo, e con cui AEVF collabora ad un progetto/processo triennale di riattivazione culturale dei territori, la presentazione dei lavori di rigenerazione del percorso storico. Dalla messa in sicurezza dell’itinerario alla segnaletica. Inclusi il sistema di comunicazione integrata e la pulizia del sentiero

L’evento è stato accolto presso il Municipio del comune, alla presenza dell’assessore regionale al turismo e trasporti Andrea Corsini. In questa occasione il Sindaco Luigi Lucchi ha presentato i lavori ed i progetti realizzati grazie ai fondi FSC del Ministero della Cultura, sotto il coordinamento della regione Emilia Romagna. Si tratta di un contributo 100% a fondo perduto pari a 262.093,92 euro. 

IL progetto 

Emanuele Mazzadi, il progettista dei lavori ha illustrato le opere di miglioramento dell’itinerario. Tra questi rientrano la pulizia della vegetazione infestante e i drenaggi. Previsto anche il recupero di muri a secco e di antichi selciati in pietra realizzati con la pietra arenaria della vicina cava di Cassio. In ultimo, sono stati allestiti fontane e arredi a supporto dei pellegrini.  

Tutto il materiale (pietra, legno) è stato reperito nelle immediate vicinanze anche per ridurre al minimo l’impatto ambientale del progetto. L’uso di tecnologia “a secco” (senza l’utilizzo di malta o cemento) per il recupero di muretti e pavimentazioni selciate risponde a due esigenze.  Rispettare la tradizione e contrastare il cambiamento climatico. Infatti, i manufatti a secco, che sono permeabili consentono una penetrazione dell’acqua nel sottosuolo. Ricaricano, inoltre, le falde acquifere e rallentando il deflusso delle acque superficiali durante piogge molto concentrate. 

Dopo la presentazione “indoor” è seguita una camminata alla scoperta delle bellezze di Berceto. La visita al duomo e soprattutto al punto panoramico di Ripasanta, fiore all’occhiello del territorio. Qui si è svolto il tradizionale taglio del nastro, tra le arcate di noccioli che accompagnano i pellegrini che giungono nel borgo.  

La segnaletica 

Particolarmente originale è la segnaletica, realizzata in accoya. Si tratta di un legno proveniente da foreste gestite in modo sostenibile e lavorato con un processo atossico, per renderlo più stabile e durevole. Inoltre, insieme alle caratteristiche frecce standard CAI, che indicano la distanza da Roma a Canterbury, sono stati realizzati dei cuori in legno contenenti un QR-code. 

 Scansionando il codice si ottiene sul proprio telefono la “guida virtuale” che illustra al camminatore le bellezze dei vari luoghi che sta visitando. Le “guide virtuali”, ideate dal progettista, sono state realizzate con la consulenza informatica di Davide Galli per Net Wight e con il supporto del video-maker bercetese Giacomo Agnetti. Venti di queste “guide virtuali” si trovano lungo la via Francigena a Berceto e sono visibili a questo link: https://berceto.localspirit.it/

 È un modo di valorizzare il territorio, grazie anche al coinvolgimento delle “memorie storiche” del luogo. Tra le “guide virtuali troviamo l’antropologa Maria Molinari, il geologo Giovanni Michiara e gli esperti di storia locale Giacomo Galli, Bruno Molinari, Aldo Torricelli. In settembre inizieranno i lavori di recupero del tratto di via Francigena in comune di Terenzo, anche qui saranno posizionate “le guide virtuali”: un modo per raccontare il territorio e per invogliare ai pellegrini a tornare a scoprire altre bellezze del nostro Appennino. 

Categorie
news

Assemblea Generale il 20 ottobre 2023 a Pavia

AEVF si ritrova a Pavia (Regione Lombardia, Italia) il prossimo 20 ottobre per l’ Assemblea Generale che mette a confronto i soci e le associazioni che operano lungo il cammino europeo. Sono oggi 235 i comuni aderenti 80 associazioni amiche AEVF presenti nei quattro Paesi della Via Francigena: Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia.

Pavia, già riconosciuta Crocevia d’Europa nel 2012, è un luogo simbolico della Via Francigena. Il caratteristico tratto pavese è lungo 126.7 km e coinvolge anche altri numerosi comuni: Palestro, Robbio, Nicorvo, Mortara, Tromello, Garlasco, Gropello Cairoli, Carbonara al Ticino, San Martino Siccomario, Valle Salimbene, Linarolo, Belgioioso, Corteolona, Santa Cristina e Bissone, Chignolo Po.

