Via Francigena

AEVF ha partecipato alla seconda Assemblea Generale di rurAllure

Simona Spinola
Simona Spinola
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su twitter

L’evento, che si è svolto a Vila do Conde – Portogallo – dall’8 al 10 settembre 2021, ha riunito i partner del Consorzio di rurAllure, il progetto finanziato dall’Unione Europea incentrato sulla valorizzazione del patrimonio in prossimità degli itinerari culturali e vie di pellegrinaggio.

Condotto in parallelo con il 1° Congresso Scientifico Internazionale di rurAllure, l’incontro si è concentrato sul follow-up del progetto, sulle strategie future e sugli obiettivi a lungo termine.

L’Associazione Europea delle Vie Francigene ha presentato il piano di comunicazione e diffusione di rurAllure, preparato dal team dell’Associazione e trasmesso alla Commissione Europea nel giugno 2021. Elena Dubinina, team leader AEVF per il progetto rurAllure, e Simona Spinola, esperta in comunicazione, hanno parlato delle strategie di comunicazione globale del progetto, delle campagne sui social media e dei prossimi eventi. Durante la giornata dell’8 settembre hanno condotto un workshop di capacity-building sulla comunicazione, con l’obiettivo di aumentare all’interno del Consorzio la consapevolezza sulle strategie di comunicazione.

Durante l’evento sono stati condivisi i progressi dei quattro progetti pilota, lanciati ufficialmente nel giugno 2021. AEVF, membro del progetto pilota “Il patrimonio termale lungo le vie per Roma”, ha presentato ai partner i risultati della recente visita a Bagno Vignoni, in provincia di Siena in Toscana, svolta in data 30 agosto.

Questa visita ha permesso al team di identificare gli stakeholder rilevanti e di approfondire la sua conoscenza sul patrimonio termale dell’area. Secondo l’ufficio turistico locale, un terzo dei pellegrini di passaggio a Bagno Vignoni è interessato all’esperienza termale, soggiornando così più a lungo e generando maggiori benefici economici per le comunità locali. Bagno Vignoni rappresenta quindi un eccellente caso di studio per rurAllure, considerando l’obiettivo del progetto di valorizzare il patrimonio locale per contribuire allo sviluppo economico.

I viaggiatori mobilitano risorse consistenti e privilegiano le esperienze culturali. Per questi motivi, obiettivo chiave di rurAllure sono le aree intorno alle vie di pellegrinaggio, ideali per permettere ai pellegrini di realizzare nuove esperienze, come le terme in Toscana. Queste aree, inoltre, rappresentano una grande opportunità per il futuro del turismo nell’era post-Covid, grazie agli ambienti sicuri delle destinazioni rurali e al crescente interesse per le attività all’aria aperta.

Maggiori informazioni sono disponibili al sito ufficiale del progetto.