Negli ultimi anni il numero delle presenze sulla Via Francigena sta crescendo, così come aumentando il numero di enti locali che aderisce ad AEVF. Questo dimostra l’importanza e l’autorevolezza di questo network internazionale che è stato fondato nel 2001 e che dal 2007 è stato riconosciuto “réseau porteur” dal Consiglio d’Europa.

L’incontro generale presso l’Aula Magna del Collegio Ghislieri è previsto venerdì 20 ottobre dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

In questa occasione saranno discussi alcuni punti significativi per AEVF e per il futuro della Via Francigena. Si parlerà la valutazione periodica (ciclo 2023-24) del Consiglio d’Europa per la conferma della certificazione della Via Francigena quale “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa” e di AEVF quale réseau porteur della Via Francigena. I soci avranno la possibilità di confrontarsi sulla pianificazione delle attività in occasione delle celebrazioni del trentesimo anniversario (1994-2024) della certificazione della Via Francigena come Itinerario culturale europeo. Sarà una occasione importante che inviterà a riflettere sul passato, presente e futuro della Via Francigena. All’ordine del giorno saranno discussi anche punti strategici per AEVF, come il rinnovo di gestione e implementazione del portale web e app, la stipula di nuovi accordi di cooperazione con partner pubblici e privati, infine l’aumento delle quote associative AEVF a partire dal 2025.

A corollario dell’Assemblea è previsto un ricco programma di animazione culturale che si svilupperà in 3 giornate dal 19 al 21 Ottobre:

  • il 19.10 (10.00-17.30), l’evento Stati Generali sul cammino e il turismo sostenibilepresso l’Aula Magna del Collegio Ghislieri di Pavia.
  • Il 20.10 mattina, la visita guidata della città di Pavia.
  • Il 21.10, camminata evento I Love Francigena, la camminata lungo la Via Francigena pavese.

Clicca qui per visualizzare il programma completo dell’evento.

Per iscriverti all’Assemblea Generale compila il seguente form (link)

L’evento è organizzato con il contributo della Camera di Commercio di Pavia e della Fondazione Cariplo.

Categorie
news

Stati Generali sul cammino e turismo sostenibile

Comune di Pavia, Camera di Commercio di Pavia e Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) organizzano, con il contributo di Fondazione Cariplo, giovedì 19 ottobre 2023, presso l’Aula Magna del Collegio Ghislieri di Pavia, gli “Stati Generali sul cammino e il turismo sostenibile”.
L’evento è patrocinato dal Ministero della Cultura, dalla Regione Lombardia e dall’Università di Pavia.

Un focus particolare è previsto sulla Via Francigena, Itinerario culturale del Consiglio d’Europa dal 1994, che rappresenta la principale arteria italiana del turismo lento. Decine di migliaia sono, infatti, i pellegrini e i turisti culturali che la frequentano ogni anno, provenienti da oltre 40 Paesi.

Da qui nasce l’idea di organizzare gli Stati Generali nella città di Pavia, attraversata da Via Francigena e numerosi cammini, che è stata riconosciuta “crocevia d’Europa” dal 2012. L’evento si propone di approfondire, con l’intervento del mondo istituzionale, privato e associativo, lo stato dell’arte delle progettualità e delle strategie per il futuro, anche in previsione delle celebrazioni dei 30 anni della certificazione europea della Via Francigena (2024) e del Giubileo 2025.

I lavori saranno articolati in sessioni. Al mattino, dalle 10.00 alle 13.00, si toccherà il tema del valore dei cammini come spinta allo sviluppo territoriale a partire dalle attività promosse dai Ministeri italiani del Turismo e della Cultura. È previsto l’intervento del Ministro del Turismo Daniela Santanchè.

Al pomeriggio, dalle 15.00 alle 17.30, il focus sarà incentrato sui temi dell’accoglienza, dell’accessibilità e percorso, della mobilità.

Il giorno 20.10.2023, sempre presso l’Aula Magna del Collegio Ghislieri (Piazza Ghislieri 4), è prevista la sessione autunnale dell’Assemblea generale AEVF, destinata a Soci e Associazioni amiche, ma aperta anche a quanti vogliano seguire i lavori.


Scopri il Programma degli Stati Generali (link pdf).

Per iscriverti agli Stati Generali, compila il seguente Form (link).